Huawei, apparecchi TLC restituiti e causa agli USA ritirata

10 Settembre 2019 62

Aggiornamento 10/09

Huawei ha ritirato la denuncia perché il Dipartimento del Commercio ha restituito le apparecchiature, dopo ben due anni. L'ente governativo afferma di aver concluso l'indagine affermando che non era necessaria una particolare licenza per l'esportazione dei componenti, ma non ha spiegato perché ci sia voluto così tanto tempo per giungere a una conclusione. Una dichiarazione ufficiale di Huawei dice che la riconsegna delle apparecchiature viene considerata come una "tacita ammissione che il sequestro è stato illegale e arbitrario". La documentazione ufficiale sulla chiusura del contenzioso legale include anche una richiesta formale di spiegazioni da parte del Dipartimento del Commercio, che per ora non è stata soddisfatta.

Articolo originale - 24/06

I rapporti tra Huawei e gli Stati Uniti continuano ad essere tesi e non solo a causa dell'ormai noto ban. ll produttore cinese ha citato in giudizio il Dipartimento del Commercio statunitense a seguito di una procedura di sequestro di cui non si intravede l'epilogo a quasi due anni di distanza dal suo inizio. L'antefatto:

  • Nel luglio del 2017 Huawei ha inviato in un laboratorio della California l'attrezzatura di rete per l'esecuzione di alcuni test
  • Il materiale era sotto il controllo dei dirigenti della divisione statunitense di Huawei
  • Terminati i test, il materiale è stato rispedito in Cina, ma, mentre si trovava in Alaska, è stato sottoposto a sequestro da parte del Dipartimento del Commercio USA per verificare se fosse necessaria una licenza per l'esportazione

Dopo 20 mesi tutto tace: i funzionari non hanno preso ancora alcune decisione, nonostante Huawei sostenga di aver fornito tutte le informazioni richieste sul materiale in oggetto. Da queste premesse nasce la decisione dell'azienda cinese di ricorrere alle vie giudiziarie, concretizzatasi con la domanda di citazione del Dipartimento del Commercio depositata venerdì scorso presso la Corte Federale di Washington.

I legali di Huawei sottolineano che in tutto questo lasso di tempo i funzionari si sono limitati a lasciare l'attrezzatura in un limbo. La richiesta che il produttore asiatico rivolge ai giudici è finalizzata a stabilire se l'amministrazione Trump abbia illegittimamente tenuto in sospeso o ritardato senza giustificato motivo l'azione dell'agenzia.

Non è la prima volta che Huawei lancia accuse dirette o indirette agli States per presunti interventi volti a dirottare o a trattenere nel territorio americano merci e documenti di sua proprietà diretti in Cina: a fine maggio a non fare ritorno nella patria di Huawei erano stati alcuni documenti commerciali - in quell'occasione le accuse si erano concentrate su FedEx.


62

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
E K

Sono io che stampo le magliette rosse, ho tutto l'interesse di farlo.

Claudio Biesuz

Si infatti, ci spero sempre che uno possa aprire gli occhi, ma con questo qui non ci sono speranze...

Horatio

Ma tu pure che gli dai corda...

Dark!tetto

Certo che è impossibile, ma è questo che dico appunto. Dalle tue parole invece trai le tue conclusioni e sono palesemente pro USA, quando non è così semplice, fosse anche solo per il fatto che fino a ieri andava bene sfruttarli per forza lavoro o meglio schiavi, politiche ambientali inesistenti e costi di estrazioni materiali ridotti. Ora il genio vorrebbe le stese cose, che già sono fin troppo permissive, ma vuole aumentare i prezzi per portare i prodotti finiti nel paese che li ha creati. Non si parla di giustizia, si parla del dare ragione a quello o quell'altro folle e al momento non posso che accusare Trump, per quanto il govern cinese lo reputo pericoloso sotto tutti i punti di vista, al momento ha solo reagito.

PS: Mettendo insieme anche tutti i gli stati dell'asia India compresa, non hanno un terzo della capacità produttiva cinese, non solo per numero di operai o altro, ma perchè il livello raggiunto dall'indistra cinese (aldilà di quello che vogliono farci credere) è veramente altissimo.

Fede64

No è poi neanche tanto una questione di giustizia tra stati, ma di difesa economico-sociale.
Purtroppo o per fortuna, in economia nessuno sta con il cappello in mano a pregare nessuno. Tutti i paesi applicano dazi, anche la Cina, in India o in Brasile occorre produrre in patria almeno il 70% di un bene per poterlo vendere. I paesi in via di sviluppo godono di alcuni status speciali.
So benissimo che sarebbe bello che fossimo tutti uguali e amici fraterni, ognuno con lo stesso stato sociale, ecc.....in realtà il progresso e il benessere si ottengono facendosi una concorrenza sfrenata e, quando serve, anche lo sgambetto, finché lecito.
Ci sono mille suggestioni da tirar fuori sulla argomento, impossibile con un botta e risposta su un forum

Dark!tetto

E tu per quale oscuro motivo pensi che sia giusto quello che fanno dall'una o dall'altra parte ? In questo caso la parte del presidente fascinoso. L'europa poi commercialmente non è quello che descrivi tu, semmai industrialmente, ma non è quello lo scopo della guerra di trump al momento seppur colpisce proprio quel settore.

Claudio Biesuz

LE PROVE LE PROVE

Sicurezza nazionale un piffero, se poi dai le proroghe, ma ti rendi conto o no? Anche MS chiede le stesse cose, ma tu nulla, huawei è cattiva ed è una minaccia perché l'ha detto Trump, è assurdo, ma davvero assurdo! Se c'è una reale minaccia alla sicurezza nazionale, TI BLOCCO SUBITO, ma quale proroga, e dopo dico al mondo, dimostrandolo, che huawei è una minaccia per il mio paese (Trump) e per il resto del mondo!

Ah no, bombardiamo perché hanno armi di distruzione di massa, e dopo non si trovano, giusto così vero?

Lasciamo perdere va, non c'è più sordo di chi non vuol sentire, è inutile!

PassPar2_

Vallo a dire a quelli che sono falliti perché i cinesi hanno clonato i prodotti e rovinato il mercato, compreso l'uso di iniezione di liquidi statali alle aziende. Poi ripeto te non comprendi la differenza tra scelte politiche (bloccare un azienda per sicurezza nazionale) e processo civile. D'altronde già ti ho spiegato che parli di quello che non comprendi

Claudio Biesuz

Certo, hai ragione, inutile perdere tempo con chi non capisce che si è INNOCENTI FINO A PROVA CONTRARIA e LA LEGGE È UGUALE PER TUTTI...

Io mi auguro e ti auguro di ritrovarti in una qualche situazione alla quale tu non possa difenderti ed essere giudicato sull'aria fritta, e non intendo dire solo in un discorso legale, ma al lavoro ad esempio, un qualche collega che ha amicizie "forti" e ti sbattono fuori senza che tu possa difenderti...
Forse dopo capirai cosa significa avere il diritto di difenderti, cosa significa essere colpevole a priori, senza se e senza ma!

PassPar2_

Ma se uno non capisce la differenza tra politica internazionale e un tribunale, posso stare a perdere tempo a spiegare le cose?

Fede64

Trump é presidente degli USA, già questo spiega il come si muove, e se lo fa da solo é perché se chiede appoggi non ne trova, l'Europa ormai vale talmente poco che nemmeno la considera, e varrà sempre meno. Il baricentro dell'economia mondiale ormai é il Pacifico, tra America e Asia

Claudio Biesuz
PassPar2_

Sei proprio specializzato nel non capire le cose mi sa. Ci hai studiato

Fede64
Claudio Biesuz

No no, come chi ti ha risposto come me, ci dispiace, tutto qui, in fondo non è colpa tua, uno la famiglia mica se la sceglie...

salvatore esposito

se il tuo problema fosse solo il virgolettato...

salvatore esposito
Dark!tetto

D'accordo al 100% con te

Dark!tetto

Quindi sono giusti anche i dazi applicati dalla cine per le produzioni estere nel loro paese ? O in quel caso diciamo di no perchè ci conviene la loro politica disumana ? Non c'è da tifare c'è da essere obiettivi, sicuramente il progetto cinese è a lungo termine e non nego che Trump ci ha visto lungo, ma forse non sta puntando nella giusta direzione. Il fatto è che ovviamente lui fa gli interessi degli americani e tutto questo è solo una mossa per riportare gli equilibri del commercio mondiale dalla loro parte, perchè non affrontare il discorso Cina con tutti gli alleati se è un discorso di sicurezza e si trova una soluzione comune ? Perchè a lui in realtà non interessa la sicurezza, quella è solo una scusa che però indirettamente viene preservata dalla guerra commerciale iniziata da trump, ma lui vuole bloccare l'espansione cinese a favore della sua.

Dark!tetto

Generalizzi, ma il discorso puoi anche farlo al contrario

"la mia famiglia ha sempre detto che i comunisti mangiano i bambini, quindi trump ha ragione" xD

Fede64

E a te quante magliette rosse ti regalano per rispondere al mio commento con ironia?

Fede64

Zingaretti lo vai a dire a tuo fratello!

Tony Carichi
PassPar2_

Non capisci manco il virgolettato

salvatore esposito
salvatore esposito
E K

Quante parrucche bionde ti regalano per un commento tipo questo?
chiedo per un amico disoccupato...

salvatore esposito
Qui non c'è da tifare ne di la ne di qua.

e poi il resto del messaggio è tutto un tifare, manca solo un "Trump for president"

salvatore esposito

quindi non è colpa tua, sono traumi infantili mai superati e la fase di ribellione adolescenziale è arrivata tardi... capisco, veramente mi dispiace, ti auguro di superarla presto

PassPar2_

Cosa è ti sei sentito tirato in causa dalla frase?

Mc Kenzie
Claudio Biesuz
Fede64

Sono regole di difesa che vanno applicate con tutti.
E ti faccio presente che tutti fanno lo stesso con noi, Cina, India, e tanti altri applicano varie forme di protezionismo, non solo dazi.
Addirittura vi sono casi limite di paesi del terzo mondo per i quali occorre pagare dazi per portare loro aiuti umanitari, pensa te, in pratica bisogna pagare per regalargli la roba

PassPar2_

" la mia famiglia ha sempre parlato male dell'america quando ero piccolo, quindi ora huawei ha ragione"

Andrej Peribar

Ognuno ha la propria idea.
Io sono per spiegare la mia.

Alla fine litigare "all'americana" non serve a una cippa

Claudio Biesuz

Esatto, i veri americani (intendo i nativi americani) sono stati aiutati solo a stare al caldo con le coperte... Al vaiolo!

Massimo

oddio sto morendo dalle risate ma quanto sono patetici questi individui

Patroclo Grecia

gli americani fanno e si atteggiano a padroni del mondo, e nessuno (almeno fino ad esso) fiata o dice nulla.
buttano giu funivie , bombarda paesi inventandosi armi di distruzioni di massa o chimiche inesistenti, accusano gli altri di spionaggio quando sono i primi spioni del mondo, certificano ahumma ahumma aerei che cadono come mosche....
chissa se nei prossimi 20/30 anni la faccenda non abbia a cambiare direzione...

Luigi Andreoli

Complimenti per la bella disamina.

Andrej Peribar

Sofismi a parte, ti facevo notare che sposi tout court la tesi di Trump con la premessa di "non tifare".

Poi può essere che non te ne renda conto, ok.
Nessun problema.
Ognuno ha la propria idea.

Ma strideva con la premessa.

Fede64

No
Si tratta solo di fare ciò che più conviene a ciascuno di noi.
Le economie si reggono su questo elementare concetto: ognuno deve fare i propri interessi giocando le carte che ha in mano. Vale tra persone, tra Stati, tra aziende, ecc... sempre.
È alla base del progresso, della concorrenza, e della meritocrazia, di tutto

Andrej Peribar

Meno male che non c'era da tifare

Fede64

Qui non c'è da tifare ne di la ne di qua.
La Cina ci sta spolpando a suon di illegalità e questo si riflette sulla capacità sociale in Occidente, per cui i dazi sono giusti, o quanto meno necessari, i sindacati dovrebbero essere i primi a capirlo e invece........
Nel caso poi specifico di Huwawei e altre aziende minori, queste hanno collaborato con stati che sono ostili (a essere gentili) all' Occidente, motivo per cui il ban.
Chiaro se cambiano gli atteggiamenti, calano anche gli attriti

Andrej Peribar

Quando te lo dicevo l'altro giorno dicevi di no.

Lino Torvaldi

Noi siamo figli delle stelle non ci fermeremo mai per niente al mondo.. ma che c'entra

Andrej Peribar

I commentatori di entrambi gli schieramenti siete, a mio modestissimo modo di vedere, troppo fissati per la riproposizione in futuro di "simili atteggiamenti da un lato e dell'impero cinese che avanza dall'altro e che ci invaderà tutti.

Trump ha solo danneggiato l'America, semplicemente perché i cinesi gli anno dato corda vedendo ogni bluff.

Gli USA (imprenditoria, lobby e chiunque a potere) non gli permetteranno di continuare.

Detto questo; la Cina è un "pericolo" per le assi commerciali di mezzo mondo?!
Si.
Ma non è così che si può affrontare.

Perché una guerra commerciale con quelli che sono sia clienti che fornitori non si può gestire (che poi era quello che diceva il portavoce Microsoft ieri).

La Cina non vuole dominare il mondo più di nessun altro imperialista come USA o Russia, vuole solo essere un partner commerciale paritario e non solo la fucina del mondo.

Questa può essere vista anche come una opportunità.

Sono stati per decenni incudine e le hanno prese, ora che sono martello qualche colpo devi anche fare batterglielo

Andee Kcapp

E' sempre stato così .
Purtroppo.
Questa è la più grande democrazia del mondo.

Igi

Se è per questo tu sei Africano, anzi tutti noi...

StadiaPlus

Gli americani intesi come i VERI nativi americani sono praticamente estinti. L'attuale popolo americano è formato da europei, africani e asiatici che si sono stabilizzati sul Nuovo Continente trasmettendo il loro lignaggio di generazione in generazione. Si può dunque affermare che non hanno copiato nessuno, sono loro stessi in gran parte cinesi/indiani nati sul suolo americano.

Claudio Biesuz

E certo, gli americani fanno quello che vogliono, bannano, sequestrano bloccano, ma se chiedono spiegazioni, tutto tace...
La cosa che mi preoccupa è: oggi la Cina e aziende cinesi, e domani?
Potrebbe toccare a chiunque, basta che (il bambino) Trump si alza col piede sbagliato e...

Huawei

Huawei Mate 30 Pro, Watch GT 2 e non solo: segui il live su HDblog dalle 14.00

Apple

Apple Watch Serie 3 42mm GPS + LTE su Amazon al super prezzo di 299 euro

Xiaomi

Xiaomi Mi 9 Lite ufficiale in Italia, in vendita da ottobre | Video

Apple

iPhone 11 e iPhone Pro: l'innovazione è (anche) nel prezzo #prospettive