Cortana, iniziano separazione da ricerca Windows e supporto multiutente

12 Dicembre 2018 70

Novità importanti in arrivo per Cortana, l'assistente virtuale di Microsoft. Nell'ultima build di Windows 10 per gli Insider, rilasciata meno di due giorni fa, si separa dall'esperienza di ricerca. La novità non è parte del changelog ufficiale, e un numero ristretto di Insider l'ha segnalata; è possibile quindi che si tratti di un rilascio limitato, per valutare il feedback iniziali.


Nella taskbar compaiono quindi due icone: quella di Cortana attiva solo i comandi vocali, sparisce quindi la possibilità di chattare testualmente con l'assistente. Quella a forma di lente di ingrandimento richiama un flyout a schede, con Fluent Design e supporto alla Timeline.

Nel frattempo, Cortana si appresta a riconoscere e interagire con utenti multipli. Non ci sono annunci ufficiali; sembra comunque che si tratti di un roll-out scaglionato, più che di un test limitato con gli Insider. Stando a quanto mostra l'interfaccia di configurazione dei dispositivi Cortana, la funzione permette di registrare fino a sei voci diverse, e assegnare un nome a ciascuna di loro.


Il riconoscimento multi-utente è particolarmente utile nel caso di dispositivi collettivi come, appunto, gli speaker smart. Non ci resta che attendere ulteriori delucidazioni da Microsoft, e sperare che non si tratti della solita esclusiva USA.

Tra i più desiderati del 2018, superato solo da Mate 20 Pro? Huawei P20 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 444 euro oppure da Amazon a 505 euro.

70

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Federico

Ma proprio per niente, guardo unicamente ai dati ed alle previsioni di mercato che danno la IoT, che con partiolar riferimento alla home Automation ed alla parte Automotive Infotainment la danno in crescita oltre il busoness della telefonia cellulare nel quinquennio iniziato già da due anni.
Dunque il mio "credo" universale lo è relmente, nel senso che queste sono tutte le previsioni degli analisti che si occupano del settore Hi Tech.

Nalin

Per la verità mi sembra che sia stato tu ad imporre il tuo credo come universale, credo solo che le abitudini medie delle persone siano decisamente diverse dalle tue ed estrarre un'eccezione quale puoi essere tu facendola passare come una possibile normalità lo vedo molto difficile da sostenere.
Non ho interesse a cambiare tutto l'impianto di interruttori perchè mi servono solo in punti specifici, hai delle lampadine smart da consigliare che superino i 1200 lm?

mr_maggio

Problema: mi fa male l'unghia dell'alluce.
Soluzione: tagliamo la gamba

Federico

Quello che non vuole capire per partito preso sei tu, ciò che hai detto nell'ultimo post (le considerazioni inerenti l'efficienza termica dell'abitazione) io le avevo specificate fin dalla mia prima replica.
Quindi la tua polemica è stata puramente strumentale ed io non perdo tempo con i professionisti della flame.

ale

Per evitare la fatica di non premere un interruttore, i termostati per la caldaia in cui setti l'orario esistono da 20 anni, insomma.

Il fatto è che per avere un risparmio piccolissimo ti metti in casa un sistema che ci metti tanto tempo a configurare, e ci spendi tantissimo tempo a debuggare perché figurarsi se funzionerà bene sempre, e per quale motivo? Io uso l'interruttore della luce che interrompe la corrente che funziona sempre, uso il termostato con le levette che funziona sempre, e se voglio vedere netflix prendo il telecomando della TV e lo accendo da li.

Davide

disse l'uomo della strada che non ne sa nulla ma si ostina a non voler nemmeno capire. Addio.

Federico

Tu non ho tempo da perdere con un incompetente come te, prosegui pure da solo

Davide

Io sono Ing. Informatico e le condizioni sono così mutevoli che non puoi saperle a priori con precisione scientifica.
Se fa freddo e c'è vento perderai più calore per convezione, ad esempio. Il punto chiave é la frequenza con cui accendi e spegni, non la classe energetica. Ovvio che se sei in classe A puoi permetterti di fare tutti i giochini che vuoi, dissipi poco e l'efficienza resta alta nel ripristinare la temperatura.
Appunto perché la maggior parte delle case é classe E, fare giochetti più volte al giorno non conviene.
Se lo fai una volta ogni 12 ore, ti ripeto per l'ennesima volta che puoi effettivamente risparmiare.

Federico

Senti ingegnere dei miei stivali, ti ho già risposto che ciò che dici vale unicamente per una casa ad elevatissima efficienza energetica, ma per la quasi totalità delle case italiane che sono state costruite fra l'inizio degli anni 60 e la fine degli anni 80 è una colossale sciocchezza.
E tu saresti un ingegnere edile?

Davide

Io da Ingengere conosco la questione dal punto di vista termodinamico, tu non credo. Continui a ripetere che la cosa funziona solo perchè nel TUO caso è così mentre per le persone normali è ben diverso. Ripeto, se stai fuori casa 12 ore al giorno è un conto ed effettivamente può essere che risparmi, altrimenti no. Quante persone in Italia stanno fuori casa 12 ore al giorno? A te le conclusioni. Ti sfugge tra l'altro la differenza tra consumi ed efficienza. Se in quelle 12 ore i consumi (dipendono dalla tipologia di casa. Se la tua è classe A è un conto, se è classe G un altro) superano i consumi aggiuntivi derivanti dalla perdita di efficienza, guadagni, altrimenti l'efficienza minore può farti consumare più di quanto non faresti tenendo acceso tutto. Chi vuol capire capisca. Posso anche metterla lì coi calcoli (a caso) per farti capire il concetto:

scaldo per 12h continue ad 1W/h --> consumo 12W
scaldo con delta di 7 gradi, spengo, scaldo con delta di 4 gradi ---> consumo 9W, consumo 0W, consumo 5W, totale 14W.

Nel tuo caso: scaldo per 12h con delta di 7 gradi, spengo per 12h; consumo 9W, quindi risparmio.
Capito questo capisci il mio discorso. Il tuo caso non è quello di tutti e fare accendi/spegni non vuol dire necessariamente risparmiare. Addio.

Federico

va bene, è inutile discutere con e dai... hai deciso che la cosa è inutile e ti arrampichi sugli specchi pur di dimostrarlo.

Addio

Davide

"perché uno che ti dice che consuma meno lasciare acceso il riscaldamento tutto il giorno senza nessuno in casa invece che farlo accendere un'ora prima del rientro evidentemente vaneggia"

Ah ecco, il problema é di comprensione del testo. Rileggi bene e capirai, forse, che mi riferisco a chi accende e spegne ripetutamente. TU, figa lo capisci TU cosa vuol dire?, ne trai giovamento perché stai fuori casa metà giornata.
Per la maggior parte della popolazione il tuo caso non é applicabile.
E in ogni caso, a livello di efficienza, cosa diversa dai consumi, lasciare acceso tutto il giorno é meglio che colmare ampi differenziali.
Non é una mia opinione ma la realtà. Se non capisci di cosa sto parlando é inutile che contesti e critichi.

Federico

Ciascuno ragiona per sé stesso secondo le proprie esigenze, l'errore sta nel credere che le proprie esigenze siano quelle del mercato.
Su sette miliardi di abitanti del globo, ci sono almeno due miliardi di pensionati e mezzo miliardo di individui sufficientemente benestanti da poter decidere di fermarsi a cena e magari pagare un albergo se il paesino in cui erano andati a passare semplicemente il sabato pomeriggio è di loro gradimento.

Mai pensare che i propri gusti (magari di studente) rappresentino il mercato!

Non solo per le luci ma per tutta la Home Automation dopo averli usati per due mesi ti consiglio i componenti Sonoff ed in generale quelli destibili tramite eWelink.
Oltre ad essere realizzati magnificamente (i comandi dei punti luce hanno il pannello in vetro) ora che hanno i server di controllo in Europa non vanno mai offline, possono essere gestiti contemporaneamente da Amazon e Google e comprendono un intero ecosistema con componenti adatti per qualsiasi impiego.
Il fatto di essere linkabili contemporaneamente a due Cloud è importante, perchè magari a casa si ha uno scatolotto Amazon (molto meglio realizzati dei corrispondenti Google), ma quando si è in giro è più pratico usare il Google Assistant del telefono

Nalin

Tu parli come se avessi sempre la giornata libera e quindi non sai a che ora rientri a casa. Sapere che tra un'ora torni a casa fa pensare che sei ad almeno 80 km da casa (sto usando come riferimento dove abito io on le strade che ci sono nella zona).
Lo sei ogni giorno? Non sapere, sia tu che tua moglie, ogni giorno quando tornate a casa non credo che sia comune a tante persone al di la della vita monotona.

In ogni caso, ho un casa indipendente di 220 mq ultimata 1 anno e 1 mese fa.
Ho 1 termocamino a pellet che fa acqua calda e riscaldamento, pannelli fotovoltaici con accumulatore che di giorno se non c'è richiesta e l'accumulatore è pieno scaldano l'acqua sanitaria, ventilazione meccanica con recupero di calore. Come ho detto ho il termostato smart della ticino, uno che comanda la caldaia, l'altro che comanda il termocamino.

Ok grazie per la spiegazione sulle luci, come già detto le avevo prese in bundle, proverò anche dell'altro.
Non mi importa di sostituire gli interruttori in tutta la casa, è una spesa inutile per quel che mi riguarda. Mi interessa automatizzare le luci più importanti perchè avendo un bimbo di 4 mesi è comodo avendocelo in braccio poter non usare le mani.

Nalin

Si, esatto. Ma non ci devo perdere tempo visto che lo imposti all'inizio e amen.

Federico

Anche chi lavora o va all'università ha dei giorni liberi o degli imprevisti.
Ovviamente non si tratta di oggetti adatti a tutti, anche perchè avere una casa totalmente domotica non costa cento euro, ma chi la possiede ne trae benefici tangibili.
I consumi scendono in maniera significativa, te lo assicuro.

Mi viene in mente un'unica cosa da risponderti, che poi è la stessa che rispondo a tutti quelli che parlano (spesso in modo totalmente sballato come il tuo, perché uno che ti dice che consuma meno lasciare acceso il riscaldamento tutto il giorno senza nessuno in casa invece che farlo accendere un'ora prima del rientro evidentemente vaneggia) spendi un paio di mila euro, compralo e prova avendolo sotto le mani.

Davide

Se vai in università o lavori sai a che ora esci e anche a che ora torni ma come dicevo, leggi bene, anche non sapendolo non è una scelta saggia. Col TUO uso, se sei sempre fuori magari ha senso ma già solo se torni a mangiare e poi esci, no. Facendo uno scalda - raffredda - scalda consumi di più. Punto.
Se tu fai un raffredda - scalda senza mai tornare a casa in giornata può avere un senso, per te peró. La maggior parte della gente non ha le tue stesse abitudini.

Federico
Davide

ma anche non conoscendo il rientro non è una buona idea in generale. Va bene per te che stai fuori di casa mezza giornata. Dubito succeda tutte le volte, ergo...

Alexander DeLarge

Ho provato per tre ore... Aggiornamenti driver, reinstallazione da zero degli stessi, disattivazione dei vari enfatizzatori (surround, equalizzatore, ecc) .. non è servito a niente. Con la 1803 era tutto perfetto, con la 1809 era come se ascoltassi un vinile, con crack e pop in continuazione.
Forse una soluzione c'era, ma io non l'ho trovata

Marco

Scusa nn c'era una soluzione intermedia prima di arrivare a formattare?

Federico

Il fatto che qualcuno lo abbia scritto non significa che sia corretto... e difatti non è corretto. Lo sarebbe nel caso di un appartamento ad elevatissima efficienza energetica, tipicamente uno di elevato pregio costruito negli ultimi cinque anni, ma certamente è sbagliato per la stragrande parte delle case di civile abitazione pluridecennali in cui abita la gran parte della popolazione.

Quanto alle Hue, oltre ad essere estremamente costose (attorno ai 20euro contri i 4-5 euro di una "filamento LED" o SMD LED) hanno una potenza troppo bassa per illuminare decentemente (massimo 8W) ed hanno una efficienza energetica decisamente più bassa.
Molto meglio è utilizzare comuni lampade a filamento LED o SMD LED e sostituire il controllo dei punti luce con interruttori asservibili (io uso dei Sonoff con pannello in vetro, fra i 16 ed i 18 euro in base al numero di vie).

Quanto ai lumen... beh usando lampade LED si va dai 2W della lempadinetta che ho sotto la cappa del piano cottura e comodini fino ai 19 W cadauna delle SMD LED quelle che ho nella zona living. La altre sono tutte da 6W e 4W.
Per i lumen, una 6W filamento LED a luce calda fornisce 600 lumen, quindi siamo orientativamente attorno a 100 lumen/W.

Nalin

Non tengo mai troppa distanza tra la temperatura di quando sono fuori e quando sono in casa perchè come ti hanno già spiegato non è conveniente alla fine, soprattutto sulle grandi metrature.
Non devo sapere niente o fare nulla, l'ho impostato all'inizio in fase di configurazione.
Per quanto riguarda Hue era in promo con l'echo in fase di uscita in Italia e l'ho preso ad un prezzo irrisorio compreso di bridge.
Non trovo l'utilità di avere tutta la casa collegata anche con le prese e interruttori perchè non ne avrei bisogno. Inoltre vuol dire avere bene a portata i dispositivi che incorporano l'assistente e come ho già scritto il non poter dare due comandi in una frase è una limitazione enorme per esempio "spegni qui E accendi li".
Visto che le hai, quanti lumen ti danno le tue lampadine?

Danilo

Su OneNote la cosa si può già fare anche senza Cortana

Danilo

Microsoft sta lavorando a braccetto con Amazon proprio per questo.. nelle roadmap di Microsoft Cortana presterà i suoi servigi solo in Office.

Federico

Ma che poi un sistema evoluto come il mio non è che controlla solo la caldaia.
Con la sola eccezione della porta di casa (solo i matti la collegano ad Internet) qui è tutto sotto il controllo del Cloud, da alcuni gruppi di prese elettriche all'irrigazione delle mie piantine di peperoncino... al mini PC con cui guardo Netflix & Co.

La mia casa è un ecosistema globale gestito indifferentemente da Google Assustant ed Alexa (in ogni ambiente c'è un "barattolo" Alexa e Google Assistant è costantemente con me grazie al telefono).
Se uno si limita a provare un singolo scatolo ed una singola lampadina ed in base all'esperienza che ne ricava decide che è una schifezza è come quello che prova l'ebrezza del computer su una macchina del 1980 priva di collegamento in rete e senza grafica evoluta e dopo un'ora si sente autorizzato a dire che non serve a niente perchè tanto i conti se li fa ugualmente bene a mano.

Federico

Ha un cronotermostato come tutti noi, ma le componenti legacy, che non sono in grado di essere poste sotto il controllo degli ecosistemi, non possono affrontare i casi particolari ma solo rispondere ad una programmazione banale e rigida.
Quando gli ecosistemi non esistevano neppure esisteva la necessità di avere qualcosa di diverso... ora esistono. :)
Il mio vecchio cronotermostato, con due temperature "standard" impostate per tutti per i più svariati utilizzi (18 gradi e 21 gradi) e commutate dal Cloud, si occupa unicamente della modulazione del livello di fiamma quando la temperatura di casa si trova nel loro intorno, mentre l'effettiva accensione e spegnimento dell'impianto è devoluta al Cloud.
Tutta la gestione dell'impianto è stata realizzata con una schedina già pronta all'uso da 17 euro comprensivi dei costi di spedizione, tre vie per il controllo della caldaia ed una per commutare la temperatura del vecchio cronotermostato.

Federico

Dal mio post cui hai risposto:
"L'uso del cronotermostato implica che tu conosca con buona approssimazione il momento del rientro, cosa magari valida nei giorni lavorativi ma non quando te ne vai fuori una giornata."

Magari leggere con un po' più di attenzione prima di prendere carta e panna per contestare...

Davide

se esci e stai fuori 12 ore è un conto ma se esci per lavoro, torni a casa a mangiare, esci di nuovo e torni la sera, credimi, ci smeni e basta a fare accendi/spegni.
Non sono cose che invento io tra l'altro, ti invito a dare un'occhiata all'equazione del rendimento e a verificare tu stesso come il delta di temperatura affligga pesantemente il coefficiente di prestazione.

Federico

A parte che puoi fare anche quello che tu suggerisci perchè nessuno vieta di stabilire livelli climatici interni grazie al termomentro contenuto nell'Echo Plus (o usando la miriade di sensori di temperatura asservibili da Alexa/google Assistant), quello che tu dici è assolutamente falso in senso generale.
se io, Mary ed il cane Chicco usiamo la mattina senza sapare a che ora rientreremo sarebbe semplicemente assurdo tenere acceso l'impianto di riscaldamento per tutta la giornata quando poi magari, come spesso avviene, decidiamo di fermarci a cena nel paesino in cui ci troviamo e rientrare a mezzanotte.
In questi asi il riscaldamento va acceso un'ora prima del rientro ed il risparmio è notevolissimo sia in termini di energia elettrica che di gas.

Dai ragazzi, non arrampicatevi sugli specchi nel tentativo di dimostrate l'inutilità di qualcosa che non possedete, e che stando a ciò che scrivete neppure conoscete.

Davide

guarda che continuare a giocare con il termostato ti fa consumare di più e basta. Ingegneristicamente parlando, l'efficienza che tu hai nel mantenere la temperatura dovendo supplire a delta bassissimi (quindi avendolo sempre acceso) e di gran lunga superiore al dover colmare delta di 2-3 o più gradi. A fare accendi/spegni finisce che spendi di più e basta.

Nalin

Infatti io sto solo dicendo che sono decisamente acerbi, non che non si evolveranno.
Al momento sono decisamente limitati e lo dico dopo averli provati e avendoli ora.
Le tapparelle oltre che comodo danno la possibilità di centralizzare il tutto oppure zona giorno o zona notte, le puoi collegare ai sensori di pioggia e vento. Non mi sembra un vantaggio da poco rispetto agli assistenti vocali ora in commercio.

Alexander DeLarge

Windows dovrebbe imparare a rilasciare update come si deve..
Mi arriva ieri l'October Update (si, quello gonfio di bug che dovrebbe essere stato finalmente patchato), lo installo e.. Mi sputtana completamente l'audio, costringendomi a formattare.
Prima di lavorare su Cortana, sistemasse le cose importanti..

Nalin

1) Già solo il fatto che non puoi dire "accendi luce cucina e spegni corridoio" assieme nella stessa frase è un malus enorme. Lo so perchè ho sia google assistant che Alexa con echo.
2) Ho spiegato già sopra come funzionano i termostati ticino, ma anche il netatmo fa la stessa cosa
3) beato te che puoi farlo :)

Federico

Beh no...
O meglio dipende da come tieni impostato l'accesso alla posizione dei sistemi.
Qui sia Alexa che Google Assistant danno la temperatura di Terni.
Faccio la media delle due risposte (usano diversi provider) ed ho un'indicazione sufficientemente attendibile.

Federico

L'uso del cronotermostato implica che tu conosca con buona approssimazione il momento del rientro, cosa magari valida nei giorni lavorativi ma non quando te ne vai fuori una giornata.
Una singola ora di funzionamento dell'imputato di riscaldamento vanifica il risparmio di un giorno dell'illuminazione LED.
Lasciarlo spento per poi riaccenderlo un'ora prima di tornare significa risparmiare moltissimo sia quanto ad energia elettrica che come gas!

Ho una singola lampada Hue datami in bundle con l'Echo Plus, ma non ne ho prese altre perchè non le trovo convenienti.
Uso invece una grossa quantità di dispositivi Sonoff (ad esempio ho sostituito tutti i comandi dei punti luce), che funzionano benissimo, sono molto belli e ben costruiti e costano pure relativamente poco.
Anche per la caldaia, con solo 17 euro ho acquistato una schedina a 4 vie che poi ho inserito al suo interno (banalmente collegata alla morsetgiera) ed ora il vecchio cronotermostato si limita a gestire la modulazione della fiamma mentre i Cloud di Amazon e Google (tutti i dispositivi eWelink sono doppio standard, quindi posso usare indifferente uno dei due sistemi) gestiscono sia l'accensione che la temperatura.

I sistemi ovviamente sono in evoluzione, ma già da tempo hanno superato la soglia di utilità.
La mia impressione è che tu da un lato ti sia concentrato su componenti inutilmente costose perchè 'di marca" (Hue) e dall'altro prima di scartarli non abbia passato un po' di tempo a guardare cosa offre il mercato.
Ti assicuro, non perchè l'ho sentito dire ma perchè la posseggo, che con una cifra non troppo elevata puoi avere un intero appartamento "domotizzato", e che a quel punto l'utilità diventa grande.

Lolloso

si diceva la stessa cosa anni fa, poi la gente ha cominciato a buttare via milioni di lire per non dover tirare la corda delle tapparelle

Lolloso

quindi alla fine hai comunque un termostato smart...

Lolloso

beh quando sei solo, fai un lavoro a turni o non hai mai un orario preciso in cui arrivi a casa o lasci il riscaldamento perennemente acceso o risulta un po' difficile impostare continuamente il timer

Lolloso

meteo che tra l'altro mi fornisce sempre di un altra città, evidentemente dove risiede la centrale del mio operatore fibra, nonostante sia impostata una posizione predefinita della casa

Nalin

Anche io ho tutto l'impianto elettrico a led per una questione di risparmio, ma non vedo cosa c'entri.
Se sto fuori alla sera il termostato smarter della ticino (una volta impostato il raggio in km come distanza da casa) sa che non sono a casa anche se ho impostato una temperatura per quella fascia oraria e quindi non parte, ma tiene la temperatura impostata nella sezione "fuori casa".
Ho provato anche le lampadine hue in abbinamento e come lumen fanno pena sinceramente.
Sicuramente si evolverà il tutto in breve tempo, ma ora come ora non sono ancora funzionali, nonostante li abbia comprati perchè li ho voluti provare.

praticante

mica tanto..
1) si ma il costo è elevato e il riconoscimento vocale praticamente assente
2)ok mettimano che alza di qualche grado il termostato
3) io :)....ok forse non proprio la prima

Comunque erano solo esempi che ancora questi apparecchi faticano a fare però ci stanno arrivando; non sono indispensabili ma penso che saranno il futuro sopratutto per le case.

Federico

"Fa davvero f1go fuori casa dire "spegni il riscaldamento"?"

Tutte le lampade della mia casa sono LED, e per tutte intendo tutte.
Quindi è ovvio che se resto fuori dal pomeriggio alla sera non lascio acceso inutilmente perché il suo consumo elettrico vanificherebbe una settimana di risparmio, senza contare il gas sprecato.

Ma comunque non è che facciano solo quello, non so cosa abbia provato tu...

Nalin

Queste sono cag*te da film e lo sapete tutti.
1)c'è già e si chiama domotica, costa anche il giusto avere gli scenari di cui alla lunga ci si stanca e non si usano più
2)la caldaia parte quando arrivi a casa? d'inverno entri in una ghiaccia quindi?
3)quante persone entrano in casa e come PRIMA cosa accendono netflix?

Nalin

Rimane da capire cosa te ne fai di accendere il riscaldamento quando non sei in casa.
Fa davvero f1go fuori casa dire "spegni il riscaldamento"?
In ogni caso li ho provati entrambi sia Alexa che Assistant di Google.
Morale della favola, entrambi per ora non sostituiscono proprio nulla, entrambi non capiscono molte cose nel senso che "non ho capito" ed entrambi danno risposte non inerenti a quello che hai chiesto per un buon 40%.
Di Siri non ne parliamo perchè al momento è anche peggio di Cortana ed è tutto dire visto che Cortana non viene praticamente utilizzata.

praticante

prova a immaginare di rientrare a casa e dire "ok sono a casa", si accendono le luci, parte la caldaia, e una voce ti chiede "musica o netflix?"

dari89

Ma se non è nemmeno capace di fare una ricerca, qualsiasi cosa le chiedi cerca di venderti qualcosa di attinente su amazon

JacopoRS

Aspetto il giorno in cui Cortana venga sostituita da Alexa, in Windows..

ale

Mai capito il senso degli assistenti, faccio prima a premere un bottone o digitare qualcosa su una tastiera che farmi capire da un assistente vocale. Cioè vorrei capire un caso d'uso di vita quotidiana dove effettivamente fa risparmiare tempo, fin ora non ne ho trovati.

Poi ovviamente ci sono tutti gli svantaggi tipo i problemi di privacy legati ad avere un dispositivo sempre in ascolto in casa.

lolo (l'altro è falso)

C'è gente che ha il coraggio di usare Cortana?

Alta definizione

Recensione Fujinon MK 18-55 T2.9

Sony

Recensione Sony Xperia 10 Plus: il display 21:9 non basta

HDMotori.it

Ford Focus 2019 ST-Line 1.5 EcoBlue: recensione e prova su strada | Video

Alta definizione

Recensione TV Sony KD-65AF9: OLED e Android TV ai massimi livelli