#Roma5G: Le Terme di Diocleziano in AR e VR grazie al 5G di Fastweb e Ericsson

17 Dicembre 2018 8

Il progetto #Roma5G ha preso il via ad inizio anno e ora giungono i primi frutti della collaborazione tra Fastweb, Ericsson e l'amministrazione di Roma Capitale.

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi oggi alle Terme di Diocleziano, i tre attori coinvolti hanno presentato il primo scenario di utilizzo della nuova infrastruttura 5G presente nella Capitale, la quale verrà estesa anche ai clienti consumer nel corso del 2020. Si tratta dell'applicazione della Realtà Virtuale e della Realtà Aumentata al campo del turismo, con protagoniste proprio le stesse Terme di Diocleziano. La Sindaca di Roma Virginia Raggi ha commentato:

A soli 10 mesi dal lancio ufficiale del progetto #Roma5G nella Capitale, realizziamo insieme ai nostri partner il primo use case della sperimentazione. L'Amministrazione è in prima linea sul fronte dello sviluppo delle nuove infrastrutture tecnologiche per cogliere le opportunità che la rete di quinta generazione offre. Quello di oggi è un primo e importante passo per consolidare il ruolo di Roma come laboratorio di innovazione in cui sperimentare soluzioni innovative in grado di migliorare i servizi al cittadino e attrarre investimenti sul territorio


La soluzione presentata consente ai visitatori di arricchire la propria esperienza all'interno delle Terme, grazie alla possibilità di fruire di ricostruzioni virtuali a 360° degli ambienti non più accessibili o esistenti, ricevendo allo stesso tempo informazioni in tempo reale elaborate dagli archivi storici disponibili. Il tutto ha lo scopo di potenziare l'esperienza di apprendimento del turista, il quale potrà sfruttare potenti strumenti come AR e VR per accedere ad una serie di informazioni, immagini e video VR (sino a 6K per i video e 12K per le immagini), resi possibili dalla potenza della rete 5G.

Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb, ha dichiarato:

“Con la presentazione di oggi, Roma entra ufficialmente a far parte delle città d’Italia in cui le sperimentazioni 5G sono una realtà. Siamo quindi molto orgogliosi di aver contribuito insieme a Ericsson all'ambizioso progetto #Roma5G di Roma Capitale che intende proiettare la città verso un futuro dove i servizi basati sulle nuove reti di quinta generazione entreranno sempre di più nelle nostre vite trasformando profondamente il modo di vivere lo spazio urbano e domestico.”

Mentre l'amministratore delegato di Ericsson Italia, Federico Rigoni, ha aggiunto:

"Oggi Roma ha la sua prima applicazione live su rete 5G. Insieme a Fastweb gettiamo le basi per lo sviluppo di scenari innovativi che trasformeranno profondamente non solo il turismo ma tutti i settori in cui le soluzioni 5G troveranno applicazione. Portare la quinta generazione di reti mobili a Roma, così come in ogni altra città, è un fattore competitivo, in grado di abilitare ecosistemi innovativi al servizio di cittadini e industrie. Siamo inoltre particolarmente orgogliosi di contribuire al progetto #Roma5G di Roma Capitale nell’anno in cui celebriamo il centenario di presenza Ericsson in Italia. Nel 1918 Ericsson scelse proprio Roma per muovere i primi passi in Italia.


Ma il progetto #Roma5G non è legato solo ad arte e cultura, dal momento che nei prossimi mesi introdurrà novità relative alla mobilità urbana e alla sicurezza della città, avviando la sperimentazione di servizi per il tracciamento automatico del viaggio degli utenti sui mezzi pubblici - al fine di trovare nuove forme di tariffazione - e di nuovi sistemi di telemetria per l'analisi dei guasti dei veicoli. Per quanto riguarda la sicurezza, invece, si punta a sviluppare nuove reti di telesorveglianza ad altissima definizione. Di seguito vi lasciamo al comunicato relativo alla sperimentazione alle Terme di Diocleziano:

COMUNICATO STAMPA

Il 5G arriverà ufficialmente a partire dal 2020 e consentirà di collegare milioni di dispositivi in tutto il mondo ad alta velocità e con bassa latenza, permettendo la realizzazione di progetti avanzati in molti settori, tra cui Smart Technology, Internet of Things, Smart City e Smart Home.

Questa nuova generazione di connessioni ad alta velocità avrà una ricaduta positiva anche sulla fruizione dei beni culturali, proponendosi di offrire nuove e più potenti soluzioni, in particolare attraverso visualizzazioni immersive VR/AR.

È con queste premesse che nasce la prima applicazione di Realtà virtuale e Realtà Aumentata basata sul 5G a Roma che si propone di ricostruire virtualmente l’areanord-occidentale delle Terme di Diocleziano attraverso soluzioni innovative, immersive, emozionali e persuasive. La soluzione si basa su piano e video VR, ossia panorami a 360° che permettono la visione stereoscopica e l’animazione della scena:in questo modo l’osservatore viene immerso nello spazio antico – uno spazio popolato di vita, con figure umane ed elementi che accrescono la spazialità della ricostruzione (senso di scala, presenza, verosimiglianza).

La virtualizzazione riguarda in particolare gli spazi connessi alla palestra: il portico scoperto, gli ambienti laterali e l'Aula Ottagona, trasformata nel 1928 in un Planetario, di cui si conserva intatta una straordinaria cupola ad ombrello. Dal punto di vistametodologico, gli spazi ricostruiti rappresentano un esempio di “ricostruzionetipologica”, dove informazioni frammentarie e lacunose, ma estremamente importanti e preziose sul piano scientifico, vengono continuamente analizzate sul piano tecnologico-funzionale e storico-estetico, nel tentativo di trovare la soluzione ricostruttiva più plausibile.

La ricostruzione 3D ripropone quindi tutta la monumentalità degli spazi antichi, con i tappeti a mosaico ricostruiti su base filologica, le pavimentazioni in opus sectile ed una articolazione compositiva strettamente connessa ad una logica costruttiva peculiare delle terme romane. Spiccano le colonne marmoree e le grandi coperture a botte, che intersecandosi disegnano crociere sulle quali si aprono le finestre termali: grandi aperture semicircolari che compaiono originariamente proprio nelle Terme di Diocleziano e diventano poi tipiche delle architetture di Palladio e di tanti architetti del Rinascimento italiano.

Grazie alle prestazioni della rete 5G in termini di minore latenza, maggiore velocità, capacità di trasportare un maggior numero di informazioni e di fornire un elevato standard di sicurezza, il visitatore avrà quindi la possibilità di vivere un’esperienzadavvero immersiva e visualizzare scene ad altissima risoluzione, con video VR a 6K e scene multi risoluzione fino a 12K per ammirare le straordinarie decorazioni dei marmi colorati e dei mosaici policromi nonché l’antica struttura architettonica delle Terme di Diocleziano.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 530 euro oppure da Unieuro a 679 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

certo!

Casomai il contrario XD

Babcock&Wilkox

Non c'è asfalto alle terme di Diocleziano.

Porco Zio

E che ti lamenti ? Tu che stai con I casa Monica

Account Anniversario

Diocleziano che due pantheon...

ReArciù

no però grazie al 5g saranno perfettamente riproducibili in VR

marauder64

si ma le buche sull'asfalto lo avranno il 5G?

Zetec

Diocleziano è un'imprecazione?

Android

ASUS Zenfone Max Pro M2 (5.000 mAh): Live batteria | Inizio ore 8.00

Honor

Recensione Honor View 20: il foro è la novità e pensiona il notch

Games

Recensione Resident Evil 2: il miglior ritorno a Raccoon City

Recensione Rowenta Body Partner: bilancia smart con misuratore Bluetooth