Matebook D e X, Amazon Echo, TV 65, Oppo Reno, domotica e audio in offerta

24 Giugno 2019 15

In attesa delle offerte e i migliori sconti del Prime Day, oggi inizia una nuova settimana e torna la nostra selezione di offerte che vedono protagonisti ancora i Matebook di Huawei. Dopo il No-IVA di Mediaworld e gli sconti simili di Amazon del week end, ritrovare alcuni portatili ad ottimi prezzi non è sicuramente una cattiva notizia.

Vi ricordiamo di seguirci su Telegram per le offerte in tempo reale.

SMARTPHONE e TV

INFORMATICA

DOMOTICA e CASA SMART

AUDIO
ALTRO

OFFERTE IN TEMPO REALE

Il miglior display sul mercato e un design fantastico? OnePlus 7 Pro è in offerta oggi su a 596 euro oppure da Amazon a 763 euro.

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Francesco El principe milito

Perché secondo te tutte le compagnie coinvolte avevano le idee chiare su cosa sarebbe successo nei mesi a venire? Microsoft ha cambiato posizione in merito 3 volte in pratica, prima optando per il silenzio stampa, poi togliendo i Matebook dal sito ufficiale e poi (in questi giorni) affermando che non c'è da preoccuparsi per i dispositivi venduti e già in commercio.

Google ha optato per una linea più cauta dopo una prima presa posizione di posizione più netta e rigida.
In queste settimane è logico immaginarsi che il dialogo tra i soggetti coinvolti siano andati avanti e si siano raggiunti dei primi accordi sul cosa fare nel post 19 agosto. La linea dura non conviene a nessuno, nemmeno a Google che mettendo fuorigioco tutti i Huawei attualmente venduti o in commercio, perderebbe una grossa fetta di utenti che utilizza Android.

Desmond Hume

quindi sentiamo perchè quando c'è stati il ban Google ha ritenuto necessario ribadire che gli aggiornamenti di sicurezza sarebbero stati garantiti per altri 90 giorni sui modelli esistenti. Cosa doveva succedere dopo quei 90 giorni, te lo sei chiesto? Ah no giusto, ciò che dice Huawei è oro colato.

Francesco El principe milito

Attiva il cervello, il ban impedisce loro di operare sul mercato USA e di ottenere componenti dai produttori statunitensi. Hanno citato la faccenda della garanzia anche per chiarire ad esempio il fatto che laddove ci fosse un guasto a uno smartphone che monta soc Snapdragon (e ci sono smartphone Huawei che li montano) la garanzia e la sostituzione del componente non verrebbe inficiata dalla situazione. Ecco perché hanno inserito anche quelle due righe nel comunicato, era questo il senso probabilmente.

Per il resto lieto di vedere che si può tenere una conversazione cordiale senza buttarla in caciara... LIbero te di vederla come ti pare e stessa cosa io.

Desmond Hume

mi spieghi a quale proposito allungare il brodo citanto pure la garanzia e l'assistenza?
"Tutti i dispositivi continueranno ad essere coperti dalla nostra Garanzia Convenzionale e riceveranno un servizio completo di assistenza."
E ci mancherebbe altro ma questo cosa c'entra col ban?
Mi dispiace ma io non avendo le fette di salame ne attendo l'arrivo per vedere i reali effetti. Tu ritieniti libero di continuare a fare copia/incolla pure di roba che non c'entra una sega su dichiarazioni di circostanza.

Francesco El principe milito

Ripeto è tutto ricavabile attraverso il programma PC Manager creato da Huawei e preinstallato su ciascun Matebook. Tale programma indica l'hardware e i rispettivi driver installati. In caso di dubbi basta una ricerca online sulla pagina di Huawei relativa al proprio modello dove vengono indicati i driver più recenti provati e rilasciati da Huawei e che chiunque può scaricare componente per componente. Una volta a conoscenza di ciò si può anche decidere di muoversi autonomamente dato che spesso i driver indicati da Huawei sulla pagina sono più obsoleti da quelli rilasciati da AMD, Intel e Realtek (sostanzialmente il bisogno di aggiornare i driver si restringe a quelli relativi a scheda grafica, chipset, bluetooth, wifi e scheda video, per gli altri componenti gli aggiornamenti dei driver introducono raramente novità).
Lo stesso programma PC Manager può essere scaricato e aggiornato dalla medesima pagina se non si vuole attendere che sia Huawei a fare tutto.

La situazione di Huawei lato pc è diversa rispetto ad altri produttori come HP dove ci sono decine di versioni del medesimo pc dove è difficile districarsi e comprendere cosa si ha a bordo dato che tra una versione e l'altra cambia sempre qualcosa. Per dire di Matebook D con processore Ryzen 5 ne esistono solo 2 versioni una con display touch (mi pare quella USA) e una non touch. Se si ha preso il modello AMD quindi non si può sbagliare a comprendere cosa si ha a bordo.

Poi magari sono io a farla semplice ma da profano che non aveva mai provato ad aggiornare autonomamente i driver prima delle scorse settimane, mi è riuscito tutto al primo colpo senza incontrare difficoltà.

Lato smartphone la situazione è diversa e le garanzie per gli utenti sono minori ma se si sono sbilanciati con dichiarazioni del tipo:
"Tutti gli smartphone e i tablet Huawei continueranno a ricevere patch di sicurezza e aggiornamenti Android. Chiunque abbia già acquistato, o stia per acquistare, uno smartphone o tablet Huawei, può continuare ad accedere al mondo delle app come ha sempre fatto. Tutti i dispositivi continueranno ad essere coperti dalla nostra Garanzia Convenzionale e riceveranno un servizio completo di assistenza. I nostri dispositivi attuali più popolari, tra cui la serie P30, potranno accedere ad Android Q. Infatti abbiamo già lanciato un programma di sviluppo beta per Android Q che è in esecuzione proprio ora sul nostro dispositivo Mate 20 Pro. Apprezziamo molto che vogliate chiarire i dubbi in merito alle voci che circolano sulla situazione attuale. "
Non penso che rilasceranno Android Q per tutti i dispositivi entro il 19 agosto, ergo il supporto è valido per tutti i dispositivi che hanno ottenuto le certificazioni prima di tale data. Non avrebbe senso per un colosso come Huawei lanciarsi in simili dichiarazioni dopo settimane di silenzio dato che sono ben consci che si giocano la loro credibilità su ogni sillaba che pronunciano e potrebbero giocarsi tutto il loro bacino d'utenza dicendo cavolate a random.

Le incognite sul futuro dei dispositivi Huawei non sono relativi ai modelli già venduti o in commercio ma bensì su quelli che dovranno arrivare sul mercato nel post 19 agosto, si pensi al potenziale Mate30 o a P40 (se questi saranno i loro nomi) che sono ancora in fase di sviluppo e non hanno ancora alcuna certificazione o garanzia.
Potrò essere ottimista e con le fette di salame sugli occhi (frase che ti potevi risparmiare) ma almeno non la butto sul pessimismo e sul complottismo come fa metà di questo blog, che ormai parla senza connettere il cervello e la butta sul dire robe come "copia di questo o copia di quest'altro" o "scaffale".

Desmond Hume

Questo nel magicomondo fatato perché in quello reale CpuZ non sempre ci azzecca sulla componentistica a bordo e trascuri quella parte di componenti customizzati su richiesta del cliente (che sarebbe il produttore) e di cui solo il produttore ha i Driver. Mi vengono in mente alcune Schede Video Amd per HP tanto per fare un esempio...

Babi

Vai di Neato non te ne pentirai!

Francesco El principe milito

La questione ban inciderebbe lato smartphone (Huawei nei giorni scorso però ha tranquillizzato i consumatori sul fatto che i prodotti già in commercio, come la linea P20, Mate 20 e P30, riceveranno aggiornamenti tant'è che Android Q è già in test per Mate 20 Pro) lato pc il discorso è diverso. Innanzitutto per Microsoft è impossibile tenere sotto controllo i pc su cui Windows viene installato, quindi anche laddove bloccassero in qualche modo il sistema operativo già implementato sui vari Matebook, basterebbe disinstallare e reinstallare Windows.

I driver stesso discorso. Una volta a conoscenza dei componenti montati sui Matebook (cosa abbastanza semplice grazie a programmi come CPU Z e lo stesso Pc Manager preinstallato su tutti i Matebook) si riesce a gestire gli aggiornamenti autonomamente perché i driver sono compatibili con qualsiasi pc monti quell'hardware. Per dire io ho tranquillamente provveduto ad aggiornare i driver AMD circa scheda grafica e chipset e i driver Intel circa Wifi e Bluetooth del mio Matebook D, inserendo le ultime versioni rilasciate da AMD e Intel per quei componenti senza attendere che fosse Huawei a farlo ed è andato tutto liscio.

capored

Non succede nulla... Ma smettetela di creare allarmismi inutili. Sapete leggere o no? Chi vi paga Trump o ms ? Che idiozie in giro

Andrej Peribar

Ma come fa MS a bloccare gli aggiornamenti su windows su prodotti già venduti con windows?

Il ban, anche se riconfermato, implicherebbe che non gli verrà più rinnovata la licenza per i prossimi prodotti.

Desmond Hume

era stato detto che durante l'interruzione i modelli esistenti non ricevevano aggiornamenti e ci sarebbe anche il problema dei driver.

momentarybliss

Non penso che sui notebook con Windows preinstallato il ban avrà effetto, Microsoft potrebbe eventualmente negare le licenze OEM sui nuovi modelli, un po' come Google

Desmond Hume

eh niente, avete ripreso a consigliare prodotti huawei a tutto spiano. E se il ban viene confermato tra poche settimane che figura ci fate con i vostri lettori?

BLERY

https://uploads.disquscdn.c...

Quando ti compri 2 elicotteri e non sai come portarli a casa!!!

T. P.

tentato dal bagotte ma aspetto luglio, se non il bf, tanto non è nulla di urgente! :)

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A80 (2019): la fotocamera rotante non basta

Amazon

Le migliori offerte dell'Amazon Prime Day 2019 | Martedì 16 luglio

Amazon

Le migliori offerte del Prime Day 2019 Amazon | Smart Home, TV, audio e foto

LG

Recensione LG V50 ThinQ 5G: concreto apripista, ma le reti?