Asteroidi: dall'era dei dinosauri a oggi, sono triplicati gli impatti con Terra e Luna

21 Gennaio 2019 4

Il numero di asteroidi che entra in rotta di collisione con la Terra e la Luna è triplicato nel corso degli ultimi 290 milioni di anni. Ad affermarlo è uno studio dell'Università di Southampton, recentemente pubblicato su Science.

Per anni gli scienziati hanno cercato di quantificare la frequenza con cui gli asteroidi colpiscono la Terra studiando i crateri formatisi sulla crosta terrestre e datando le rocce trovate nei dintorni; un metodo non esente da criticità, in quanto i crateri più antichi potrebbero essere scomparsi a causa dell'erosione e di altri processi geologici.

Recentemente invece si è scoperto che è possibile ricavare una gran quantità di informazioni relative a questo argomento studiando la Luna, perché sia il nostro pianeta che il nostro satellite vengono colpiti, alla lunga e in proporzione, dalla stessa quantità di asteroidi. Inoltre i crateri lunari presentano un vantaggio, essendo immuni dalla tettonica a placche che intacca i crateri terrestri.

Sfruttando quest'intuizione, il gruppo di ricerca ha studiato la superficie della Luna utilizzando dati termici e immagini raccolti dal Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA, rilevando che le grandi rocce presenti sulla superficie del nostro satellite emanano più calore rispetto al suolo lunare. Calcolando la velocità con cui le rocce si trasformano in suolo lunare, gli scienziati hanno scoperto una relazione tra la quantità di grandi rocce vicino a un cratere e l'età del cratere stesso: in questo modo è stato possibile mappare l'età di tutti i crateri lunari fino a un miliardo di anni fa.


Confrontando la mappa lunare con quella terrestre, sono emerse molte significative somiglianze, che hanno permesso di avanzare un'ulteriore ipotesi, ovvero che la Terra presenti pochi crateri antichi non a causa dell'erosione, ma piuttosto perché veniva colpita da meno asteroidi fino a 290 milioni di anni fa.

Per dare consistenza a questa nuova ipotesi, il gruppo di ricerca ha sfruttato lo studio dei camini kimberlitici che, oltre ad ospitare i giacimenti primari di diamanti, sono anche delle peculiari formazioni geologiche lunghe e strette che si estendono per un paio di chilometri al di sotto della superficie. Secondo gli studi, i camini kimberlitici si formarono oltre 650 milioni di anni fa in terreni che sono rimasti per la maggior parte intatti: per questo motivo, i crateri da impatto formatisi a partire da quel periodo negli stessi terreni dovrebbero essersi conservati.

Se dunque sulla Terra ci sono pochi crateri da impatto, dovrebbe essere perché - proprio come la Luna - il nostro pianeta è stato interessato solo negli ultimi 290 milioni di anni da un significativo aumento di impatti con gli asteroidi. Per la precisione, il numero di crateri sarebbe raddoppiato o triplicato nel corso degli ultimi 290 milioni di anni rispetto ai precedenti 700 milioni di anni. Le cause non sono note, ma potrebbero essere legate a delle grandi collisioni avvenute più di 290 milioni di anni fa nella cintura di asteroidi tra le orbite di Marte e Giove, che avrebbero potuto creare detriti giunti fino alla Terra.

La scoperta, intanto, potrebbe già avere qualche implicazione per quanto riguarda la storia della vita sulla Terra, caratterizzata da estinzioni e dalla rapida evoluzione di nuove specie. In particolare, l'estinzione dei dinosauri - che popolavano il nostro pianeta circa 250 milioni di anni fa - potrebbe essere strettamente legata agli impatti con gli asteroidi. Un'intuizione, questa, già anticipata nell'immaginario comune da diverse pellicole cinematografiche.

Appassionati di asteroidi? Allora non potete perdere le vicende legate alla sonda Osiris-Rex in relazione all'asteroide Bennu, nonché l'avvistamento di un asteroide dalla forma decisamente bizzarra.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Venom Snake

Preparate i fucili

Andrej Peribar

I dinosauri hanno imparato a loro spese la veridicità del detto:
meglio uno ma buono

F3NN3clol

Che chiulo che siamo ancora tutti vivi... (toccando i gioielli xD)

Felk

https://uploads.disquscdn.c...

Android

Recensione OPPO AX7: ottima batteria ed un hardware sufficiente

HDMotori.it

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Microsoft

Microsoft Surface Studio 2 è il top per la creatività: la nostra prova

Hardware

Recensione Asus ZenBook Pro 14 UX480, unico nel suo genere