Ho comprato uno smartphone Huawei: cosa cambia e cosa fare adesso?

20 Maggio 2019 430

Tra i tantissimi commenti che abbiamo letto sulla vicenda "ban Huawei/Google", si nota una certa preoccupazione da parte dei lettori circa il futuro degli smartphone Huawei già comprati e acquistati, magari a rate di 30 mesi, nelle ultime settimane.

Premesso che non esiste una risposta ufficiale chiara e certa al momento, dopo aver sentito Google Italia e Huawei Italia e aver cercato informazioni ovunque tra siti esteri e non solo, lo scenario più realistico è quanto segue.

HO COMPRATO UNO SMARTPHONE HUAWEI/HONOR: SMETTERA' DI FUNZIONARE?

La risposa è molto semplice e certa: no, lo smartphone continuerà a funzionare come oggi. Tutti gli smartphone che sono stati presentati ad oggi, continueranno ad avere accesso completo al Play Store e ai servizi Play Protect. Questo vuol dire che sarà possibile aggiornare le applicazioni Google (Gmail, Maps e altre) ed avere accesso alle applicazioni nuove o vecchie.

Inoltre sarà possibile utilizzare applicazioni di terze parti che sfruttano i servizi Google. Per esempio app che hanno integrate api Maps, servizi di login Google o altro ancora. Dunque, lato funzionalità applicazioni non avrete problemi o differenze rispetto ad oggi.

LE PATCH DI SICUREZZA ARRIVERANNO?

La risposta in questo caso non è semplice. Tecnicamente le patch di sicurezza le crea Google e le certifica sulla base degli update che i produttori rilasciano (che non sono necessariamente mensili). Google ha parlato solo di Play Store e Play Protect e le patch di sicurezza non dovrebbero far parte dell'accesso ai servizi Protect.

Huawei potrebbe comunque aggiornare i propri smartphone con Patch aggiornate, senza però passare dalla certificazione Google. In questo caso le tempistiche potrebbero essere molto più lunghe.

Huawei però ha scritto chiaramente - Huawei continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, ovvero quelli già venduti o ancora disponibili in tutto il mondo. Continueremo a costruire un ecosistema software sicuro e sostenibile, al fine di fornire la migliore esperienza d’uso a tutti gli utenti a livello globale.

L'altra ipotesi, visto che gli update di sicurezza sono comunque "certi", è che l'accordo con Google rimanga valido per tutti gli smartphone già presentati e commercializzati e che quindi, per P30 Pro o precedenti, le patch mensili siano comunque certificate da Google essendo il "ban" successivo.

GLI AGGIORNAMENTI DI DISTRIBUZIONE COME ANDROID Q ARRIVERANNO?

Anche in questo caso una risposta secca non c'è. Nella beta di Android Q è presente anche Mate 20 Pro, prodotto che dunque è stato scelto da Google come "beta tester" per la nuova distribuzione che arriverà a settembre circa.

Le possibilità sono fondamentalmente due:

  1. Tutti i prodotti già commercializzati verranno comunque aggiornati, oltre che con patch, anche con nuove distribuzioni qualora disponibili e compatibili senza che ci sia in pratica nessuna variazione rispetto a "ieri".
  2. Huawei potrebbe realizzare l'aggiornamento ad Android Q anche qualora non fosse possibile certificarlo tramite Google. In questo caso si parlerebbe di un aggiornamento su base AOSP, ovvero sul codice sorgente Android che è Open Source e con la personalizzazione Huawei Emui. Difficile al momento dire se, in caso di aggiornamento di distribuzione, le Google Apps e i servizi Google Play rimarranno accessibili, magari con download successivo all'installazione.
SE ACQUISTASSI UN NUOVO HUAWEI TRA 4 O PIU' MESI, POTREI AVERE PROBLEMI?

La risposta va divisa in due parti:

  • Acquisto di uno smartphone nuovo Huawei/Honor presentato prima del 20 maggio 2019. In questo caso vale tutto quello detto sopra nelle precedenti domande/risposte. Dunque nessuna particolare controindicazione se non l'incertezza su chi rilascerà patch, tempistiche ed eventuali aggiornamenti di distribuzione.
  • Aquisto di uno smartphone Huawei/Honor presentato dopo il 20 maggio 2019. In questo caso la risposta è al momento incerta perchè, teoricamente, stando alle dichiarazioni attuali, non vi è alcuna garanzia circa la presenza delle applicazioni Google all'interno dei nuovi device, la gestione delle patch di sicurezza e l'accesso ai servizi Google. Quello che possiamo ipotizzare è che non ci saranno le G Apps preinstallate.

Va però detto che, in riferimento all'ultimo punto, Huawei e Google potrebbero già aver certificato alcuni nuovi prodotti dell'azienda e non è detto che una presentazione e relativa commercializzazione dopo il 20 maggio, equivalga per forza ad assenza di servizi e programmi Google.

Certo è che tra Honor 20 Pro, Mate X, P20 lite 2019 e altri prodotti in arrivo, l'incertezza ad oggi c'è ed è più che comprensibile. Attendiamo comunque informazioni da Google e Huawei circa ques'ultima parte.

IL PRECEDENTE:

Un precedente però c'è: Meizu inizialmente commercializzava prodotti non certificati Google, senza servizi preinstallati e senza accesso al Play Store. Fatta però la prima configurazione, era possibile non solo scaricare tutte le Apps Google, ma anche il Play Service e far funzionare le app di terze parti. Idem per gli aggiornamenti di sicurezza che, sebbene con ritardo e non sempre, venivano rilasciati direttamente da Meizu.

Questa possibilità è dunque realistica anche se oggi la situzione è cambiata e i player in campo sono diversi: Huawei è nettamente più in vista di Meizu e non possiamo sapere se una politica di "installazione G. Apps fuori dal Play Store" possa essere tollerata.

NOTA: L'ARTICOLO VERRA' AGGIORNATO CON INFO CERTE NON APPENA SARANNO DISPONIBILI.

VIDEO


430

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Veronica Vuolo
Claudio Corradi

Ah si lo sa' bene anche Huawei che dopo aver visto come si muoveva l'amministrazione Trump (vedi i precedenti ZTE, e sapendo quali erano i VERI motivi della ripicca USA) , si preparava da tempo per arginare e contrastare senza fare i zerbini ...
Zerbini come tanti che si prostrano alle ingiustizie ... e si bevono quello che falsamente gli propinano ...

Claudio Corradi

So tutto e meglio di te che parli a vanvera , so bene quali sono le cause del tutto anche quelle che sfuggono ai sapientoni come te ... che si riempiono la bocca di notizie pilotate dandole per vere ... non so perché tu sia cosi fazioso , e a volte basta poco per crearsi inutili pregiudizi ed antipatie , comunque aspetta e vedrai ... sono certo che tutto si evolverà smentendo i tuoi pregiudizi e l'inutile blaterare di chi sparla senza dare prove di fatto e anzi magari fare lo stesso o peggio ...

Andrea Z.

vorrei comprare un tablet android CON PENNINO e le scelte mi sembra di capire che sono solo huawei o samsung, con 200 euro in più per il samsung... non so che fare

Mariux Revolutions
Mattexx

Quello che doveva succedere è già successo Huawei sta accelerando per lo sviluppo del suo OS proprietario che peró non potrà avere il Play Store e le Google App ma avrà le sue alternative cinesi, per lo store si parla di una collaborazione con Aptoide.

Mattexx

Quello che peró potrà fare Microsoft e bloccare gli aggiornamenti, volendo potrebbe anche invalidare le licenze di Windows che ha dato a Huawei per i suoi computer.

Sirius Bau

La risposta al suo nickname è chiaramente "pig".

utente

Non mi sta simpatica l'azienda, ma l'articolo dice il contrario, non ci sarà nessuna conseguenza per chi ha un Huawei.

kArViX

I primi telefoni MEIZU erano certificati Google, successivamente hanno perso la certificazione (forse tra il 2015/2016), dal 2017 tutto è tornato in regola e i dispositivi MEIZU rilasciati in quell'anno sono stati regolarmente certificati.

fire_RS

Ahahahah ha fatto pure la battuta sei proprio un genio

AB

Esatto: solo i fatti, ma non come li intendi tu... X-DDD

Massimo De Biasi

Io non sottovaluterei troppo i Cinesi.
Poi ci sono troppi milioni in gioco da tutte e due le parti, e sui soldi non ci sputa nessuno.
Già ora hanno prorogato a 90 gg. la decisione del blocco.
Fra tre mesi tutto può cambiare, non ci resta che aspettare.

The King
luca bandini

hai un huawwei? ora è un fermacarte...feature!

tizio caio

Grazie per la risposta, chiedevo perché ho letto di rumors su Windows intenzionata a fare la stessa cosa di Google....

Lorenzo
Grizznation

il problema è sempre per l'utenza media a mio avviso...sinceramente credo che molti pur di non rischiare possano rivolgersi altrove quando acquistano uno smartphone, anche perche di certo le alternative non mancano e sono comunque piuttosto valide..

andry

L'avrò scritto decine di volte, ma ogni tanto è bene ricordarlo: il 99% degli utenti conosce solo Apple e Samsung, il resto sono chiacchiere da blog, quindi Oneplus sta riscuotendo successo nel campo degli appassionati e se in giro ti permetti di dire Oneplus a qualcuno nel 99% dei casi ti risponderà "OneChè?".

fire_RS

Segna segna...i fatti confermano quello che ho scritto

Matteo

Sul mio Honor 9 sto aspettando l'aggiornamento ad Android 9 con l'EMUI 9.0.1. Secondo voi lo riceverò? Questo aggiornamento è uscito diverso tempo fa (molto prima della notizia di ieri), solo che poi è stato ritirato per dei malfunzionamenti che alcuni hanno riscontrato.

MisterB

Te lo tieni bello stretto

AB
AB
tizio caio

Domanda da ignorante in materia,ho preso da un mese il matebook D, che devo fare?

Crissi

Stavo proprio per scriverlo!

Alex

Siete molto giovani ragazzi, credetemi... Vi manca tutto il percorso che Samsung ha fatto per arrivare dove è oggi. Tanta, tanta, tanta pubblicità. La qualità è l'assistenza del prodotto non sono mai stai all'altezza della spesa. Non sono uno a cui piace le cinesate ma i componenti vengono sempre dagli stessi posti, questa è la triste realtà... Vedremo come andrà a finire...

Max

Il mate 20pro è stato escluso dalla beta di Android Q

fire_RS

samsung a differenza dei cinesi rispetta le leggi dalla A alla Z, i loro telefono non spiano e hanno valori Sar molto bassi.

inside the game

tra qualche giorno i telefoni huawei li regaleranno con 30 euro di spesa all'esselunga...

gp 1

E chi se lo compra in Italia un telefono senza facebook Instagram whatsapp YouTube?
Le aziende usa non possono avere accordi con Huawei ne tantomeno produrre app per un eventuale suo sistema operativo.
A parte che al momento Huawei non sarebbe in grado di produrre più telefoni visto che dipende da hardware Usa.

gp 1

È sempre foxconn che produce in india, basta aprire un capannone e mettere i macchinari.
Ed è sempre foxconn che insieme ad Apple che dovrebbero aprire fabbriche negli Stati Uniti perché Trump vuole costruire gli iPhone a casa sua, almeno quelli destinati al mercato interno.

piodorco

così per dire
due miei amici hanno preso un Samsung 6 mesi fa
stesso modello, spesa intorno ai 350/400€ non so che modello però, io ho preso invece il mi9
loro hanno un sacco di problemi al telefono (tipo si spegne a caso, il touch impazzisce ogni tanto finché non riavvii, a volte manda SMS da solo) io col mi9 da allora zero problemi.
dopo questo dimmi il sistema operativo fatto bene, quale dei due telefoni lo ha ?

Giampi

Tranquilli sono anni che LG senza BAN segue questa politica e ancora vende i suoi device...

dicolamiasisi

se il mondo asiatico smette di comprare iphone sarà apple a rimetterci di piu...huawei mantiene almeno il mercato cinese

dicolamiasisi

comprato mate 20 pro a 50€

Pietro Smusi

Google ha tutti i dati che queste aziende usano, é impossibile pensare ad un mondo senza un colosso del genere visti i servizi che fa. Il treno é passato ormai.

Max

Non mi interessa, oltre ad essere falso .
Gli USA non sono il nemico, neppure potenziale.

Max
Mattia Albanese

hai sbagliato dal principio, la samsung è coreana e quindi non avrebbe interesse alcuno a salvarla economicamente. 2) se compri un Samsung non compri "la stessa cosa" compri un servizio assistenza all'altezza, compri la disponibilità immane di accessori, compri un sistema operativo FATTO BENE e curato 3) la samsung produce un'immanita di elettrodomestici e la fascia 'smartphone' non è l'unica ad avere un monopolio economico

mariuccio m

Sisi vince Trump ahahahah e secondo te i miliardi che Android guadagnava con huawey non saranmomposti di lavoro persj per gli americani ? E poi.. pensi che i cinesi siano stupidi ? Sai dove fabbricano le Ram, i processori ecc.? Bene se la Cina si incazza voglio vedere quanto costeranno le Ram e i processori e finisco con... la Cina detiene una altissima percentuale del debito americano . Credi che se ne stiano buoni buoni ?

Omegaone

Non so Pietro, forse la frammentazione non è andata bene qualche anno fa. Ma ora tutti i maggiori produttori penso che proveranno a trovare il modo per sganciarsi da Google

Ray Allen

1) niente
2) niente

Loris Piasit Sambinelli

il mio primo telefono è stato un mitsubishi. fai tu!

DKCountry

uuuuuh che pauraaaaaaa

Omegaone

Ma chi te lo dice che non verranno bannati altri marchi cinesi? Max il fatto è che a me non frega nulla se in uno smartphone mancano app native o Google provided, ma a mia figlia no. E sinceramente mi scoccia non poco essere chiamato ogni qualvolta mia figlia ha bisogno di scaricare una App. Io penso invece che la c. d. frammentazione non possa far altro che accrescere la concorrenza e quindi maggiori benefici per gli utenti finali, ma questa è una mia opinione

Omegaone

Probabilmente la maturità risiede in molto altro, e molto...ma molto marginalmente sull'acquisto di un nuovo device...

ellios76

15€ è ci sto pure rimettendo

Master

ma stiamo parlando degli Stati Uniti che inseriscono una back-door in ogni dispositivo elettronico che abbiamo a casa

marco76
Android

Samsung Galaxy S10+: tutte le novità di Android 10 e One UI 2.0 | Video

Eventi

HDblog domani a ROMA: Nova 5T, Smart Eyewear e FreeBuds 3 e HDblog for Work

Android

Recensione Google Pixel 4 XL e confronto sblocco 3D con iPhone 11

Mobile

Recensione Huawei Watch GT 2: super autonomia e bel display