Google potrebbe presto cambiare nome a Nest

08 Novembre 2018 52

Google vuole cambiare nome a Nest, il suo brand di prodotti per la smart home. Si tratta di una ipotesi ancora in fase embrionale, e secondo una fonte vicina a Google non è ancora chiaro quando potremo effettivamente osservare il frutto di questo ri-denominazione.

A questo punto non è quindi chiaro nemmeno il perchè Google stia pensando ad un nuovo brand; la certezza è che la relazione tra Nest e Google è stata stata travagliata sin dall'inizio. Acquistata dal colosso di Mountain View nel 2014, è poi passata sotto Alphabet come sussidiaria indipendente a metà 2015 per poi tornare nuovamente sotto Google.

Nest sarabbe stata reincorporata per aiutare i suoi prodotti ad integrarsi in maniera più profonda con hardware e software sviluppati dalla stessa Google.

L'obiettivo è quello di facilitare il compimento della missione di Nest: creare una casa più 'premurosa', che si prenda cura di chi ci abita e del mondo che la circonda. Lavorando insieme continueremo a collaborare per combinare hardware, software e servizi per creare una casa più sicura, amichevole, intelligente e anche in grado di far risparmiare denaro. Un ecosistema che ha ovviamente al suo centro l'AI di Google e il suo Assistente.

A luglio Google ha poi rivelato che Nest sarebbe passata sotto il controllo del team "home e living room" guidato da Rishi Chandra, da 12 anni in azienda e tra gli sviluppatori di progetti come Google TV e Chromecast, oltre che supervisore di Google Home.

Molto probabilmente questo rebrand avrebbe come scopo primario quello di mettere Google al primo posto. Oltre quindi a lavorare su una migliore integrazione tra hardware e software delle due linee di prodotti, l'intento del produttore di Mountain View sarebbe quello di dare una maggiore uniformità dal punto di vista del marchio, ribadendo che anche i prodotti Nest fanno comunque parte della famiglia Google.

Uno smartphone concreto, veloce e con un display eccellente? Asus Zenfone 5Z, in offerta oggi da Computer Shop Pisa a 399 euro oppure da Amazon a 454 euro.

52

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vespasianix

Se svuoto il garage su un un power wall ci faccio un pensierino... Qui ogni tanto salta la rete.

Topax

Grazie mille, gentilissimo

Marino

Si può installare su qualsiasi caldaia l'unica differenza è che senza OT non hai il controllo della impostazione e lettura della temperatura dell'acqua calda.

Marino

Si può installare su qualsiasi caldaia l'unica differenza è che senza OT non hai il controllo della impostazione e lettura della temperatura dell'acqua calda

Williams Piazza

Mi trovo bene, funzionano e l'applicazione è comoda. il problema con il cloud è che ti devi fidare e se ne prendi uno cinese tra due anni chiudono la piattaforma e rimani fregato ( diventano normali termostati ). Lo dico per esperienza sul lavoro con le telecamere, non sai quante cinesate da buttare perché non esiste supporto.. .O la ditta produttrice. Quindi si , ne sono felice, ma sinceramente costano troppo. Li ho pagati 200 euro, ma già 150 per me è tanto . inoltre entri nell'ecosistema nest, ci sono telecamere , campanelli e tante cose inutili controllabili da una sola interfaccia

Topax

Posso chiederti come ti trovi con la coppia di nest? Valgono la spesa?

Vespasianix

Basta non usare altri elettrodomestici ne' forno.

Vespasianix

Io vrngo dal morto e tu mi dici che è vivo..

Salvo

Grazie allora lascio perdere :)

Williams Piazza

No, la versione E fa solo riscaldamento, quello costoso anche acqua sanitaria ( tramite opentherm). Se la caldaia supporta opentherm può anche gestire la modulazione di fiamma per il riscaldamento, ma se hai delle valvole di zona la cosa diventa inutilizzabile ( se vuoi avere quindi due o più nest in casa) .
Per la manovella si, se tu metti a 30 gradi la caldaia da manopola ( esagero) , il nest apre la valvola e ci metterai una vita a scaldare la stanza,ma nessuno te lo vieta

Neuzzo

A casa mia in un oretta li tira su 1-2 gradi, e un oretta di funzionamento mi permette di tenere una temperatura di 1 gradi in meno (quindi impianto praticamente spento) per tutta la notte e le ore fuori casa.
Sta cosa della temperatura costate è una gran vaccata IMHO.

Nalin

Se le deve fare nuova la casa mi farebbe strano che non sarà coibentata a dovere. Mai sentito che di giorno spegni il riscaldamento a pavimento, non è fatto come quello a caloriferi.

Nalin

Lascia perdere cosa trovi scritto sui vari siti dei prodotti perchè poi se tu che ci vivi in casa non loro.

Nalin

Io ho fatto alzare la potenza del contatore a 4,5 kw così che la luce non salti e in più avendo il controllo carichi non sforo nella parte di eccedenza consentita, che però costa uno sproposito.

acca

Prodotti molto carini quelli di Nest ma costano ancora troppo

Vespasianix

Nesticle

Vespasianix

Next

Vespasianix

No. Di giorno li spegni comunque. Ma i r. A pavimento hanno senso solo in case con coibentazione dove non perdi la temperatura.

Vespasianix

Ho riscaldamento a pavimento + termodinamico ed induzione ai fornelli.
il primo non mi ha convinto (per quando si scalda non serve più e dopo continua a scaldare... Troppo) il secondo è troppo comodo, sia perché non spreca calore (va tutto alle pentole) sia perché per pulirli ci vuole un attimo. Certo, non puoi far girare la lavastoviglie o la lavatrice nel frattempo, ma per questo c'è a parte una soluzione.

Salvo
Williams Piazza

Quando li ho messi esisteva l'opzione riscaldamento a pavimento , inoltre gli si dice di portare a 19 gradi la stanza per quell'ora, non di accenderlo a quell'ora e tenerlo sono a che hai 19 gradi. Quindi dopo una prima fase di addestramento secondo me risolve il tuo problema, lo accenderà 4 ore prima e lo spegnerà di conseguenza. Non garantisco , ma con i radiatori normali funziona così è mi trovo davvero bene

Williams Piazza

Concordo, anzi aggiungo che è davvero difficile trovare caldaie in Italia compatibili opentherm e quelle poche costano oltre 2000 euro ed hanno meno di 2 anni. Poi esistono per i bosh dei bridge da ordinare in Olanda per 80 euro, ma non l'ho provato. I nest normali ( non e) hanno anche l'acqua calda, ne ho messi due e mi trovo bene , ma li uso sto per il riscaldamento. Se hai pazienza li ho pagati 200 euro si Amazon, ma era aprile ed era una occasione

Tristan

Dovrebbe uscire la skill, negli usa da quel che ho visto in rete é possibile comandarli tramite alexa

Tristan

Controlla l'acqua sanitaria solo tramite protocollo OpenTherm, dubito che sia presente sulla tua caldaia

doctorstefano

Leggi il commento sopra. Lentezza nel riscaldare. Ora mi trovo il picco di calore quando vado a letto, pur accendendolo di mattina un’ora e mezza prima della sveglia.

doctorstefano

Mi devo informare. Ho un anno di tempo

doctorstefano

Grazie. Credo sia già a pompa di calore e il gas non lo allacceremo. Mi informerò, ma sul sito nest e altri termostati smart è scritto che una programmazione intelligente ovvia il problema della lentezze dei pannelli. Mi capita dove vivo ora che il pavimento sia caldo a mezzanotte e mai alle 7.00.

Salvo

Su unieuro c'è il offerta il nest thermostat E insieme a Google home. Peccato che mi sembra di aver capito che questo è il modello che non gestisce l'acqua calda ma solo i riscaldamenti. Io attualmente ho una caldaia (una ferroli di 12 anni circa) con termostato interno cablato e alimentato dalla rete elettrica (questo nest in offerta invece è a batteria). Qualcuno sa consigliarmi un buon termostato da gestire in remoto con inclusa regolazione acqua sanitaria? (Anche se in effetti l'altro modello di nest mi pare che controlli appunto l'acqua calda)

Enzo

avranno compatibilità con alexa? ho termostato e una telecamera... in altri paesi mi sa che è compatibile alexa... qui niente ancora

BLOW

Con i soldi delle pubblicità! Che vedi su Youtube e tutto il motore di ricerca Google

ally

da qualche anno google ha proprio perso la via. Poche idee e ben confuse. Ancora ci si domanda come abbia fatto a pagare nest 3.2 miliardi di dollari nel 2014...

Nalin

Non metto in discussione le tue esigenze, quello che dico è che sono impianti fatti diversamente da quelli basati sui caloriferi tradizionali a partire dalla temperatura dell'acqua che per il riscaldamento a pavimento è 30 gradi o meno con gli ultimi impianti prodotti (e comunque dipende dal tipo di pavimento), mentre per un impianto a caloriferi più del doppio (60/65)
Anche solo alzare di 2 gradi richiede ore con un riscaldamento a pavimento mentre decisamente di meno con un impianto tradizionale che però consuma di più in termini di bolletta.
In più la cosa ideale, e visto che stai facendo casa lo puoi fare, è quella di mettere una pompa di calore per il riscaldamento al posto della caldaia così ti togli il gas e relativa bolletta. Ovviamente il piano cottura dovrà essere a induzione.
Tutte queste cose dovresti chiederle a un impiantista così che ti fornisca le risposte a tutti i tuoi dubbi, ma sono sicuro che ti sconsiglierà anche lui una gestione come faresti con i caloriferi.

Nalin

Ho già visto parecchi bilocali a una zona sola. Se andiamo dai trilocali in su hai ragione, avresti problemi. Però te lo fanno pagare di più, non che abbiano chissà quanto materiale in più da inserire, ma tant'è.

an-cic

non ho mai sentito di impianti composti da una sola zona ( a meno che non parliamo di piccoli monolocali), anche perchè credo che sarebbe problematico a livello di circolazione dell'acqua se si super una certa lunghezza del tubo

Nalin

Si si io intendo che in fase di costruzione dell'impianto fare più zone ha un costo diverso dal farne una sola valida per tutta la casa. Di solito si fa per tenere a diverse temperature le zone che si hanno, tipo la camera da letto con 1-2 gradi in meno della cucina e salotto. O magari in bagno 1 grado in più. Anche se queste cose lasciano il tempo che trovano secondo me a meno di non tenere le porte delle camere sempre chiuse.

Castoremmi

Altro giro altro nome!

an-cic

guarda, vado a memoria... però se non ricordo male quel sistema aveva una valvola smart controllata dal termostato che si applicava al collettore (una valvola per ogni zona) rendondolo quindi retrocompatibile anche con gli impianti esistenti

Neuzzo

Bah, l'abbasssamento di 1-2 gradi nelle ore di non utilizzo non è che sia errato e il loro risparmio lo portano. Spegnerlo totalmente già di più. Ma poi le esigenze personali sono fondamentali.

Neuzzo

Un crono termostato dovrebbe bastare, la cosa importante è che se vuoi mantenere diverse temperature nelle varie zone devi avere una sonda per ogni zona. Affidarti alla parzializzazione standard non è una buona idea.

Nalin

Anche l'impianto deve essere strutturato a zone altrimenti non serve comunque, quindi si alza già il prezzo in partenza. Per quello che consuma un impianto del genere conviene tenere acceso ovunque. Da spento ci mette almeno 1 giorno per entrare in temperatura, per cui o sopperisci con un camino/stufa altrimenti stai al freddo.

an-cic

quale sarebbe il problema dei pannelli?

doctorstefano

come scritto sotto (ma è in moderazione), ci sono vantaggi e svantaggi... nest dice che con la funzione confort dovrebbe risolvere il problema dei pannelli.

Top Cat

https://uploads.disquscdn.c...

an-cic

questi termostati "smart" non servono per i riscaldamenti a pavimento. L'unico che era pensato anche per i riscaldamenti a pavimento lo aveva recensito tempo fa l'architetto, ma serviva solo se hai zone di casa chiuse o che usi di rado mi pare

Nalin

Nestlè

Nalin

Secondo me con un sistema di riscaldamento a pavimento non ha senso nessuno di questi termostati smart visto che la temperatura rimane fissa e non hai necessità di impostare nulla come tempistiche di accensione o spegnimento.
Lo facessi rimarresti al freddo visto che ci mettono decisamente più tempo a entrare in temperatura.

GoodSpeed

Hai trovato nulla a meno? 160 euro per un termostato mi sembrano esagerate.

doctorstefano

qualcuno ha il termostato nest? come si trova? è stato difficile installarlo (da parte di un tecnico) per un riscaldamento centralizzato e pannelli radianti a pavimento? ho intenzione di farlo installare nella futura casa (tra qualche mese ahimè, ma comincio a prendere informazioni). grazie

Rieducational Channel

Il nuovo nome sarà originale e sorprendente: Google Nest.

an-cic

mi sembra chiaro il perchè... google home è la mente, questi devono far parte della stessa famiglia.

Amazon

BLACK FRIDAY 2018: live blog, tutte le offerte, gli sconti e le promozioni

Android

Recensione Meizu 16th: una piacevole sorpresa

Alta definizione

Recensione proiettore BenQ TK800, Ultra HD e HDR luminoso per l'intrattenimento

Apple

Recensione Apple iPad Pro 12.9 (2018): può essere il tuo computer?