Google Stadia: alla GDC 2019 arriva la rivoluzione del gaming in streaming

19 Marzo 2019 1145

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Google Stadia è stata presentata alla GDC 2019. La piattaforma per lo streaming dei giochi di bigG, conosciuta precedentemente con il nome in codice Project Stream, sarà accessibile da chiunque e su qualunque dispositivo: PC desktop, laptop, smartphone e tablet.

Ti presentiamo Stadia, la nuova piattaforma g​aming​ di Google per divertir​ti​ con i giochi tripla A ​dove vuoi, su qualsiasi ​dispositivo​. Il futuro dei videogiochi non è una console.

Il servizio creato dal colosso di Mountain View è stato progettato per fornire una piattaforma gaming accessibile da chiunque, permetterà lo streaming simultaneo dei giochi e sfrutterà la banda dei data center di Google per effettuare dirette streaming e non quella della propria linea.

Con Google Stadia non sarà richiesto nessun download, nessuna installazione e nessuna patch da scaricare: tramite YouTube sarà possibile, ad esempio, iniziare immediatamente a giocare al titolo protagonista del trailer con un semplice click su "Play".


La nuova piattaforma per il gaming, oltre ad essere compatibile con joypad USB, tastiere e mouse, potrà essere utilizzata anche con il nuovo controller creato da bigG che garantirà alcune esclusive funzioni tra cui un pulsante per effettuare lo streaming su YouTube e uno per attivare l'assistente vocale.

I giochi, secondo quanto dichiarato, potranno essere eseguiti con una risoluzione in 4K, in modalità HDR e con un framerate costante a 60 fps, a patto di disporre di una connessione adeguata. In futuro sarà inoltre introdotto il supporto agli 8K. Tra i giochi annunciati che saranno in grado di soddisfare questi parametri, ci sarà anche Doom Eternal", titolo annunciato da Bethesda in occasione dell'E3 2018.

Google Stadia promette inoltre funzione esclusive, tra cui la condivisione dei propri salvataggi di gioco tramite State Share e la possibilità di unirsi alle partite multiplayer, con un semplice click, grazie al sistema Crowd Play a prescindere dal dispositivo utilizzato.


Google ha deciso di diventare il Netflix del gaming e molti nomi illustri del settore, tra cui Ubisoft, id Software ed Epic Games, hanno deciso di supportare il progetto. La stessa cosa dicasi per i motori grafici tra i quali sono stati menzionati Havok, Unreal Engine, CryEngine, Enlighten e altri.

All'appello tuttavia mancano ancora diverse informazioni: non si è parlato infatti di prezzi e della banda minima richiesta per accedere al servizio. Nei mesi estivi, il colosso di Mountain View dovrebbe comunque svelare nuove informazioni visto che Google Stadia dovrebbe debuttare entro la fine del 2019.

GOOGLE STADIA - CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • Gioca dove vuoi, quando vuoi:

Gioca su qualsiasi dispositivo, inclusi laptop, computer desktop e telefoni e tablet selezionati.

  • Nuove modalità di gioco tramite YouTube e non solo:

Passa da un video a un gioco in pochi secondi, con esperienze ancora più innovative presto disponibili per giochi selezionati.

  • Fino a 4K HDR a 60 f/s:

Gioca come piace a te, con una grafica HDR stupefacente e una visualizzazione fluida. La visione in 4K HDR a 60 f/s dipende dalla larghezza di banda. L'esperienza di gioco può variare a seconda della qualità della connessione a Internet.

  • Gioca immediatamente:

Non servono aggiornamenti né download. Inizia subito a giocare.

  • Miglioramento costante:

L'infrastruttura basata sulla cloud di Stadia si evolve per rispondere alle esigenze di giocatori, sviluppatori e creator di YouTube.

VIDEO

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Gaming Pro a 399 euro oppure da ePrice a 473 euro.

1145

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
HaL2014

La vera chicca sarebbe avere titoli VR per dispositivi meno costosi, con autonomia dignitosa e assenza di collegamento ad un pc mostruoso. Ovviamente tutto dipenderà dalla connessione....

Overlok IceCrown

Come lo smartphone componibile, era stupenda l idea e non è uscito più -.-"

Pirupa®
Johnny

Come AirPower?

Fallirà come tutti i progetti google strampalati....

TecR6

Si, non coincideva con quello che avevi scritto ma comunque grosso modo si capiva.

Era giusto per puntualizzare.

R41

È quello che intendevo

TecR6

Il senso c'è: ad esempio quando una persona non ha un tv 4k e quindi utilizza lo streaming in HD.

Giuseppe ha ragione, avrebbe avuto torto se tu invece di scrivere "Per poter usare questa piattaforma" avessi scritto "Per poter SFRUTTARE questa piattaforma AL MASSIMO".

R41

Il senso di vedere a risoluzione ridotta rispetto alle console attuali?

Giuseppe Leocata

Quando parlano dello streaming intendono "fino ad un massimo di", non sei obbligato a visualizzare tutto alla massima risoluzione possibile

Alessandro

Togli il prosciutto dagli occhi

R41

Per poter usare questa piattaforma servono una connessione eccellente con tanta banda zero lag e Ping bassissimo è un monitor o tv in grado di visualizzare il 4K HDR
Mica poco

Fabio

Appunto, lo stanno facendo.

pollopopo

speriamo che non sia uno degli infiniti esperimenti di google..... al netto di android (che comunque in versione vanilla a me non piace molto) molti progetti google sono incompleti...

pollopopo

l'idea è carina ma non confondiamo troppo le cose... è come parogonare un bluray disk con netflix ;)

pollopopo

i centri abitati grossi hanno quasi sempre la fibra almeno a 50mb, sufficiente per il 4k 30 fps o 1080 60fps...chi è tagliato fuori è chi come me ha una 20mb scarsa perché sto in campagna (e fino a non troppi anni fa avevo la 56k -.- )....

Tiwi

che dire, beato te :D

SteDS

"nel resto del mondo e più che fattibile!"
eh bella c*gata... in ogni nazione dipende sempre dalla zona, l'offerta in Italia non è nemmeno così male alla fine. Ho vissuto per brevi periodi in diversi paesi e connessioni lente e ballerine le ho trovate ovunque, lascia perdere i lamentoni

MiniPaul

Su questo sono assolutamente d'accordo.

Carlo Friscia

UK come mero esempio, perché ci vivo. Ovvio che nel villaggio sperduto tra le montagne non hanno la fibra!
Intendevo solo che L'Italia non è il mondo intero, quindi non fa testo!

MiniPaul

Dipende in UK dove.
In città non è nulla più di quanto offerto in Italia.

Fabyo

Non è un problema solo di utenza... le infrastrutture già adesso sono migliorate rispetto all'anno di lancio dell'xbox one, e nell'arco di pochi anni miglioreranno ancora di molto e arriveremo al 5g. Inoltre una cosa è venderti una console e dirti "devi essere sempre online, devi scaricarti i giochi"... ma anche no! Un conto è non farti acquistare nulla grazie alla rete! Non c'entra granché ciò che voleva fare microsoft anni fa.

Fabyo

1) "perché io software house devo investire milioni di dollari in giochi tripla A quando con pochi picchi posso fare un giochino che arriva a milioni di persone che non hanno pretese da hardcore ma magari hanno semplicemente visto un video su YouTube ci cliccano su ed iniziano a giocare perdendo un po' di tempo??". Perché quando tutti fanno così il mercato si satura, i guadagni scendono, mentre rimane scoperta la domanda di giochi di qualità e qualcuno si butterebbe nel mercato che rimane scoperto! Tutte quante potrebbero fare già quello che dici, eppure i giochi di qualità ci sono... solo queste stesse aziende potrebbero guadagnare molto di più. Non è plausibile perché la domanda ci sarà sempre e qualcuno che va verso quella domanda pure.

2) Non sono nessuno a confronto, ma sopratutto quell'utenza è già compresa da google, non è utenza che gli altri hanno e lei no. Non gli serve comprare nulla, già sono potenziali clienti. Solo che google garantisce più continuità tra dispositivi e più continuità col futuro. Ma anche solo il giocare tra amici in un attimo, il giocare con lo youtuber che sta facendo la live... sono cose che microsoft si può solo sognare.

Guardi troppo al presente e poco al futuro, non è importante ciò che faranno al lancio, anche se credo proprio andrà molto meglio google, è importante cosa possono dare in futuro. E lì non c'è paragone.

odontoluca

Non per tutti....non pensate che solo in Italia abbiamo problemi di connessione....
Poi chiaramente ci sono anche i gruppi di amici, il milanese che ha la supermegaincredibile fibra dovrà adeguarsi all'amico che abita in provincia...
Sony e Microsoft hanno i loro fedelissimi e portarli via da li sarà difficile, in una situazikme del genere devono buttar giù qualche asso nella manica, probabilmente sarà il prezzo del servizio.
Per ora troppo poco per ragionarci...

Bruce Wayne

I single player sono tutti banali.
Difficile suols è solo perché la gente non vede scritto un tutorial in modo classico e gli dai la possibilità di scegliere quale zona fare prima e vanno in tilt.
Sai se si è abituati a cod e fifa è normale che sembrano difficili i souls.
Che poi di norma ci sono tutte difficoltà artificiose dovute a scelte di bilanciamento discutibili ed a problemi di frame rate. ( vedi città infame)

Mario Cacciapuoti 85

1)il fatto che la piattaforma possa raggiungere un numero spropositato di cosiddetti "casualgames" può semplicemente portare ad un degrado della qualità dei giochi, essendo persone non hardcore con pretese ed aspettative pressoché nulle, già questo smonta per intero tutto il tuo discorso, perché io software house devo investire milioni di dollari in giochi tripla A quando con pochi picchi posso fare un giochino che arriva a milioni di persone che non hanno pretese da hardcore ma magari hanno semplicemente visto un video su YouTube ci cliccano su ed iniziano a giocare perdendo un po' di tempo??? VEDI QUESTA È UNA TEORIA DEL TUTTO OPPOSTA ALLA Tua. Non voglio dire che è la verità assoluta, ma è cmq plausibile, e dimostra il fatto di quanto tutto ciò che hai scritto è totalmente opinionabile....
2)80 milioni di persone + potenzialme l'utenza Nintendo sono numeri spropositati se paragonati ai miliardi di casualgames che Google vorrebbe accaparrarsi, per il semplice fatto che sono 80 e più milioni di persone, che sono già dei gamer e non devono essere invogliati a diventarlo, hanno già dei gusti delle pretese, insomma fanno già parte di un mercato, il tutto unito ad una lineup di lancio mostruosa cioè perliamo di 3000 titoli centinaia di tripla A il tutto fruibile dappertutto smartphone Android compresi(con una banda di appena 5/6 mega numeri già dichiarati invece Google boooo???) da questo punto di vista Microsoft ha dei vantaggi sproporzionati anche rispetto al potenziale mercato che Google vuole aggredire, semplicemente perché ancora tale mercato Non ESISTE

almi05

Di nulla

Fabyo

1) su pc milioni di persone hanno già l'account inserito per chrome e per youtube, così come su telefono, tv (per chi la ha, presumibilmente sempre di più in futuro), tablet, chromecast. Il punto non è che alcuni dovranno inserire i dati, il punto è quanti milioni di persone ci sono che potranno già accedervi senza fare nulla di più di quanto farebbero già per altri motivi. Vuol dire che puoi presentarti casualmente anche a una marea di persone che non si sono mai interessate più di tanto, e potrebbero iniziare a interessarsi. Ovvio che per un gamer non cambia quasi nulla (finché parliamo di facilità di accesso), ma appunto per questo dico che il mercato al quale puoi arrivare si amplia moltissimo, perché puoi arrivare anche a dei gamer più casuali con dei titoli di qualità! Questo secondo me potrà anche portare a creare nuovi generi di giochi per casual gamer che però non devono essere per forza caxxatine, ma anche giochi veramente belli, solo semplici nelle meccaniche! Mi immagino giochi tutti basati sulla storia, alla life is strange, da giocare sul televisore, in cui magari togli un po' di esplorazione che potrebbe annoiare di più e ti concentri di più sulla storia. Una sorta di serie TV a episodi, però con più interattività. Questo giusto per fare un esempio di che possibilità offre in più l'arrivare praticamente a tutti. Ma per tornare ai gamer, anche il solo metterci un "prova subito" dopo un trailer su youtube è tanta roba per una software house, perché porta in 5 secondi un potenziale acquirente a provare il gioco nel momento di maggior "emozione", il ché rende più probabile l'acquisto.
2) Non vedo cosa c'entri la qualità, e perché non dovrebbero più produrre roba di qualità, Non è che si fa roba di qualità perché sviluppi per un certo hardware, ogni azienda sceglie dove cercare di fare il suo lavoro. Non arriverai mai alla sola produzione di cagate, perché saturato il mercato delle cagate (e credo sia già ben saturo) ci sono delle aziende che si buttano in un mercato magari meno saturo, cioè dei giochi di qualità. E anche queste ne beneficeranno, perché ad esempio un monster hunter world non deve aspettare 1 anno per uscire su una piattaforma rispetto a un'altra, un red dead redemption 2 non deve essere confinato a una playstation. A quest'ultimo io vorrei giocarci, ma non ho la minima intenzione di prendere una playstation apposta. Io non sono nessuno, ma come me chissà quanti... e questi google può raggiungerli tutti! Alle software house non interessa su quante piattaforme vanno, interessa quante persone raggiungono. Finché il numero è dipendente dall'hardware venduto, allora interessa essere sul numero maggiore di piattaforme... quando il numero di persone è slegato dall'hardware non gliene frega più nulla, e vale per tutte.
3) Il fatto che abbia presentato gli "studios games entertainment" vuol dire poco o nulla. I motivi possono essere i più svariati, tra il sviluppare nuovi sistemi di gioco (vedi l'esempio del punto 1), o diversificare ulteriormente i guadagni, o lo spingere inizialmente il servizio, o offrire tali giochi gratuitamente per invogliare ad acquistare il proprio hardware, o includerli in un abbonamento (che non è affatto scontato sia l'unica forma in cui potremo usufruire di stadia).
4) 80 milioni di giocatori non sono nulla rispetto a quanti ne raggiunge google! Tutti quegli 80 milioni hanno già in mano l'hardware per utilizzare stadia! Nintendo switch è nulla in confronto! Anzi è un'altra che rischia grosso, perché il gaming su mobile arriva in qualità molto più alta di quella offerta da nintendo! Farebbe una roba intelligente abbandonando la sua console e portando le sue esclusive su stadia, magari vendendo anche un tablet dedicato, con android, coi joycon. Stiamo parlando di numeri di un altro ordine di grandezza rispetto a quelli che si sono mai potuti raggiungere fino ad ora. Se lo stesso gioco puoi acquistarlo su xcloud (sempre che ci sarà una simile possibilità e non sia solo un abbonamento) oppure su stadia (idem come sopra), la maggior parte lo farà su stadia, perché è più integrato con tutti quelli che sono i servizi e i dispositivi che si useranno da qui per i prossimi molti anni.

Microsoft le carte in regola le avrebbe per tutto sempre e comunque, vista la potenza! Le manca la capacità, perché tutto ciò che è al di fuori di azure e office (dove in realtà vive di mancanza di concorrenza) lo sta facendo male negli ultimi anni (xbox compresa, dove si è risollevata solo col gamepass). Ma anche avesse le capacità, il problema è che google ha le basi per fare molto di più, e le sta mettendo in campo, e sono basi che difficilmente microsoft può replicare da sola.

Ovvio che tutto dipende da come verrà sfruttato, anche microsoft ha avuto tante buone idee innovative negli ultimi anni, ma non ne ha saputa sfruttare mezza! Google dà più certezze in questo senso (non che non abbia fallito su progetti innovativi, vedi i glasses, laddove invece microsoft con gli hololens sta facendo centro probabilmente). Ma intanto le innovazioni sono state presentate, ed è inutile stare a dire "se qui, se lì"... anche perché pure per microsoft abbiamo solo dei "se". Oltretutto è difficile da credere che non abbia contenuti (contenuti che in ogni caso non tarderebbero a comparire, non ce n'è una di software house che potrebbe dirsi non interessata), anche perché questa era una conferenza per sviluppatori e di sicuro a nessuno interessava sapere che contenuti ci fossero. Per quelli ci sarà un altro momento e se ne parlerà a tempo debito. Quello che dovevano presentare in quella sede l'hanno presentato, una bomba dietro l'altra.

In ogni caso ricordati che parliamo di streaming, e questo vale sia per microsoft che per google. Il ché vuol dire che non parliamo di servizi che da quest'anno invaderanno il mercato imponendosi sugli altri, è un discorso sul futuro! Quello che è ad oggi conta poco, non è oggi che soppianteranno i sistemi esistenti! Inizieranno solo ad affiancarli per il momento. L'importante sono le basi che hanno per diventare i prevalenti in futuro.

L'unico dubbio che ho riguarda la VR, che non so quanto un servizio in streaming potrà rendere fruibile e in quanto tempo. Non so nemmeno se sony possa raggiungere una qualità abbastanza valida su una console da essere sufficiente da sola a mantenerla in vita (ripeto, parlo di una ipotetica playstation futura). Mentre potrebbe essere ancora più importante per il gaming su pc e per steam. In ogni caso per la VR penso che l'hardware rimarrà fondamentale un po' più a lungo.

Francesco Gazzotti

Mah, io lascerei il digital divide a parte, non c'entra nulla. Quello è semplicemente il modo di fare le cose: prima si offre un nuovo servizio dove ci sono più potenziali clienti, dopo si va anche dagli altri, e spesso si è in perdita, bilanciando i conti con i clienti che per primi hanno avuto il servizio. Per me è giusto e non la prenderei assolutamente come una cosa che va abbattuta, è semplicemente meglio così.
Abito in un paese di ottomila abitanti che è connesso da FTTC Tim che va a 100/20 con ping sotto i 15, già potrei usare questo servizio. Inoltre a Pisa ho già la 200/20 ma è disponibile la Gigabit essendo una delle 77 città italiane già coperte da Open Fiber, con altre 22 in lavorazione. E ricordiamoci che queste città ospitano un grande numero di persone, quindi potenziali clienti.
Alla fine il 5G pur essendo più lontano risentirà della moda che gli smartphone che hanno avuto per 10 anni torneranno ad avere quando si sentirà il bisogno di fare questo cambiamento e cambiare telefono. Tanto tutti quelli di oggi hanno i giorni contati, vuoi per la batteria o per le prestazioni, quindi quando tra 5/6 anni uscirà un telefono 5G a 200€ allora lì sì che verrà veramente diffuso, ma per la Gigabit non vedo problemi dato che già ora potrebbero attivarla in milioni di persone.

SimOOne

Anche MS e Sony dovranno adeguarsi ai tempi.
Probabilmente sta finendo un'era di gaming.
L'idea dello streaming mi piace tanto più per il 4K e la possiblità di giocare praticamente su ogni dispositivo connesso senza problemi.
Resta lo scoglio prezzo. Quello potrebbe essere l'ago della bilancia che potrebbe uccidere del tutto le console (sempre se la proposta di giochi sarà valida e completa) oppure portare ad una lenta agonia questo progetto fino a quando non ci penseranno MS e Sony.

Aikon

Cavolo però potevano agganciarlo a G+... a no… scusate..

BuBy

cmq dai discorsi che fate sembra che google abbia inventato qualcosa ...
i servi di game streaming oramai sono in sviluppo / pubblicati da i più grossi competitor.
e a dire il vero mi sembra che microsoft sia anche un passo avanti

Carlo Pissu

Mi sembrava di averlo letto su qualche postilla , l'ho detto per questo motivo .
Se guardi ,nei commenti poco sopra anche qualche altro utente lo dice .

Carlo Friscia

Il tuo ragionamento non fa una piega ed io concordo. Ma è relativo all'Italia.
Nel resto del mondo e più che fattibile!
Io, ad esempio, in Uk ho un abbonamento con Virgin e su Netflix o YouTube non ho idea di cosa sia il buffering.
Considera che in termini di velocità e resa non è neanche la miglior proposta di Virgin...
https://uploads.disquscdn.c...

Mario Cacciapuoti 85

Onestamente ciò che hai scritto è tutto opinionabili
1)la piattaforma è fatta per poter godere dei contenuti da qualsiasi dispositivo, va da sé che su pc va inserito l'account e che tutti gli Apple user devono crearselo, io stesso fino all'anno scorso avendo sempre avuto iPhone non avevo un account Google.
2) le esclusive faranno sempre parte integrante e valore aggiunto per i vari competitor, il tuo decantato discorso è tragico racconta di uno scenario in cui le software hous non avendo interesse per nessuna piattaforma saranno meno incentivate a produrre roba di qualità e lo dico da gamer incallito.
2)nel tuo discorso tieni conto solo di software House di terze parti che per ovvie ragioni hanno interesse a far fruire il proprio gioco sul numero maggiore di piattaforme, quindi va da sé che non programmeranno mai solo per Google. E Google lo sa benissimo infatti insieme alla piattaforma a presentato anche gli "studios games entertainment"
MA ad oggi è solo una goccia nel mare tra le mani di fatto non hanno ancora nulla.
E non dimentichiamo che tra Nintendo Sony E Microsoft (Xbox +pc) ci sono miliardi di giocatori ancora legati alle console da gioco, che non abbandoneranno tanto facilmente il loro hardware dove hanno investito tanti soldi, sopratutto per un servizio senza contenuti, e qui Microsoft si mangia Google infatti xcloud oltre che ad essere fruibile su pc smartphone tablets e smart TV sarà fruibile anche su Xbox (80 milioni di giocatori)
E quasi sicuramente anche su Nintendo(Oggi è stato pubblicato su Switch il primo gioco che integra i servizi Xbox live)
MI dispiace ma Microsoft ha tutte le carte in regola e tutte le potenzialità e l'esperienza sia cloud(Azure OneDrive) che Game (prima Xbox 1999 20anni fa), per poter imporre il proprio servizio, con delle basi enormemente più solide,
Google ha tante buone idee ed un approccio sicuramente innovativo e potenzialità enormi se verrà sfruttato a dovere ed avrà una politica di prezzi aggressiva, ma questo è tutto da dimostrare per ora non ha nulla tra le mani oltre alle idee

Fabyo

Il correttore della tastiera google mi sta facendo impazzire in sti giorni... non mi arrivano nemmeno le notifiche di whatsapp... mi tocca un bel formattone.
1) L'account sarà quello google, quindi non sarà necessario nulla di più di quanto tutti hanno già sul telegono.
2) I giochi arriveranno, perché con queste premesse tutti hanno l'interesse nel buttarsi sul questo sistema. Non sappiamo come funzionerà, se ci sarà un abbonamento o se venderanno i singoli giochi, o se offriranno entrambe le possibilità o altro ancora, magari qualcosa di gratuito con pubblicità... il fatto è che le esclusive conteranno molto meno di adesso, perché adesso ti obbligano a comprare un hardware, in futuro ti faranno fare l'abbonamento per un mese da una parte, poi dall'altra, poi dall'altra ancora. Cambi come e quando vuoi. Quindi non ci sarà più nemmeno tanto interesse nell'averle, le software house non avranno tanto interesse nel farle e andranno sulle piattaforme che gli garantiscono di più... e google è in prima linea!
3) Inutile mica tanto... google di roba sul fuoco ne ha messa un sacco, e alcune robe sulle quali microsoft non può assolutamente competere. Onestamente godo un sacco, non perché mi interessi qualcosa di google, ma perché microsoft inizia a pagare la scelta di abbandonare il mobile. Quando e se inizierà a mettere qualcosa sul fuoco pure lei se ne potrà riparlare, ma al momento più che uno streaming non c'è.

Luca C.

Vabbè è una tua opinione, non sono d'accordo

Simone

Lo pretendo, perché è giusto che sia così...
Poi sono consapevole che è impossibile :)
(anch'io sbaglio, a volte è normale, a volte no!)

pietro

google ha già comprato studi per delle esclusive, e nella conferenza hanno già parlato esplicitamente di esclusive

pietro

no, non sappiamo nemmeno il modello di business. Non è detto si tratti di un pass.

pietro

con prime a 200€ l'anno

pietro

è presto

pietro

vabbè, tu pretendi che su questo blog si commenti con cognizione di causa?

Massimo Olivieri

"Netflix quanto ricava dalle attività rivolte alle aziende"
E quali sarebbero ?!?

Se manco capisci la risposta ha che scopo fai le domande?

Alessandro

E dimmi un po' Netflix quanto ricava dalle attività rivolte alle aziende e quanto ricava da quelle rivolte ai privati

Ngamer

ragionavo su un possibile scenario però cè sicuramente la possibilità di vedere un bel po di movimento sui titoli nvida e amd nel prossimo futuro

Tiwi

sicuramente interessante, ma è appunto un esagerazione..in primis c'è il limite di internet, che per come siamo messi in Italia può anche essere 2-3mega in download e 1 in up
poi ovviamente il dispositivo, che deve supportare fhd o 4k che sia

LoWR1D3R

Non sara cosi, non e il modello business google. Gli abbonamenti ci saranno, ma non saranno con google. Avrai EA access ad esempio in abbonamento su STADIA, e sicuramente ci sara anche la possibilita di comprare titoli individuali. Google probabilmente offrira anche roba gratis con ads. Se capisci un minimo di come funziona google vedrai che ho ragione.

Bruce Wayne

I souls non sono giochi che richiedo particolari imputlag, come tutti i giochi normali.
Si gioca senza problema a qualunque gioco "competive"( csgo, pubg ed i moba senza nessun problem)

Bruce Wayne

Perfettamente giocabili.

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti

Asus Rog Phone 2: tutto su accessori ed esperienza gaming | Video Recensione

Nintendo Switch Lite: le nostre prime impressioni | Video Anteprima

Recensione The Dark Pictures: Man of Medan; l'atmosfera horror c'è ma non basta