Chandra, il telescopio ritorna a funzionare dopo un problema tecnico

16 Ottobre 2018 10

Periodo sfortunato per alcune agenzie aerospaziali, dopo il malfunzionamento ai giroscopi di Hubble e il rientro balistico per gli astronauti della Soyuz, anche il telescopio spaziale Chandra h smesso di operare entrando in safe-mode qualche giorno fa, ma ora la NASA ha un aggiornamento positivo sull'incidente.

A quanto pare il malfunzionamento sarebbe stato identificato e risolto, riportando il funzionamento di Chandra alla normalità.

Ecco quanto è successo, a quanto pare l'attivazione della modalità sicura "safe-mode" sarebbe stata causata da un problema tecnico ad uno dei giroscopi di Chandra, le cui conseguenze sarebbero state la registrazione di un periodo di 3 secondi di dati non validi, portando di conseguenza il computer di bordo a calcolare un valore errato. In casi come questi, la safe-mode parte in automatico per evitare possibili danni legati al malfunzionamento.

Il team al lavoro ha già terminato i lavori di riposizionamento del giroscopio e corretto il problema software utilizzando una serie di patch, sviluppate per evenienze simili. Ora il tutto dovrà essere riconfigurato, ma si parla di un ritorno al normale funzionamento nell'arco di una settimana al massimo.


Chandra è stato lanciato il 23 luglio 1999, fu portato in orbita a bordo dello Space Shuttle Columbia e posto in un'orbita ellittica molto diversa da quella di Hubble (posto in orbita bassa), che nel punto più lontano lo porta ad allontanarsi dalla Terra di circa 138.000 km.

Il telescopio Chandra prende il nome dal fisico statunitense di origine indiana Subrahmanyan Chandrasekhar, morto nel 1995. La sua attività dura ormai da 19 anni, ben oltre i 5 anni previsti nella progettazione originale. Nel 2001 la NASA ha deciso di estendere ulteriormente il periodo di attività del telescopio spaziale, ipotizzando un utilizzo nei 10 anni successivi. Il recente incidente e la sua rapida risoluzione portano a pensare che Chandra non sia ancora prossimo alla fine, potrebbe portare avanti la sua missione scientifica per molti anni a venire.


10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Steve Firenze

fake

T. P.

buon per te!

Ratchet
Ratchet
Eragorn87

Sicuramente un aggiornamento di Windows!

deepdark

Secondo me è stato YHW che si è vendicato... Certo, dopo 2000 anni la minestra si è ghiacciata...

Andhaka

HAHAHAHAHA... grazie, corretto. ;)

Cheers

T. P.

ehm no, il grosso problema è che non hanno soldi!!! :(

e si spera che quello che hanno su duri il più a lungo possibile!!!

rip palelitico

Andhaka

Il grosso problema della Nasa è che queste sue missioni sono tutte durate così tanto oltre le aspettative che, fondamentalmente, stanno lavorando su una marea di hardware "palelitico" e con enormi percentuali di possibili guasti.

Poi per Murphy sappiamo che quando se ne rompe uno... tutti gli altri a cascata.

Cheers

Accessori

Recensione Amazon Echo Show 10 (3a Generazione), lo smart speaker che ti segue

Tecnologia

Huawei Freebuds 4i con ANC: cuffie true wireless essenziali ma affidabili

Tecnologia

12 aprile 1961, Yuri Gagarin è il primo uomo ad andare nello spazio | Speciale

Mobile

Echo 4° generazione vs Nest Audio: quale scegliere? Tutte le differenze