HTC VIVE Pro Eye disponibile in Italia: il visore VR costa 1679 euro

07 Giugno 2019 21

HTC crede nella realtà virtuale, e ritiene che questo ambito possa contribuire a risalire la china dopo anni di conti in rosso e trimestri negativi (vedasi dati fiscali del 2018). Non solo smartphone, dunque, per la realtà taiwanese, ma anche dispositivi VR estremamente avanzati come Vive Pro Eye, già presentato al CES di Las Vegas a inizio anno e ora pronto a fare il suo debutto sui primi mercati.

Si parte da Europa e Stati Uniti, Paese in cui può ora essere acquistato sul sito ufficiale o presso i negozi autorizzati al prezzo di 1.679 euro. Tale cifra rispecchia la tecnologia che questo visore nasconde sotto la scocca, a partire dal tracciamento degli occhi attraverso sensori interni che rende di fatto superfluo qualsiasi controller esterno. La navigazione tra i menu virtuali si fa con i propri occhi, null'altro.

Il dispositivo è stato progettato espressamente per i professionisti, e HTC afferma che sono diverse le realtà produttive che lo hanno acquistato per svolgere attività come la simulazione o la formazione. Come viene specificato dall'azienda taiwanese, i benefici che si ottengono nell'utilizzo di Vive Pro Eye possono essere sintetizzati come segue:

  • Eye tracking di precisione
  • Ambienti di allenamento dinamico
  • Analisi dei dati più precise
  • Esperienza d'uso intuitiva
  • Efficienza e qualità migliorate

PRIME APPLICAZIONI

Lo avevamo già anticipato a Las Vegas: MLB Home Run Derby VR è uno dei primi giochi con supporto al tracciamento oculare. E' stato sviluppato per "connettere i fan al gioco del baseball e offrire un nuovo livello di coinvolgimento attraverso le sessioni di gioco VR e le attrazioni nel campo", come spiegato Jamie Leece, SVP Games and VR della Major League Baseball. "I nostri fa possono gestire semplicemente i menu usando i loro occhi".

Altra applicazione di grande interesse è la configurazione della BMW M5 attraverso la BMW M Virtual Experience. Tutto è a "portata di occhi", dai dettagli interni fino alla scelta dei cerchi. Finita l'esperienza VR, è possibile prenotare un test drive e accedere a un micro-sito personalizzato con l'auto appena configurata.

Il visore HTC viene impiegato anche per allenare coloro che devono parlare in pubblico: con Vive Pro Eye vengono simulati ambienti con una vasta platea (virtuale), ed è possibile registrare dove chi indossa il visore posa maggiormente lo sguardo. E', questa, la soluzione applicata da Ovation, per formare le persone che hanno a che fare quotidianamente con la comunicazione.

  • Vive Pro Eye viene venduto con:
  • visore con cavo
  • SteamVR Base Station 2.0 x2
  • adattatore per base station x2
  • mounting kit
  • controller x2
  • link box
  • cavo USB 3.0
  • cavo DisplayPort
  • adattatore link box
  • mounting pad per link box
  • adattatore x2
  • cavo micro USB x2

E' anche possibile aggiungere il Vive Enterprise Advantage per un servizio premium di assistenza e riparazione con 2 anni di garanzia. Il prezzo è di 226€. Qui di seguito il link per l'acquisto.


21

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Danilo

Il Quest è un ottima scelta, è il primo passo verso il futuro della VR, libera da cavi e da PC potenti.. Se faranno modelli tipo il Quest su cui poter utilizzare Stadia e XCloud allora i PC Gaming per il VR non serviranno più

pollopopo

sono però meno immediati nel settings, inoltre per mantenere le prestazioni fluide a 90fps richiedono una potenza grafica molto elevata

Nuanda

e si ti sbagli, perchè l'effetto wow della realtà virtuale è dato proprio dal fatto che indossando un caschetto ti immerge in tutto e per tutto in un mondo virtuale, distanza compresa....anzi è la cosa che colpisce maggiormente......

Marco Cipriano

non sono un esperto o simile, ma ragionandoci un attimo su mi viene da pensare che comunque l'occhio mette a fuoco sempre alla stessa distanza che è data dalla vicinanza del display e dalla messa a fuoco delle lenti, quindi non credo ci sia una vera e propria variazione di profondità, magari mi sbaglio però.

Shon

alla fine i migliori visori restano della pimax....

Gatsu

Hahaha

Daniele

Ma i requisiti hardware?

Dark!tetto

Più che la luce blu il fatto è che ormai focalizziamo sempre più da vicino e in due dimensioni, l'occhio e la vista ne risentono. E il tutto è esoponenziale, meno ci vediamo più vicino ci mettiamo, più danneggiamo la vista. Paradossalmente questo problema potrebbe non sussistere con questi visori perchè simulano un ambiente tridimensionale e il nostro occhio (cervello) non lo percepisce come piatto e vicino, quindi mette a fuoco vicino e lontano.

Edit: Eccu nuanda l'aveva detto in 2 parole e non avevo letto xD

Daniele Loche

Costa più del VR Index della valve e non mi sembra che abbia da offrire di più. Flop totale dalla htc, sin dall'anno scorso quando è stato rilasciato.

Loky

credo che il problema non sia tanto la luce blu, quanto il mettere a fuoco oggetti vicini per il 90% della giornata (monitor, tv, smartphone), sarebbe bene fare brevi pause e fissare punti lontani per qualche minuto per non "impigrire" l'occhio.

Depas

Oggetto di uso esclusivamente aziendale e lavorativo

Nuanda

Ok non l'avevo capita questa cosa...

Marcomanni

Ho appena fatto spendere 1300 ad un ordine di architetti per il modello precedente.. Saranno felici.

Marcomanni

No, questo con foveated rendering serve a non avere il PC per forza di cose bello potente.

Ikaro

Poi ti accorgi che essere Marotta non è poi tanto male... https://uploads.disquscdn.c...

momentarybliss

Tra le righe di questo articolo emerge che l'utente di questo visore (come di altri, a questo punto) potrebbe essere profilato in base a dove si sofferma con lo sguardo per più di un tot. Mi vengono i brividi

Choz Chozzy

Idem, io ormai sia su smartphone che su tablet tengo la luce notturna (filtro luce blu che dir si voglia) attivi 24h su 24...

Nuanda

tanta roba...però ancora per pochi eletti, perchè comunque ci devi affiancare un pc bello potente per sfruttarlo a pieno...io per il momento ho preso il Quest e devo dire che è fantastico veramente...per chi vuole iniziare con la VR lo consiglio caldamente....

Nuanda

in realtà penso che i visori a livello di vista la affatichino di meno di uno schermo flat, perchè simulano pure la profondità.....

io sono nappo

io comunque ricordo che ci vedevo benissimo quando ero piccolo, non avevo problemi, un canestro te lo facevo da 20 metri tranquillamente.
adesso indosso gli occhiali e penso che la colpa sia da assimilare solo allo smartphone.
non so perchè non si fanno mensione a ste cose; questo dispositivo non è ancora peggio? non rovina gli occhi? l'unica debole cosa che ho sentito quest'anno è che su s10 samsung ha ridotto l'emissione della luce blu del 30% o roba simile; per il resto il nulla cosmico.
ci stiamo rovinando.

Samsung

Xiaomi Mi 9T VS Samsung Galaxy A50: confronto fra best buy

HDMotori.it

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A80 (2019): la fotocamera rotante non basta

Amazon

Le migliori offerte dell'Amazon Prime Day 2019 | Martedì 16 luglio