Missione Artemis, lo scudo termico arriva al Kennedy Space Center

12 Luglio 2019 16

Continuano i lavori di preparazione della missione Artemis, quella che riporterà sulla Luna l'uomo entro il 2024, accompagnato per la prima volta anche da un donna. Dopo i progressi nei lavori al primo stadio, che alimenterà lo Space Launch System, questa settimana al Kennedy Space Center è arrivato lo scudo termico all'avanguardia progettato dall'azienda Lockheed Martin.

Il componente in titanio ha un diametro di quasi 5 metri e sarà integrato nel modulo Orion, nei prossimi mesi i tecnici della NASA applicheranno un rivestimento in Avcoat, trattasi di un materiale in grado di fornire la protezione termica necessaria per consentire il rientro degli astronauti.

Lo scudo termico prodotto da Lockheed Martin

Il prossimo 20 luglio si festeggerà il cinquantesimo anniversario del primo allunaggio, per l'occasione la NASA non ha solamente ristrutturato la storica sala di controllo, ma ha anche reso disponibili delle serie audio dedicate allo storico evento. Nell'attesa che le tecnologie necessarie al ritorno sulla Luna siano ultimate, la NASA testerà una serie di strumentazioni a supporto che potrebbero essere impiegate anche nelle future missioni verso Marte.

Nel contempo, il JPL sta lavorando a dei robot di nuova generazione, in grado di consentire l'esplorazione di zone particolarmente impervie di altri pianeti, tali tecnologie sostituiranno i rover in tutti i casi in cui questi mezzi siano impossibili da utilizzare a causa delle loro limitazioni costruttive.

Il top gamma più piccolo e pontente sul mercato? Samsung Galaxy S10e è in offerta oggi su a 449 euro oppure da Unieuro a 599 euro.

16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
angelo parigi

Atteggiamento? Spiega per favore, perché non ne so nulla, mi incuriosisce la cosa

Dado

Non riesco a capire la difficoltà per "fare" una missione sulla Luna.
50 anni fa, in tempi record ci sono riusciti perfettamente.
Una cosa che non ho mai capito è stato l'atteggiamento "dei tre" dopo il rientro dalla missione.

Tetsuya Akira
Matteo Ronchi

3/4 anni.
2019+3=2022
2019+4=2023

No... ma oggigiorno è difficile capire se una cosa del genere si fa per meriti o semplice politically correct

Luca Bonora

si legge sempre 2024 ed è una data anche troppo ottimistica. Visto che non si può più rischiare come negli anni 60 e 70, secondo me si andrà avanti almeno altri 3-4 anni

Matteo Ronchi

A volte leggo 2022....altre volte 2024. Facciamo 2023 e morta lì???

Emanuele

sull'asta c'era un supporto per tenerla estesa(a mo di tenda) ed il movimento era dovuto alle vibrazioni/oscillazioni derivate dai colpi per fissarla al suolo

Antonio Russolillo

Stavolta anche però la bandiera deve sventolare, altrimenti non ci credo!

GuessWho'sGuest

L'uomo è già stato sulla luna... Se no come facevano a posizionarla sulla cupola

Riccardo Zamprogno

Non sarai mica uno di quelli che non crede all'allunaggio? La Terra è piatta e i poteri forti ci impongono le idee !!1!11!

IlFuAnd91

È la prima donna sulla luna scusa e stica scusa. Ti urta la cosa? O.o

Andrea

Facciamo un transessuale di colore cinese così risparmiamo kg di equipaggio che sulle navi spaziali costano

Cristian Louis Watta

Regista JJ Abram

ALESSIO

"quella che riporterà sulla Luna l'uomo entro il 2024, accompagnato per la prima volta anche da un donna"
e un uomo di colore? e una donna di colore? e un omosessuale? e un cinese?

Aster

Fantastico

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A80 (2019): la fotocamera rotante non basta

Amazon

Le migliori offerte dell'Amazon Prime Day 2019 | Martedì 16 luglio

Amazon

Le migliori offerte del Prime Day 2019 Amazon | Smart Home, TV, audio e foto

LG

Recensione LG V50 ThinQ 5G: concreto apripista, ma le reti?