NASA: sarà la United Launch Services a lanciare Lucy nel suo viaggio lungo 12 anni

05 Febbraio 2019 8

La NASA ha scelto di servirsi della United Launch Services LLC (ULS) per il lancio di Lucy, la prima missione volta ad indagare le proprietà degli asteroidi troiani di Giove. A darne notizia è stata l'agenzia spaziale stessa, tramite un aggiornamento pubblicato sul sito dedicato alla missione.

Il lancio è previsto per ottobre 2021, quando un razzo Atlas V 401 dovrebbe partire dalla base della Air Force a Cape Canaveral, in Florida. Da lì, il veicolo spaziale si avventurerà in un viaggio di ben dodici anni alla scoperta dei planetesimi. Come spiegato in un articolo precedente dedicato alla missione, questi ultimi sono piccoli oggetti rocciosi o ghiacciati che si pensa costituissero lo stato intermedio di aggregazione della polvere e dei gas della nebulosa primordiale nel processo verso la formazione dei pianeti.

Alcune tracce di questi planetesimi sarebbero rimaste intrappolate in due regioni dove le influenze gravitazionali di Giove e del Sole si bilanciano. Il veicolo spaziale della missione Lucy mira ad avvicinarsi, per la prima volta nella storia dell'uomo, ad alcuni di questi, noti anche come asteroidi troiani di Giove, per saperne di più sulle prime fasi dello sviluppo del Sistema solare, risalente a più di 4 miliardi di anni fa.

In verde, il percorso di Lucy. Fonte: NASA

Gli asteroidi troiani orbitano intorno al Sole in due gruppi, uno che precede e l'altro che segue Giove, essendo posizionati nei punti di Lagrange rispetto alla nostra stella e al gigante gassoso. Il costo totale della missione - il cui nome si rifà a quello del famoso scheletro di australopiteco che, rinvenuto nel 1974 in Etiopia, aiutò a gettare luce sull'evoluzione umana - si aggira sui 148,3 milioni di dollari, inclusi il servizio di lancio e altri costi correlati.

Se per vedere la partenza della missione bisognerà aspettare ancora qualche anno, non mancano certo notizie su altri fronti "spaziali": la scorsa settimana, ad esempio, la NASA ha cercato di riprendere i contatti con il rover Opportunity, rimasto silente dall'ultima tempesta di sabbia che ha oscurato gran parte di Marte. Sempre grazie ai dati raccolti dall'agenzia spaziale statunitense inoltre, recentemente gli astronomi sono riusciti a venire a capo di uno dei misteri più antichi relativi allo studio del nostro Sistema solare, ovvero: quanto dura un giorno su Saturno?

L'unico vero Note.? Samsung Galaxy Note 9 è in offerta oggi su a 599 euro oppure da ePrice a 737 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Massi91

Il costo dell'acquisto di Neymar vale quanto una missione spaziale verso giove. E poi la gente si scandalizza quando scoprono i costi delle missioni nello spazio, mentre dei costi normali mai ne?

Tito73

Ma SI Muovono o no a lanciare dei probes su Europa ed Encelado con annessi e connessi sistemi che possano penetrare il ghiaccio e sganciare poi dei mini sommergibili per esplorare questi oceani sotterranei!!! Danno fondi a cazttzo di cane e poi per le cose più importanti ed interessanti, a mio avviso almeno, il budget non basta!

SteDS

Ma secondo voi da cosa è determinata la scelta del vettore di ULS? Facendo due conti la spesa per il lancio sembra assurda in rapporto al costo dell'intera missione (148 mil). Il lancio di un Atlas V 401 in configurazione BASE costa al contraente ben 109 milioni di dollari, a cui se ne aggiungono altri 6 per ogni booster supplementare. Per fare un esempio, scegliendo il Falcon 9 block 5 - che garantisce molta più spinta e carico utile fra l'altro - avrebbero dimezzato i costi del lancio

Maurizio Mugelli

se dovesse inserirsi in orbita attorno a giove, si - il problema e' che deve arrivare all'orbita gioviana senza rimanerne agganciato gravitazionalmente ma passare dai punti di librazione giove-sole che come vedi nel diagramma qui sopra sono belli lontani dal pianeta, cosa molto piu' complicata.

Kable

Ce ne posso mettere anche 100... Dipende dalla spesa che voglio affrontare in termini di propellente e quindi di denaro e masse a bordo.

So che il mio è un parere non richiesto.
Ma credo che il viaggio sarà lungo e già ben prima dei dodici anni previsti dalla missione, il dispositivo invierà già parecchi dati già durante il viaggio.
Occorrerrebbe fare alcuni calcoli per poter soddisfare questa curiosità.

MatitaNera

non ho capito: inizierà a mandare dati tra 12 anni o li manderà per 12 anni?

Android

Recensione OPPO AX7: ottima batteria ed un hardware sufficiente

HDMotori.it

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Microsoft

Microsoft Surface Studio 2 è il top per la creatività: la nostra prova

Hardware

Recensione Asus ZenBook Pro 14 UX480, unico nel suo genere