Recensione Huawei P30 Pro: è il TOP da battere per foto e autonomia

29 Marzo 2019 1435

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

La maggior parte delle foto fatte durante le mie vacanze estive delle scorso anno sono state scattate con un Huawei P20 Pro. E non si è trattato di una scelta casuale. Secondo me questo smartphone aveva effettivamente una marcia in più rispetto ai suoi diretti competitor. Parlo al passato perché, a distanza di quasi un anno, nonostante il P20 Pro resti ancora ottimo, c'è un nuovo top "cameraphone" al vertice della categoria. Sto parlando di Huawei P30 Pro.

P30 Pro è stato annunciato ufficialmente solo un paio di giorni fa (qui la preview) me è arrivato già il momento della recensione dato che abbiamo avuto modo di provarlo in anteprima per circa un paio di settimane. Gabriele lo ha anche portato con sé in una breve vacanza la scorsa settimana proprio per testare al meglio la qualità fotografica che, insieme ad un ottimo hardware e ad una batteria decisamente buona, fanno di questo smartphone uno dei migliori Android attualmente presenti sul mercato.

73 x 158 x 8 mm
6.47 pollici - 2340x1080 px
73.9 x 155 x 7.8 mm
6.1 pollici - 2244x1080 px
72.3 x 157.8 x 8.6 mm
6.39 pollici - 3120x1440 px
DESIGN, MATERIALI ED ERGONOMIA

Iniziamo con la confezione di vendita che ho trovato decisamente ricca. In dotazione, infatti, vengono forniti un potente caricabatterie SuperCharge da 40W in uscita, un cavo USB Type-C, una cuffia con connettore Type-C ed una pratica cover in silicone per proteggere lo smartphone e migliorarne l'aderenza alla mano.

Il design e l'ergonomia sono sicuramente alcuni degli aspetti che ho maggiormente apprezzato in questo P30 Pro. La costruzione l'ho trovata impeccabile così come la qualità dei materiali utilizzati, vetro curvato sia sui bordi che sulla parte anteriore e posteriore che permettono di avere sempre una presa ben salda. Ho anche apprezzato la facilità d'uso anche con una sola mano, nonostante le dimensioni abbastanza importanti: 158 x 73,4 x 8,41mm per un peso di 192 grammi. Volendo, possiamo comunque ridurre l'interfaccia con un gesto del display. Il tasto di accensione e quelli per la regolazione del volume sono sulla parte destra, in posizione comoda da raggiungere.


Altra particolarità del design è rappresentata dai bordi appiattiti sia sulla parte superiore, dove solo posizionati il secondo microfono ed un trasmettitore ad infrarossi per usare lo smartphone come un telecomando, sia sulla parte inferiore dove ci sono il microfono principale, la porta USB 3.1 Type-C, l'unico speaker di sistema ed il cassettino per le due SIM che, alternativamente, può ospitare una nano SIM ed una NM Card di Huawei per espandere la memoria.

Mancano, quindi, sia il jack audio da 3,5mm che la classica capsula auricolare. Su Huawei P30 Pro, infatti, viene utilizzato il display per amplificare il suono che proviene comunque da un punto abbastanza preciso. La qualità audio percepita è decisamente buona, ricca e corposa anche quanto ci troviamo in ambienti rumorosi. Di contro, l'audio in vivavoce, pur avendo un buon volume, è mono e viene riprodotto solo tramite lo speaker inferiore.


Nel display è stato anche integrato il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali, migliorato rispetto a quello utilizzato sul Mate 20 Pro. Lo sblocco è quasi immediato e il rilevamento è sempre molto accurato. E' anche disponibile il riconoscimento bidimensionale del voto, ovviamente meno sicuro. Altra cosa importante da sottolineare è la resistenza ad acqua e polvere con certificazione IP68.

DISPLAY AMOLED CURVATO SUI BORDI

Il display è un AMOLED HDR curvo da 6,47 pollici di diagonale con risoluzione FHD+ in rapporto 19.5:9 con una densità di 399ppi ed un notch a goccia che ospita la fotocamera da 32MP e che possiamo eventualmente decidere di nascondere.

Questo pannello, quindi, è meno definito rispetto a quello utilizzato sul Mate 20 Pro ma parliamo comunque di un display che offre una notevole accuratezza nella riproduzione dei colori ed un'ottima visibilità in qualsiasi condizione di illuminazione ambientale grazie anche ad un efficace trattamento oleofobico. Nessun tipo di problema anche se utilizziamo occhiali da sole con lenti polarizzate.


Tramite impostazioni possiamo scegliere se aumentare l'intensità dei colori e regolare il punto di bianco in base ai nostri gusti. Possiamo scegliere tra una modalità "normale" ed una "intensa". E' anche possibile variare la risoluzione dello schermo per risparmiare batteria, possiamo scegliere se farlo manualmente oppure automaticamente in base ai contenuti visualizzati. Non manca la possibilità di attivare o programmare una funzionalità per la protezione occhi che limita l'emissione di luce blu per affaticare meno la vista.

Su questo P30 Pro, Huawei ha scelto di fare a meno del LED di notifica che, personalmente, trovo sempre molto comodo. Per compensarne la mancanza possiamo sceglie di far illuminare il display ad ogni notifica ricevuta oppure possiamo attivare l'Always On Display che grazie ad un aggiornamento arrivato proprio nelle ultime ore consente ora di visualizzare le icone delle notifiche non solo di chiamate ed SMS ma anche di applicazioni di terze parti.

KIRIN 980, 8GB DI RAM ED EMUI 9.1

Il Kirin 980 è sicuramente uno dei migliori processori attualmente disponibili, tra i primi ad essere realizzato con un processo produttivo a 7nm. Huawei, ovviamente, ha scelto di utilizzarlo anche sui Huawei P30 e Huawei P30 Pro. Si tratta di un octa core con 2 core Cortex A76 da 2,6 GHz. 2 core Cortex A76 da 1,92 GHz e 4 core Cortex A55 da 1,8 GHz supportati da 8GB di memoria RAM di tipo LPDDR4X. La GPU è la potente Mali-G76 MP10.

Le prestazioni sono assolutamente soddisfacenti ed utilizzare questo P30 Pro è davvero molto piacevole. Le applicazioni si installano e si aprono molto rapidamente e sono sempre fluide nell'utilizzo. I titoli più impegnativi dal punto di vista grafico riescono ad offire sempre le massime prestazioni sia in termini di fluidità che framerate ed anche sotto stress la temperatura non è mai particolarmente elevata, il che dimostra l'efficacia del nuovo sistema di raffreddamento realizzato da Huawei che riesce a distribuire bene il calore sulla parte posteriore.

Più notizie
  • Schermo:
    • FullView da 6,47" FHD+ (2340 x 1080 pixel, 398 ppi), OLED, 19,5:9, Dewdrop Design
    • Huawei Acoustic Display Technology (emissione sonora tramite il display)
  • Processore:
    • Kirin 980 octa-core, processo produttivo a 7nm, doppia NPU (Neural Processing Unit)
    • Frequenze Core: 2 x Cortex A76 (2,6 GHz) + 2 x Cortex A76 (1,92 GHz) + 4 Cortex A55 (1,8 GHz)
  • Memoria:
    • 8GB di RAM
    • configurazioni con 128 o 256GB di memoria di archiviazione espandibile tramite NanoSD sino a 256GB
  • Fotocamera posteriore:
    • principale da 40MP, f/1.6
    • grandangolare da 20MP, f/2.2
    • teleobiettivo da 8MP, f/3,4 con zoom ibrido 10x
    • sensore ToF
    • fotocamera principale e teleobiettivo con supporto alla funzione Dual-View Recording (registrazione video simultanea)
  • Fotocamera anteriore:
    • 32MP, f/2.0, supporto HDR+
  • Sistemi di autenticazione biometrica: sensore di impronte integrato nel display, riconoscimento bidimensionale del viso
  • Batteria: 4.200 mAh con supporto alla ricarica rapida SuperCharge 40w, wireless e inversa
  • Connettività: dual SIM, 4G LTE Cat.21 4.5G, WiFi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0, GPS a doppia frequenza, NFC, USB 3.1 Tipo C, MTP, OTG, Huawei Share, Wireless Desktop
  • Sensori: gravità, prossimità, luce ambientale, bussola digitale, giroscopio, hall, infrarossi
  • Certificazioni: IP68 (resiste agli schizzi, alle gocce, alla polvere, all'immersione in acqua sino a 1,5 metri per un massimo di 30 minuti)
  • Dimensioni e peso:
    • 158 x 73,4 x 8,41 mm
    • 192 grammi
  • Sistema operativo: Android 9.0 con EMUI 9.1

Anche Huawei P30 Pro può essere connesso ad un monitor esterno sia tramite la porta Type-C che in modalità wireless per lavorare in un ambiente desktop utilizzando eventualmente anche un mouse ed una tastiera esterni. Una funzione che può tornare decisamente utile in alcune circostanze.

Huawei P30 Pro è un Dual SIM Dual Standby con supporto alle reti LTE in Cat.21. La ricezione l'ho trovata sempre ottima. La connettività è completata dal Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac dual band, dal Bluetooth 5.0 e dall'NFC con supporto a Google Pay. Il GPS assistito rileva anche i satelliti Galileo. Manca, invece, la radio FM.


Ma la piacevolezza d'uso, oltre che dalla prestazioni hardware, è data anche dalla parte software, con la EMUI arrivata alla versione 9.1 su base Android 9 Pie (patch aggiornate al 1 Marzo 2019). Nonostante non sia proprio il massimo dal punto di vista estetico, questa interfaccia è stata ulteriormente migliorata grazie all'adozione di un nuovo file system chiamato EROFS che oltre ad aumentare la velocità in lettura casuale riduce anche lo spazio di archiviazione occupato lasciando circa 2GB in più a disposizione dell'utente.

Per il resto le funzionalità sono quelle classiche della EMUI con ampie possibilità di personalizzazione e con delle comode gesture che possiamo utilizzare per la navigazione del sistema. Tramite riconoscimento dell'impronta o tramite PIN possiamo attivare uno spazio privato in cui è possibile memorizzare file, informazioni ed altri dati, una "cassaforte" per criptare foto, video e musica, e possiamo anche bloccare l'avvio di determinate applicazioni. Non manca la possibilità di duplicare alcune applicazioni di messaggistica per accedere con account separati.

AUTONOMIA DA RECORD

L'autonomia è un altro dei principali punti di forza di questo P30 Pro. La batteria è una 4200mAh con supporto alla ricarica rapida SuperCharge da 40W che permette di arrivare al 70% in circa 30 minuti ed al 90% in 45 minuti. La ricarica completa avviene in circa un'ora. E' supportata anche la ricarica rapida wireless a 15W e c'è il reverse charge per ricaricare senza fili anche altri smartphone o accessori compatibili con lo standard Qi.

In questi giorni di test abbiamo raggiunto sempre circa 7/8 ore di display attivo su 20 ore di utilizzo intenso. In standby si perde circa l'1/2% all'ora. Tutti i dettagli li trovate nel nostro consueto LIVE BATTERIA.

FOTO E VIDEO

Facciamo un breve riepilogo del comparto hardware realizzato, ancora una volta, in collaborazione con Leica. Il sensore principale è da 40 megapixel con obiettivo grandangolare ed apertura f/1.6 con stabilizzazione ottica. Questo sensore viene chiamato SuperSensitive ed utilizza uno schema RYYB al posto del classico RGB. La sostituzione del giallo al più classico verde ha permesso di aumentare la sensibilità fino a 409.600 ISO per ottenere immagini molto più luminose anche in condizioni di scarsissima illuminazione ambientale. A questo sensore è affiancato un secondo da 20MP con ottica ultra wide ed apertura f/2.2 per catturare foto panoramiche.


Il terzo sensore è da 8MP con apertura f/3.4 e stabilizzazione ottica. Ma la novità riguarda l'obiettivo che, grazie ad un sistema periscopico a 5 lenti permette di ottenere uno zoom ottico 5x. Lavorando con gli altri sensori è possibile ottenere uno zoom ibrido 10x senza una significativa perdita di qualità ed uno zoom digitale 50x.

Accanto a questi sensori ce n'è un quarto, un sensore ToF che permette di creare mappe 3D di profondità utili per migliorare gli effetti di sfocatura dello sfondo, grazie ad informazioni multi livello, e di utilizzare al meglio applicazioni di realtà aumentata misurando anche profondità, distanza ed altezza di un oggetto. Grazie al sensore ToF, ad esempio, è possibile scannerizzare un oggetto reale e crearne un modello 3D che possiamo aggiungere alle foto o nei video.

Personalmente sono rimasto davvero soddisfatto dalla qualità delle foto, sempre molto definite e contrastate, un po' meno dalla parte video. Ma per andare un po' più a fondo vi invito a leggere (e guardare) il focus che abbiamo pubblicato nelle scorse ore.

Nota: qui trovate qualche raw di esempio da scaricare.

CONCLUSIONI

Con questo P30 Pro, Huawei ha confermato la sua leadership per quanto riguarda i cameraphone. É proprio la qualità fotografica, secondo me, la motivazione principale che può portare alla scelta di questo smartphone rispetto ad altri, una scelta che viene ulteriormente rafforzata da un'autonomia eccellente e da ottime prestazioni.

Questi aspetti, a mio avviso, vanno in parte a compensare alcune mancanze che per qualcuno potrebbero anche non essere particolarmente rilevanti, per altri magari sì. Mi riferisco, ovviamente, all'audio mono in riproduzione tramite speaker, alla mancanza del 4K a 60fps ed anche all'assenza del jack audio che, personalmente, trovo ancora molto utile. Punto il dito anche contro la scelta di Huawei di imporre un formato proprietario per l'espansione della memoria.

Il prezzo di listino è abbastanza alto, ma il linea con quello di altri top di gamma. Per la versione da 128GB occorrono 999 euro, 1099 euro invece per quella da 256GB, ma acquistandolo fino al 7 aprile si riceverà in omaggio uno speaker Sonos One ed un voucher da 50 euro per Huawei Video, in totale parliamo di un valore commerciale di circa 280 euro che non sono affatto male.

QUALITA' FOTOAUTONOMIA E RICARICA 40WDISPLAYPRESTAZIONISBLOCCO IMPRONTE
SPEAKER MONOMANCA JACK AUDIOSOFTWARE FOTOCAMERA MIGLIORABILE

VOTO: 9.2


9.5 Hardware
5.8 Qualità Prezzo

Huawei P30 Pro

Compara Avviso di prezzo
VIDEO

Huawei P30 Pro è disponibile su a 649 euro.
(aggiornamento del 23 aprile 2019, ore 01:11)

1435

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fifagi

Posso una domanda?
Il p30 pro è ip68... Quindi resistente alle Immersioni
Io ho proverò qualche minuti a Metterlo nella doccia, quindi neppure completamente immerso.

Per quasi 20 minuti ho poi avuto problemi con l'audio, con volume basso e soprattutto gracchiante.. Tornato poi alla normalità dopo 20 minuti.

È NORMALE, considerando la sua certificazione ip68?
Grazie

Madden91

Appunto...

Pierantonio Durante

Sarà, ma sta di fatto che non seibriuscito comunque a convincermi del contrario :)

Antonio

Punti di vista.

Antonio

Diventa marketing se lo usi come killer feature...se lo implementi senza dire nulla va benissimo.

Garrett

Link raw non valido

Antsm90

I dati nelle usb-c passano in digitale, per cui non possono avere interferenze. È il dac installato nella cuffia (o adattatore) a trasformare i dati digitali in analogici (e qui viene il bello: Se sei ub utente normalr usi l'adattatore incluso nella scatola, se sei un audiofilo ne usi uno serio, o direttamente cuffie serie, per avere una qualità che col dac basico incluso nei cellulari con uscita jack ti scordi)

Pierantonio Durante

Il jack per l'impermeabilità non è mai stato un problema, è una porta facilmente sigillabile internamente allo stesso modo della porta usb-c.
Il fatto di avere il jack non pregiudica il fatto che si puo utilizzare un dac o altro attraverso la usb-c.
Gli adattatori usb-c / jack influenzano negativamente la qualita audio.
Peggio per quelli che permettono la ricarica nello stesso tempo.

In qualsiasi modo la metti, togliere il jack da 3,5mm è solo ed esclusivamente una manovra di marketing, volta a risparmiare eliminando un componente, meno sbattimenti e in generale un ingegnerizzazione del dispositivo piu semplice, inspiegabile in terminali da 1000 euro, nonche volta a spingere il mercato delle cuffie true-wireless. Tutto questo a discapito dei consumatori.

I dispositivi per audiofili recenti hanno in tutti i casi il jack 3,5 mm. Questo perche una porta da cui passa elettricita, dati, segnale audio e video, soffrira sempre di piccole interferenze, cosa che, una porta per ogni utilizzo
non ha.

Antsm90

Sì, ma é un foro che deve esistere a prescindere (per caricare il cellulare e trasferire i dati), toglierne uno ormai non più indispensabile è comunque meglio
Appunto, se non hai cuffie usb-c di tuo basta e avanza l'adattatore incluso, non devi comprare nulla (ma in futuro tutti avranno cuffie usb-c)
Si guadagna nella riduzione di porte da utilizzare (meno porte ci sono e meno è facile che entri acqua o polvere), che poi l'usb-c non comporta il minimo degrado nella qualità dell'audio (anzi è superiore dato che essendo esterno hai più spazio a disposizione per usare un dac più avanzato)

Pierantonio Durante

Anche la porta usb-c è un foro e quindi soggetta ad usura e sporco.
Nello scatolo non danno cuffie usb-c, ma un adattotore.
Comprare un qualcosa in piu solo per ascoltare musica per te è conveniente?
Dov'è che esattamemte togliendo il jack si guadagna qualcosa?

A questo punto è chiaro che non hai veramente cognizione del problema.
Ripeto per me, è un difetto.

Garrett

Il problema è il led di notifica e questo la dice lunga su un telefono le cui funzione primaria dovrebbe essere quella di telefonare e ricevere telefonate.
Che barbonata.

Surrucagnolo

Lo capisco, ma se volere un speaker stereo buono equivale ad avere troppi bordi, preferisco un mono potente. Se invece avere un doppio speaker senza bordi vuol dire avere meno volume di un mono, preferisco ancora quello mono. A quanto pare il doppio speaker su uno smartphone non serve a nulla. Quindi solo marketing.

Surrucagnolo

Per quelli esistono i Brondi!

Antonio

o c'è anche gente che non ha voglia di passare il tempo a spulciare le impostazioni e vuole qualcosa che funzioni bene da subito...

Antonio

il jack anche basta...per il resto concordo

Antonio

forse a poco ma se fai uscire un top di gamma lo voglio...se devo sempre rinunciare a qualcosa allora non prendo un telefono di fascia media.

fire_RS

iPhone 8 ormai ha uno schermo preistorico

ericantona5

Parlavo di iPhone 8

Hal Twister

Ambedue.

Dongiovanni82

Grazie

Dongiovanni82

Uaueu copia tutti a design nn fa testo

Dongiovanni82

Alla vista o alle mani?

michi17

perchè il 90% fa finanziamenti di 30 mesi per poterseli permettere e quindi capisci che l'investimento affettivo è notevole. Fanno la fame per comprarlo, poi arriva uno che gli dice che fa schifo e loro si scompensano

Surrucagnolo

Si vabbhè colpa di huawei lol

Saturno

Aggiorna a EMUI 9 e poi mi fai sapere

Saturno

Forse (forse) l'ultima non l'ho provata - le altre sì. Grazie!

EzioWinchester

Cioè la gente è talmente abituata ad usare smartphone come elettrodomestici che non sanno nemmeno impostare un app per evitare che venga killata. E hanno il coraggio di far credere che il loro analfabetismo tecnologico sia un problema di Huawei, agghiacciante!

Surrucagnolo

Fidati che la maggior parte di questi commentatori scrivono in base alle corbellerie che leggono nelle recensioni. Sono gli stessi abituati ad usare bloatware preconfezionata di samsung, pubblicizzata dai recensori, i quali sono pagati per spingerli verso quella direzione. L'aspetto più singolare è l'arroganza di far passare come pregio la loro incapacità di usare la tecnologia.

Surrucagnolo

Non è colpa dello smartphone se un utente è spesso utonto.

Surrucagnolo

Ma se con un vecchio honor 6x andando in impostazioni decidevo quali apps si potevano killare e quali no, come fai a non riuscirci con un mate 10 pro? Probabilmente lo hai usato 2 minuti al mediaworld e sei abituato alla roba preconfezionata in stile samsung.

Surrucagnolo

Si infatti, persino con un vecchio honor 6x andando nelle impostazioni si risolveva. Mi sa che questi non sanno proprio come si imposta uno smartphone. Sono abituati ad usare roba pre confezionata.

Surrucagnolo

Ma a cosa serve lo speaker stereo su uno smartphone in vivavoce?

Calogero Racalbuto

Ho già avviato il tuo processo di canonizzazione dopo questo commento.
Non vedo perchè tutto sto bordello per dei telefoni , ne compri uno e basta invece qua stanno tutti a sminuire questo o quello, invece di pensare alle cose veramente importanti nella vita si sta a litigare su internet su dei stupidi telefoni mentre i produttori fanno soldi a palate.

Blue Jeans

niente jack, un solo speaker... che poi farà anche belle foto ma con 40mpixel pesano un sacco e alla fine a chi interessa tutta sta definizione??

bluflight13

Fotograficamente parlando, però, messo a fianco di s10+, è palese come abbia la camera con toni decisamente più freddi e piatti, samsung più fedeli. Poi nel crop vince huawei avendo più dettaglio dovuto ai maggiori mpx, ma non mi ha convinto proprio per la temperatura colore di base.. Ne sento parlare poco di questo aspetto in questi articoli, anche nelle foto fatte qui sopra si vede

Desmond Hume

Whaaat

Antsm90

È una mancanza solo se non hai già delle cuffiette type-c, altrimenti a toglierlo si guadagna e basta (anche perché non so a te, ma a me dopo un po' iniziava sempre a non funzionare perfettamente, probabilmente a causa di polvere e briciole varie che si infilavano nella porta mini-jack)
Tra l'altro ormai vendono anche degli splitter per caricare lo smartphone anche se le cuffie sono inserite (cosa che non mi è mai servita, ma può essere che per qualcuno sia utile)

Zlatan10

Per le app da cui voglio le notifiche io uso l'avvio automatico (da gestione batteria), non manuale, il lucchetto chiuso (da tasto multitasking).
Da "app e notifiche" invece assicurati che abbiano le autorizzazioni necessarie, che sia consentito l'invio di notifiche e sia consentito di "ignorare" le ottimizzazioni della batteria.

Saturno

non disputandum est

Saturno

Abilitata la gestione manuale e impostate le opzioni sviluppatore. Niente

Zlatan10

Sono due impostazioni in croce da sistemare...

Zlatan10

Killa le app in background?
Se non sapete configurare un telefono non è certo colpa di Huawei!

Ks

Partizione della memoria e killa le app in background

xMx

Ho visto qualche Speed test su YouTube fatto contro s10+ (nonostante gli scienziati dicano che gli Speed test siano inutili quando il loro smartphone perde)
E a conti fatti il risultato è sempre lo stesso , vediti il video personalmente sono rimasto abbastanza sorpreso visto che dai benchmark il galaxy dovrebbe girare meglio

https://uploads.disquscdn.c...

kkk66

Speriamo a breve di vedere una bella comparativa tra il p30 e gli altri per poter valutare meglio

xMx

Hanno rilasciato un aggiornamento in questi giorni, per affinare i software bisogna raccogliere i feedback ogni telefono quando esce ha qualche problema , i problemi seri nascono dai componenti fisici il SO si può sempre migliorare .

kkk66

Guarda che non ho tagliato nessuna foto, l'ho aperta e salvata dall'articolo.. la fotocamera del p30 pro secondo me ha uno zoom che pare eccellente, ma da quello che ho visto i colori non sono all'altezza

xMx

Sarei più contento se ogni tanto voi foste un po' più obbiettivi senza guardare la marca, come ho già detto se aveva fatto Samsung o Apple uno smartphone con questa autonomia e questa fotocamera vi sareste fatti uscire i calli sulle mani , avete postato 1 foto fra l'altro tagliata dove nn si vedeva nemmeno con che modalità era scattata che poi il pixel nel punta e scatta rimane il migliore questo nemmeno io lo metto in dubbio però non dico cagat3 come il p30 pro è più fluido del pixel sarebbe come dire che il pixel ha una fotocamera migliore , ti auguro una buona serata.

kkk66

Ma si contento tu.. chiunque può vedere quella comparativa e trarne le sue conclusioni

Blue Collar

Migliore delle ipotesi non significa media effettiva, questa si aggira sui tre anni, forse anche meno.
Cinque anni per un Android sono tanto, io al momento sono arrivato al massimo a quattro (work in progress, funziona ancora).
Un Nokia aveva retto per più di sei anni, ma era un altro tipo di telefono, non paragonabile a quelli di oggi...

Samsung

Recensione Samsung Galaxy Tab S5e: ottimo per svago e produttività

Kia

Kia e-Soul: prova su strada e prezzi in Italia, la nuova sarà solo elettrica | Video

Samsung

Samsung Galaxy Fold: il software convince, la "piega" è da provare!

Oppo

24h con Oppo Reno: pop-up camera e tanto carattere | Video