Blue Origin: lanciato con successo il primo New Shepard del 2019

23 Gennaio 2019 6

Dopo aver rimandato un lancio lo scorso 18 dicembre, data in cui erano previsti ben quattro voli nello spazio che sono stati tutti spostati, Blue Origin ha lanciato e fatto atterrare con successo il primo razzo New Shepard del 2019: dopo aver raggiunto 106 chilometri di altitudine, sia la capsula che il propulsore sono atterrati in sicurezza nel deserto del Texas. Il volo, privo di equipaggio, è stato il primo dell'anno nuovo e il decimo in generale per il sistema New Shepard. A bordo erano comunque presenti degli esperimenti scientifici che hanno potuto beneficiare di alcuni minuti di assenza di gravità.

Il lancio precedente, ovvero il nono, era avvenuto lo scorso luglio ed era stato, a sua volta, un successo: la capsula aveva toccato i 120 chilometri di altitudine, come mostrato nel video pubblicato sui canali social della compagnia aerospaziale. Ogni test, insomma, porta la compagnia aerospaziale di Jeff Bezos un passo più vicina ai voli con equipaggio; obiettivo a cui la compagnia spera di giungere entro la fine dell'anno, almeno stando a quanto affermato durante la diretta da Ariane Cornell.

Non resta dunque che lasciarvi al video in cui vengono riproposti il lancio e il successivo ritorno delle componenti sulla Terra:



6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Walter

sticazzi

LaVeraVerità

https://uploads.disquscdn.c...

John

Quella forma.... SpaceXXX?

Ngamer

che sbandata quando ha acceso i motori , ho l impressione che scende un po troppo veloce.

steek

ok ma il new glenn?

Aster

Bravi.

Android

Recensione OPPO AX7: ottima batteria ed un hardware sufficiente

HDMotori.it

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Microsoft

Microsoft Surface Studio 2 è il top per la creatività: la nostra prova

Hardware

Recensione Asus ZenBook Pro 14 UX480, unico nel suo genere