Qualcomm prima sul mercato a proporre una piattaforma mobile con 5G integrato

25 Febbraio 2019 3

Qualcomm ha annunciato a Barcellona la prima piattaforma mobile con 5G integrato all’interno di un SoC. La società californiana si basa sui modem X50 e X55 (quest'ultimo presentato pochi giorni fa) per fornire ai produttori di smartphone soluzioni che siano flessibili e al contempo scalabili, condizioni indispensabili affinché la rete di nuova generazione si diffonda rapidamente sul mercato.

La nuova piattaforma con 5G integrato - svelata in anteprima nel corso di un evento tenutosi al MWC 2019 dal Presidente Cristiano Amon - rappresenta un importante passo avanti verso l’adozione dello standard grazie ai vantaggi forniti dall’antenna di seconda generazione mmWave e dai moduli e componenti sub-6GHz RF front-end. È tra l’altro “il primo in una roadmap di piattaforme mobile 5G” pianificata dall’azienda.

“Il nostro impegno in Ricerca & Sviluppo e le nostre piattaforme mobile leader di settore abilitano i produttori di telefoni a innovare e scalare globalmente prodotti rivoluzionari,” spiega Cristiano Amon. “L’integrazione dell’innovativo modem 5G multimode e delle tecnologie di processo delle applicazioni all’interno di un singolo SoC rappresenta un fondamentale passo avanti nel processo di rendere il 5G disponibile in maniera più ampia tra Paesi e tier, seguendo l’ondata di dispositivi 5G flagship presentati da oltre 20 OEM e 20 operatori mobili, che si sono impegnati a lanciare quest’anno reti e dispositivi mobili 5G basati sui nostri modem 5G”.

La piattaforma integra la tecnologia Qualcomm 5G PowerSave che permette di contenere notevolmente il consumo della batteria degli smartphone. Tale soluzione è supportata anche dai modem X50 e X55 5G.

L’arrivo sul mercato sui primi dispositivi è previsto nella prima metà del 2020.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Techinshop a 484 euro oppure da ePrice a 586 euro.

3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sig. Stroboscopico

Che gli hardware e i software siano sicuri te lo dicono solo quando ti devono vendere qualcosa. O il nuovo PC o un nuovo servizio.

In occidente c'è "libertà" di stampa e una serie di movimenti che che cercano di portare a leggi di tutela e a una filosofia di trasparenza e di libertà. Cercando di separando cosa è pubblico da cosa è privato e le questioni di stato.

Prova ad andare a vedere negli altri blocchi come sono considerati questi aspetti e capisci che c'è facilmente sempre del peggio.

agli americani non servono backdoor sui soc. le hanno direttamente a livello software così sono piu facili da sfruttare e nel caso le scoprano le chiudono facilmente e ne aprono un altra

BLERY

È se Qualcomm ci spiasse come Huawei?!?!?! Viva l'America!!!

Samsung

Recensione Samsung Galaxy Tab S5e: ottimo per svago e produttività

Kia

Kia e-Soul: prova su strada e prezzi in Italia, la nuova sarà solo elettrica | Video

Samsung

Samsung Galaxy Fold: il software convince, la "piega" è da provare!

Oppo

24h con Oppo Reno: pop-up camera e tanto carattere | Video