L'atmosfera evapora nello spazio: nuova missione NASA per studiare il fenomeno

04 Dicembre 2018 39

La NASA vuole scoprire le cause dietro a una misteriosa scomparsa: ogni giorno, centinaia di tonnellate di atmosfera terrestre evaporano nello spazio. Per provare a risolvere questo enigma, la NASA ha pianificato la nuova missione VISIONS-2 (Visualising Ion Outflow via Neutral Atom Sensing-2), che partirà dalla base di lancio norvegese di Andøya, la più a nord dell'intero pianeta.

La missione non ha una data di lancio precisa, vista la natura imprevista di uno dei fenomeni che dovrà osservare, ovvero l'aurora boreale, quindi potrebbe partire in qualsiasi momento compreso tra il 4 e il 18 dicembre. Al fine di garantire la rapidità d'intervento necessaria a non perdere l'aurora, la missione sfrutterà due particolarissimi razzi-scandaglio, ovvero un tipo speciale di mezzo in grado di garantire un'elevata mobilità e la possibilità di essere lanciato in pochissimo tempo, in modo da poter registrare fenomeni atmosferici improvvisi. Una volta partiti, i razzi possono eseguire un percorso programmato, per poi tornare a terra dopo pochi minuti.

Ma qual è la correlazione tra la fuga dell'atmosfera e l'aurora boreale? Sin dai primi anni del '900 diversi studi teorici hanno dimostrato che l'atmosfera può sfuggire alla forza d'attrazione gravitazionale della Terra per disperdersi nello spazio, tuttavia a questi studi è stato contrapposto un dato impossibile da ignorare: l'ossigeno è troppo pesante per poter lasciare il pianeta e avrebbe bisogno di un quantitativo di energia molto elevato (circa 100 volte più di quella presente nel sistema) per riuscire a slegarsi dal legame gravitazionale.

Uno dei fenomeni naturali più belli da osservare. L'aurora boreale può spiegare la fuga dell'atmosfera dalla Terra?

Nonostante questo, alcuni studi degli anni '60 e '70 hanno dimostrato la presenza di una significativa quantità di ossigeno in alcuni strati elevati dell'atmosfera, con valori ben al di sopra di quanto ipotizzato in precedenza. La spiegazione di ciò potrebbe essere proprio collegata al fenomeno dell'aurora boreale. La sua formazione permetterebbe di avviare un processo in grado di fornire l'energia necessaria alle molecole d'ossigeno per lasciare il pianeta e permettere quindi la fuga verso lo spazio.

La NASA ha già esaminato questo fenomeno con la missione VISIONS-1 del 2013 ed ora torna sull'argomento con VISIONS-2, scegliendo un'area del globo in cui è possibile osservare l'aurora boreale anche durante il giorno. I razzi utilizzati permetteranno di analizzare il flusso di ossigeno in uscita dalla Terra, in modo da scoprire se anche le aurore diurne presentano caratteristiche simili a quelle notturne e se quindi siano legate alla fuga dell'ossigeno dal pianeta.

La prima missione avverrà all'interno della finestra già citata del 4-18 dicembre, tuttavia sono previste altre 9 missioni nel corso dei prossimi 14 mesi, tutte facenti parte del progetto internazionale Grand Challange Initiative - Cusp, il cui scopo è proprio quello di risolvere il mistero della perdita di atmosfera.

La riconferma di un'azienda che cerca l'equilibrio tra prestazioni al top e prezzo competitivo? OnePlus 6T è in offerta oggi su a 479 euro.

39

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Dwarven Defender

eh no, se sopra al sole hai una zona tanto calda da danneggiare la cupola e creare delle incandescenze notturne non hai un moti convettivi ma una semplice stratificazione dell'aria perciò in presenza di un "buco" nella cupola creeresti di fatto un camino che porterebbe fuori l'aria calda della zona superiore e richiamerebbe aria fredda dalle zone inferiori per riscaldarla ed estrarla...
Fiuuuuu che fatica giocare al terrapiattista convinto...

Francesco Renato

Il riscaldamento però non spiega proprio tutto perché se l'aria calda sale è anche vero che l'aria fredda scende, bisogna quindi capire perché una parte di ossigeno non scende.

Dwarven Defender

si ma ci tengo a precisare che tutto è dovuto al riscaldamento della cupola a causa del sole che d'estate provoca le comete ad agosto distaccando strati della cupola e questi buchi durante tutto l'anno provocano la fuoriscita dell'atmosfera ovviamente...

Francesco Renato

Più che di evaporazione parlerei di ... depressione, le molecole di ossigeno sono spinte verso l'alto dalla pressione atmosferica che è maggiore in basso e minore in alto.

E K

Parlava della sua vita sessuale.

Darkimage

Forse l'unico commento degno di essere letto .....

sagitt

Ah ok

Boronius

Problema del piffero... dentro al magma del mantello terrestre ci dovrebbero essere oltre 100 bar di anidride carbonica, se escono (come su Venere) siamo föttuti. Perdiamo ossigeno? Dentro a tutta l'acqua degli oceani ne esiste una quantità sterminata

Boronius

Anche un miliardo ho idea...

Tetsuro P12

Non era un'invenzione napoletana?

FogMan79

È a banana e la stanno sbucciando con le scie chimiche!

sagitt

No è romboidale scusa

Dwarven Defender

allora è chiaro che è il Solo posto a 3000 miglia di altezza che provoca l'evaporazione

Simone Bena
JustATiredMan

concordo... sarebbe l'opzione migliore, ma purtroppo non possiamo scegliere... dobbiamo prendere quel che arriva.

sagitt

è piatta

Frankbel

Come possono dei gas evaporare nello spazio? Ce lo svela uno studio della NAsSA accuratamente tradotto dallo staff di HDBlog.

LaVeraVerità

Nessun problema, la soluzione è già stata trovata...

https://uploads.disquscdn.c...

LaVeraVerità

Dovresti avere più paura dell'ignoranza (questa si inarrestabile) che sgorga copiosa da queste pagine.

ZioGrimmy

Questo accade perché la Terra è piatta. Poi le navi aliene sono atterrate in gruppo tutte sulla destra (in fondo a destra c'è sempre il c€ss0), il peso delle astronavi ha sbilanciato l'asse terrestre che si è inclinato e ovviamente come una pala di un mulino tantissima aria è stata spinta fuori nello spazio. È "duddo un gombloddo!"

Francesco Renato

OK, possiamo stare... sereni!

Francesco Renato

Assolutamente no, non avresti la fortuna di essere colpito in testa vaporizzando all'istante, moriresti per asfissia al buio a causa del polverone che offuscherebbe tutto il pianeta.

Francesco Renato

Non c'è cupola, c'è solo gravità, la stessa che ti tiene a terra.

Francesco Renato

Marte era troppo piccolo, noi ce l'abbiamo bello grosso.

db1997

Effetto pacman

~benzo
lolo

ma tanto tu sei un vecchio che te frega... a no che hai 22 per fintahttps://uploads.disqus...

Top Cat
Jezuuz

Il meteorite mi sembra l’opzione migliore, una bella onda d’urto e ciaone..

Jezuuz

In modo brutto anche, annasperemo come pesci fuor d’acqua

GeneralZod

L'antica atmosfera andava portata in salvo

Frankbel

Moriremo tutti.

Piacere di cucinare Milhouse

non preoccupatevi, grazie al riscaldamento globale, tra qualche anno riusciremo solo a vedere enormi coltri di fumo denso e nebbia !

Robby

Anche su Marte era cominciata così

JustATiredMan

tranquillo, creperemo prima di riscaldamento globale, inquinamento o qualche meteorite... più probabilmente di incidente d'auto o di qualche malattia.

italba

Tranquillo, prima che "evapori" tutta l'atmosfera fai in tempo a schiattare un milione di volte

Dwarven Defender

alla ricerca del buco nella cupola XD

True_ghost

il vento solare fa aumentare la temperatura delle particelle dell'atmosfera negli strati superiori. Queste raggiungono una tale energia cinetica da raggiungere la velocità di fuga del pianete cioè la velocità necessaria che deve avere un corpo per sfuggire alla gravità del pianeta (velocità che varia con l'altitudine chiaramente). questo può avvenire solo negli strati sopra la magnetosfera comunque.

Davide Tuzzolino
Android

Recensione Razer Phone 2 e confronto con Rog Phone

Android

Recensione OnePlus 6T McLaren Edition

Hardware

Acer Predator Thronos arriva in Italia: un trono da 9.999 euro per videogiocatori

Android

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima