NASA, ecco SPHEREx: la nuova missione esplorerà le origini dell'universo

14 Febbraio 2019 91

Dopo aver valutato diverse proposte, la NASA (che proprio ieri ha dato l'addio a Opportunity, dichiarando conclusa la sua missione su Marte) ha scelto una nuova missione su cui investire: partirà nel 2023 e si chiamerà SPHEREx, acronimo che sta per Spectro-Photometer for the History of the Universe, Epoch of Reionization and Ices Explorer; dovrebbe durare due anni e costare intorno ai 242 milioni di dollari (lancio escluso). A darne notizia, nella giornata di ieri, è stata la stessa NASA, pubblicando un nuovo post sul proprio sito ufficiale.

Di cosa si occuperà? Come suggerisce il nome per esteso, SPHEREx scandaglierà il cielo sfruttando anche il campo dell'infrarosso allo scopo di raccogliere dati su oltre 300 milioni di galassie e oltre 100 milioni di stelle appartenenti alla nostra galassia, la Via Lattea, per ricostruirne la struttura e anche la storia. Si tratta quindi di un'indagine sia sincronica che diacronica.

Le osservazioni si concretizzeranno in una mappa galattica senza precedenti, che conterrà le tracce dei primi momenti di esistenza dell'Universo, cercando di rispondere a una domanda fatidica: come ha fatto l'Universo a espandersi così rapidamente, in meno di un nanosecondo, dopo il big bang?

SPHEREx. Fonte: NASA

La risposta, si augurano i ricercatori, giace nelle centinaia di milioni di galassie vicine e lontane - alcune così lontane che la loro luce impiega 10 miliardi di anni per raggiungere la Terra - che SPHEREx osserverà. Nella Via Lattea, la missione cercherà gli elementi essenziali alla vita, cioè acqua e molecole organiche, nelle regioni dove, a partire da gas e polveri, nascono le stelle, così come nei dischi da cui potrebbero originarsi i pianeti.

Ogni sei mesi, SPHEREx setaccerà il cielo creando una mappa dell'intero firmamento in 96 diverse bande di colore, superando quanto sia mai stato fatto finora e dando vita a uno strumento in grado di indirizzare con maggior precisione le missioni future, proprio come quella del James Webb Space Telescope (che recentemente ha superato diversi test critici e il cui lancio è stato fissato per il 2021) e il Wide Field Infrared Survey Telescope della NASA.

La nuova missione sarà gestita dal Caltech (California Institute of Technology) in collaborazione con il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. Grande la soddisfazione di Jim Bridenstine della NASA, che ha commentato:

"Sono davvero entusiasta per questa nuova missione: non solo espande la flotta statunitense di missioni spaziali dedicate alle indagini sui misteri dell'universo, ma è anche parte importante di un programma scientifico equilibrato che include missioni di varie dimensioni".

La riconferma di un'azienda che cerca l'equilibrio tra prestazioni al top e prezzo competitivo? OnePlus 6T, in offerta oggi da Mobzilla a 449 euro oppure da ePrice a 513 euro.

91

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Davide D'amore

L'universo non esiste . Solo la natura è vita

Babi
Bat13

Verissimo, però già quando orbitavano intorno al pianeta con la nave avrebbero dovuto avere problemi legati alla gravità..
Diciamo che la tecnologia era così avanzata da sopperire a questi problemucci :D

SpiritoInquieto

È la stessa cosa che stavo dicendo io... Un caso fortuito.

Sirius Bau

In pratica, la vita sulla Terra, si sarebbe generata per una gigantesca botta di qulo.
Francamente fatico a crederci.
Alla Terra sarebbe bastato un nonnulla per avere un destino diverso da quello che attualmente conosciamo: una massa inferiore come quella di Marte e ciao ciao campo magnetico.
Ma non solo, siamo alla giusta distanza dalla nostra stella che non è né troppo fredda né troppo calda; nella giusta regione galattica abitabile e con un satellite grande come la Luna che con ha inciso tantissimo sulla nascita della vita sulla Terra.

Boronius

Beh, il numero di particelle elementari che stanno dentro all'universo ho idea che non sia infinito. Servirebbe lo spazio quantizzato, il tempo quantizzato, le forze quantizzate, un insieme di equazioni che portano dallo stato N allo stato N+1. Sicuramente siamo ai limiti dell'assurdo, perché un "qualcuno" avrebbe fatto una cosa del genere? Perché fare un universo così grande? Anche gli alieni a questo punto sarebbero loro stessi "simulati" come noi; avranno scoperto qualcosa a riguardo? Magari vivono in modo svagato, viaggiano senza fare nulla di concreto per il fatto che sanno di essere "simulati" quindi non gli importa nulla di nulla

ert6785

Non cambia il fatto che se vuoi avere quel effetto relativismo,devi sottoporti a una forza di gravità immensa,alla stessa maniera in cui per avere lo stesso effetto con la velocità, devi avvicinarti a quella della luce, invece nel film è come se si facessero un giro in bici,ma l'effetto relativismo creato ,implica che abbiano pedalato quasi alla velocità della luce:)

Bat13

Ma il tempo non era influenzato dalla gravità del pianeta, quanto dalla vicinanza al buco nero attorno a cui orbitava :)

SpiritoInquieto

Che razza di paragone.

Tetsuro P12

Questa è una tua supposizione (e di altri, indubbiamente), non spacciarla come oro colato. Anche Lucrezio spacciava le sue idee per oro colato... in alcune cose ci ha preso, in molte altre no; ma lui era giustificato perché era una poeta, e un poeta spaccia sempre le 'sue' verità.

Impara l'umiltà.

Tetsuro P12

Perché tu ragioni secondo gli attuali limiti tecnologici umani. La verità è che non si sa nulla, e che la sua ipotesi è realistica come può esserlo quella di chiunque altro. Nemmeno sappiamo dove origina una coscienza...

Maxim Castelli
Maxim Castelli
ert6785

Difatti prima di vederlo mi aspettavo una certa aderenza alla realtà, vista questa collaborazione,poi capisco che se fossero stati disintegrati all'istante dalla immensa forza di gravità,il film sarebbe durato poco, però così diventa quasi una fiaba, nulla di male ma la parvenza scientifica che si era voluta dare a questo film così non esiste......

77fabio

Perché tu ragioni in 3d, già la terra e piatta quindi togli calcoli, il firmamento è un lenzuolo con i segni zodiacali, la luna e proiettata da terra (per questo si vede solo una faccia;) togli ancora potenza e vedrai che basta un Pentium III con 128 mega di RAM per fare andare tutto.

Sirius Bau

È praticamente impossibile.
Cosa gestirebbe tutta questa simulazione? Un "computer" (chiamiamolo cosí per comodità) dovrebbe avere una potenza di calcolo potenzialmente infinita per gestire tutta la roba.

sudo apt-get install humor ®

Vero, ma si dovevano inventare un modo per far capire che anche il tempo è soggetto alle regole che governano l’Universo

sudo apt-get install humor ®
Marco Cerasoli

Eppure nel film ha collaborato attivamente Kip Thorne... Non proprio l'ultimo arrivato in fisica teorica

Boronius

Infatti l'universo potrebbe essere statico, in alcune zone la materia sparisce dentro ai buchi neri e in altre zone riaffiora da "buchi bianchi". Magari l'universo è ben più grande rispetto al nostro "universo osservabile" ed è per un puro caso che nella nostra zona l'universo sembra espandersi, in altre zone magari si contrae

SpiritoInquieto

Sono gli stessi palazzi dove tu ti rechi per citofonare e reclutare adepti, per poi venire regolarmente cacciato a pedate?
P. S. ho visitato il tuo profilo... sei anche un troll.

SpiritoInquieto

Sicuramente ne sapeva più di te e me.
E non criticare il mio modo di scrivere, dato che tu scrivi usando decine di faccine.

SpiritoInquieto

Spero un giorno ne sapremo di più!

Boronius

E se l'intero universo fosse solo una simulazione??

Boronius

Esatto

Boronius

Esatto. Comunque leggevo dell'esistenza di fior fiore di scienziati dubbiosi in merito a questa "inflazione" primordiale

Maxim Castelli

...che è il rivelatore di tutti i segreti? Comunque non vedo il motivo di manifestare questa acredine. Non sei in grado di aver un confronto su toni di scambio?

Maxim Castelli
SpiritoInquieto

Oddio... sarai uno di quei pazzi della setta dei "Testimoni di Genova"...
Vai alle adunanze e prìvati dei piaceri della vita! E mi raccomando, fai all'amore solo per procreare!

SpiritoInquieto

Peccato che ho riportato l'opinione di Stephen Hawking!
DOPPIAMENTE CAPRA! Anzi, CAPRONE!

Maxim Castelli
Maxim Castelli
Juanito82

invece no, l'universo osservabile ha un diametro di circa 96 miliardi di anni luce.
osservabile, poi c'è da capire quanto grande è quello non osservabile

Juanito82

la massa influisce sempre sul tempo, il tempo sulla terra scorre diversamente che sulla luna o su marte.
anche sulla terra stessa, se vivi al piano terra o al centesimo piano scorre diversamente.
ma sono quantità talmente piccole che diventa trascrabile, si parla di frazioni di secondo ogni 100 anni.
la massa di un buco nero è qualcosa di per noi incomprensibile e il tempo "lo ferma", però al riguardo ci sono teorie interessanti che comprendono i buchi bianchi

Sasi Basy

Bisognerebbbe andare più veloci della luce per poter vedere la terra prima di adesso, cosa impossibile

SpiritoInquieto

L'universo si è espanso in un nanosecondo superando di tantissimo il limite della velocità della luce in quanto tale limite è dovuto alla velocità massima dei fotoni nello spazio, ma lo spazio stesso si è espanso "nel nulla" non avendo quindi limiti di velocità.

SpiritoInquieto

Infatti dal Big Bang in poi vi è stato il caos.
L'universo è ciò che è in seguito a 13,7 anni di tentativi casuali, la maggior parte falliti.
Noi siamo qui solo perché le cose sono andate in un determinato modo.
Per il caso, appunto. Una splendida casualità in un mare di errori e di estinzioni.
Non serve la religione. È servita agli antichi per dare una spiegazione umana a ciò che non comprendevano. Incluse banalità come i fulmini o le eruzioni vulcaniche.
P. S. Capra!

ert6785

Si a parte il fatto che li la gravità è così forte da rallentare di molto il tempo, quindi miliardi di volte quella terrestre,ma poi ci puoi andare e tornare con una astronave e ci puoi pure camminare, esattamente come se fosse quella terrestre, piccolissima contraddizione...

Babi
Bat13

Il limite teorico che possiamo raggiungere è quando è nata la luce dopo il bigbang, oltre con le conoscenze attuali è impossibile... :)

DiRavello

ancora peggio quello che credono che un vecchietto con la barba bianca un giorno si sia svegliato e...ZAC, oggi creo l’universo. nel 2019... ancora credere a certe cose... imbarazzante

Maxim Castelli

Che affascinante! E pensare che ci sono degli allocchi che davanti a così tanta organizzazione dicono che il tutto è avvenuto caotocamente e per caso.

Top Cat
deepdark

Lo vedi ogni volta che sorge/tramonta il sole. In realtà è "avanti" di 8 minuti, se lo vedi tramontare è già tramontato.

deepdark

Quindi ha avuto un ritardo.

Dario 10101

Da quel che ricordo la distanza massima visibile dovrebbe essere 13.3 milardi di anni luce, ovvero quella che secondo le nostre conoscenze dovrebbe essere la radiazione di fondo presente subito dopo la nascita del universo.

Slartibartfast

Non sbagli, è così

sudo apt-get install humor ®
sudo apt-get install humor ®

Guarda il film “Interstellar”.
All’inizio l’ho sottovalutato ma rivedendolo spiega bene il concetto della relatività di Einstein

Top Cat

A chi lo dici.

Recensione Chuwi Aerobook: notebook concreto al prezzo giusto

RM mini 3: tutto diventa smart/domotico con 20 euro | Video | #BESTBUY

Huawei

Huawei Ban | Reazioni e conseguenze delle ultime 48 ore: possibile Huawei OS? | VIDEO

Honor

Honor 20 e 20 Pro ufficiali: caratteristiche e prezzi | Video Anteprima