Apple "1984": ecco il podcast con tanti retroscena e curiosità

06 Febbraio 2019 195

Aggiornamento 06/02

Come promesso, Business Insider ha pubblicato da poche ore il podcast contenente l'intervista con il copywriter Steve Hayden su "1984". Ci sono molti retroscena e curiosità interessanti sulla genesi dello spot, ed è un ascolto assolutamente consigliato a chiunque sia appassionato non solo di tecnologia, ma anche (e soprattutto) di advertising. Anticipazione succosa: nelle proiezioni test con gruppi privati di volontari lo spot era andato talmente male che si decise di nascondere i risultati a Steve Jobs... Il cui primo commento fu:

Oh m****. È fenomenale!

Per chi è interessato, il podcast si trova su iTunes, oppure sul sito web di Stitcher.

Post originale - 04/02

Lo storyboard originale dello spot "1984" di Apple, uno dei più famosi e iconici della storia non solo del marchio, ma dell'intero mondo dell'advertising, è stato condiviso dal copywriter Steve Hayden attraverso Business Insider. Lo spot fu proiettato in TV in occasione del Super Bowl del 1984, e annunciava l'imminente arrivo sul mercato del primo Macintosh.

Lo storyboard è una raccolta di 15 schizzi (14 + 1 ripetuto in dissolvenza) che illustrano i momenti salienti dello spot (diretto, ricordiamo, da Ridley Scott in persona). Purtroppo la fonte non fornisce un'immagine a risoluzione migliore di quella inclusa qui di seguito, ma è comunque interessante osservarla, soprattutto a fianco dello spot originale.


La storia a grandi linee dello spot è piuttosto nota: era partito come un normale progetto pubblicitario, ma quando fu presentato a Steve Jobs e John Sculley ne furono talmente entusiasti che decisero di spendere una piccola fortuna per proiettarlo al Super Bowl. Da notare che lo spot fu trasmesso ufficialmente solo quella volta (fatto salvo per qualche proiezione antecedente molto in sordina, in fasce orarie e su canali poco frequentati, affinché potesse partecipare ai concorsi del settore).

La fonte promette di svelare molti altri dettagli sullo storico filmato tra un paio di giorni, nel corso del podcast Household Name.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Gaming Pro a 649 euro oppure da ePrice a 721 euro.

195

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Carlo

ma come non puoi dirlo ma cosa sei un malavitoso che non puoi dire il lavoro che fai? ahahha non sei credibile nessuno nasconderebbe di essere un professionista del settore e quindi hanno ragione a sostenere che sei un gran patacca

Carlo

infatti adewsso che ho visto la sua risposta me ne sono reso conto che è un patacca xD

Frank

non è manco capace di usarli i programmi fiurati a farli, max è un patacca raccontta balle...

Max

Io non posso e non voglio divulgare informazioni sulla mia professione...

Carlo

Mah! per me fai troppo il vago... se fossi realmente un programmatore/sviluppatore sapresti rispondere alla semplice domanda che ti ha posto

Max
Max
Max

Bravo Santossss https://uploads.disquscdn.c...

Marco SoC

https://uploads.disquscdn.c...

SteDS

Gente che vuole collaborare anche. Cosa sviluppi?

Antonio Guacci
Enrico Dunghi

non hai del tutto torto, ma peccato che se di sfigat0 dobbiamo parlare, è l'aspettativa di avere alla metà del costo la stessa cosa, non lo stesso prodotto, e qui molti ne sono convinti,
Giustamente o no, non sta a me sindacare ma mentono a loro stessi ogni volta che lo fanno, PER ME non c'entra la questione di ricchezza e benessere.

PikoF1

Non è un luogo comune basta fare il passaggio da un sistema all'altro e conoscere entrambi gli ecosistemi per capire che non è un luogo comune. Il play store è pieno di app immonidizia che a volte ti costringono anche al reset del dispositivo per ripulirlo. Forse il luogo comune è la la libertà che concede android, vorrei sapere in cosa consiste questa libertà. Senza fare il root non capisco cosa si possa fare di tanto libero con android che non si possa fare con ios

Nemmeno sono originali, lo spot è ripreso dal libro di George Orwell "1984" scritto tra l'altro nel "1948"

Max

Vecchi luoghi comuni.quando poi Android va via via chiudendosi, per motivi di sicurezza, mentre iOS va aprendosi per motivi di allargamento bacino di utenza.

Max

Nessun filantropo. Solo gente che, giustamente, vuole farsi conoscere.
Ed io conosco l'ambiente.

Max

Quello NON È il caso di google. Li tu sei il prodotto e basta.

Max

Altre c4c4te non più valide da anni ne conosci ?

Max

https://uploads.disquscdn.c...

ilmondobrucia

"falso senso di sicurezza" .. Devo non far accedere i dati ad estranei .. In questo ci riescono bene.....
Puoi scegliere anche android... Anche in questo ultimamente ci riescono bene...

ilmondobrucia

"falso senso di sicurezza" .. Devo non far accedere i dati ad estranei .. In questo ci riescono bene.....
Puoi scegliere anche android... Anche in questo ultimamente ci riescono bene.

Bastian Contrario

No però, se vedi nella cultura popolare, nei film, nei libri... Il ruolo dei cattivi è sempre meno interpretato dai governi, sostituiti dalla Multinazionale X che è di solito un ibrido fittizio tra Apple e Lockheed Martin.

Ormai il nemico, il nuovo Grande Fratello, sono loro. Apple in questo senso è il target primario della nuova distopia perché ha un'estetica che si addice al genere. Design minimalista e asettico, inumano, fondatore visionario con un lato oscuro, marketing e pubbliche relazioni fatti di fintissimi sorrisi a 32 denti.

È il rovescio della medaglia dell'essere così famosi e iconici.

Rob

Le icone non mi pare siano le stesse https://uploads.disquscdn.c...

Le barre di scorrimento ora sono una semplice striscia blu senza effetti, mi riferisco a quelle quando si installano pacchetti PKG

Tony

poi usano le app che li rendono gli stessi prodotti e fanno i fighetti

Tony

...e tu sei un prodotto a pagamento

Stefanoc

A quindi se trovo le tue considerazioni su un’azienda delle scarpate false la sto idolatrando?
Ci può essere il più stupido del mondo dietro la mia tastiera, fa finta che non lo sia la prossima volta, magari non perdiamo tempo su concetti da asilo e discutiamo in maniera proficua..

Stefanoc

Pensa alla tua di miserabilità che dopo un commento del genere dimostra di essere più importante di quella di chi acquista i beni per i viaggi che ti fai da pseudo ometto, la cui unica gloria può trovarla facendo a botte sui blog per un telefonino.
Porta rispetto, almeno, per chi si prende la briga di rispondere ai tuoi deliri.

lorenzo1222

Microsoft ha rivoluzionato il mondo dei tablet con il Surface.

Google detiene così tanti settori che il tutto non si riduce solo alla pagina web o Android. Basti pensare alle innovazioni nel campo dell’ intelligenza artificiale, Deep Mind ha aiutato molti progetti di Google come Google Translate, Google Maps, lo stesso algoritmo alla base del motore di ricerca.

Samsung ormai è quasi inarrivabile con i suoi display, tant’è che sono fermi da 4 anni e continuano a produrre lo stesso display che anno dopo anno rimane tra i migliori.

Non è vero che a nessuna azienda interessi rischiare, altrimenti non esisterebbe l’innovazione che ad oggi ci trasportati nel “boom tecnologico”. Com’era il mondo tecnologico 10 anni fa, e com’è adesso? La stessa Apple ci ha trascinato nell’era degli smartphone e dei tablet, rischiando, entrando in un mercato allora sconosciuto. Senza rischio non c’è innovazione, senza innovazione non c’è progresso. Questi 10 marchi sono quello che sono perché hanno innovato, non perché riscaldano minestre da anni (tolta Coca Cola, essendo un prodotto di consumo che con molta continuerà a piacere anche tra secoli).

PikoF1

Apple ha l'ecosistema. Prodotti di qualità e assistenza attenta. Poi se è una presa per i fondelli non lo so , ma acquistando apple hai la sensazione di essere in una botte di ferro soprattutto per l'assistenza. I prezzi sono fuori dalla grazia, ma alla fine è meglio spendere 1500 euro per comprare un iphone, un apple watch e delle airpods oppure spenderne 5-600 ogni tre mesi alla ricerca di uno smartphone android decente? Perchè questo è quello che succede, chi compra un iphone di solito se lo tiene anche due anni, non ha la smania di cambiare in continuazione, cosa che invece ha chi compra telefoni android. Sugli smartwatch lasciamo stare...se cerchi un android decente ne cambi uno al mese

PikoF1

ahhahaah appunto. Vorrei poi sapere quale libertà hanno questi utenti android che ormai non sanno più nemmeno cosa è il root e lo sblocco del bootloader. Prima quando il modding aveva preso piede era forse vero che android era molto libero e open, ma adesso che tutti utilizzano il software stock e la customizzazione del produttore, direi che al massimo sono liberi di installare qualche virus dal playstore

lorenzo1222

Tolta la Dock non è cambiato di una virgola.

Moveon0783 (rhak)

Non mi risulta che Apple ti obblighi ad acquistare i suoi prodotti, ergo dovresti andare a studiare cosa sia una dittatura.
E già che ci sei, cosa sia la libertà. Perché se per te un concetto così profondo come la libertà si riduce al poter scaricare un’applicazioncina del câzzo dal browser anziché dallo Store ufficiale, devi un attimo rivedere le tue priorità nella tua vita.

SteDS

cit.
"Come siete ingenui mamma mia"
"Avete mai lavorato nel settore informatico?"

Ridic0lo

fabrynet

Già partendo dal fatto che non sai chi sono e cosa faccio ma dai per scontato che non sappia nulla di programmazione poni la discussione su un livello a cui non voglio scendere.
Bye bye.

asd555

Io non ho mai detto che Apple è da abbattere, sono solo contrario all'idolatrarla...

SteDS

Si e ci lavoro tuttora, a differenza tua. Come ti ho già scritto spesso il codice è open per ragioni economiche mentre altre volte è condivisione, non tutti gli sviluppatori sono Google, Oracle o fondazioni tipo Mozilla, mi capita spesso di lavorare con librerie open e ho contribuito a software open source assieme ad altri senza alcun progetto lucroso a riguardo.

boosook

Vai su Youtube e cerca "Xerox star user interface"... Vedrai da cosa tutto ha avuto inizio... E quello era un sistema Unix quindi con pieno multitasking. Nel video inoltre vedi fare del desktop publishing a un livello che gli altri avrebbero fatto dieci anni dopo. Ma quelle erano workstation dal costo di decine di migliaia di dollari. Apple semplificò il tutto enormemente per farlo girare in un computer compatto e economico (per l'epoca) e Jobs ripulì e curò moltissimo il design (sia esterno che dell'interfaccia) trasformando quel sistema in un sistema user friendly e bello da vedere anche se molto meno potente. Il resto è storia.

Jam

La necessità di sottolineare sempre e comunque che si tratti di una questione economica evidenzia fin troppo chiaramente il vostro disperato bisogno di acquistare un certo bene per l'idea di ricchezza e benessere che questo bene pensate trasmetta.
La realtà, rispetto all'aspettativa, suggerisce però che uno sfigat0 rimanga tale. Sarà semplicemente uno sfigat0 con un telefono molto costoso.
Sei solo un piccolo miserabile con un ego immotivatamente grosso.

fabrynet

Come siete ingenui mamma mia.
Il ritorno e l’interesse economico c’è sempre anche da parte di chi rilascia librerie gratuite.
Quelle librerie magari serviranno per la customizzazione di altri progetti su base open.
Avete mai lavorato nel settore informatico?

boosook

Non è così, ma non la rubò, la comprò! Xerox sapeva bene cosa aveva per le mani, ma riteneva di non avere la forza commerciale e del marchio per sfondare nel mondo dei personal computer, così cedette la tecnologia a apple. Siccome Apple non poteva pagare quanto la tecnologia in questione meritava, Xerox si "accontentò" di un diritto di prelazione sulle azioni Apple. Io la storia l'ho letta cosi.

SteDS

Evidentemente non conosci l'ambiente, ce ne sono molti più di quanto pensi. Certo, molto spesso il codice open è tale per ragioni economiche ma esiste un ragguardevole numero di sviluppatori che ha rilasciato e rilascia tuttora codice open senza alcun progetto di guadagno, col solo intento di renderlo accessibile a tutti. Alcune librerie oggi comunemente usate sia in ambito Linux che Android sono nate (e mantenute) in questo modo. Inoltre, un progetto open source spesso riceve commit e contributi vari da altri sviluppatori oltre l'autore ai quali non viene in tasca nulla (potrebbero benissimo scopiazzare il codice senza contribuire dopotutto). Capisco che nel tuo mondo triste tutto sia falso e mai disinteressato ma è un problema tuo, sinceramente.

Depas

Solo stima per te

Depas

What?

Stefanoc

Ammetto di notare molte incongruenze in quello che dici però mi sembra una battaglia persa dilungarsi.
Spiegami allora perché un prodotto allineato per qualità a tutti gli altri e con un’ottima assistenza post-vendita dovrebbe essere un sistema da abbattere nonostante la clientela più che soddisfatta, nonostante i prezzi.

asd555

Non penso proprio.
Non hanno nulla di speciale i prodotti Apple.
Hanno un'ottima assistenza post vendita che gli altri si sognano, ma la qualità dei prodotti è allineata ormai, di qualsiasi marchio.

Stefanoc

Hai ragione sulle multinazionali , ma io ho detto un’altra cosa.
Hai torto sulla qualità, e lo sai anche tu.

asd555

Intanto ho ragione e lo sai anche tu.
E bada, il discorso vale per tutte le multinazionali, non è un discorso contro Apple.

fabrynet

Soliti luoghi comuni.

Federico Dina

Il messaggio era quello. Ho s vagliato competitor di riferimento, amen

Stefanoc

Prenditi pure i tuoi due cent con le solite fanfaronate acchiappa like.

Apple annuncia il nuovo MacBook Pro 16 | Video

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza

MacOS Catalina disponibile al download: ecco cosa ha cambiato Apple | Video