NASA, visiterà l'asteroide metallico Psyche nel 2022

12 Giugno 2019 13

Se le recenti notizie di un piccolo asteroide potenzialmente in rotta verso il nostro pianeta hanno destato preoccupazioni esagerate, sappiamo che è molto alto l'interesse verso questo genere di corpi celesti. Abbiamo da una parte i giapponesi con la missione Hayabusa 2, che sono già riusciti a recuperare dei campioni di Ryugu, ma pure la NASA si prepara ad un'operazione simile con l'asteroide Bennu.

Le missioni sopra citate sono attualmente in corso, ma esiste un altro asteroide composto principalmente da metallo che risulta di grande interesse dal punto di vista scientifico, si chiama Psyche e sarà protagonista di una missione da parte della NASA prevista per il 2022.

Psiche risulta particolarmente intrigante tra gli asteroidi individuati, sappiamo infatti che la maggior parte di essi è composta da ghiaccio e rocce, ma al contrario di questi, Psiche vede una forte predominanza di ferro e nichel. Una delle ipotesi più in voga sulla sua origine, dice che potrebbe trattarsi del residuo del nucleo di un pianeta dalla dimensioni simili a quelle di Marte, che miliardi di anni fa potrebbe essere andato distrutto durante i periodi più burrascosi della formazione del sistema solare.

La NASA ritiene che una sua analisi diretta potrebbe offrire una serie di dati sul suo periodo di formazione, e perchè uno sguardo al sistema solare nelle prime sue fasi. La sonda Psyche della NASA potrebbe essere lanciata nell'agosto del 2022, arrivare nei dintorni di Marte nel 2023 e infine a destinazione il 31 gennaio 2026.

La NASA approfitterà della missione per testare anche la nuova tecnologia di comunicazione laser creata dal JPL e chiamata Deep Space Optical Communications , che può trasferire dati e immagini "almeno 10 volte più velocemente dei sistemi convenzionali".

Fotocamera Wide al miglior prezzo? LG G7 ThinQ, in offerta oggi da 4G Retail Tim a 278 euro oppure da Amazon a 364 euro.

13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
TheDukeMB

Beh, da qualche parte bisogna pure cominciare no? Comunque è vero, le possibilità di captare un segnale sono bassissime, ma è altresì provato che le più importanti scoperte in campo scientifico sono spesso avvenute "casualmente" (ex. vulcanizzazione della gomma, penicillina)

Boronius

Anni fa leggevo uno studio secondo il quale una ipotetica trasmissione radio aliena, anche di una potenza notevole, già a 200 anni luce da noi non risulterebbe neppure percepibile senza avere le coordinate celesti esatte, il momento esatto, e un bel radio telescopio. A questo punto non troveremo mai nulla...

TheDukeMB

Non credo tu abbia idea di quanto sia vasto l'universo, ma comunque rispondendo:
-Attualmente si può comunicare attraverso le onde elettromagnetiche (il laser è un fascio coerente di fotoni = onde elettromagnetiche) oppure attraverso comunicazioni quantistiche, mentre il primo caso è "facilmente" scandagliabile, il secondo caso porta con se complicazioni di natura teorica (non siamo ancora in grado di utilizzare bene questa tecnologia) e di natura tecnica (le comunicazioni quantistiche avvengono in modo bidirezionale solo tra una sorgente e un solo ricevitore, se non sei il ricevitore non hai modo di ricevere l'informazione), se ci fossero altri metodi non li conosciamo quindi non possiamo utilizzarli.
-Cercare una comunicazione o presunta tale nell'universo è più o meno gravoso come setacciare tutta la sabbia della riviera adriatica con un setaccino a mano, il fatto che non si siano trovati ancora segnali non vuol dire che la tecnica sia sbagliata ma semplicemente che c'è tanto da scandagliare
-Nessuno può dire se esistano o meno metodi diversi di comunicazioni interstellari, ma è abbastanza sensato partire col presupposto che se esistono altre forme di vita evolute come o più della nostra, qualcuna di queste utilizza o avrà utilizzato la nostra stessa tecnologia.

Boronius

Ok ma non hanno trovato nulla. Eventuali (ipotetiche!!) comunicazioni interstellari probabilmente utilizzano metodi diversi. Oppure non esiste nessun alieno

Babi
TheDukeMB

Laser=puntuale, quindi o hai le coordinate esatte dove puntare il ricevitore e sei in asse con la trasmissione oppure non rilevi nulla.
Quelli del SETI (che sono di qualche ordine di grandezza più preparati e intelligenti di noi due), utilizzano le onde radio per due motivi:
-Propagazione anisotropa
-Per il fenomeno del red-shift, è molto più probabile che il punto di origine dell'eventuale comunicazione si stia allontanando (visto che l'universo è in espansione) e che quindi le lunghezze d'onda si allunghino portandosi verso frequenze inferiori.

Boronius

"... comunicazione laser....", quelli del SETI stanno ancora cercando comunicazioni aliene via onde radio????

AlphAtomix

è un'astronave ormai alla deriva

saetta

Bravo Adamo, articoli sempre interessanti

P47r1

È un’altro

Babi

Visiteranno nel '22 se l'asteroide aspetterà!

Nel frattempo...
https://media3.giphy.com/me...

Squak9000

Recensione Oculus Rift S: la Realtà Virtuale per tutti è arrivata

Oppo

Recensione Oppo Reno 10x Zoom: C’è tanta potenza oltre il SUPER ZOOM

Abbiamo provato il 5G per le strade di Milano, vediamo come va | Video

Xiaomi

Recensione Xiaomi Mi Band 4, difficile chiedere di più a 35 euro