Amazon Alexa: non c'è modo per impedirle di archiviare le registrazioni audio

07 Maggio 2019 92

Amazon Alexa è nuovamente al centro delle perplessità della stampa internazionale. Dopo l'analisi realizzata da Bloomberg, questa volta è il The Washington Post a bacchettare la società di Jeff Bezos sul tema della privacy.

Al centro di tutto troviamo sempre le capacità di ascolto di Alexa, sia sui dispositivi Echo che sugli smart speaker compatibili, ma a questo giro non si tratta di capire se sia giusto o meno che le conversazioni che gli utenti hanno con l'assistente vocale vengano ascoltate o meno da un team di persone, bensì del fatto che - allo stato attuale - sia praticamente impossibile negare ad Amazon la possibilità di registrare e tenere traccia di tutti i dati vocali ricavati da Alexa.

Certo, esiste la possibilità di impedire allo speaker di accedere fisicamente ai microfoni tramite la pressione dell'apposito tasto presente su tutti gli Echo, tuttavia questo inibisce la funzione di ascolto e rende inutilizzabile Alexa. Non è quindi questo il punto portato all'attenzione dal Post, quanto il fatto che Amazon non offra agli utenti un metodo efficace e semplice per fare in modo che i dati vocali vengano immediatamente scartati dopo il loro utilizzo, impedendo quindi la loro archiviazione ed analisi.

Amazon permette di accedere alla propria cronologia delle conversazioni (vistate QUESTO link) e di cancellarla in blocco o frase per frase, tuttavia questo significa che spetta all'utente effettuare manualmente l'operazione e che comunque non c'è modo per impedire che una determinata frase venga conservata e analizzata da Amazon, anche solo per un breve periodo. Per fare ciò dovreste costantemente accedere alla pagina dedicata ogni volta che vi interfacciate con Alexa: non certo il massimo della comodità.

A differenza di quanto fatto da Amazon, Google offre questa possibilità per il proprio Assistant (potete impedire il salvataggio dei dati vocali, a discapito di una minor precisione nel riconoscimento), dimostrandosi quindi un po' più attenta al tema della privacy, almeno sotto questo punto di vista. Apple, d'altro canto, non utilizza proprio questi dati, motivo per cui Siri risulta mediamente inferiore rispetto alla concorrenza. D'altronde i dati vocali degli utenti servono anche a questo: migliorare in continuazione i modelli alla base del funzionamento degli assistenti virtuali.

Siete disposti ad accettarne uno meno smart in favore di una più attenta politica della privacy o preferite il meglio delle funzionalità a qualsiasi costo? Fateci sapere la vostra posizione nei commenti.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla.it a 635 euro oppure da Amazon a 755 euro.

92

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sagitt

hai detto bene, i pirl4, che sono quelli che fanno cose assurde.
le persone normali o con impianti decenti non lo fanno

sopaug

caso limite? Guarda nei gruppi fb di amazon o ghome quanti p1rla fanno come ho descritto io...

sagitt

Stai guardando un caso limite, appunto il 10% degli smanettoni, perché la maggior parte usa controller come arduino o simili sui contatti fisici, qui di se non colleghi i cavetti non disattivi nulla.

sopaug

funziona come dico io, semplicemente sei tu che non capici perchè non sai come alexa o google home si interfacciano ad hassio. Se buco il cloud di hassio (che è quello che fa da interprete tra hassio e assistente) o il rasp esposto (se ti sei fatto la skill personalizzata) ho il modo di mandare tutti i comandi che voglio all'interfaccia dell'antifurto esposta sulla rete locale via api http/rest, che non prende solo il comando che vuoi tu ma tutti quelli che voglio io a quel punto.
E ho fatto l'esempio di hassio ma vale per tutti.

sagitt

non funziona come dici. se tu hai una logica locale, sia che comanda dei relè che gestisce l'antifurto tramite API http\REST locali, sia che lo fa direttamente sulla centralina tramite contatti, rimane una logica locale… tipo un arduino o un raspbery (più arduino che rasp).. ok? quindi fino a che non apri porte tramite il router direttamente su questo dispositivo nada. Ora, se tu interfacci il tutto con hassio, mettiamo mqtt via arduino, comandi tramite hassio la specifica funzione programmata su arduino e la specifica integrazione su hassio… ci siamo? ora se tu colleghi hassio al servixio cloud alexa\ghome su questo servizio verrà esposto solo il comando programmato in hassio senza possibilità di fare null'altro.

se poi usi homekit ancora meglio perché è locale e viene mandato al proprio icloud tramite un hub

per fare quello che dici tu servirebbe programmare disattivazione e attivazione e comandare il tutto direttamente dall'interfaccia che ha questi comandi.

il 10% dei casi, forse, con dei pirl4.

sopaug

provo a spiegartelo per l'ultima volta, una sola però.

Perchè hassio comandi la centralina vuol dire che lei ha aperto qualcosa ok? Quel qualcosa che hassio usa per entrare e dire "accenditi". Attraverso quel canale alla centralina puoi dire anche "spegniti". Hassio è esposto di suo oppure attraverso il suo cloud, se qualcuno te lo buca fa quello che vuole con il tuo antifurto. A meno che tu non ti fidi ciecamente della sicurezza di un progetto amatoriale in beta che si fa strapagare un cloud che funziona singhiozzo naturalmente, ma qui sta all'ingenuità della persona e non posso farci nulla.

sagitt

Non lo esponi se lo usi localmente con interfacce tipo hass o simili

sopaug

è proprio questo che non hai capito: se esponi un raspberry che in qualche modo attiva l'antifurto stai esponendo indirettamente l'interfaccia che prende i comandi, anche la disattivazione.

sagitt

No ho capito bene, ma se la logica delle api è locale (su un raspberry) e questo ha al suo interno la funzione di solo attivazione, tramite un trigger di alexa o apexa+iftt o alexa+hassio quello che vuoi non sì può magicamente disattivarlo

Non stai esponendo la tua itf in rete direttamente

sopaug

che era quello che avevo scritto io in prima battuta parlando di esporre l'interfaccia di attivazione. Ti sei lanciato quindi in una dissertazione del tutto inutile per dimostrare di "saperne di più" quando evidentemente avevi solo "capito di meno"

sagitt

no, ti ho detto che i sistemi di scambio segnali con antifurto sono fatti in un certo modo, e che comunque chi ha cognizione mette solo l'attivazione.

se poi uno è st0lto e sfrutta sistemi web o sms tramite robe come iftt per disattivare ed attivare antifurti... è appunto uno st0lto.

generalmente si usano i contatti puliti.

sopaug

hai cominciato a parlare come un elettricista senza capire che ovviamente mi riferissi ad altro.

sagitt

E io cosa ho detto?

sopaug

tu che dici a me che non so di cosa parlo è una cosa decisamente ridicola :)

Tutti gli antifurti decenti (veri antifurti, non quelle robe che trovi su amazon)prevedono opzionalmente una scheda con interfaccia gsm o ip direttamente... Ed è ovviamente da quella che si possono fare gli accessi remoti per accendere o spegnere, mi pare ovvio. E se la logica di inoltro locale è esposta per attivarla con un assistente vocale diventa un potenziale vettore di attacco (anche prima di legarla a un assistente vocale, beninteso), anche se tu imposti la sola attivazione.

sagitt

non sai di cosa parli, l'attivazione di un antifurto generalmente si fa fisica con contatti puliti, ovvero si collega un relè ai contatti sulla scheda madre che lo attiva ed è impossibile disattivarlo, inoltre se l'antifurto è recente gira su fili bus richiedendo specifiche interfacce programmate per fare queste funzioni.

quelli di cui parli tu sono i pirl4 che si fanno antifurti fai da te, che usano robe wireless tipo xiaomi aqara o cose simili... i veri antifurti non hanno queste cose....

l'antro metodo è usare dei sistemi che simulano l'accesso HTTP al portale dell'antifurto se lo ha, oppure che mandano sms.... ma anche in questo caso se tu dai il trigger tramite assistente ma la logica di inoltro è locale tramite qualche server ecc...

sopaug

questo lo dici tu. Se esponi l'interfaccia di attivazione facilmente attraverso le stesse api puoi dare anche la disattivazione.

Comunque era un esempio, per dire che finchè ci fai cose da nulla questi assistenti non sono certo un problema, un conto affidargli dati sensibili o patrimoniali di rilievo.

sagitt

comunque quasi nessuno fa la disattivazione dell'antifurto perchè non avrebbe senso, quasi tutti fanno l'attivazione invece, che non può fare anni.

sopaug

Se partiamo dal presupposto che amazon non faccia ciò che dice e agisca in violazione delle proprie stesse regole allora vale tutto, ma si chiama paranoia.

Se con alexa comandi voce e musica qual è il tuo problema? Che si attivi quando in tv c'è la juve e Caressa pronuncia Alex-sandro? E in più nessun umano ascolta i tuoi input se tu non attivi quei 2 slider.

E non ho mai detto che il consenso basti a rendere legittimo tutto, ma se il sistema funziona con un riconoscimento sui server amazon, ci sei che PER FORZA i dati debbano arrivargli in qualche modo? Questo rende legittimo il trattamento. L'eliminazione puoi farla, l'unica cosa che dovrebbero aggiungere è un metodo automatico per farla, tutto qua. Ma se davvero il tuo problema è che le tue frasi di attivazione restino online non dovresti usare alexa a prescindere.

sopaug

cambia che stai dando le tue chiavi di casa in mano non tanto ad amazon, ma ad un sistema complesso e quindi potenzialmente vulnerabile, e non sotto il tuo controllo. Ho letto di gente che lo disattiva entrando in casa tramite alexa utilizzando webhook vari...

sagitt

scusami, ma che cambia se ci attivi o disattivi l'antifurto o altro? non è che amazon te lo fa da remoto e manda il corriere a rubarti in casa... che poi generalmente si fa solo l'attivazione... la disattivazione è sempre tramite codice e rfid.

malapropysm

Ma veramente ci sono impiegati di amazon che ascoltano le conversazioni allo scopo di "migliorare il servizio". Non c'è un utilizzo con criterio di questi sistemi, o accetti che potenzialmente qualsiasi cosa tu dica in casa venga ascoltata, registrata e utilizzata per una serie di scopi spesso non chiari, oppure non lo usi.

Anche perché sono tantissimi i falsi positivi per l'accensione del microfono, in più nessuno ti assicura dell'attività di Alexa in background quando il microfono è in continuo ascolto.

Non è normale che i comandi vengano registrati e mantenuti sui server, una volta utilizzato il dato per effettuare il comando, si può procedere all'eliminazione. E invece no, resta sui server.

Se il trattamento è legittimo o meno lo vedremo nei prossimi mesi visto che molte autorità hanno cominciato investigazioni. Non basta dare il consenso perché questo sia legittimo, soprattutto se le attività di trattamento non sono chiare all'utente.

DeeoK

Amazon non ha un suo motore di ricerca, quindi Alexa si appoggerà o a Google o a Bing, quindi i dati li dai anche a Google o a Microsoft.
Al di là di questo, ritengo che il diritto di critica sia ancora attualissimo a prescindere dal fatto che ti piaccia o meno.

DeeoK

E questo dovrebbe impedirmi di criticarne le funzionalità?

sopaug

ma guardare la pagina
https://www.amazon.it/hz/mycd/myx/#/home/alexaPrivacy/home

e cliccare su "Gestisci il modo in cui i tuoi dati migliorano Alexa" è troppo faticoso? Meglio continuare a fare sensazionalismo vero?

Per il resto, se il riconoscimento è effettuato sul cloud di amazon è NORMALE che i comandi vengano registrati, ma non c'è alcun accesso e alcun ascolto umano. Il trattamento non è nè legittimo nè sproporzionato in quanto necessario al funzionamento del servizio.

Ciò detto, se neanche questo è sufficiente, basta non comprarlo. O usarlo con criterio.

Spegnere e accendere le luci? Ascoltarci la musica? Mettere 2 promemoria? Buono. Dargli le chiavi di casa e accendere e spegnere l'antifurto come molti fanno amatorialmente mettendoci in mezzo anche raspberry e cianfrusaglie amatoriali varie? No buono.

sopaug

quoto... Non sanno di cosa parlano cercano il sensazionalismo a tutti i costi.

Kamgusta

Invece si può impedirlo eccome: basta non comprarlo.
Compratele pure voi queste microspie inutili :)

Neno

Ma che problemi avete, nessuno ti obbliga ad usarlo. Io lo uso molto volentieri e tutta la casa é interconnessa e cosciente di questo me ne indischio che esistano registrazione del tipo, spegni tutte le luci, o ricordami che ho la torta un forno, qual'e l'origine di un termine, quanto impiego per arrivare da qualche parte e tutto questo mentre sono in bagno a farmi la barba o a lavare i denti. Veramente, se voglio un assistente che fa queste cose voglio che il sistema funzioni sempre meglio, quindi perché non devo condividere queste info? Quasi tutti usano email gratuite dove arrivano a conoscere dettagli inimmaginabili di te e vi fate il problema se usate un sistema sa che ora accendo la luce? Credo che non vi sia molto chiaro come funziona l'informatica!

ghost

Io no ho nulla da nascondere cit.

SuperDuo

Meglio così visto che le rbave persone di reati non ne compiono. Se tu li fai in casa tua, personalmente sarei contento che stessero ad ascoltarti prima di prelevarti.

Max

Peccato che quello di Forbes è solo un articolo che pubblica i risultati di un altra azienda...
Peccato che il test in questione è circa 50 volte più grande come range di ricerche di quello ridicolo di Tom’s HW.

Ansem The Seeker Of Darkness

Lo(la) monto sulla tavola :D

Ansem The Seeker Of Darkness

Ringrazia di vivere in Europa, perchè infiniti governi sarebbero felicssimi di sapere ogni singola cosa che dici in casa.
Ma anche le aziende sono felici di sapere le tue opinione sui prodotti che esprimi ad alta voce mentre sei in casa.

Ansem The Seeker Of Darkness

Ma se già sei al pc perchè non direttamente usare l'app calendario di windows 10, il calendario integrato in outlook e thunderbird, o altro su mac o linux che non conosco?!

comatrix
Amazon Alexa: non c'è modo per impedirle di archiviare le registrazioni audio

Certo che c'è, non lo si acquista, che ragionamenti ^^

Andhaka

tutte funzioni che hai sul cellulare che hai, di solito, sempre in tasca... quindi lo scopo di avere una spia in casa che ascolta anche quando non le stai chiedendo nulla sarebbe di nuovo? ;)

L'esempio della musica era per il fatto che spesso è la prima funzione che si cita. Puoi cambiarlo in "reimparare a digitare le cose sul cellulare che si ha in tasca".

Capisco che tirare fuori il cell sia una fatica ormai improponibile per l'uomo moderno, ma viste le continue notizie di questo tipo... io mi farei due domande.

Cheers

momentarybliss

Un tasto di cosa?

momentarybliss

Dipende dove lo posizioni. Io lo tengo vicino alla mia postazione PC, relativamente isolata dal resto della casa, quindi non c'è alcun problema di sovrapporsi di voci. Come ho scritto, un simile device deve servirti, se non ti serve, fai a meno di comprarlo, ma gli altri possono avere altre esigenze

mark

Ma come ragionate.. se è inutile per te non vuol dire lo sia per il mondo intero. La pubblicità di vodafone l'avete preso alla lettera

momentarybliss

Se faccio ricerche su Alexa non le faccio su Google, quindi non vedo come possa cambiarmi qualcosa. Come ho scritto, sopra, un assistente vocale deve servire, non si compra per tenerlo su un tavolino, quindi se non ti interessa fai bene a non comprarlo

DeeoK

Ma fossi anche da solo, non capisco perché dovrei chiedere a voce di leggermi le notizie più importanti invece di guardarle io stesso, che faccio anche meglio.

Andrea65485

Mah... Con google se si disattiva la cronologia vocale poi google assistant semplicemente si blocca e non è più utilizzabile fino a che non viene attivata di nuovo la cronologia

Top Cat
losteagle17

E tu reputi Forbes una fonte in grado di fare analisi tecniche ??

lello

Ma pensa che caciara, in famiglia siamo in 5+cane, perchè dovrei chiedere a voce alta qualcosa che a tutti gli altri non interessa?

DeeoK

Limitare la svendita della privacy male non fa.
Al di là di questo, hai citato tutte operazioni per cui non sento la necessità di un assistente vocale, che stia su un telefono o su un hardware apposito.

DeeoK

E ti serve un prodotto specifico per tutte queste operazioni? :|

DeeoK

Mi è sempre parso più un giocattolo che un prodotto realmente utile.

momentarybliss

Fa molto meglio di un assistente vocale su smartphone (ho provato sia Google che Bixby), con l'ulteriore vantaggio che stando in casa non occorre tenere sempre il telefono in mano ed è sempre connesso. Poi chiaro che non si tiene per sfizio, ma deve servire effettivamente

Scoiattolazzo

All'inizio sembrava interessante ed infatti ci avevo pensato..dopo che un mio amico ce l ha da 6 mesi è tutto un alexa accendi qua alexa spegni qui...diventa tremendamente stupido. ..o sei single e lo si usa poco...altrimenti è una caciara irricevibile

lello

Si ma basta il telefono, non c'è bisogno di Alexa, queste sono già funzioni vecchie di 10 anni.

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A80 (2019): la fotocamera rotante non basta

Amazon

Le migliori offerte dell'Amazon Prime Day 2019 | Martedì 16 luglio

Amazon

Le migliori offerte del Prime Day 2019 Amazon | Smart Home, TV, audio e foto

LG

Recensione LG V50 ThinQ 5G: concreto apripista, ma le reti?