La NASA dà la "buonanotte" a Kepler: interrotte le comunicazioni con la Terra

19 Novembre 2018 31

Lo scorso giovedì, il telescopio spaziale Kepler della NASA ha ricevuto l'ultimo comando: interrompere le comunicazioni con la Terra. Il "comando della buonanotte", come è stato soprannominato, è solo l'ultima fase della dismissione di Kepler, che lo scorso 30 ottobre aveva terminato il carburante.

Fatidicamente, la data in cui è stato impartito l'ultimo comando coincide con il 388^ anniversario della morte dello scienziato Johannes Kepler - da cui il telescopio spaziale prende il nome - il quale scoprì le leggi che regolano il movimento dei pianeti.


Il "comando della buonanotte" è stato inviato dal Laboratory for Atmospheric and Space Physics (LASP) dell'Università del Colorado, ed ha viaggiato sui canali del Deep Space Network della NASA fino a destinazione. Il team di Kepler ha disabilitato il sistema di sicurezza, che avrebbe potuto inavvertitamente riavviare il telescopio, e provveduto a cessare le comunicazioni spegnendo i trasmettitori.

Poiché il veicolo spaziale ruota lentamente, il team di terra ha dovuto impartire i comandi con una precisione cronometrica, in modo che raggiungessero la destinazione durante i periodi in cui era possibile comunicare; ora non resta che monitorare il telescopio per assicurarsi che tutto sia andato a buon fine. Attualmente, Kepler si muove seguendo un'orbita intorno al Sole a 151 milioni di chilometri dalla Terra.

Anche se la missione di Kepler si è conclusa, i dati che il telescopio ha raccolto nel corso di più di nove anni continueranno ad essere studiati e daranno probabilmente luogo a innumerevoli scoperte per molti anni a venire, come è avvenuto finora: ad oggi, nel corso delle due missioni Kepler e K2, sono stati scoperti oltre 2.650 esopianeti confermati; solo qualche mese fa, grazie ai dati raccolti da Kepler, è stata svelata l'esistenza di altri 44 esopianeti in un colpo solo.


31

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
marcy9487

Ma tanto moiono loro, che te frega!

Frankbel

I problemi del piccolo telescopio terrestre rimangono tali anche per telescopi spaziali, non si riuscirà mai ad avere una immagine nitida senza prima essere a poche unità astronomiche. D'altra parte per avere immagini valide dei pianeti del nostro solar system abbiamo mandato direttamente delle sonde.
Ecco le rilevazioni dirette di cui parli, nel futuro avremo immagini equivalenti che poco possono dire su questi lontanissimi pianeti.
https://www.quora .com/Whats-the-clearest-image-of-an-exoplanet-thats-real

danieleg1

Uno degli obbiettivi dell'ELT è proprio riuscire ad osservare direttamente gli esopianeti più grossi. Comunque con "studiare in dettaglio" intendevo più che altro avere misure molto precise di massa e diametro e i primi studi della composizione delle atmosfere (grazie all'ELT e ARIEL dell'esa e FINESSE della nasa).

DOLCE LUNA

ahahahahahahahah verissimo.

Frankbel

I pianeti sono troppo piccoli e distanti per essere studiati in via diretta. La loro determinazione avviene grazie alle fluttuazioni gravitazionali delle stelle attorno alle quali orbitano. In pratica si avverte la loro presenza e in base alle fluttuazioni si ipotizza dimensioni e massa.
Vedere un pianeta dalla terra mediante luce diretta non è possibile per via del limite tecnico delle lenti.
http://blog.teleskop-express. it/la-vera-potenza-di-un-telescopio/

danieleg1

Perché?

Max

Considerando la radioattività che avrà accumulato, speriamo non incontri nessuno

Babi
Top Cat

Film?
No no no!
Anime....

Frankbel

"in futuro ci saranno nuovi telescopi che studieranno in dettaglio i vari esopianeti"
Ho come l'impressione che di telescopi non ne capisci molto.

Garrett

Ci penseranno a riprenderlo i Rettiliani o i Grigi

Top Cat

Though wise men at their end know dark is right,
Because their words had forked no lightning they
Do not go gentle into that good night.

Dylan Thomas.

Tony_the_only

Come non lo sai? Serve sempre materiale fresco per i terrapiatisti e gomblottisti.

danieleg1

Per quando avremo la tecnologia (e i soldi) per fare una missione per ripararlo, sarà decisamente troppo obsoleto. Comunque il suo l'ha già fatto, l'obbiettivo principale era una "semplice" indagine statistica, in futuro ci saranno nuovi telescopi che studieranno in dettaglio i vari esopianeti.

Frankbel

Non ha molto senso dare la "buonanotte" ad un oggetto che viaggia nello spazio. Lol

il Gorilla con gli Occhiali

Buonanotte anche da parte mia.

Davide

eh vanno giustamente con i piedi di piombo. Gli investimenti in ballo sono mostruosi. Non vedo l`ora.

comatrix

Interstellar docet

comatrix

Troppo bello quel film ^_^

talme94

F.

finestre

F.

Pip

Ma perché eliminare qualsiasi possibilità di contatto futuro?
Capisco che ormai le probabilità che si renda utile sono praticamente nulle, ma il telescopio rimane sempre là, che sia possibile contattarlo o no.
Boh, già la notizia della sua dismissione è triste, fatta con l'eutanasia è ancora più triste.

Tiash

See you space cowboy...

Maurizio Mugelli

Do not go gentle into that good night,

Old age should burn and rave at close of day;

Rage, rage against the dying of the light.

asd555

Press F to pay respect.
F.

ma non è stato spostata la data per il webb? avevo letto che c'erano state delle complicazioni

leonida73

Il James Webb Telescope. Oltre l'orbita lunare. Progetto ancora più ardito

lordsheva

Fatidicamente? Il tweet non parla di casualità ma di effettiva scelta. "The “goodnight” commands were sent on the anniversary of the death of the mission’s namesake, Johannes Kepler:"

Ikaro

Continua inesorabile la macchina da guerra dei terratondisti

vabbè immagino ne manderanno in futuro uno più potente no?

Andhaka

"Good night, sweet prince". :D

Scherzi a parte fantastica missione...

Cheers

Android

Recensione OPPO AX7: ottima batteria ed un hardware sufficiente

HDMotori.it

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Microsoft

Microsoft Surface Studio 2 è il top per la creatività: la nostra prova

Hardware

Recensione Asus ZenBook Pro 14 UX480, unico nel suo genere