Futurewei, la divisione ricerca statunitense di Huawei si separa formalmente

25 Giugno 2019 11

Il ban di Huawei sta producendo una molteplice gamma di effetti, sia a livello economico, sia a livello politico, sia per quanto riguarda le relazioni tra i molteplici rami dell'azienda cinese e i partner, compresi quelli del mondo accademico. Va collocato in quest'ultima prospettiva la decisione di Futurewei, divisione statunitense di Huawei impegnata nel settore della ricerca e sviluppo, di separarsi formalmente dalla casa madre. Lo riporta Reuters sulla base di indiscrezioni fornite da due persone ben informate dei fatti.

Un impiegato di Futurewei ha confermato che i dipendenti di Huawei sono stati espulsi dagli uffici della divisione, mentre quelli di Futurewei spostati in un nuovo sistema IT; è stato inoltre fatto loro divieto di utilizzare il nome e il logo di Huawei nelle comunicazioni ufficiali. La separazione si può definire formale, tenuto conto che nella sostanza la proprietà di Futurewei continua ad essere di Huawei, ma si tratta di un provvedimento ritenuto necessario per continuare a mandare avanti le collaborazioni con molte università che hanno interrotto i rapporti con il produttore cinese, accusato dal Governo Trump di rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale.

Indicativa in tal senso è la vicenda dell'IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) che aveva estromesso gli scienziati affiliati a Huawei dalla revisione delle pubblicazioni associate all'IEEE, salvo poi fare dietrofront rispetto alla decisione adottata. Ma hanno radici più profonde i timori che Huawei possa sfruttare le collaborazioni con il mondo accademico statunitense per accumulare risorse che potrebbero essere impiegate per avvantaggiare le aziende cinesi o per attività di spionaggio e hacking: l'anno scorso 26 membri del Congresso hanno inviato una lettera al Segretario all'Istruzione, Betty DeVos, sottolineando che le partnership tra Huawei e non meno di 50 università statunitensi potrebbero rappresentare una significativa minaccia per la sicurezza nazionale.

Sino ad ora le attività di Futurewei, che conta centinaia di dipendenti nei suoi uffici della Silicon Valley, a Seattle, Chicago e Dallas, ha operato in maniera indistinguibile da Huawei, accumulando oltre 2.100 brevetti nel campo delle telecomunicazioni, delle reti 5G e delle tecnologie video e relative alla fotocamera. I suoi dipendenti si sono spesso identificati come dipendenti di Huawei. Tutto questo sino alla separazione formale di cui sopra.

Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, in offerta oggi da ASUS eShop a 499 euro oppure da Unieuro a 559 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Salvatore Esposito
Fabios112

Idoli. Cambiano logo e tutto torna come prima.

Luke_Friedman

Chissà che in Cina qualcuno non stia dicendo proprio in questo momento che tutti i malware sono americani

Luca Lindholm

Win xp?
Vada indietro ancora... se non fosse per la manifattura cinese, saremmo ancora ai Compaq con Win 2.11.

Giangiacomo

Qui in Italia arrivano con i barconi a flotte.... aiutooooooooo ahahahahah
Hai attivato il flame oggi ? :D

xan

quindi ora che stanno più incazzati smettono di farli ?

Mr. G

Già, pensa che bello se non esistesse la Cina, potresti navigare con Windows XP senza preoccupazioni

Tito73

Dagli tempo ed arriveranno pure dall'Africa zona equatoriale...

Tranne quelli russi.

Matteo

Tutto il mondo è paese

Logico

Basta guardare in giro, praticamente tutti i malware sono cinesi

Android

Recensione Google Pixel 4 e confronto con iPhone 11 Pro

Amazon

Le migliori offerte Amazon, Unieuro e Mediaworld verso Black Friday 2019

Alta definizione

Samsung The Frame 2019: ecco perché è un TV differente | Video

Android

Recensione Xiaomi Mi Note 10: 5 cam posteriori e batteria grandissima