Hisense lancia il TV con doppio pannello LCD in Cina a 2.300 euro

08 Luglio 2019 20

Hisense ha lanciato il primo TV con doppio pannello LCD sul mercato cinese. La nuova serie prende il nome di U9 e comprende per ora un unico taglio da 65". La tecnologia è la stessa che Hisense aveva presentato al CES 2019 con il nome di ULED XD | Hisense ULED XD: TV con doppio pannello LCD e super local dimming |. I due pannelli LCD dovrebbero provenire dalla connazionale BOE, uno dei principali produttori di LCD al mondo.

Come funzionano quindi questi TV? Il pannello LCD principale è un Ultra HD a colori affiancato da un secondo pannello monocromatico Full HD posto tra i LED e il pannello principale. Il secondo pannello serve per gestire un sistema di local dimming estremamente evoluto. La retroilluminazione Full LED viene infatti pilotata dall'LCD monocromatico. Il numero di zone corrisponde ai pixel contenuti nel pannello Full HD.


Per far fronte all'elevato numero di calcoli sono stati impiegati vari chip dedicati proprio a questo tipo di elaborazione. É del resto evidente che la capacità richiesta è decisamente superiore rispetto agli LCD Full LED provvisti di local dimming con qualche centinaio di zone. Per la Smart TV abbiamo invece un processore con due core ARM Cortex-A73 e due core Cortex-A53. Troviamo poi 4 GB di RAM e una GPU Mali-G51 MP4. Il TV è abbinato ad un subwoofer esterno wireless per rinforzare la riproduzione delle basse frequenze.

Il prezzo di listino è fissato a 17.999 Yuan, poco più di 2.300 euro. Per il momento non sembra prevista l'uscita in occidente. Hisense ha già comunicato che l'arrivo in occidente è indicativamente fissato per il 2020, secondo quanto dichiarato da Nanosys, principale fornitrice di materiali per i Quantum Dot. La stessa Nanosys sta anche lavorando con Hisense ad un nuovo prototipo con doppio pannello Ultra HD.


20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Babi
Babi
Carlo Trapani

Secondo me sarà meglio dei qled di Samsung in base al principio di funzionamento, ma posso anche aspettarmi che che trascurino qualche particolare che rovini la bella idea

Mattia_Krav

Perchè la vera cosa che move il sole e l'altre stelle è la f1g4

Nicola Buriani

Se con "classico" intendi "entry level", allora sì.
Questo non è chiaramente un prodotto di fascia così bassa.

FravZone

Interessante il modello a destra..

gioboni

Il problema del local dimming, tutte le soluzioni senza eccezioni, è come gestire le fonti luminose in corrispondenza dei pixel che delimitano aree ad alto contrasto di luminanza: in questi casi, per ottenere il miglior effetto per l'occhio umano, gli algoritmi devono tenere conto di una porzione più ampia di immagine e lavorare su sfumature graduali "artefatte" ed è il motivo per cui un semplice downscaling del flusso video sorgente non è praticabile.

Mirko

Il prezzo mi sembra un po' altino, visto che un 65" in offerta in Italia costa 600 euri ...

gioboni

Questa è una TV che potrebbe dare parecchie soddisfazioni, praticamente è lo stesso principio del monito EIZO CG3145: sono molto curioso di leggere qualche recensione fatta come si deve.

GeneralZod

Ho contattato la Redazione in modo da mettere la mia foto in canotta bianca a costicine con Peroni da 66 in mano e svariate macchie di salsa.

Babi
Nicola Buriani

Per saperlo bisogna prima vederlo.
Questa in gergo si chiama "doppia modulazione" ed è un principio che utilizzano anche sui proiettori per il Dolby Cinema.
Non ho mai visto un TV di questo tipo (anche perché il primo è questo e anche al CES era solo un prototipo) ma sui proiettori il sistema funziona eccome, il rapporto di contrasto è completamente diverso.
Ripeto: bisogna vedere come viene gestito il tutto (reattività, precisione, input lag eccetera).

ice.man

IMHO finchè non arrivano i nanoLED/microLED o come diavolo vorranno chiamarli commercialmente......nel frattempo c'è solo l'OLED
il resto sono trovate commericali per tamponare e diversificare in attesa
Sicuramente possono avere sneso in certi frangenti (durata, immagini statiche, etc)
ma per un film non c'è pezza

alessandro

Ma secondo me c'è poco da gestire invece... Alla fine potrebbe essere trasformare le informazioni in monocromatico...e aggiungere qualche curva strana sulla luminosità del pixel

alessandro

È una grande idea invece, se implementata bene potrebbe essere una rivoluzione...contrasto decente finalmente su LCD...avvicinandosi all'oled. Senza le aberrazioni e alone dell'attuale locale diming

Antsm90

Se è ben gestito teoricamente non ha nulla da invidiare agli OLED (ripeto, SE è ben gestito)

Ciccio

Ed io che avevo capito che ci fosse uno schermo avanti ed uno sul retro..il senso ,booo...

Nicola Buriani

Per fare un paragone dovresti avere il prezzo di listino di un OLED in Cina (ammetto di non conoscerli).
Attenzione anche a non sottovalutare la tecnologia perché, sulla carta, 2 milioni di zone sono davvero tante.
Ovviamente vanno anche gestite bene e sarà proprio questo l'elemento di interesse: saranno riusciti a gestirle bene?

ice.man

il prezzo supera quello di un oled....non ne vedo il senso

Marco 1979

Già i loro firmware fanno schifo sulle TV LED tradizionali, figuriamoci a gestire questo ambaradam

Sony

Sony Xperia XZ3: a quasi un anno di distanza resiste bene | Riprova

Nvidia

Montaggio video: il PC e i software consigliati dai professionisti

Samsung

Recensione Samsung Galaxy Fit e: un notificatore con rilevamento attività

HDMotori.it

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"