Opportunity: dalla NASA un nuovo set di comandi per riprendere i contatti

28 Gennaio 2019 10

Come qualcuno degli appassionati ricorderà, lo scorso venerdì 25 gennaio Opportunity ha festeggiato quindici anni di permanenza su Marte. Un compleanno definito "amaro", visto che il piccolo rover non ha più inviato alcun segnale dallo scorso 10 giugno, dopo essere stato investito da una gigantesca tempesta di sabbia che aveva coinvolto gran parte del pianeta rosso.

Gli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA tuttavia non si arrendono: e proprio il giorno del "compleanno" di Opportunity è stata data notizia della decisione di trasmettere un nuovo set di comandi al rover marziano. I nuovi comandi, che dovrebbero obbligarlo a tentare di contattare la Terra, gli saranno impartiti nel corso delle prossime settimane, tentando di aggirare alcune possibili cause del silenzio di Opportunity. Come ha spiegato John Callas, project manager del JPL:

"Abbiamo usato e continueremo a usare varie tecniche per tentare di riprendere i contatti con il rover. Questi nuovi comandi si aggiungono a quelli "sweep e beep" che abbiamo iniziato a trasmettere da settembre (i quali tentano di stimolare il rover affinché risponda con un "beep" invece che limitarsi semplicemente ad attendere segni di vita, ndr)".


I nuovi comandi, come anticipato, saranno trasmessi per diverse settimane e prefigurano tre possibili scenari, ovvero: che la radio principale del rover (a banda X) sia in avaria; che sia la radio principale che quella secondaria a banda X siano in avaria; oppure che l'orologio interno del rover, che ne regola le funzioni computerizzate, abbia dei problemi. Per ovviare a questi tre scenari, sebbene siano considerati abbastanza improbabili, la NASA ha previsto altrettante soluzioni, cioè: passare alla radio secondaria, rispondere tramite UHF (frequenza ultra alta) e resettare l'orologio interno.

Il tempo è essenziale per recuperare Opportunity, perché su Marte sta volgendo al termine la stagione in cui forti venti potrebbero ripulire i pannelli solari del rover dalla polvere che potrebbe impedirgli di ricaricare correttamente le batterie. Contestualmente si avvicina a grandi passi la stagione invernale, la quale porterà sul pianeta rosso temperature molto basse che potrebbero causare danni irreparabili alle batterie scariche del rover. Spiega ancora Callas:

"Negli ultimi sette mesi abbiamo tentato di contattare Opportunity oltre 600 volte. Anche se non abbiamo ricevuto risposta e le probabilità che ciò accada diminuiscono di giorno in giorno, contiamo di continuare a perseverare in ogni soluzione logica che potrebbe rimetterci in contatto".

Fotocamera Wide per eccellenza? LG G7 ThinQ, in offerta oggi da Bass8 a 295 euro oppure da Media World a 349 euro.

10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
TLC 2.0

fatica sprecata, ormai è morto e sepolto

Mirko

Mandiamogli Curiosity a trainarlo ....

Babi
Aster

Io ci credo .

psimo24
Pip

Ah, da come avevano descritto la situazione sembrava che l'unica da fare era aspettare, visto che dicevano che il Rover entra in ibernazione forzata se non c'è abbastanza energia. Ora invece spiegano che possono disabilitare da remoto l'ibernazione.
È straordinaria la quantità di sistemi di sicurezza, comunicazione e backup che hanno questi Rover.

Io ci spero ancora, per ora me lo sto immaginando come quando a wall-e si rompe un occhio e cammina alla cieca sbattendo ovunque per cercare il ricambio.
Poverino, deve sentirsi solo, stanco e disorientato

asd555

Forza Oppy!

ALT+ F4 chiudi tutto e basta rompere le balle.

Davide

facci sognare ancora, wall-e!

The_Th

hanno provato con CTRL+ALT+CANC?

Android

Recensione OPPO AX7: ottima batteria ed un hardware sufficiente

HDMotori.it

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Microsoft

Microsoft Surface Studio 2 è il top per la creatività: la nostra prova

Hardware

Recensione Asus ZenBook Pro 14 UX480, unico nel suo genere