Toshiba pronta a riacquisire la divisione memorie da Apple, Dell e SK Hynix

20 Maggio 2019 25

È passato circa un anno da quando la divisione memorie di Toshiba è stata acquistata per 18 miliardi di dollari da un consorzio che al suo interno include nomi importanti dell'industria tech come Apple, Dell e SK Hynix.

Oggi, stando alla nuove indiscrezioni riportate dal The Wall Street Journal, pare che la società giapponese sia pronta a riacquistare le quote cedute per riprendere pieno controllo del suo business. In molti si chiederanno quale possa essere il senso di acquistare nuovamente quanto venduto poco meno di un anno fa, arrivando a pagarlo una somma di denaro maggiore di quella incassata appena 11 mesi prima (d'altronde le società che hanno partecipato vogliono ricavare un profitto).

La spiegazione è molto semplice. Lo scorso anno Toshiba navigava in cattive acque e su di lei incombeva la minaccia di un'acquisizione parziale da parte del concorrente Western Digital. Affidando invece il tutto al consorzio, la società giapponese è riuscita a congelare il suo business e a riassettare i suoi conti; ora, dopo una nuova iniezione di liquidità da parte delle banche nipponiche - si parla di 11,8 miliardi di dollari di finanziamenti che precedono la sua quotazione in borsa -, Toshiba è pronta a riacquistare parte di ciò che aveva ceduto.

Secondo il WSJ, le compagnie che hanno fatto parte del consorzio riusciranno ad intascare qualche centinaio di milioni di dollari di profitto, è stato quindi un ottimo investimento che ha permesso di avere un rendimento particolarmente alto in poco meno di 12 mesi. Un importante guadagno, sia per le compagnie che hanno preso parte al piano, sia per il mercato stesso, in quanto l'operazione ha permesso di preservare l'esistenza di un importante concorrente e ha evitato che il settore potesse essere dominato da Western Digital.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro è in offerta oggi su a 418 euro oppure da ePrice a 479 euro.

25

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Adriano

Ah questo si, ma ne ho sentite diverse da chi lavora lì e fidati, non sono da meno anche se hanno un modo diverso e perverso di mostrare il loro disgusto. Finché sei turista e gli porti soldi sono tutti felici e ospitali. E te lo dico da uno che ama alla follia la loro cultura e il loro paese

lore_rock

Perché l’italiano medio é un gran razzista e per nulla nazionalista, che peggio

3DBoom

vero ma è un equilibrio sottile, sentimenti antiusa e ritorsioni sul costo manodopera potrebbero impoverire gli ordini ricadendo proprio sul lavoro degli operai. Trump vorrebbe produrre in USA? Motorola (allora in mano a Google) fece in Texas il MotoX, non vorrei citare dati a caso ma mi pare di ricordare che la cosa costasse 5$ in più al pezzo rispetto a farlo in Cina. I dipendenti avranno pensato: non molta la differenza, tanto orgoglio. I dirigenti hanno pensato: è un ottimo smartphone, ne abbiamo venduti 1 mln di pezzi...ops potevamo guadagnare 5mln in più da metterci in tasca. Fabbrica chiusa e via in Cina per poi vendere baracca a Lenovo.
Trump mira a tenere per le palle le compagnie che minano i suoi interessi; la sicurezza è una fregnaccia come le armi di distruzione di massa dell'Iraq.

Idkfa

I Giapponesi non hanno problemi di finanziamento per il semplice motivo che il loro debito è tutto detenuto da soggetti interni al paese. Il debito Giapponese infatti è in massima parte in mano a banche, posta e giapponesi. Se non hai volatilità sui tassi, si possono affrontare anche manovre monetarie espansive senza pagare un conto troppo salato, in quanto comunque hai la fiducia nell'acquisto da parte dei cittadini e istituzioni finanziarie. Altro popolo rispetto a noi italiani.

JustATiredMan

ovvio che e' un esagerazione, ma siccome parti della produzione viene comunque fatta in cina, se gliele banni, hanno ripercussioni non certo indifferente, e in taluni casi, almeno nel breve, tali da bloccare la produzione dei prodotti finiti.

Francesco Renato

Esatto, aggiungerei che l'acquisto delle azioni proprie, che dovrebbe essere vietato per legge, serve ai dirigenti delle società per consolidare il loro potere autoreferiale e aumentarsi i bonus a livello di vera e propria rapina degli utili a danno del parco buoi, la disonestà dei massimi dirigenti porterà alla rovina del sistema economico e sociale.

3DBoom

bugia. Non tutti e non per tutte le linee produttive. Panasonic produce le batterie in Giappone per esempio, anche quelle marcate Amazon o le nuove ricaricabili di Ikea. Ha linee produttive miste anche fra Giappone e EU come la Repubblica Ceca.

Adriano

La differenza è sottile

LoneWolf®

Si, tanto bene o male si segnano tutte con l'uso. Effettivamente le Samsung sono quelle che mi trasmettono più affidabilità, la Fit 128 GB (meno ingombrante) è sui 37€ venduta da Amazon. Guardo se trovo qualche informazione in più per qualcosa da 256Gb, sennò andrò di Samsung.

Chirurgo Plastico

Ho preso la SanDisk ultra flair 64 GB, buona ma ha la maggior parte della costruzione in plastica, è molto piccola. Velocità buona (ho un pc vecchio, non posso fare grandi paragoni). Ho preso anche la Samsung MUF bar 32 gb, tutta in metallo, veramente robustissima, la trovo la migliore sul mercato attualmente. Interessanti le Chiavette USB A- USB C ma non le vedo molto durature. (Preferisco una USB A con adattatore, io comunque non ho dispositivi USB C)
La Samsung MUF come “pecca” ha che si è un po’ rigato il connettore USB (ti allego foto) perché calza proprio a pennello.
Ti consiglierei la versione 128 GB (sui 41€ venduta da Amazon) o la 256 gb (da terzi) sui 55€. Quest’ultima e BE4, quella di Amazon BE3, non so bene quale sia la differenza.
Io comunque andrei di Samsung MUF (mi ispira più robustezza la bar della fit)
https://uploads.disquscdn.c...

GiOvYSish

se non mi sbaglio i toshiba da sopra i 3tb sono i migliori o cmq ci stava un modello top, per ssd penso samsung è la migliore e le crucial per il prezzo che offrono top, per le chiavette usb ho una lexar da 128gb comprata al blacfriday 2 anni fa a 25 euri giusto per metterci le serie tv ecc va un bomba velocissima anche da piena infatti mi a stupito

LoneWolf®

Proprio ieri stavo guardando un pò di pen drive, perchè me ne servirebbe una.
Mi sono imbattuto nella MUF Bar e nella MUF Fit Plus di Samsung, che trovo interessanti per le protezioni che offrono. Che mi dici della velocità di trasferimento in scrittura e lettura?
La Patriot Supersonic Rage 2 si trova a prezzi interessanti e in teoria è anche velocissima, nei commenti però ho letto che la velocità non è costante durante i trasferimenti.
SanDisk ho sentito sempre parlar bene della Extreme Pro, interessanti anche i modelli Ultra Dual che hanno la doppia presa USB 3.1 e Type-C.
Kingston la solita serie Datatraveler, ma ha velocità più basse. I modelli HyperX Savage invece sono ai livelli di un SSD, ma costano ovviamente.

Insomma non so dove buttarmi, cercavo una 128/256 gb affidabile nel tempo e con velocità decenti senza andare oltre i 50€.

Marco Revello

Uno non esclude l'altro.

LoneWolf®

In parte, poi c'è da tenere di conto di tutte le componenti macroeconomiche di un paese. Dopo il 2007 sembra che nessuno abbia imparato la lezione, siamo arrivati a livelli di debito globale superiori all'ultima crisi. Le banche centrali hanno cercato di immettere liquidità nei mercati in questi anni, ma sono stati per la maggior parte buttati al vento (creando ulteriore debito) invece che nell'economia reale. L'utilizzo più grosso che ne è stato fatto da parte delle aziende, è l'acquisto di azioni proprie per mantenere i prezzi dei loro titoli alti e, di conseguenza, non far venire giù tutto. Ma siamo agli sgoccioli, tempo uno/due anni e rischiamo di beccarci una recessione peggiore dell'ultima.

lore_rock

Razzisti o nazionalisti?

Francesco Renato

Si stanno rialzando a furi di iniezioni di liquidità, cioè di droga monetaria, sopravviveranno fino a quando i giapponesi continueranno ad avere fiducia cieca nella loro moneta.

Francesco Renato

Il libero mercato non esiste più da quando è stata abolita la convertibilità del dollaro in oro, ora a governare il mercato sono i signori della moneta, coè i governatori delle banche centrali, sono loro che sconvolgono i mercati con le loro decisioni, più o meno demenziali, rigorosamente tenute segrete.

Chirurgo Plastico

Ma tra una USB Western digital, Toshiba, Kingston, SanDisk, Samsung cosa preferite?
Ho preso tempo fa una Samsung MUF bar. La ritengo veramente solida e ben costruita

Adriano

Tra i più razzisti del mondo, ma si, c'è da dire che il fascino della loro cultura non ha fine

LoneWolf®

In Giappone vivono con un Quantitative Easing perenne ormai, $11 miliardi di liquidità ad una azienda dovrebbero far paura. Il libero mercato è andato a farsi benedire, tra non molto ricrolla tutto come nel 2007.

Aster

Quali?

lore_rock

I giapponesi se lo meriterebbero, un popolo onesto

JustATiredMan

si, hanno tutte le fabbriche in cina anche loro.

Cerbero

Esatto.

Legend94

Ma sbaglio o tutte le aziende giapponesi si stanno rialzando di brutto? Buon per loro, vuol dire che il Giappone e uscito completamente dalla crisi

Xiaomi

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?

Xiaomi

Recensione Amazfit Bip Lite: display sempre visibile e batteria incredibile

Huawei

Il mare tra foca Monaca, granchi e capre con Huawei P30 Pro | Recensione Case Sub

Sony

Sony Xperia XZ3: a quasi un anno di distanza resiste bene | Riprova