Amazon: azionisti contrari a limitare la vendita di Rekognition

23 Maggio 2019 14

Gli azionisti di Amazon hanno votato contro la proposta di limitare le vendite di Rekognition, il controverso algoritmo AI di riconoscimento facciale che il colosso dell'ecommerce fornisce a organi di polizia e altre istituzioni governative. La notizia arriva direttamente dagli Stati Uniti, dove la votazione si è conclusa poche ore fa.

La proposta era stata avanzata qualche tempo fa da parte di un gruppo di azionisti guidato da Open MIC senza scopo di lucro: avevano chiesto al consiglio di Amazon di smettere di vendere gli strumenti di deep learning legati al riconoscimento facciale fino a quando una terza parte non avesse confermato che l'utilizzo di questa tecnologia non contribuisse a violazioni effettive o potenziali dei diritti umani.

La stessa preoccupazione era stata espressa anche da parte di 85 associazioni per la tutela dei diritti umani, civili, razziali, digitali e religiosi, che all'inizio dell'anno avevano rivolto una lettera aperta ad Amazon, Google e Microsoft chiedendo alle tre aziende di non vendere le proprie tecnologie di riconoscimento facciale ai governi.


Secondo alcuni test condotti dalla American Civil Liberties Union (ACLU) infatti, Rekognition ha associato erroneamente i volti di 28 membri del congresso USA a quelli di altrettanti criminali o sospettati; l'affidabilità dello strumento in particolare si riduce in relazione alle persone di colore. Al contrario, Amazon sostiene che la tecnologia sia stata usata nel modo sbagliato, e che finora non siano mai stati accertati casi di abuso.

In risposta alla lettera aperta quindi, l'azienda di Jeff Bezos aveva preferito sostenere la necessità di formulare delle leggi adeguate a regolamentare questa tecnologia, in linea con Microsoft. Nel frattempo, le forze dell'ordine in Florida e Oregon hanno già iniziato a testare Rekognition. La città di San Francisco invece ha votato per limitare l'uso delle tecnologie di riconoscimento facciale una decina di giorni fa.

Venendo alla proposta votata ieri e mossa dal gruppo di azionisti guidato da Open MIC, la mozione era stata avversata fin dall'inizio dal consiglio d'amministrazione di Amazon, che aveva cercato addirittura di impedirne la votazione prima di essere bloccato dalla SEC (Securities and Exchange Commission).


Il risultato tuttavia si è dimostrato in linea con la volontà del consiglio di amministrazione, e in seguito al voto di ieri la mozione è stata respinta; una decisione accolta dalle proteste di manifestanti e dipendenti Amazon assiepati fuori dall'assise. D'altronde, come fa notare Tech Crunch, l'esito era già quasi certo, poiché l'amministratore delegato Jeff Bezos detiene il 12% delle azioni e il controllo sul voto della quota della ex moglie: un peso equivalente a quello degli altri quattro principali azionisti istituzionali di Amazon messi insieme.

Non solo: oltre alla mozione sopracitata, è stata respinta anche la proposta di dettagliare le misure prese dall'azienda contro l'incitamento all'odio e alla vendita di prodotti offensivi. Stessa sorte anche per la richiesta di produrre un rapporto relativo all'impatto ambientale dell'azienda, così come per quella di relazionare sulle misure prese per affrontare il cambiamento climatico. Queste ultime richieste erano state promosse da oltre 4.500 dipendenti dell'azienda; la medesima fine è toccata anche alla richiesta di cambiare il trattamento delle disparità salariali di genere.

Il miglior display sul mercato e un design fantastico? OnePlus 7 Pro è in offerta oggi su a 668 euro oppure da Media World a 829 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Horatio

Anch'io ho pensato a PoI.

Lox

Non essere così drastico, certo un la è la cosa migliore, ma anche senza si riescono a creare software di profilazione e di individuazione, di alcuni si è anche venuti a sapere in passato

Lox

Parlavo di sistemi di sorveglianza complessi non semplici software di riconoscimento facciale

Kamgusta

Software di riconoscimento facciale in real time ESISTONO già da anni e SONO USATI già da anni...

dario

Non tirasse troppo la corda nel respingere le giuste richieste dei dipendenti, amazon: 10 giorni di sciopero generale e finisce a gambe all'aria.

Maurizio Mugelli

senza l'ai ad identificare cosa sta succedendo devi ricorrere necessariamente a delle persone che guardano in diretta i monitor collegati alle telecamere

I peperoni non avevano la forma felina.

Raphael DeLaghetto

O un gatto?

Ho mangiato i peperoni a colazione.

Mmm...

maxforum

cavolo io ammetto di non essere un letterato... ma questo è davvero un incubo grammaticale XD

Lox

Non saranno ia, ma nessuno mi toglie l'idea che software molto avanzati a tal scopo esistano già da anni.

Zeronegativo

"vogliamo i soldi, non garantire la privacy"

Abbiamo provato il 5G per le strade di Milano, vediamo come va | Video

Xiaomi

Recensione Xiaomi Mi Band 4, difficile chiedere di più a 35 euro

Sony

Recensione Sony Xperia 1 in 21:9, letteralmente!

Huawei

Oppo Reno 10x VS Huawei P30 Pro: Confronto Fotografico | VIDEO