Xiaomi Notebook Pro e MacOS: binomio possibile? Video

26 Gennaio 2019 907

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Per lavoro ci troviamo spesso a provare tanti smartphone e portatili e solo pochi di essi diventano i nostri principali, cioè quelli che decidiamo di utilizzare tutti i giorni.

Per la mia macchina da lavoro primaria, ho scelto un prodotto un po’ diverso rispetto al solito: lo Xiaomi Notebook Pro, con una piccola e particolare modifica, Hackintosh MacOS Mojave.

LE MOTIVAZIONI

Chi scegli di installare MacOS sul proprio portatile lo fa per la piacevolezza soggettiva che si prova nell’utilizzo del sistema. La cura del design, delle icone delle animazioni sono sicuramente una delle motivazioni che vanno a spingere ogni utente hackintosh. Che sia per editare con Final Cut o anche solo per la grafica del sistema, chi procede, lo fa perché si hanno benefici che con Windows o Linux non si possono ottenere.

Scegliere di lavorare con un sistema operativo un po’ “arrangiato” è sicuramente rischioso. Ma Hackintosh su questo pc è una delle mod più stabili che abbia mai fatto, per questo motivo ho deciso di dargli una possibilità e utilizzarlo quotidianamente. Il rapporto tra costi e benefici dell’effettuare questa mod sono, per il mio utilizzo, proficui. Si va a perdere la completa funzionalità di alcune componenti, ma i vantaggi che si ottengono sono maggiori rispetto alle perdite.​


La scelta di prediligere il modello da 15 pollici rispetto a quello da 13, è stata dettata dal fatto che il 15 è una macchina con sistema di raffreddamento migliore. Nonostante il 13 e il 15 condividano la stessa CPU e GPU, il Mi Pro viene raffreddato da due ventole collegate da una grande heatpipe; un sistema che possiamo considerare anche esagerato per le componenti che abbiamo all’interno.

All’interno, sulla bellissima scheda madre nera, è presente anche un secondo slot SSD per espandere ulteriormente la memoria. Avere due SSD mi ha permesso di gestire più facilmente MacOS sullo Xiaomi e di poterlo utilizzare anche in dualboot con Windows all’occorrenza.

Piccolo riassunto delle specifiche:

  • Display: 15.6'' FHD IPS 16:9 / Pannello BOE0747 / Rapporto telaio 81.5%
  • Processore Intel Core i7-8550U / GPU Nvidia MX150 con 2 GB GDDR5
  • Memorie: 8 GB RAM DDR4 2400 MHz Dual Channel
  • Archiviazione: SSD 256 GB NVMe Samsung PM961 / Slot M.2 SATA libero
  • Connettività: Wi-Fi ac Intel 8265 / Bluetooth 4.1
  • Porte: 2x USB-C 3.1 (usa solo dati) / 2x USB 3.0 / HDMI / Jack 3.5 mm / SDHC
  • Altro: lettore di impronte digitali Elan / Camera 720p / Audio Harman 2x 2.5 watt
  • Dimensioni: 344 x 193.6 x 16 mm / Peso 1950 grammi / Telaio magnesio
  • Batteria: 60 Wh / Alimentatore USB-C 65 watt 5-20V max 3A
COME VA

Sullo Xiaomi Mi Pro si riescono a ritrovare tutte le stesse sensazioni di un vero Mac, perché il sistema è stabile, privo di kernel panic o riavvi casuali. Io lo utilizzo da gennaio del 2018 e da allora non ho mai visto alcun segno di instabilità o qualcosa che mi creasse problemi a lavoro.

La complessità di adattamento di questo OS su un portatile rende non scontate tutte quelle cose che lo sarebbero su Windows. A partire dal riconoscimento della webcam per finire con la gestione delle frequenze CPU.


Sul Mi Pro tutte le periferiche principali vengono riconosciute:

  • porte usb Type A
  • webcam
  • retroilluminazione del display
  • gestione della batteria
  • uscita video sulla porta hdmi
  • porte usb Type C con uscita video e ricarica
  • audio tramite speaker e jack 3.5
  • tasti funzione e retroilluminazione
  • gestione delle frequenze cpu
  • accelerazione hardware per codifica h.264

Tra le cose più difficili da riprodurre vi sono le gestures di MacOS e qui sembra di utilizzare un vero trackpad di un macbook: fluido, reattivo con animazioni bellissime.

COSA NON FUNZIONA

Diciamo che ci sono due grandi problemi principali: il chip Wi-Fi/Bluetooth non viene riconosciuto e non potendolo sostituire non avremo queste connessioni; il secondo riguarda la scheda video Nvidia, che utilizzando la tecnologia Optimus non è disponibile su MacOS.

La tecnologia Optimus consente di switchare in maniera intelligente tra la GPU Intel e quella dedicata in base al task richiesto. Purtroppo questa tecnologia non viene riconosciuta dal sistema MacOS e rende di conseguenza impossibile sfruttare le GPU Nvidia mobile.

A questo problema non vi è soluzione, ma la mancanza di GPU dedicata non crea problemi nell’utilizzo di tutti i giorni. Editare video con Final Cut e la GPU Intel è facilissimo, perché sfruttando la codifica Hardware di Intel Quick Sync si possono editare tranquillamente anche video in 4k.

Tra i PRO di Final Cut, vi è il fatto che il render del video avviene in contemporanea durante la fase di montaggio, di conseguenza è possibile esportare il video finale con tempi ridottissimi. Lo stesso filmato in 4k da 10 minuti, viene esportato su premiere con Windows e utilizzo della scheda video Nvidia Mx150 in 9:53 minuti, mentre su Final Cut con la GPU Intel in solo 3:17 minuti.​


Per poter usare il Wi-Fi mi sono dotato di un semplice dongle usb riconosciuto da macOS. Non è il più veloce disponibile sul mercato, ma la sua compattezza mi consente di averlo sempre inserito nella porta usb e mi fa dimenticare del problema.

Ci sarebbe una mod un po’ più invasiva da provare: alcuni utenti sono riusciti ad installare internamente un modem Wi-Fi compatibile. Poiché il controller delle memorie SSD m.2 sfrutta il protocollo PCIe si può, tramite un adattatore, inserire un chip Wi-Fi e collegarlo alle antenne interne. Io ho preferito conservare il secondo slot m2 per poter utilizzare anche Windows in dual boot.

DIFFERENZE RISPETTO A WINDOWS

Nei benchmark tra Geekbench e Cinebench non ci sono significative differenze tra MacOS e Windows, ma ho notato una migliore gestione delle temperature e consumi minori con Mac..

Verrebbe facile pensare che questi siano attribuibili al fatto che la scheda video Nvidia sia disabilitata, ma bisogna ricordare che la tecnologia Optimus disattiva la GPU dedicata durante i task meno impegnativi graficamente ed è proprio in questi che ho notato la differenza.

Durante una semplice scrittura di articolo su word, mentre si naviga in Wi-Fi su Chrome con Windows si raggiungono facilmente i 60/65 gradi, con un conseguente surriscaldamento della parte della tastiera. Su MacOS si sta sempre sui 36/37, con sporadici picchi di 45 gradi, ben al di sotto delle temperature ottenute su Windows.

Questo è probabilmente attribuibile al fatto che su Windows vi sono alcuni processi in background che si avviano automaticamente, come ad esempio gli aggiornamenti di sistema. Utilizzando la CPU per più task, a frequenze maggiori, i consumi ne risentono con un conseguente aumento delle temperature.

COME SI INSTALLA

Ovviamente ora sarete desiderosi di sapere come si installa MacOS sul Mi Pro, e qui vi darò una grande delusione: non farò nessuna guida.

Il mondo hackintosh è troppo dinamico, escono così tante news che nel giro di pochissimi giorni che l’unico consiglio è quello di informarsi e avere tanto tempo a disposizione.

Lo Xiaomi Mi Pro è comunque aiutato in questa problematica ed essendo un portatile di ottima qualità, tanti modder e sviluppatori si sono dedicati allo sviluppo di driver e ottimizzazioni (non solo Mac) su di esso.

AGGIORNAMENTI

Ora vi chiederete anche se sarà possibile fare gli aggiornamenti. La risposta anche qui è un DIPENDE.

Spesso sarà possibile andare ad aggiornare MacOS senza modificare alcun file della cartella EFI, alcun Kext o driver di Clover. Ma anche qui valgono gli stessi consigli dati in precedenza: conviene sempre informarsi a dovere prima di procedere.

CONCLUSIONI

Lo Xiaomi Mi Pro è una macchina eccellente. Consente vivere appieno l’esperienza Windows, divertirsi con MacOS e provare le mille distribuzioni Linux e tanto altro ancora con pochissimi compromessi.

Nella maggior parte dei casi le periferiche principali funzionano correttamente: le porte usb, i tasti funzione, la gestione nativa dei consumi, la gestione intelligente delle frequenze del processore e le fantastiche gestures del trackpad.

La mancanza del Wi-Fi su MacOS viene ovviata semplicemente con un dongle usb e la GPU Intel integrata permette di editare con Final Cut anche filmati complessi in 4k in completa serenità.

Se avete voglia, tempo, volete semplicemente sperimentare e divertirvi, Mi Notebook Pro è una macchina che non vi deluderà e il doppio slot SSD vi permetterà comunque di ripartire sempre con almeno un sistema Windows funzionante. Male che vada, formatterete il secondo SSD per l’ennesima volta.

Video


907

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
franky29

Ecco perché '' amiamo '' Ric è un vero Nerd

Psyke Dady

ma infatti lo uso ovunque. Anche sul mac ahahha
ce l'ho installato su mac, surface e altri 2 dispositivi
Ma se devo essere sincero hai una discretissima ragione, più che altro perchè sul mac gira veramente male

Maudit

... linux.

Alessandro Bonarelli

T540p, tra l'altro lo devo vendere a giorni per downgrade :)

Nathaniel

Modello?

Crebelo

Contro Winzozz 10 vincono tutti.

AbstractBit

Io aiuto (volentieri) solo chi vuole farsi aiutare e non pretende di essere una biblioteca ambulante di cose su cui non sa nulla.

AbstractBit

Beh....Dipende da quanto hai formattato e ripulito l'ultima volta il tuo hd o ssd.
Ovviamente, parlavao della ripulitura completa. Quella di cui parli tu è quella parziale, in cui rimane sempre qualcosa tra i piedi di qualunque sistema di archiviazione ed è sempre disponibilissimo a contribuire a rallentare il sistema.

Il tuo dissenso è stato civile, non è una cosa frequente. Grazie.

Alessandro Bonarelli
Alessandro Bonarelli

Se sei convinto di quello che dici non sono nessuno per dirti che non è vero. Allo stato attuale con win10 mettere su un pc ci vogliono esattamente 20 minuti, installi i programmi che servono, che se non funzionano è un problema del software e non del SO, e alle brutte si disinstalla, senza impazzire troppo.

boosook

Perché lui, che dice è uno sviluppatore, non fa neanche la fatica di cercare su google "mac os open terminal in folder"? Troverebbe come primo risultato:
"Head into System Preferences and select Keyboard > Shortcuts > Services. Find "New Terminal at Folder" in the settings and click the box. Now, when you're in Finder, just right-click a folder and you're shown the open to open Terminal. "
Devo fare io la fatica per lui?
Detto questo, io sono primariamente un utente Linux e preferisco Linux. Però non faccio lo spocchioso dicendo che MacOS fa cag@re avendolo usato un mese e senza neanche aver fatto la fatica di googlare. MacOS chiaramente non avrà tutte le opzioni di personalizzazione di Linux. Allo stesso modo in cui Linux non ha alcune cose che MacOS ha. Eccone una: quando riavvii MacOS (o sei costretto a farlo), ti riapre tutte le finestre delle applicazioni come erano, compresi i documenti che avevi aperti, incluse ad esempio le sessioni del terminale. Btw, visto che lui parlava di terminale... un terminale come iTerm io non l'ho trovato neanche su Linux. Ogni OS ha i suoi punti di forza e di debolezza, non sono io a fare lo spocchioso, è lui che ha giudicato superficialmente un OS che evidentemente non conosce ancora abbastanza bene.

Maurizio

Installato mojave per testare un po come gira sullo xiaomi, da non amante della mela devo ammettere alcune cose, il pc non fa un rumore la ventola non parte come su windows all'accensione per gli innumerevoli processi in background di windows, chrome va meglio su mac che su windows, le pagine si renderizzano prima. Batteria probabilmente per il fatto di non utilizzare la mx150 dura di più, touchpad molto piacevole, peccato il wifi che con il dongle non arriva minimamente alle caratteristiche dell'ottima scheda integrata e la perdita del dolby atmos che hai se windows. Mai un problema in una settimana, nemmeno con windows in dual boot notebook che sorprende per la stabilità e la velocità.

alex

sei l'unica persona al mondo a pensare così, chiunque abbia usato entrambi sa benissimo che per fare qualsiasi cosa macOS è estremamente più immediato. puoi darlo in mano ad una persona che non ha mai visto un computer e saprà usarlo fin da subito, non c'è nulla di macchinoso o di complesso, a differenza di windows dove tra collegamenti a c4zzo sul desktop, menù start inguardabile e altre sch1fezze ci si perde via come niente. Seriamente, definire macOS meno intuitivo e disorganizzato è totalmente insensato, soprattutto quando ha una coerenza grafica e funzionale che windows non ha e non avrà mai. (ma poi linux? seriamente? anche la super facile Ubuntu creerebbe casini a non finire ad una persona che inizia ad usare un computer). Ah tra l'altro il commento era riferito puramente all'aspetto grafico/estetico e alla gestione dell'interfaccia, ovvero come si lanciano le app, come si gestiscono le finestre e così via

emmeking

Forse perchè non hai mai utilizzato entrambi i sistemi operativi. MacOS è inopinabilmente più macchinoso, meno intuitivo e disorganizzato. Se un nuovo utente inizia ad utilizzare per la prima volta windows o le versioni più user friendly di linux, con un po' di logica riesce a far tutto, su macOS (se quella cosa si può fare, il che non è detto) ti serve una guida da tanto la procedura è macchinosa ed insensata.

emmeking

Visto che è solo l'esperienza il problema, perchè non gli dici come risolvere i problemi che ha riscontrato?

emmeking

Perchè invece di fare lo spocchioso non dicendo fondamentalmente niente non gli spieghi come risolvere i problemi che ha con il mac, così da avere ragione? Ah, perchè non ce l'hai (e se io sono d'accordo con manu1234 vuol dire che si sono allineati tutti i pianeti, non del sistema solare, ma dell'universo)

Sergio

Secondo me non conviene installare mac os x perchè non funziona la scheda video nvidia, non funziona il wifi,bluetooth... Non credo sia una buona idea, a questo punto conviene comprare un macbook pro 13 versione 2018 che costa 1500 che sicuramente andrà meglio.

Sergio

Non so per quale motivo i pressi si sono alzati parecchio, non riesco più a trovare un notebook xiaomi a un buon prezzo.

Sergio

Quindi vorresti dire che un macbook pro early 2011 va meglio di uno xiaomi air 12? O mi sbaglio?

Mala

Butto un po' di opinioni a casaccio: Hackintosh viola gli accordi di licenza Apple per cui non si potrebbe avere, non capisco il senso di avere spendere 1100 euro per un computer senza garanzia al fine di avere Mac OS (il nome è quello, pronunciarlo sbagliato non è una scelta stilistica ma un errore) non conviene spendere 1500 e prendere un MBP 13? A inizio video dici che funziona bene ma poi non va wifi e scheda video: sembra Mac OS ma non lo è. Sembra che tu abbia registrato il video di getto, non dico di impararti una parte e recitarla in modo piatto ma alcuni passaggi sono veramente poco chiari. Non capisco perché tutta la scrivania tremi durante le riprese frontali. Non tutti sono dotati di una parlantina svelta e chiara ma non è necessario parlare velocemente soprattutto se ciò va a scapito della chiaretta delle parole. Ti prego non sorridere e ridacchiare in continuazione, ci sta nel momento della battuta ma non farlo per tutto il video.

AbstractBit

Se ne sei convinto così tanto, ti lascio alle tue certezze, salutamele quando le vedi...Da lontano, molto lontano.

AbstractBit

Insisto sul post da demente. Se non sai di cosa parli, anche in questa risposta, taci.Grazie,

Ciskje

Senti geniaccio dell'ultim'ora, demente lo dici a qualcun altro.
Io ho fatto una osservazione inopinabile su ciò che si vede nel video: ovvero che scarica programmi piratati, Adobe è sicuramente solo la punta dell'iceberg, è non è una bella cosa dato che parliamo di una grossa testata italiana che fa video con la pala.
Se ti sei offeso per un vero utente mac ti consiglio di cercare Ironia su Google.
No, non so cosa è un Exaeditor, non lo vedo nel video e quindi non capisco perché tu abbia buttato nel video una cosa che non c'entra.

Stefano Aimo Boot

Maaaaaa monetizzare con video creati con hackintosh non è illegale?

Ahahahahahha

Pixel

Comprare un dongle per incaponirsi a mandarci mac os per me è pazzia. Poi oh, effettivamente hai programmi che su windows non si hanno ma delle animazioni me ne sbatto abbastanza

Massimo Olivieri

I sw aziendali che girano pure su macOS usa java ... e fanno abbastanza schifo.
Veramente usare Wine per un sw aziendale per registrare una fattura con molti zero ?!?

Se ci fossero PC "macos ready" li venderebbero ad 20-30% in più ... mica sò scemi produttori, a quel punto quanto coverebbe?

come ho detto a parte una fase iniziale in cui tutti magari provano un macos su PC , forse il 5-10% lo userebbe realmente di cui sicuro la metta troverebbe il modo di installarlo senza pagare ... com'è adesso.

AbstractBit

Non so se tu sai cosa stai parlando, temo. Non hai detto una cosa sensata in quel quarto d'ora che hai impegnato a scrivere queste cose.

manu1234

L'unica barzelletta qua sei tu, ho letto i giorni scorsi i tuoi commenti autistici e sei proprio patetico e non solo, visto che di tutto quello che hai scritto dimostri di non aver capito assolutamente niente e non essere in grado di capire. Mi dispiace per te

AbstractBit

Chissà con quante schifezze mai levate dentro.....

AbstractBit

E io a te di studiarti " a fondo" la macchina su cui lavori. Farlo ti farebbe dire meno cretinate. Scusa il termine.

AbstractBit

Lo sai che puoi usare il terminale, vero?Ci sono tre tasti da premere. E lo sai pure che i tuoi codici devi scriverli e registrarli su un disco esterno, vero? Non farai mica tutto sullo stesso disco in maniera da perdere tutto in caso di "incidente", vero?
A questi interventi da barzelletta.....

AbstractBit

Suppongo tu sappia cosa sia un Exaeditor e a cosa serva, vero?
Questo post da demente, me l'ero perso....

AbstractBit

Riempi lo ssd, fa un backup pulito periodicamente, rasati tutto con i software giusti che hai appena verificato e provato altrove, rimonta tutto e reinstalla verificando che tutto si incastra alla perfezione e facendo un backup ogni volta che installi qualcosa e funziona, prima di passare al software (terzo, sopratutto) successivo. Se non funziona, rasati tutto via un'altra volta e reinstalla l'ultimo backup pulito funzionante e riprendi a montare e a reinstallare tutto. Se lo fai bene sono circa tre ore. Se hai il disco semi vuoto, ovviamente, sono anche solo qualche decina di minuti. A 50 Euro ogni ora....Pochi lo fanno, lo sanno fare o vogliono farlo. Per qualche loro ragione.

Max

Perché i computer sono solo schede tecniche ? Poi guardi lo schermo e pensi a feature come il TouchID o macOS e sul Mi Pro ti fai una grassa risata

talme94

Hai ragione, pensavo al modello da 13 pollici

opinionista

Con i dell??? il mio ispiron e il mio Alienware son anni che non trovano una guida lineare per avere Mac OS.

opinionista

Dipende.
Io si, acquisterei direttamente un Macbook e via...
Tuttavia ci sono vie di mezzo in cui un Hackintosh va meglio:
Quando Windows serve e serve ben espresso.
Immagino tipo a certi software 3d che girano solo su Windows.
In quel caso un macbook con windows non è sensato, perchè spesso non ha una GPU esterna che se pur basica come la mx150, è meglio dell'integrata.

Chi lavora con le due piattaforme in modo molto "dipendente", avere una soluzione di questo tipo piuttosto che due notebook è una ottima scelta.

Rimangono casi MOOOOLTO limitati.

opinionista

No, Airdrop non funziona.
iMessage ci sono degli stratagemmi per farlo funzionare ma ovviamente ha i suoi limiti e spesso si "impalla".

Sulla Ram si, non ci sono limiti di sorta.

opinionista

Non è facile...
L'unico presupposto da considerare è: Mac Os girerebbe come oggi sui macbook?
Peché negli Hackintosh spesso e volentieri non si fa meglio o uguale, ma peggio, nonostante l'hardware superiore.

Non vorrei un MacOS su licenza che però mi fa andare a scatti sul mio pc Final Cut come va a scatti Premiere su macbook.

Se Apple riuscisse in questa impresa, MacOS ha tutto ciò che serve e sicuramente si presenta meglio di Windows, tolto mondo gaming.

alex

non è assolutamente vero, questo xiaomi monta un processore da ultrabook da 15 watt quadcore, il MacBook Pro da 15 pollici base monta un esa-core da 45 watt, sono due cpu completamente diverse con un abisso in termini di performance in mezzo

domedele

Ho uno xiaomi air 12 e un macbook pro early 2011. Per carita lo xiaomi va bene dopo due anni (linux mint out of the box) però a livello di tenuta e di assieme hardware-software non lo paragonerei mai ad un mac. va bene per portarselo in giro e non avere troppi patemi se te lo rubano. se uno vuole un mac c'è anche un mercato dell'usato che può dare soddisfazioni allo stesso budget! io stesso quasi quasi lo xiami lo vendo per passare ad un ultrabook serio visto che l'attività è cambiata e sto valutando xps e macbook 12 (che è carozzato come lo xiaomi m3 ma per esempio se uno scrive tanto una tastiera degna è un plus)

unbe

ed è pure un po' una tristezza...

spino1970

Eh, ma i contro sono parecchi, a meno di un grooooooosso risparmio economico, che qui non c'è... è vero che per avere un mac pro con le stesse caratteristiche si passa dai 1200 del Mi Pro ai 1700 del macBook Pro... ma si passa anche da un portatile in cui devi rinunciare ad un sacco di roba (prima su tutte la scheda grafica dedicata) ad uno ottimizzato a puntino. Quei 500 euro di differenza sono oro colato.

E lo dico da noto hater apple.

spino1970

Mah...

talme94

Le cpu sono le stesse, viene solo tolto il limite dei 15 watt (e portato a 35?)

talme94

Che originalità

IRNBNN

Pazzesco, proprio sabato mattina stavo impazzendo per mettere macos su un laptop asus...missione compiuta, il sistema operativo gira che una bellezza.

davix 2301

Io credo che sia un buon modo per provare Macos (meccoss) senza dover farsi togliere un rene.
Se poi ci si trova bene qualcosa di usato a un buon prezzo si trova.

Samsung

Samsung Galaxy Fold rimandato: il perché spiegato da chi lo ha provato | VIDEO

Samsung

Recensione Samsung Galaxy Tab S5e: ottimo per svago e produttività

Kia

Kia e-Soul: prova su strada e prezzi in Italia, la nuova sarà solo elettrica | Video

Samsung

Samsung Galaxy Fold: il software convince, la "piega" è da provare!