Ericsson brevetta lo smartphone ad "attrito variabile": è utile anche contro i ladri

18 Giugno 2019 23

Quante volte vi è capitato di tirare fuori dalla tasca lo smartphone e, di conseguenza, trascinare con esso tutto il suo contenuto? Banconote, biglietti, chiavi, monete e ogni altro elemento a contatto con il telefono (persino con le pareti stesse della tasca!) finisce per seguire il movimento del dispositivo a causa dell'attrito causato dal loro contatto.

Ericsson ha pensato proprio a questa situazione quando ha compilato la descrizione di un suo nuovo brevetto (in Fonte), nel quale viene illustrata una nuova tecnologia che potrebbe permettere agli smartphone di modificare dinamicamente il coefficiente di attrito del dispositivo in base allo scenario rilevato. Questo sistema, infatti, è accompagnato da una serie di sensori presenti comunemente sugli smartphone (come fotocamere, microfoni, sensori di prossimità e luminosità, accelerometro, giroscopio e così via), i quali permetteranno al software di capire in quale contesto viene afferrato lo smartphone e modificarne il coefficiente d'attrito di conseguenza.

Ad esempio, qualora questo dovesse rilevare di essere in tasca, e che l'utente si stia apprestando ad estrarlo, il software potrebbe decidere di ridurre l'attrito del dispositivo per fare in modo che nessun altro oggetto della tasca possa essere trascinato. Lo stesso sistema può essere utilizzato anche per migliorare la presa in alcune situazioni o persino per renderla più scivolosa e molto meno semplice.

Ecco cosa accade quando uno smartphone "scivola troppo". Speriamo che il brevetto di Ericsson aiuti a ridurre le cadute accidentali!

Quest'ultimo caso viene descritto come una potenziale contromisura nel caso in cui qualcuno cerchi di rubare lo smartphone. Basta che il sistema rilevi, ad esempio, una presa insicura o che l'autenticazione biometrica (impronte, volto, schema di battito cardiaco e così via) non riconosca l'utente come il proprietario, ed ecco che il dispositivo può diventare incredibilmente scivoloso e molto difficile da afferrare, scoraggiando il potenziale ladro (sperando però che ciò non si traduca anche in una rovinosa e costosa caduta!).

L'idea di Ericsson - chiamata Adaptive Friction -, sfrutta un particolare sistema di vibrazioni ad oscillazioni ultrasoniche ipotizzato da W. Littmann in un suo articolo pubblicato nel 2001 su Archive of Applied Mechanics, intitolato "Sliding friction in the presence of ultrasonic oscillations: superposition of longitudinal oscillations". Controllando le modalità di vibrazione è possibile alterare il coefficiente di attrito del dispositivo in questione e Ericsson immagina di poter creare dei profili di attrito da salvare e applicare automaticamente in base alle condizioni del momento.

Ovviamente, trattandosi di un brevetto, non è detto che vedremo mai un dispositivo basato su questa tecnologia, tuttavia ci fa piacere scoprire che le società stiano valutando idee del tutto fuori dagli schemi per le prossime generazioni di dispositivi mobili, che non siano tutte esclusivamente legate al mondo dei pieghevoli.


23

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
viktorius

Nella tasca no, ma magari le donne lo mettono in borsa insieme ad altre cose. Ma anche gli uomini nei loro borsellino a tracolla

Bruno Boborosso Craighero
Massi91

AHAHAH poi prendi il cellulare mentre sei in palestra e ti scivola dalle mani ahaha FENOMENI!

franky29

Ma infatti non ci entrano xD

E K

Bentornato, é sempre un piacere!

Rieducational Channel

Avete sbagliato, non è il primo aprile.

Babi

Meglio se da una scossa elettrica! :)

olè

bè vorrei sapere chi nel 2019 mette ancora nella stessa tasca telefono + altri n oggetti.

il t10s dei punti della Esso è stato il mio primo cell... 1 RIGA DI DISPLAY. ma era di un bellissimo blu elettrico
https://uploads.disquscdn.c...

Frazzngarth

LOLWUT?!?!

Karellen

A livello di design erano eccezionali, soprattutto quella serie del t28s, r320s ed r380s (quest'ultimo era anche incredibile a livello tecnologico!). A dire la verità anche i sony mi piacevano molto, peccato che da quando si sono uniti secondo me ci hanno perso entrambi...

picomind
Karellen

Ericsson? Mi accontenterei di vedere un loro smartphone anche se non con attrito variabile! Con la classica antenna larga magari!

Karellen

Non proprio, questo usa delle vibrazioni che gli fanno fare una sorta di dithering meccanico, dovrebbe funzionare anche con cover, per lo meno quelle rigide.

Quotatore

Quoto

E K

Poi gli metti la cover e non serve piú a nulla.

Ritornoalfuturo
Alfredo Boccianti

Forse difficile da realizzare, ma ottima idea.

Ritornoalfuturo

Io farei il riconoscimento delle impronte esteso in tutto lo smartphone e se viene preso da estranei inizia a suonare come un pazzo

momentarybliss

Questa fa il paio con i minibot

BLERY

In collaborazione con Durex

dicolamiasisi

sarebbe la modalita riccio?

Asus

Asus Rog Phone 2 ufficiale: il miglior gaming phone ora ha 6000mAh | Anteprima

Samsung

Xiaomi Mi 9T VS Samsung Galaxy A50: confronto fra best buy

HDMotori.it

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A80 (2019): la fotocamera rotante non basta