Oumuamua, nuova teoria lo classifica come una cometa oscillante

15 Marzo 2019 28

Sul corpo interstellare battezzato Oumuamua sono state formulate diverse teorie, l'oggetto proveniente da un viaggio durato presumibilmente milioni di anni, che è entrato nel nostro sistema solare e lo sta attualmente attraversando, continua a suscitare la curiosità di ricercatori e astronomi.

L'immagine che vedete in copertina è solamente una ricostruzione, non siamo stati in grado infatti di vederlo con tanta precisione grazie agli odierni telescopi, tuttavia sappiamo che è lungo circa 275 metri ed ha una forma allungata, caratteristica questa che ha amplificato di molto l'interesse nei suoi confronti.

Scovato il 19 ottobre 2017, Oumuamua è un corpo interstellare più unico che raro e il suo attuale allontanarsi lascia dietro di sè una scia di mistero. Sin dalle prime osservazioni, l'oggetto è stato riclassificato più volte, venendo inizialmente inquadrato come una cometa, per poi essere degradato a semplice asteroide, infine è stato classificato come oggetto interstellare dalle proprietà simili a quelle delle comete. Non sono nemmeno mancate le teorie più borderline, come quelle che hanno ipotizzato possa trattarsi del frammento di un pianeta, o addirittura di un'astronave aliena alla deriva.

La vera natura di Oumuamua è ancora fonte di discussione e non sappiamo realmente cosa sia, tuttavia una nuova teoria ad opera di alcuni astronomi di Yale e Caltech, cerca di fare il punto dando una sua interpretazione.


Tra i comportamenti anomali misurati dopo la sua individuazione, Oumuamua ha mostrato piccola ma costante accelerazione, che inizialmente è stata spiegata come un semplice effetto di fionda gravitazionale operato dal Sole. Secondo la nuova teoria, la continua accelerazione potrebbe esser stata causata dallo sfogo di gas tipico delle comete, che le rende sempre più brillanti all'avvicinarsi ad una stella. Quando una cometa si avvicina al Sole e si scalda, il ghiaccio contenuto esplode in un getto. Le "code" della comete si formano quando le particelle di polvere rimangono intrappolate nel getto, riflettono così la luce solare.

Oumuamua, al contrario, non presenta tracce della scia e nemmeno la rotazione tipica delle comete. Secondo il team di studiosi, il corpo interstellare oscillerebbe avanti e indietro come un pendolo, mentre i getti migrerebbero lungo la superficie seguendo il calore e la direzione del Sole. Si tratterebbe dunque di un'ulteriore conferma che Oumuamua è in realtà una cometa, tale scoperta suggerirebbe peraltro che anche le altre stelle della galassia sono in grado di espellere oggetti simili durante il l periodo di formazione dei pianeti.

A questo punto Oumuamua ha superato l'orbita di Saturno e continuerà ad allontanarsi da noi, tuttavia, ci vorranno circa 10.000 anni affinchè esca completamente dal sistema solare. Per chi volesse approfondire la ricerca, vi lasciamo alla pubblicazione ufficiale disponibile in fonte.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 559 euro oppure da Amazon a 629 euro.

28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Holy87

Gear 3rd

Holy87

Così almeno potremo zittire chi ancora dice che i buchi neri siano solo delle teorie impossibili.

Top Cat
Nembolo

Ottima idea. La vernice te la pago io, e tu ti fai un bel giretto ai confini del sistema solare.

Cloud387

Rispecchia in tutto e per tutto la piattezza del nostro pianeta

sudo apt-get install humor ®

allora non sono il solo a pensare a 'sta cosa.

Quando leggo sto nome mi viene da dire "aumma aumma".

Top Cat

Dagli una bella mano di vernice e risolvi.
Magari metallizzata.

Nembolo

Insomma niente alieni o guardiani della galassia. Che delusione.

Questo è molto più interessante...ma vabe sono un po' di parte https :// www.media.inaf .it/2019/03/15/eht-intervista-goddi/amp/

Georgi Mihaylov

io ho risolto il mistero xD

è stato sparato nello spazio da un'altra civilizzazione piu avanzata di noi per cercare (o colonizzare) un'altro pianete, nel suo viaggio è giunto sino a noi.. non sapendo pero che nel nostro sistema solare ci sia vita, viaggia da talmente tanto che la parte esterna della nave si è stratificata in roccia.

Top Cat

Il concetto di cometa oscillante, utilizzato con le opportune limitazioni di significato nell'implicita affascinante ipotesi di un superamento della stessa teoria della relativita' nel quadro di una problematica basata su precisi contributi di osservazione, prefigura una soluzione operativa del problema relativo alla forma dei corpi celesti opachi individuando dei meccanismi di produzione di energia non termica, che in questo genere di ricerche possono avere un peso determinante.

Top Cat

https://uploads.disquscdn.c...

Andhaka

Clarke non è mai stato un mago da quel punto di vista e con Rama c'è stato anche il fatto di essere scritto a quattro mani... e si vede, parecchio.

Ma il "ramans do things in threes" chiude il primo libro, quindi lo possiamo accettare anche facendo finta non esistano i due seguiti. ;)

Cheers

Jon Snow

https://uploads.disquscdn.c...

asd555

Mesi e mesi di teorie e alla fine era l'obiettivo sporco.

Maurizio Mugelli

mai piaciuti i seguiti <.<

Top Cat

Bravoooo!!!

Top Cat

No, ho perso il mio apparecchio acustico.

Top Cat

Tut, caro il mio Kang il conquistatore.

Stefano

aumm aumm

opt3ron

È la kakka di Ego il pianeta vivente.

Andhaka

Quindi possiamo aspettarcene almeno altri due? ;)

Cheers

Maurizio Mugelli

tanto a questo punto e' impossibile da verificare, personalmente preferisco chiamarlo Rama.

Jon Snow

ma oggi vi sentite james t. kirk?

xbukowskyx

Io la classificherei come una cometa stronzoo

Android

Recensione Google Pixel 4 XL e confronto sblocco 3D con iPhone 11

Amazon

Le migliori offerte Week End: gadget, accessori, smartphone, informatica e altro

Mobile

Recensione Huawei Watch GT 2: super autonomia e bel display

Apple

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza