SpaceX e Blue Origin rimandano di nuovo i lanci previsti per oggi

19 Dicembre 2018 11

Stando alle premesse la giornata di ieri, martedì 18 dicembre, avrebbe dovuto essere una data storica per i voli nello spazio: infatti, ben quattro compagnie aerospaziali avevano in programma di lanciare i propri razzi, alcuni a distanza di pochi minuti l'uno dall'altro, nell'orbita terrestre bassa.

Si trattava di SpaceX, che avrebbe dovuto lanciare un razzo Falcon 9 da Cape Canaveral, in Florida, per trasportare il satellite GPS III SV01 per conto dell'aeronautica statunitense; di Blue Origin, che avrebbe dovuto lanciare il razzo New Shepard dal Texas per portare nello spazio alcuni esperimenti scientifici nell'ambito del programma Flight Opportunities della NASA; di Arianespace, che avrebbe dovuto lanciare un razzo Soyuz dalla Guiana Francese per mandare in orbita il satellite militare CSO-1; e infine di United Launch Alliance, che avrebbe dovuto lanciare un Delta Heavy dalla California per trasportare in orbita un satellite della Difesa USA.


Tuttavia, le cose non sono andate come previsto: tutti i voli sono stati rimandati a causa di problemi tecnici e meteo avverso. In particolare, SpaceX e Blue Origin, grandi protagoniste dell'evento, hanno riscontrato problemi tecnici che le hanno obbligate a cancellare i lanci all'ultimo, rimandandoli a oggi.

Ma nella giornata odierna la situazione non è migliorata: entrambe le compagnie aerospaziali hanno rimandato nuovamente i lanci. Blue Origin ha comunicato che la prossima finestra di lancio si aprirà venerdì 21 dicembre; SpaceX invece non ha specificato alcuna data certa. Proprio oggi però sono state diffuse le immagini della nuova capsula Crew Dragon, il cui test di volo senza equipaggio, inizialmente previsto per il 7 gennaio, è stato recentemente rimandato al 17 gennaio.


Oggi uno dei migliori acquisti nella fascia media? Huawei Mate 10 Pro, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 359 euro oppure da ePrice a 623 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
SteDS

Non è solo la configurazione a 3 booster ma anche il fatto che ogni singolo razzo è intercambiabile (3 razzi uguali praticamente, come i 3 falcon 9) mentre negli altri casi quello centrale differisce dai due laterali. Poi anche il nome stesso e i riferimenti/confronti di Musk verso il Delta IV Heavy

Max Klinger
Max Klinger

"ispirato"... Non è mica lunifol vettore della storia con quella configurazione, eh.

Alessio Ferri

Un giorno nel duemila e credici vedremo partire l'SLS e sarà come vedere uscita Duke Nukem Forever.

SteDS

Si quello che doveva partire ieri non era un Falcon Heavy però. In ogni caso era per dire che un mostro come il Delta IV Heavy non parte tutti i giorni, è un evento piuttosto raro e spettacolare

AlphAtomix

Blue Origin pensavo fosse tutto fatto ormai, avevano pubblicato già la foto quelli della Nasa. Speriamo domani.

Mirko

Per fortuna che l'hanno rimandato ... altrimenti si sarebbero scontrati durante il lancio.

Alessio Ferri

Il Falcon Heavy poi torna però, il Delta IV Heavy costa un botto perchè non si riutilizza.

Cave Johnson

Già, proprio così. È possibile che nel prossimo futuro si useranno questi mezzi per trasferimenti ad alta velocità in alternativa agli aerei.

SteDS

Mah, più che Spacex e Blue Origin direi che il protagonista vero è il Delta IV Heavy della United Alliance, il vettore più potente al mondo (tra quelli in attività) subito dopo il Falcon Heavy (e al quale il Falcon Heavy si è ispirato)

Garrett

https://uploads.disquscdn.c...

Android

Recensione OPPO AX7: ottima batteria ed un hardware sufficiente

HDMotori.it

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Microsoft

Microsoft Surface Studio 2 è il top per la creatività: la nostra prova

Hardware

Recensione Asus ZenBook Pro 14 UX480, unico nel suo genere