Amazon Alexa vs Google Assistant: ad ognuno il suo | Video confronto

05 Dicembre 2018 442

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Ora che dispositivi Amazon Echo e Google Home sono ufficialmente distribuiti in Italia, con comandi localizzati e servizi italiani, ha senso chiedersi quando è meglio scegliere l'uno o l'altro. Ci sono delle differenze tecniche (con uno o più altoparlanti, con 4 o con 9 microfoni, con fotocamera e display o senza nulla, e via dicendo) ma tutto il gioco si basa sui loro assistenti vocali: Amazon Alexa e Google Assistant.

Perché scegliere Amazon Alexa

Mi sono sforzato di usare entrambi per più di un mese, cercando di capire a chi indirizzare l'uno o l'altro. E mi sono convinto che Amazon Alexa sia più adatto ad una famiglia, a persone poco esperte, come strumento di controllo delle cose smart di casa (dalle luci alle valvole del termosifone, dal motore delle tapparelle alle videocamere di sicurezza) e come altoparlante per la riproduzione di musica. Questo perché supporta sempre più servizi di streaming (e, dal 17 dicembre, anche Apple Music), perché, a parità di prezzo, offre dispositivi Echo con altoparlanti migliori e jack in-out, e perché è più intuitivo, più accogliente, con il grosso vantaggio dell'interazione video in aggiunta a quella audio. Google, per dire, non ha ancora un prodotto con display paragonabile ad Echo Spot; il suo Home Hub non è venduto in Italia e non ha, comunque, una fotocamera per le videochiamate o per controllare una stanza.

Al di là di questi dettagli tecnici - ai quali, per il momento, c'è da aggiungere il supporto a più apparati ZigBee rispetto a Google per merito delle «Skills», aggiornate dagli sviluppatori ogni giorno in una comunità che le sta trasformando in un app store - al di là di questo, dicevo, è Alexa a fare la differenza.

La sua voce femminile ha una resa più naturale rispetto alla grezza sintetizzazione vocale maschile di Google Assistant (a dicembre 2018 non si può cambiare), evidente al punto da far tollerare gli errori di riconoscimento che capitano di tanto in tanto e le imprecisioni nella pronuncia italiana. Ne risulta che il «Mi dispiace, non ho capito» della prima è meno brusco del «Non lo so, non so aiutarti», sia nei modi che nei toni, di Assistant. Amazon ha fatto molta più attenzione a questo aspetto, e mi viene da pensare che, invece, Google non ne abbia messa affatto. Inoltre Alexa è più flessibile per certi comandi: non ha sempre bisogno della precisione assoluta per, esempio, cambiare traccia, aggiungere un appuntamento, leggere l'ebook che abbiamo iniziato su Kindle.

Perché scegliere Google Assistant

Eppure Assistant dà l'idea di essere un assistente vocale migliore. Tanto per cominciare usa i servizi Google per tutte le ricerche online, dalle traduzioni alle informazioni su un film o su una partita di Serie A, così come usa Google Maps per le indicazioni sul traffico, Google Calendar per promemoria e appuntamenti, e via dicendo. Basare le sue risposte su servizi già a conoscenza dei vostri dati (perché bisogna fare il login con l'account Google) le permette di anticipare certe risposte e filtrare i risultati seguendo i vostri interessi.

Chi usa uno smartphone Android, chi si affida ai principali servizi Google, magari mentre ha uno smartwatch WearOS al polso e una Chromecast attaccata alla TV del salotto, collega una Google Home Mini alla Wi-Fi di casa e trova tutto pronto. Qui Google offre il vantaggio di poter comandare una TV, accenderla e spegnerla, sintonizzarla su, esempio, Netflix e regolare il volume con la voce; lo stesso vale per gli Android TV. Se, da una parte, perde il confronto audio per una qualità generale inferiore e per meno servizi supportati, è sicuramente più comoda di Alexa nel controllo dei video e dei film in streaming.

Assistant ha una prospettiva da assistente vocale migliore anche per le modalità con cui tira fuori le informazioni dal suo cloud, più simili a quelle di una vera intelligenza artificiale anziché di uno strumento di interazione domanda --> risposta. Quindi ha molto più senso per quelle persone interessate a questi argomenti, con la voglia e la capacità di approfondire la loro crescita, molto più interessati ad una approccio attivo anziché ad una fruizione lineare dell'assistente vocale.

Considerazioni finali

In conclusione, vedo Amazon Alexa per l'immediato e per chi, assolutamente, usa dispositivi Apple anziché prodotti Android; e vedo Google Assistant per gli smanettoni, adulti o non-adulti che siano. La prima buona notizia è che entrambi si usano davvero nella quotidianità: tra liste della spesa, musica, promemoria, aggiornamenti sul meteo e sulle partite; tra traduzioni o ricerche nei dizionari, timer per il tè, timer per la pasta, ascolto delle news mentre si lavano i piatti, risate con i proverbi, suoni ambientali inviati a tutta casa - si finisce per apprezzarli al punto da vedere come una perdita il tornare indietro e farne a meno. E l'altra buona notizia è che creano quel tipo di concorrenza (offerte sui prezzi, continui rilanci sulle funzionalità) che di solito dà vantaggi ai consumatori. Da questo natale, finalmente, anche a noi italiani.

La riconferma di un'azienda che cerca l'equilibrio tra prestazioni al top e prezzo competitivo? OnePlus 6T è in offerta oggi su a 479 euro.

442

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ikaro

A parte che non tutti i telefoni accettano l'hotword di risveglio quindi dovresti andare li e sbloccarlo, comunque consumi più batteria e devi essere necessariamente più vicino al dispositivo... Insomma parliamo di due cose un po' diverse... Posso anche andare in giro con calesse, non è certo la A e la B il problema, ma la comodità è la velocità delle operazioni....

Mirko

No, lo smartphone lo lasci dove adesso lasci Alexa.

sopaug

No si chiama proprio home assistant, gira su linux anche un rasp va bene... Potentissimo

Francesco Pippo

Intendi l'app HomeAssist? Gli darò sicuramente un'occhiata, sono sempre alla ricerca di nuovi modi per espandere la mia domotica e rendere più efficiente l'automazione domestica e non. Grazie per la dritta :)

Naso23

Questo black friday ho puntato tutto su Google e Philips, preso 4 mini e uno normale (19 euro i mini e 79 quello normale) per comandare le luci philips hue, termostato, chromecast, prese intelligenti, timer, notizie e musica in bagno, che dire......mi ci trovo benissimo!! Bisogna prendere dimestichezza nel porre i comandi in maniera corretta!

Francesco Perrone

"vedo Amazon Alexa per l'immediato e per chi, assolutamente, usa dispositivi Apple anziché prodotti Android", e quindi chi usa più Android non può usare Amazon Alexa??? Fatemi capire.

ProseccoDoc

Ma finiamola con ste minkiat3 tipo kinect il prossimo anno non ne parlerà più nessuno

Mazinga

Certo che con youtube e il poter comandare le tv google home mi sembra nettamente migliore.

I<3Nutella

É interessante come le cose che fai tu le faccio tranquillamente anche io senza questi aggeggi.
Miracolo?
No, ingegno umano e personale.
Quello che voi volete buttare nel cesso.
Poveretti.

Stefano Ferri

Sul telefono mi trovo molto meglio con Siri che con Assistant , molto meglio.

Sterium

con echo come le gestite 2 abitazioni sullo stesso account???

romeop

no quelli comprano iphone

romeop

valutare un assistente fermo al 2013?????

Riccardo
Jezuuz

Aspetterò ancora un po’ allora, tanto non può che migliorare, i prezzi forse saliranno un po’.. pazienza

fabiman92

A me ha migliorato di molto la vita, un esempio metto almeno 5 timer al giorno e prima dovevo prendere il cell sbloccarlo dire Hey Google fare l'azione e ribloccarlo una palla unica adesso con home è immediato. Poi la mattina mi dice le notizie principali. Poi mentre guardo la TV fermo mando indietro di quanti secondi voglio metto i sottotitoli senza alzare un dito. E queste sono le mie operazioni basilari pensa con più cose e quando sarà più sviluppato.

pollopopo

io considero domotica tutto l'insieme che mi permette di automatizzare certi processi e bisogna partire da un master e uno slave... il master sei te che ti interfacci con google home/alexa che si interfaccia con gli hub che si interfacciano con i singoli componenti/sensori.....

google home o simili sono l'inizio della domotica....prima erano automazioni prive di flessibilità e piacere d'uso ecc...

Mi dispiace solo che ci sia una confusione enorme dettata dal fatto che ognuno vuole il suo HUB, la meglio è usare prodotti che fanno uso solo della buon vecchia radio frequenza, semplice e universale alla fine :P

Alexander DeLarge

... "è avariata!" disse la volpe che non arrivava all'uva.
Quando un troll si arrende, dà sempre una certa soddisfazione.

No per carità, ho già discusso abbastanza con te. Quando il mio interlocutore supera un certo grado di stupidità, preferisco fermarmi

sopaug

No

sopaug

Hai ragione, per ora nada italiano senza passare da middleware tipo homeassistant (che se sei un minimo skillato ti consiglio tutta la vita, ci attacchi TUTTO)

Lolloso

Io spero ancora in Cortana perché Microsoft mi da più sensazione di sicurezza in merito alla rivendita dei dati. E non tiratemi fuori la storia della telemetria...

Holy87

è lo stesso, echo o Alexa comunque necessitano di avere una predisposizione...

Peppol
Holy87

appunto...
Non puoi mettere il tuo account con i tuoi preferiti come se fosse di tutti

Francesco Pippo

Si, la differenza è che al momento IFTTT con Alexa supporta solo la lingua inglese quindi non è utilizzabile in italiano (come ho scritto nel primo commento), mentre Assistant si.
Però se conosci un metodo per poterlo usare con Alexa italiana mi sarebbe davvero utile. :)

sagitt

Punti sì vista

sagitt

Le tv sono android, tBlet pure, smartphone pure, i chromebook pure, chrome è su tutti i windows insieme ad altre app hoogle con accesso al microfono

Ice Queen

Questo é miglior assistente in commercio https://uploads.disquscdn.c...

Max

Non sono Amazon e non sono Google

Max

A prescindere dalla tua vita noiosa, io non voglio che accada

Max

Fate finta di non sapere cosa fanno Amazon e Google per campare...

Francesco Pippo

Forse il mio commento sopra era fraintendibile, non ho niente contro alexa, anzi penso che sia un'ottimo assistente virtuale e che abbia grandi potenzialità per il futuro. Al momento però, per le mie esigenze, e dopo aver testato entrambi gli ecosistemi, trovo che Assistant sia più avanzato. :)

sopaug

può espandere anche quelle di alexa...

Francesco Pippo

Ho scelto gli speaker Sonos come esempio proprio perchè sono compatibili esclusivamente con Alexa, era proprio per sottolineare come IFTTT possa espandere le possibilità di Google Assistant. ;)

sopaug

puoi continuare a ripetere la stessa fesseria altri 10 volte ma non avrai mai ragione. Discussione senza senso.

Marco Lazzarotto

Spotify? Che io sappia solo Amazon Music ha l'offerta per gli Echo

sagitt

Ma che assurdità

sagitt

Io sto per avere una casa knx e pensavo a thinka

Perché dovrei farw da beta tester?

sagitt

Non lo è nel momento in cui netflix su un solo account supporta più utenti, spotify con un solo account puó avere playlist anche nominative e via dicendo

Quello che dici tu è come se ogni persona fosse estranea e avesse un proprio account da unire in un dispositivi, questo è ssurdo in una famiglia per quanto riguarda netflix &co

sagitt

Gli accessori ecc non sono domotica normale, knx è domotica normale

Kent_Carl

ma anche il telefono che hai in tasca ha lo stesso identico microfono di un MINI o Spot, ha addirittura una camera sia anteriore che posteriore e che teoricamente al pari dei microfoni del MINI potrebbe riprenderti in ogni momento (non c'e' differenza fra tenere "accesa" una Cam o un Microfono se "qualcuno" vuole spiarti), in più il tuo cellulare triangola sia la cella a cui si aggancia il segnale, sia il wifi e sia il GPS ed invia effettivamente la tua posizione, sono paranoie, non devi avere avere niente di "tecnologico".

comunque mi ricordo che il mio pentanonno si lamentava sempre che qualcuno gli catturasse il piccione viaggiatore con la sua posta legata ad una zampa e preferiva fare 3 mesi a cavallo per recapitare direttamente gli auguri al suo amico che viveva al confine estremo della Contea.

Mirko

Questo è un complotto della maledetta CIA ...

Querela!

Le racconterò qualche storiella allora, così metto allegria a tutti i dipendenti Amazon :)

Betelgeuse69

io con home mini non riesco a comandare la mia android TV sony. Mi fa solo mettere i video su youtube. Se gli chiedo di accenderla, spegnerla, alzare il volume o mettere netflix mi dice che non può farlo...boh

Ikaro
pollopopo

ok...ma se parliamo di domotica normale google home va benissimo........

sopaug

capisco perfettamente, è che ciò che proponi è scomodo e stu.pido.

E in ogni caso con spotify non funziona perchè ciascuno segue playlist diverse e "la mia libreria" conterebbe le cose di tutti quando metti il random.

Che siano assistenti casalinghi e non personali è un'idea solo e soltanto tua. Stai proponendo accrocchi e scomodità di vario tipo per superare limiti che al lancio di un prodotto del genere non dovrebbero esistere.

Alexander DeLarge

Dunque, questo mio amico che vive da solo, e come ho scritto illumina solo camera sua, lascia la stufetta accesa solo il tempo necessario per scaldare il bagno.

Altre domande idiote?

Io non faccio da beta tester per gli altri. Quando la tecnologia sarà utile e ben implementata in tutti gli elementi della casa lo farò.
Nel frattempo avvicinarmi ad un coso per dirgli di spegnere la luce che sta più vicina del coso stesso, mi pare una menata per dementi.
Ognuno comunque è libero di fare ciò che meglio crede.

Android

Honor View 20 ufficiale: display con foro e foto a 48MP | Video

I migliori smartphone sotto l'albero: Guida all'acquisto di Natale 2018

Android

Recensione Oppo RX17 Pro: ricarica lampo e super foto notturne

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A9 (2018)