Google Duo si evolve: arriva la condivisione di immagini autodistruttive

24 Giugno 2019 28

Google Duo si aggiorna e migliora su sistema operativo Android introducendo la possibilità di condividere immagini (autodistruttive) ai propri contatti.

La nuova funzionalità, già disponibile anche in Italia a partire dalla versione 56, rappresenta una vera e propria evoluzione per l'app dell'azienda di Mountain View che - almeno fino a questo momento - poteva essere utilizzata esclusivamente per la realizzazione di chiamate audio/video e condivisione dello schermo.

La condivisione dell'immagine segue - almeno in parte - lo stile delle Storie Instagram. Come quest'ultime, infatti, i contenuti condivisi avranno "un tempo di vita" pari a 24 ore, trascorso il quale verranno automaticamente eliminati e non potranno più essere visualizzati.

Prima della condivisione, che potrà essere effettuata direttamente dal menù contestuale del sistema operativo Android, gli utenti avranno inoltre la possibilità di personalizzare le immagini con un testo o disegno a mano libera. Una volta effettuato l'invio, infine, Google Duo mostrerà lo stato di consegna e un'indicazione sull'orario e le ore rimanenti fino alla scadenza.

Attualmente, va specificato, è possibile condividere esclusivamente una fotografia alla volta. Ricevuta l'immagine, il destinatario potrà decidere se espandere l'immagine e rispondere immediatamente con un messaggio video o chiamata. Di seguito vi lasciamo ai rispettivi link per il download dell'ultima versione disponibile sul Play Store e APKMirror.com.


28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Andrea Z.

va bene, hai ragione te, bravo, buona giornata.

Federico

Ma dove hai confermato qualcosa???
Avevi detto che esistevano prove che Whatsapp conserva i messaggi sui propri server dopo la consegna, i link da te proposti semmai ESCLUDONO che questo avvenga.

Andrea Z.

ti ho confermato, prove alla mano, che whatsapp può inoltrare alle forze dell'ordine, in tempo reale, ogni messaggio prima che ti venga consegnato.
End to end è rispettato, dai loro server a te. E dopo c'è la cancellazione.
Ma prima dell'end to end, c'è l'end to police.

Federico

Mi pare che l'oggetto del contendere fosse la conservazione del messaggio dopo la consegna e non dei metadati.
Con i tuoi link hai semmai confermato che Whatsapp SICURAMENTE non conserva i messaggi dopo l'avvenuta consegna al client di destinazione.
Quando si muovono accuse occorre essere ben preparati riguardo a ciò che si sta sistemando

Andrea Z.

Nel corso della normale erogazione dei propri servizi WhatsApp non conserva i messaggi una volta che sono stati consegnati, né conserva i file di log delle transazioni di tali messaggi consegnati, e i messaggi non consegnati vengono eliminati dai nostri server dopo 30 giorni.
[...]
Cercheremo e divulgheremo i dati richiesti nell'ambito di un procedimento legale e che siamo in grado di individuare e recuperare. Manteniamo i dati per le forze dell'ordine solo in caso di ricezione di una richiesta di mantenimento valida prima che l'utente in questione abbia eliminato tali contenuti dal nostro servizio.
___
Ergo tutti i messaggi non consegnati possono essere inoltrati alle forze dell'ordine in tempo reale. Ovvero ti mando un messaggio, e prima che ti venga consegnato viene inoltrato.
Le forze dell'ordine chiedono che preventivamente whatsapp non elimini niente, e whatsapp non elimina manco dopo 30 giorni.
Basta seguire l'iter che indicano loro.

Federico

Per questo tipo di comportamenti si può stare abbastanza sicuri, è decisamente improbabile che aziende di queste dimensioni non si attengano a protocolli ufficiali perché qualora ne venisse scoperta la violazione verrebbero trascinate le perdite sarebbero catastrofiche.
Abbiamo visto in tempi recenti quante centinaia di miliardi di capitalizzazione sia costato a Facebook lo scandalo della violazione della privacy, che pure non era da imputarsi direttamente all'azienda di Zuckerberg ma ad una terza parte.
Figuriamoci cosa capiterebbe se venissero colti a dichiarare una caratteristica di fondamentale importanza come questa e poi non rispettarla.

Gianluka92

Purtroppo la persistenza è un tema scottante... Non sappiamo mai cosa succedere realmente dietro un servizio

Federico

Vorresti cortesemente indicarmi in quale parte dei link da te riportati si fa cenno al fatto che i server Whatsapp possano non cancellare i messaggi dopo la consegna?

Andrea Z.

coff coff
https :// www.dailymail. co. uk/news/article-6457945/Government-read-WhatsApp-messages-spyware-added-apps-legislation.html

togli gli spazi, se non li metto va in moderazione

Andrea Z.

stando alle faq ufficiali sul sito di whatsapp: https :// faq.whatsapp. com/it/android/26000050/?category=5245250
le autorità possono ricevere tutti i dati che richiedono, con le giuste richieste.
Inoltre dice pure che se le autorità lo richiedono, whatsapp NON cancella i messaggi dopo la consegna e li passa alle autorità all'insaputa dell'utente.
Infine c'è un form per le forze dell'ordine per richiedere queste informazioni:
https :// www.whatsapp. com/records/login/
Non inventare informazioni inesistenti tu.

Andrea Z.

ho un commento in moderazione, spero lo sblocchino presto.

Federico

Non esiste alcun fatto di cronaca che lasci pensare alla mancata cancellazione dei messaggi dai server Whatsapp dopo la loro consegna.
Non inventare informazioni inesistenti

Andrea Z.

veramente no, sono fondate su precedenti di cronaca, ma pazienza.
buona giornata e buona vita, addio e grazie per tutto il pesce.

Federico

Solite polemiche fondate sul nulla

Andrea Z.

quindi sappiamo che sulla carta deve essere così, ma non sappiamo se è così davvero.

Federico

Si che lo sappiamo, fa parte delle caratteristiche ufficiali del servizio.

Andrea Z.

il problema appunto è che la gente è stupida e una volta che bolla come "no" una app non si torna indietro.

Andrea Z.

no, non lo sappiamo.

tuxie007

Questa è una cosa che non ho capito. Ora in Messaggi arriverà anche l'Assistente, che era già in Allo. In effetti si faceva prima ad implementare l'RCS e gli SMS in Allo che il contrario.

L'unica è che Allo, in quanto poco usata, si era giocata la sua reputazione presso gli utenti che, anche se vi fosse stato il supporto per gli SMS, non lo avrebbero usato quasi "per principio". Messaggi, all'epoca "più giovane" forse è stato un ripiego anche sensato da questo punto di vista; questo non risponde però alla domanda "tutto questo caos ne è valsa la pena?"

Federico

Si, sappiamo.

Andrea Z.

"sappiamo"....

Andrea Z.

ma poi hanno puntato tutto su messaggi... non potevano mettere gli sms in allo?

Andrea Z.

io, mia moglie e un nostro amico lo usavamo.
ma era davvero un clone di whatsapp... l'unica cosa bella era l'assistente google, che su allo faceva cose che altrove non fa (inviami il meteo ogni giorno alle 10, ad esempio)

tuxie007

Non era male e le premesse per far bene c'erano, ma al solito le persone difficilmente si schiodano da WhatsApp. Telegram resiste, ma ha dei fondi vincolati da tempo per il suo sviluppo (che, una volta finiti, determineranno una svolta decisiva nel suo futuro). Google deve aver fatto di Allo una questione di costo-opportunità: mantenere un'app di messaggistica usata meno di quanto si aspettassero richiedeva comunque costi di manutenzione, di sviluppo, server, ecc.
Ne hanno staccato la spina forse un po' troppo presto, ma tant'è

JUDVS

Ridatemi Allo e datemi anche gente che lo usa. A me piaceva :(

Federico

Bella domanda.
Sappiamo che i server Whatsapp cancellano dopo la consegna del messaggio, ma di quelli Google credo non sia mai stato specificato.

Gianluka92

lol... Mittente invia il file > destinatario riceve file > Scatta un timer di 24h > file cancellato su entrambi i dispositivi (e sul server????? Mistero)

Happy Harry

Scusate, le immagini si distruggono prima o dopo averle inviate?

Samsung

Xiaomi Mi 9T VS Samsung Galaxy A50: confronto fra best buy

HDMotori.it

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A80 (2019): la fotocamera rotante non basta

Amazon

Le migliori offerte dell'Amazon Prime Day 2019 | Martedì 16 luglio