Amazon Game Studios si riorganizza: sviluppatori licenziati e progetti cancellati

17 Giugno 2019 9

Amazon Game Studios ha licenziato "dozzine" di sviluppatori di videogiochi e cancellato diversi progetti non ancora annunciati: la notizia è nata sulle battute finali dell'E3 2019 come indiscrezione di Kotaku, la cui fonte era proprio una persona colpita dal provvedimento, ma è stata confermata dall'ufficio stampa di Amazon. Precisiamo che i dipendenti hanno tempo 60 giorni per trovare un altro posto sempre presso Amazon, dopodiché, se non ci riusciranno, riceveranno la loro liquidazione.

L'ufficio PR di Amazon ha detto che i Game Studios stanno "riorganizzando" alcuni team per accelerare lo sviluppo di New World, Crucible e altri progetti non ancora annunciati. La società sta lavorando a stretto contatto con i dipendenti interessati affinché trovino un altro impiego.

Amazon precisa di essere ancora "molto impegnata" nel settore dei videogiochi - sia per quanto riguarda lo sviluppo di titoli, sia per le infrastrutture (AWS), sia per i servizi (Twitch). In questi primi anni, tuttavia, le cose non sono andate benissimo per i Game Studios: Amazon ha cominciato a investire in modo massiccio nella produzione di giochi nel 2014, assumendo anche nomi molto illustri del settore (Clint Hocking e Kim Swift, registi rispettivamente di Far Cry 2 e Portal). Si sono però licenziati prima di presentare un prodotto finito.

In aggiunta, il primo titolo in assoluto presentato dai Game Studios, Breakaway, è stato cancellato. Amazon ha anche investito molto in CryTek per la realizzazione di Lumberyard, motore grafico gratuito e senza royalty sviluppato a partire dal CryEngine: ma non ha avuto molto successo.


9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
il Gorilla con gli Occhiali

Sicuramente stavano creando scempi tipo Minecraft e robaccia simile e ha fatto bene Amazon a mandarli tutti a raccogliere i fagioli. Amazon è roba seria, non fo##i con Amazon!

manu1234
Sandro Pignatti

Hahahah ma dove volevano andare...

Lox

Premetto che non mi fido molto di Kotaku visto che vede disastri ovunque, ma questo sembra un fallimento su tutta la linea gaming.

E' anche difficile mettersi su un mercato popolato da colossi ultra specializzati in quello.
Prima di Amazon c'era quasi il nulla per quanto riguarda le vendite on line.
E poi tenta ( per ora solo sul suolo americano ) di entrare anche per il settore alimentare.
In Italia gli sbarrerebbero immediatamente la strada, questo è sicuro.

Norman Tyler

mi riferivo al fatto che, sempre se Kotaku non spara caxxate, la chiamano riorganizzazione ma si legge smantellamento dopo una lunga sfilza di fallimenti

Da imprenditore, se prevedi una stagnazione su determinati settori che ora domini, dovresti diversificare.
Io la penso così.

Norman Tyler

hummm a leggere tutto mi sembra più una debacle ... ma forse sono io

Ammazza, diversifica come se non ci fosse un domani.
Tanto la piattaforma di distribuzione ce l'ha già.

Games

PlayStation 5 e Xbox Series X: la next gen due mesi dopo | Video

Android

Samsung Galaxy S21 (4000mAh): live batteria | Fine ore 23.10

Windows

Recensione Asus ZenBook Duo 14 UX482, ora sì che ci siamo

Articolo

I robot compiono 100 anni: come si sono evoluti dal 1921 ad oggi