Google Search pensa al futuro: ricerche sempre più contestualizzate

25 Settembre 2018 8

Il motore di ricerca Google includerà presto nuove funzionalità che aiuteranno gli utenti ad affrontare meglio quelli che il colosso di Mountain View definisce i "viaggi nella ricerca". Google si sta adoperando per rendere ogni ricerca parte di un insieme di azioni, non più una serie di eventi separati e fini a sé stessi.

Molte ricerche sono relative a sessioni più lunghe, distribuite in più giorni. Le persone tornano su Search per trovare gli ultimi aggiornamenti su un argomento o per esplorare tutti i contenuti disponibili a riguardo. Per esempio, potresti star pianificando un viaggio, ed essere alla ricerca di informazioni su una destinazione per un intero mese. O forse cerchi regolarmente "ricette facili per cena" per aiutarti a preparare i pasti della settimana.

Ecco le nuove funzionalità che aiuteranno Google a fare la transizione da eventi singoli a percorsi organici:

  • Schede di attività che mostrano ricerche correlate fatte in precedenza - Quando l'utente cerca dei termini già cercati in passato, una scheda mostrerà i risultati consultati nelle passate sessioni e altre ricerche correlate effettuate in passato. Queste schede non compariranno con ogni ricerca, ma solo quando l'AI di Google le ritiene utili. Arriveranno entro fine anno.

  • Collezioni più versatili - Sono meglio integrate in Search, e i contenuti possono essere aggiunti a una Collezione direttamente da una scheda di attività. Google ora suggerisce anche nuovi contenuti da aggiungere.

  • Organizzazione dinamica dei risultati di ricerca - Questa funzione si riferisce a quando Google presenta alcune schede laterali. Invece che essere delle categorie fisse, alcune di queste schede rappresenteranno ulteriori ricerche utili ad approfondire un argomento. Nelle due foto più in basso si vede come le categorie cambino a seconda della razza di cane cercata; prima sarebbero state uguali.

  • Nuovo strato nel Knowledge Graph dedicato agli argomenti - l'AI di Google aumenta le capacità di capire un argomento e di creare centinaia e migliaia di sotto-argomenti analizzando le relazioni tra persone, luoghi, cose e fatti.

Oggi Google ha presentato tre grandi aggiornamenti per i suoi prodotti software relativi alla ricerca. Ognuno di essi rappresenta un cambiamento radicale del modo in cui Google pensa al suo motore di ricerca.

  • Il passaggio dalle risposte ai percorsi - le novità del motore di ricerca elencate in questo articolo
  • Il passaggio dalle ricerche alle informazioni ottenute senza ricerche - il nuovo feed di informazioni Google Discover
  • Il passaggio dal testo a un approccio più visivo per la ricerca di informazioni - le tante novità in arrivo su Google Immagini

L'obiettivo è "migliorare Search per i prossimi 20 anni" - e forse non è casuale che Google abbia da poco compiuto vent'anni.


8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
nutci

Si deve sempre controllare che non ci siano siti che, usando keywords migliori, scalzino il nostro delle prime posizioni.

Il SEO non è un lavoro che, una volta fatto, ti fa rimanere in cima per sempre.

AndreW

A livello di posizione in alto su motore ricerca Google

Bauscia

Brava scroogle io però uso duckduck go.

ghost

Google cattiva che ruba i nostri dati per darci ricerche migliori

000

Se da un lato sembra sempre meglio, dall'altro vuol dire che va sempre peggio!

nutci

Cosa intendi per costante? A livello di contenuti?

AndreW

Un sito per essere ben posizionato su un motore di ricerca va sempre aggiornato oppure meglio se rimane costante per essere indicizzato meglio?

alexhdkn

Data mining a go go

Games

Natale lontani? Le idee tech per non guastarci le feste e avvicinarci | Video

Android

Recensione LG WING: un ottimo "esperimento"

Android

Recensione Samsung Galaxy A42 5G: preciso ma un po' strozzato

Recensione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3060 Ti