LG G7 ThinQ 6 mesi dopo: ottima scelta, anche nel prezzo | Riprova

01 Dicembre 2018 606

LG G7 ThinQ è o non è un “best buy” per Natale, considerando che rispetto agli 849 euro iniziali ora lo si trova tranquillamente a quasi 500 euro in meno? Lo abbiamo (ri)provato a distanza di 6 mesi dalla sua presentazione, e ora vogliamo condividere con voi le nostre sensazioni su uno smartphone che, nonostante una sempre più agguerrita concorrenza, ha ancora le spalle larghe: lo Snapdragon 845, cuore pulsante di G7, si sente tutto.

Nelle mie mani ho il telefono nella colorazione New Moroccan Blue con installato il sistema operativo Android nella versione 8.0.0 Oreo e patch di sicurezza del 1 luglio 2018. Sì, avete letto bene: l’ultimo update risale a quattro mesi fa. Diciamo che la rapidità nel rilascio degli aggiornamenti non può di certo essere considerato un punto di forza del G7 - lo stesso G6, il top di gamma dello scorso anno, può contare su patch più recenti (agosto)… Ma delle novità - poche ma sostanziose - ricevute in questi mesi da LG G7 avremo modo di parlare più avanti nella nostra riprova (QUI, invece, potete rileggervi la nostra recensione).

9.2 Hardware
7.3 Qualità Prezzo

LG G7 ThinQ

Compara Avviso di prezzo
CARTA D’IDENTITA’

  • Dimensioni: 153,2x71,9x7,9mm per 162 grammi di peso
  • Certificazione IP68, MIL-STD-810G
  • Sistema operativo “out of the box”: Android 8.0.0 Oreo
  • Sistema operativo attuale: Android 8.0.0 Oreo
  • Display FullVision da 6,1” 19,5:9 con risoluzione QHD+ 3120x1440 pixel, Always-on, HDR10, Corning Gorilla Glass 5
  • CPU Qualcomm Snapdragon 845
  • GPU Adreno 630
  • 4GB di RAM LPDDR4x
  • 64GB di memoria interna UFS 2.1 espandibile (48GB a disposizione)
  • Processore integrato IA Hexagon 685 DSP
  • Sensore delle impronte digitali sulla scocca posteriore
  • Connettività 4G LTE Cat. 18, WiFi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0 LE, NFC, DLNA, GPS, USB Type-C, jack da 3,5mm
  • SIM: Nano
  • Radio FM
  • Speaker da 1,2W con cassa di risonanza da 8cc
  • Quad DAC a 32-bit, modalità Boombox, DTS:X 3D Surround
  • Batteria non rimovibile da 3000mAh con ricarica rapida Qualcomm Quick Charge 3.0
  • Fotocamera anteriore da 8MP grandangolare 80°
  • Doppia fotocamera posteriore: 16MP (f/1.6 - 71°), OIS, PDAF + 16MP (f/1.9 - 107°) - flash LED
IL PRIMO CONTATTO

L’impatto iniziale con G7 non è stato dei più semplici: se per tanti compatto è sinonimo di ideale, nel mio caso è diverso. Ho sempre preferito smartphone di dimensioni importanti (sono perfino arrivato ad usare lo Zenfone 3 Ultra di ASUS da 6,8”), e tornare ad affidarmi a un display da “soli” 6,1 pollici ha richiesto un breve tempo di adattamento. Il lavoro fatto da LG su questo G7 è stato comunque egregio, essendo riuscita a integrare un display che, al di là delle mie considerazioni personali, piccolo non può essere certamente definito, specie se rapportato alle dimensioni della scocca, contenuta anche nel peso. Vuoi per il suo form factor 19,5:9, vuoi per i bordi sottili (ma c’è il notch, pardon, il New Second Screen), LG G7 è perfetto da impugnare consentendo (quasi) a tutti di poterlo utilizzare con una mano sola.

E il vetro che ricopre il retro è resistente ai graffi involontari e alle piccole cadute, così come il frame laterale in metallo in tinta. Dopo sei mesi e un utilizzo intenso, lo smartphone è ancora (pari al) nuovo: niente segni, nessuna imperfezione (e io, ve lo garantisco, il più impercettibile graffietto su un telefono lo vedo anche senza bisogno di usare un microscopio elettronico!).

NULLA DA INVIDIARE AI TOP DI GAMMA ATTUALI

Certo, il “tempo tecnologico” passa più in fretta di quello scandito dall’orologio, ma sono sincero se dico che, a distanza di diversi mesi dal suo debutto sul mercato (in Italia è arrivato a inizio giugno), LG G7 ha ancora le carte in regola per poter essere definito un top di gamma a tutti gli effetti. Motivo? Semplice: Snapdragon 845, capace di armonizzare le prestazioni del telefono rendendolo equilibrato e costante nell’utilizzo. Tutto ruota attorno alla piattaforma mobile di Qualcomm che, fino a quando non sarà presentato il suo successore, rappresenta il meglio attualmente proposto dall’azienda californiana.

G7 è fluido, è un piacere navigare sul web e usare qualsiasi tipo di app, anche in multitasking. Con diverse applicazioni aperte contemporaneamente si hanno sempre almeno 800MB-1GB di RAM disponibili. 4GB complessivi sono forse un po’ pochi rispetto a quanto proposto oggi dalla concorrenza - non tutta - ma comunque ampiamente sufficienti per non riscontrare lag o rallentamenti nel sistema.

In sintesi: LG G7, annunciato ufficialmente il 2 maggio 2018, non ha nulla da invidiare lato hardware agli smartphone più recenti appartenenti alla stessa fascia. Se salto di qualità ci sarà, lo si dovrà attendere nell’ecosistema Android con le prossime soluzioni proposte da Qualcomm (Snapdragon 8150), Samsung (Exynos 9820, presentato a metà novembre) e Huawei (Kirin 990). Se ne riparlerà l’anno prossimo.

NON C’E’ BISOGNO DI POWERBANK CON LG G7

Sarà merito sempre dello Snapdragon 845 o del display che è “solo” LCD (parliamo comunque di un ottimo e brillantissimo pannello con tecnologia Super Bright Display), ma la batteria del G7 garantisce un’autonomia che mi ha davvero stupito. Confermo pienamente il giudizio a conclusione del live batteria: “Si è comportato più che bene il G7”, diceva Gabriele Arestivo. E, a distanza di diversi mesi, posso anche io ritenermi più che soddisfatto in queste giornate di “stress estremo” a cui l’ho sottoposto, con app scaricate, streaming video, Facebook, Instagram, WhatsApp e Telegram sempre attivi, Gmail in push (2 account), navigazione web, collegamento via WiFi allo speaker esterno Sonos e tante foto scattate. Il tutto sotto copertura Iliad in 4G.

E dopo 6 mesi osservo con piacere che la batteria non ha presentato segni di cedimento: si ricarica velocemente grazie al supporto al Quick Charge 3.0 di Qualcomm e si scarica lentamente nell’arco della giornata. A sera sono sempre arrivato con almeno il 20% ancora disponibile. Niente male.

DAL WALKMAN A G7 IL PASSO E’… LUNGO

Ascoltare la musica con LG G7 - ve lo dico subito - è un piacere, con e senza cuffie (nella mia riprova ho utilizzato le Sennheiser PXC 550 con grande soddisfazione). Mi verrebbe da dire che proprio il comparto audio sia il vero punto di forza di questo smartphone: non solo possiamo confidare sul Quad DAC Hi-Fi già visto - tra gli altri - su V30, ma anche sul supporto DTS:X per ricreare il suono 3D virtuale. Altro che walkman!

Ero poi titubante riguardo la possibilità di ottenere una buona qualità audio tramite il singolo speaker mono integrato. Ebbene, basta appoggiare lo smartphone su una superficie piana e il risultato che si ottiene è sorprendente. Il merito va a Boombox Speaker, soluzione implementata da LG che sfrutta lo spazio interno del G7 come camera di risonanza, restituendo un audio potente e pulito con bassi eccellenti. I dubbi sulla scelta di rinunciare al doppio speaker stereo per un “potenziato” Boombox Speaker sono svaniti alla traccia 1 "Algorithm" del nuovo album dei Muse "Simulation Theory".

“Audio” non significa solo “multimedia”, ma anche “telefono”, visto che di un telefono stiamo parlando. Devo dire di non aver riscontrato nessun tipo di problema, con un’ottima qualità sia tramite capsula auricolare che in viva voce. L’audio in ricezione è chiaro e non distorto, anche a volume massimo.

DOPPIA CAM CON GRANDANGOLO OTTIMA SOLUZIONE, MA…

…mi aspettavo forse qualcosina di più. Facciamo subito chiarezza senza girarci attorno: LG G7 fa delle ottime foto (anche con la cam anteriore, nonostante ammetta di non essere un grande amante dei selfie…), specialmente all’aperto e con una buona illuminazione. Confidavo in risultati migliori con luce scarsa, vista l’apertura f/1.6 della cam principale, ma la perdita dei dettagli e gli artifizi digitali sono a volte troppo visibili. La messa a fuoco è un po’ pigra - specie se paragonata alla concorrenza, e peccato che la seconda cam - quella grandangolare - non abbia l’Auto Focus, gradito anche quando si vuole scattare un’immagine con campo visivo più ampio.

Fotocamera principale (a sx) vs. grandangolare (a dx)

Detto questo, non voglio dimenticarmi dei lati positivi: la doppia fotocamera si è comportata in modo egregio in diverse occasioni (anche nella registrazione di video, migliorata con l'aggiunta del 4K @60fps), un gradino (forse due) sotto iPhone XS Max e P20 Pro che ho usato come paragone (vedi immagini a seguire) ma comunque ben bilanciata e capace di scattare immagini dai colori vivaci (ma mai sparati). Il grandangolo, poi, è meno esasperato rispetto ai modelli precedenti, ma non per questo di minor qualità, anzi. E per chi vuole un aiutino in più, c'è l’intelligenza artificiale: la AI CAM permette di accedere a ben 19 diverse modalità di scatto e a 4 opzioni di colore. L’intelligenza artificiale c’è, ma quello che ho gradito è che non è invadente - o, meglio, lo è solo se decidiamo che lo sia.

Nonostante alcune pecche, il mio giudizio sul comparto fotografico resta positivo, influenzato soprattutto dalla scelta di LG di integrare un’ottica grandangolare nella cam posteriore. Diversi produttori stanno iniziando a capire che questa è la strada giusta (de gustibus, ci mancherebbe altro), e ciò che 6 mesi fa poteva essere considerato un elemento distintivo rispetto alla concorrenza rischia (per LG) di non esserlo più (Mate 20 e 20 Pro, ad esempio).

POCHI AGGIORNAMENTI RISPETTO AL DAY 1, MA SOSTANZIOSI

Diciamolo subito: da un top di gamma mi aspettavo qualche aggiornamento (perlomeno di sicurezza) in più. Il G7 in mio possesso è fermo alle patch di luglio 2018, introdotte la scorsa estate assieme al supporto alla registrazione dei video in 4K @60fps. Ecco, quest’ultima rappresenta una novità importante, che mancava quando il telefono è stato immesso sul mercato: il gap è stato colmato, e si tratta di un update particolarmente gradito da chi - come me - usa lo smartphone per girare video durante le vacanze. Non mancano nemmeno gli sticker AR di Google, disponibili cliccando su MODO nel menu della fotocamera.

Le buone notizie vengono però dalla Corea del Sud, dove pochi giorni fa è stato avviato il programma LG OS Preview che anticipa il rilascio di Android 9 Pie. Per l’Europa dovremo ancora attendere, ma il test in corso nel Paese asiatico è di buon auspicio: aspettiamoci nuove gesture, una inedita funzione per il risparmio e la gestione della batteria, il blocco del telefono tramite pressione sul tasto di accensione e tante altre novità implementate da LG e Google.

NOTA: Alcuni di voi hanno affermato nei commenti di aver ricevuto le patch di settembre per i dispositivi no brand. Vedremo se anche il G7 in nostro possesso verrà aggiornato nel corso dei prossimi giorni.

CONCLUSIONI

Mi è piaciuto, davvero. Nonostante la sua “età”, lo ritengo ancora un top di gamma a tutti gli effetti: lato hardware non ha nulla da invidiare alla concorrenza attuale, il comparto audio è tuttora il meglio che si possa trovare sul mercato e - nonostante gli aggiornamenti con il contagocce - Android 9 Pie è ormai alle porte.

E che dire se tutto ciò lo possiamo avere a 850 meno di 400 euro? Ecco il vero punto di forza di LG G7, che a questa cifra non posso che definire un best buy per Natale. È davvero difficile trovare un altro smartphone top di gamma in questa fascia di prezzo.

Hardware ancora al topQualità audio ad oggi senza egualiBatteria che non sente l’etàPrezzo
Aggiornamenti carentiFoto non sempre all’altezza
RECENSIONE

9.2 Hardware
7.3 Qualità Prezzo

LG G7 ThinQ

Compara Avviso di prezzo
LG G7 ThinQ è disponibile su a 394 euro.
(aggiornamento del 10 dicembre 2018, ore 12:51)

606

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DavidOne H. L. di Calderonia

Sei sicuro che il G5 duri di più?

enoch81

Mate 10 pro

Fabio

Ma siamo alla follia. Io ho un G5 che dura piu di questo G7. Partendo dal fatto che cmq ha un display di quasi un pollice piu piccolo, meno risoluro,meno luminoso. Oltre al fatto che avendo ina batteria al litio anzoche lipo, nel tempo dura di piu.. Se non famno un G8 o V50 come si deve, mi tengo il mio bel G5 e soprattutto nom è giusto che tutti i G5 sono stati aggiornati ad oreo tranne il brand tim (mio).

Brubri_

Stando a questa affermazione io allora sarei masochista dato che ne ho uno da *solo* 5.8"... xD

dedo

Sulla batteria non sono assolutamente d'accordo l'ho trovata pessima. Ottimo audio e firm factor

andry

Ad LG devi dirlo...

DavidOne H. L. di Calderonia

Sapevo che i produttori fossero obbligati a rilasciare entro 90 giorni...

Marco ZorZy

nessuno.

Max2189

Per installare l'APK c'è bisogno dei permessi di root e moddare dunque il telefono? Io vengo da un Google Pixel 2 XL e non saprei se tenermelo o lasciarmi tentare dal LG G7 (già in passato avevo un LG G5. Il Pixel è un buon telefono, ottimo in comparto foto (nonostante sia mono-lente) ma per quanto riguarda il display non riesco a farmelo piacere al 100%, rimanendo un gradino (forse 2) sotto ai vari LG G7 o Samsung (S9+ e Note9) o Huawei (P20Pro e Mate20Pro).

Diabolus

Forse sui modelli più recenti, perché l'ultima patch di sicurezza per il mio G3 arrivò ad agosto 2016 e poi... buonanotte!

andry

Le patch di sicurezza le rilascia google ogni mese e ogni produttore dovrebbe cercare di introdurle ogni mese il più celermente possibile, cosa che LG non fa. Potresti dirmi che per te tali aggiornamenti non servano a nulla perchè con il telefono ci vai solo su FB...ma ci sono utenti che con lo smartphone ci lavorano, utilizzano app bancarie per qualsiasi tipo di operazione, fanno trading online, ecc, e risulta quindi fondamentale che le vulnerabilità siano ridotte al minimo.

DavidOne H. L. di Calderonia

si ma i parametri di scatto sono diversi

DavidOne H. L. di Calderonia

io nessuno al momento

DavidOne H. L. di Calderonia

LUI. IL GRANDISSIMO. L'ILLUMINATISSIMO. L'ALTISS.....beh vabbè, il GURU.

DavidOne H. L. di Calderonia

o magari perchè gira troppo bene?

DavidOne H. L. di Calderonia

LAGSUNG

DavidOne H. L. di Calderonia

si, sulla sicurezza sono d'accordo

DavidOne H. L. di Calderonia

o alla Sony... un mio amico ha l'XZ1 Compact appena aggiornato a Pie e ha un paio di bug: uno sulla barra delle notifiche che non ricordo, e uno che blocca i widget

DavidOne H. L. di Calderonia

confermo che il G6 dura molto meno come batteria... e considera che il G7 Fit riesce a fare ancora peggio perchè ha lo stesso Soc del G6, ma con meno batteria....

DavidOne H. L. di Calderonia

"Once you try black, you never go back"

DavidOne H. L. di Calderonia

Hai ragione perdonami xD

Ice Queen
Max

L'unico non capace di rivedere un iPhone...

Max

Un mattone di software...

Raffaele Santoro
Mario
Patafrosti

No so solo che in questi casi bloccare o ignorare è la soluzione migliore

Ice Queen
Patafrosti

Si ma insultando i a vicenda di continuo cosa cambia?

Mazinga

Sorry hai ragione!

MatitaNera

"scherzasse"

Zlatan10

Visto ahahahhaahah

Apoteosi comatrix aahahahhahahah

Zlatan10

Non può essere lo stesso risultato tra 4g e wifi, perdonami.

MatitaNera

"pensino"

MatitaNera

"menomale"

Mario

E se questo e uso stress praticamente per te va bene anche un 3310, insomma lo screenshot non fa altro che confermare che ha una batteria vergognosa punto senza se e senza ma

Tiwi

sui 400euro ti prendi gli s9 oppure p20 e sotto sui 300€ ci sono gli s8

Hazard

Clash? Cos’è, un gioco per PC?

Hazard

Non ho capito perché te la sei presa male, io stavo scherzando nel senso che rendeva meno di 2700, addirittura 2000.
Ma tu evidentemente lo hai preso per un insulto personale... Rip.

Matteo Fringuelli

Quanti di voi hanno avuto problemi col lettore d'impronte? A me ormai da problemi ad attivarsi almeno nel 50% dei casi (in alcuni anche se si attivava non le riconosceva comunque) e vedo che online sembra essere un problema diffuso...

sergio

A questo prezzo??? Dimmi pure cosa ci sta di meglio!

Mr. Robot

Sì ma ogni due anni non avere 200€ per prendere il medio di gamma di turno mi sembra un po' esagerato

Mr. Robot

Ho fatto anche in 4G e ho avuto praticamente lo stesso risultato

John

Comico xD

Di3go™
Di3go™

No io bt e gps sono quando serve. WiFi sempre attivo, anche se alla fine faccio praticamente 90% in 3g/4g, ma almeno quando mi sposto in punti dove ho registrato una connessione wireless, non devo ricordarmi di attivarlo...
cmq in questo blog faccio fatica a scrivere da smartphone, è ottimizzato da cani oppure è la tastiera google, non l'ho ancora capito

John

La classica scusa del "io ho anche una vita" nascosta nella tua frase lascia benissimo intendere come tu abbia bisogno di evidenziare quella parte per non far vedere che non ce l'hai. Quell "ciao ciao" infastidito poi. Schematico :D

Garrett

Il bt lo tengo sempre connesso perché non so quante e quali telefonate riceverò.
Il GPS è sempre acceso perché non so se mi potrà servire.
Mail sempre attive.
WiFi on, appena posso.

Tutta questa roba consuma e non posso nemmeno disattivare manualmente le app in background perché o fa il telefono nella modalità risparmio energetico.

Di3go™
E K

Io sempre fatto cosí, tanto carico di notte, a tel spento, e devo dire che il crollo di prestazioni non l'ho mai sperimentato (nemmeno con il nexus 5, che lo avrebbe portato a 20 minuti di durata)

I migliori smartphone sotto l'albero: Guida all'acquisto di Natale 2018

Android

Recensione Oppo RX17 Pro: ricarica lampo e super foto notturne

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A9 (2018)

Samsung

Il club dei 1000€: perché gli smartphone costano così tanto? #prospettive