Google, Mastercard e l'accordo per tracciare (silentemente) gli acquisti offline

31 Agosto 2018 578

Per un anno, Google avrebbe tenuto traccia degli acquisti "offline" effettuati con Mastercard allo scopo di verificare l'efficacia delle pubblicità online sulla vita di tutti i giorni. L'accordo tra le due società, valido solo per gli Stati Uniti, sarebbe stato raggiunto dopo quattro anni di negoziazione.

Il problema è che né Google né Mastercard hanno reso nota questa specifica collaborazione, né gli utenti interessati dall'accordo sono stati avvisati che i loro acquisti - effettuati offline, nei negozi fisici, tramite Mastercard - sarebbero stati monitorati e correlati con le pubblicità online a cui erano stati esposti.

L'inquietante notizia è stata diffusa dalla testata Bloomberg, che ha riportato in dettaglio come funziona il sistema: un cliente, mentre è loggato con un account Google, clicca su una pubblicità Google e dà un'occhiata a un certo articolo, ma non lo acquista online. Se, entro 30 giorni, il suddetto cliente (a quanto pare, solo statunitense) usa la propria Mastercard per comprare quell'articolo in un negozio fisico, Google lo viene a sapere e invia all'inserzionista un riscontro sull'efficacia delle sue pubblicità, con una sezione di "fatturato offline" che specifica i proventi del commercio al dettaglio.


Per uscirne, è necessario accedere alle impostazioni dell'account Google e togliere la spunta alla sezione "Attività web e app", che risulta abilitata di default. Questa opzione, apparentemente così generale, permette a Google di determinare con precisione le coordinate GPS degli utenti attraverso i dati di Maps e le ricerche sul browser e, come emerge dalle notizie odierne, anche incrociare i dati sugli acquisti offline con le attività online relative alle pubblicità.

Certo, Google e Mastercard si sono affrettati a precisare che i dati sono resi anonimi per proteggere le informazioni personali che renderebbero possibile l'identificazione degli acquirenti. Ciò non toglie che, a prescindere dall'effettiva sicurezza dei dati conservati, l'accordo costituisca una significativa, ulteriore ingerenza nelle vite degli utenti, perlopiù ignari.

Come ricorda The Verge, questa è solo l'ultima trovata di Google per verificare l'effettiva efficacia delle sue pubblicità sui comportamenti offline degli utenti, chiudendo il cerchio in un sistema in cui gli inserzionisti non potevano davvero sapere quanto la pubblicità online incidesse sulle proprie vendite nei negozi fisici. Già in passato, infatti, Google forniva agli inserzionisti dati tratti da Google Maps e da Android in generale, senza poter però dare la conferma dell'effettivo acquisto.


In relazione alla notizia diffusa da Bloomberg, un portavoce di Google ha affermato che i dati sensibili degli utenti sono nascosti sia all'azienda di Mountain View che ai suoi partner, mentre ha evitato di rispondere alle domande relative all'accordo con Mastercard:

"Prima di lanciare la versione beta di questo prodotto [lo strumento "annunci"] lo scorso anno, abbiamo progettato una tecnologia a doppia criptazione che evita la visione dei dati sensibili sia da parte di Google che dei nostri partner. Non abbiamo accesso ad alcuna informazione personale da parte delle carte di credito e di debito dei nostri partner né condividiamo con loro alcuna informazione personale. Gli utenti Google possono chiamarsi fuori in ogni momento con il controllo Attività web e app".

Questo il commento di Mastercard a The Verge:

"Per come funziona la nostra rete, non conosciamo i singoli articoli che un consumatore acquista all'interno di un carrello, che sia fisico o digitale. Non viene fornito alcun dato su transazioni individuali o personali, a conferma delle aspettative di privacy da parte sia dei consumatori sia dei commercianti che serviamo in tutto il mondo. Quando si effettua una transazione, noi vediamo il nome del rivenditore e la cifra totale dell'acquisto, non i singoli articoli".

Tuttavia, Mastercard ha dichiarato che la società condivide dati aggregati e resi anonimi, come ad esempio l'ammontare medio delle ricevute di un dato commerciante e i volumi di vendita, in modo da misurare l'efficacia delle campagne pubblicitarie.

La notizia era già stata resa nota, in parte, lo scorso anno, quando Google aveva annunciato un servizio chiamato Store Sales Measurement che registrava circa il 70% delle transazioni con carte di debito e debito negli Stati Uniti attraverso partnership di terze parti. Tuttavia, all'epoca non si sapeva quali fossero i partner specifici, né come funzionasse il sistema. Ora, a quanto pare, si è saputo che Mastercard è uno di questi partner, ed è probabile che il volume del 70% non riguardi solo Mastercard, ma anche altri fornitori di carte di credito.

L'unico vero Note.? Samsung Galaxy Note 9 è in offerta oggi su a 609 euro oppure da ePrice a 858 euro.

578

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
000

ormai è passato il santo e passata la festa ma mi piacerebbe portare l'attenzione di @Elena Toni su quanto ho trovato su twitter:
twitter com/gchaslot/status/1036323806242066432?s=20
Ovviamente non posso sapere se sia vero, però dovrebbe dare la misura di quanto sia sbagliato il business model di google. Questo ex dipendente dice di aver lavorato all'AI di YouTube per creare divisione tra la popolazione britannica, questo perchè un'opinione pubblica divisa porta a molte più visualizzazioni e conseguentemente ad aumentare gli incassi pubblicitari.

000

guarda cos'ho trovato oggi… ovviamente non posso sapere se quello che sostiene questo ex dipendente è vero, però almeno il dubbio che queste cose avvengono dovrebbe venirci:
twitter. com/gchaslot/status/1036323806242066432?s=20
...con google ormai monopolista incontrastato del web pare evidente che non ci tiene alla qualità del servizio ma solo al commercio che avviene attraverso i suoi servizi

OlioDiCozza

Sei talmente capra da non renderti neppure conto che hai confutato la mia interpretazione, ovvero quella corretta.

OlioDiCozza

Mi raccomando metti sempre anche il cappellino di carta stagnola così non ti rubano i pensieri.

OlioDiCozza

Silentemente significa senza dire nulla

Silenziosamente significa senza far rumore.

Chi ha scritto l'articolo sa l'Italiano molto più di te.

Iliado

Hai ragione. Malgrado tutto ho ancora molto da imparare qui dentro :)

Giardiniere Willy

Un vero commentatore di hdblog non si limita a ste sciocchezze, mi spiace, si vede che sei un novellino
P.s. ho capito che scherzi eh

Mario

Infatti, se leggevi attentamente quanto ho scritto, mi son complimentato per avere usato un'espressione rara... Ed ho inoltre puntualizzato che l'uso di tale espressione potrebbe però essere stato dovuto al fatto di aver usato un traduttore automatico dall'inglese silently... Che di norma la persone comuni traducono con silenziosamente, ma va beh...

MrBatos

Penso che tutti quelli che non usano più i servizi Google, fanno acquisti "speciali" e hanno una bella paura di lasciare il browser aperto con annuncio dedicato "speciale".

MrBatos

Ti ho appena mandato la richiesta di amicizia, smettila di fare il tipico hipster senza cappuccino di soia.

MrBatos

Manganello tutti i giorni :'D

MrBatos

Hahahahaha!
*intanto nell'ufficio segreto Audio clip di Google: "dobbiamo archiviare ancora le scoregge di *****? Bastaaaaaa"

MrBatos

Se sei un avvocato o lavori nell'ambito, non ti darei neanche un bitcoin :(.

MrBatos

Lo sai che iCloud è migrato sulla piattaforma Google (Google Cloud Platform)?

MrBatos

Shhhhh. È sotto controllo.

MrBatos

Molto strano che collabori con la polizia e non ti hanno fornito i loro strumenti e poni la domanda su un blog pubblico.

Non mi affiderei a te per nulla al mondo (scusa la franchezza) se reputi la segretezza dei clienti importante e cerchi aiuto.

Io lavoro e collaboro all'estero con diverse tipologie di aziende e datori di lavoro, mai visto un "collega" (metto le virgolette haha) che non sa rispondere da solo a questi dubbi.

MrBatos

Oh finalmente un commento sensato.

Purtroppo il QI medio odierno è sotto quello di una carota.

Avrei decine di esempi su "clienti" che non vogliono leggere i ToS, ma sono i primi a cliccare su email sospette dove un'azienda xxx regala un prodotto e devi inserire i tuoi dati per riceverlo.

Vengono da "me" (non faccio pubblicità) a chiedere assistenza per capire se hanno fatto qualche cosa di dannoso ai loro dati o se rischiano qualcosa.

MrBatos

Penso che neanche a loro gli freghi molto della sua cronologia.

MrBatos

Sono gli stessi personaggi che credono alle scie chimiche, al complotto sulla luna e che Elvis è ancora vivo insieme a Michael Jackson...

Se lasciano troppe tracce su internet, poi vengono scoperti e...

Chip

a te interessa che video guarda lui sul tubo? mica siete tanto normali

Chip

dei video che ti guardi tu sul tubo? e quindi?

B!G Ph4Rm4
Andrej Peribar

Confondono avere diverse opinioni non con il confronto ma con lo scontro.

Come se avere opinioni differenti sia un motivo di contrasto e non di crescita.

Ma è il web così :/

Iliado

Capisco. Comunque fammi sapere che sono curioso.

franky29

Sinceramente non so perché il portatile lo usa mio padre poi vedo appena possibile ma tanto non è una cosa indispensabile

Quotatore

Quoto

Quotatore

Quoto

Iliado

Se stato chiarissimo solo che non mi hai convinto per niente.
Pazienza vivrò lo stesso (contento cosi')? :)

Iliado

Ah! Come adoro avere a che fare con persone normali ognitanto :P

Iliado

Lo posso immaginare. Purtroppo adoro Warcraft ma odio terribilmente WoW.

Andrea65485

Di solito no, ma in genere la transazione viene accompagnata da una descrizione, che talvolta è semplicemente il nome del negozio, mentre altre volte comprende anche il nome di quello che compri (solitamente quando compri cellulari, computer o comunque cose molto costose)

000

Le app che usano la posizione ci sono. Se intendi navigatori di terze parti, l'importante è che non si basino sui dati google...guardati qualche video recensione così ti fai un'idea.
Valuta anche il discorso supporto, anche se quello è lacunoso con qualsiasi telefono android ufficiale

000

Neanche ubuntu touch?

ilcrudoeilcotto

il problema infatti non è quello ma è essere tartassati di telefonate ad ogni ora anche ad orari improbabili...

Nickever Professional™

non sto dicendo questo, ma dico che da apple sicuramente sono usciti fuori molti meno casini (hanno avuto anche loro certi caxxi da gestire) ma è di certo google che più si mette a rischio con la questione privacy legata alla pubblicità, sua principale fonte di guadagno.
ti pare forse che per apple sia la pubblicità la principale fonte di reddito?
è questo che intendevo, che poi anche apple sfrutti la pubblicità per ingranare qualche soldo non lo metto in dubbio, ma è palese di come abbiano sempre urlato a destra e sinistra quelli di apple sul fattore privacy, può darsi che magari qualcosa sia vero e che ci tengano molto di più di google nel preservare i dati degli utenti.

Ciorius

Ti do ragione, pretendere più chiarezza è necessario. Però ti garantisco che non amo Android, lo uso perchè non voglio pagare 1000€ per un nuovo smartphone iOS (che ho provato su tablet e non mi piace ugualmente). In generale, non mi piace nessun sistema operativo al mondo (desktop o mobile)

Dan Morrison

Grazie mille. Spesso prendi a un bb10, amavo il mio bold 9900, ma non vorrei cambiare ancora telefono...verifico il tutto.

Le micro tappa vedo che esistono ancora, le usavo già ai tempi dell's2 che ho moddato felicemente per 5 anni suonati ;-)

Dan Morrison

Grazie. Sì ok, ma almeno non c'è tutto il rilievo della mia posizione sempre, giusto?

bruno

Con Tiscali mi danno problemi i dns di opendns, con wind una vera tragedia.
Anche se aborro, con Tiscali mi trovo bene con quelli di google.
In raid/spedizione mitica, la linea deve essere assolutamente stabile e con il ping piu basso possibile.
Chi ha giocato e gioca lo sa benissimo.

Mako

certo, ma il diverso deve essere qualcosa di davvero diverso, qualcosa di innovativo. Il more of the same non convince nessuno

bruno

Non ho mai detto che i dns di opendns siano instabili ho solo scritto che ,i provider hanno problemi quando si mettono i dns a mano.
Tipo wind mi capitava spesso e volentieri che non riconoscesse il mio pc.
Tiscali me lo fa di rado per fortuna.

Embe667

sono pienamente d'accordo su tutto ciò che hai scritto.

Embe667

non sto a scrivere il mio pensiero, è sostanzialmente identico a quello sotto di pollopopo

pollopopo

Io non ci vedo nulla di strano, il servizio più usato al mondo di ricerca che certo non è una onlus da risalto a chi lo paga piuttosto che a chi non lo paga.... è normalissimo. Te dai più importanza a chi ti commissiona un lavoro da 2000€ o a chi ti chiede il piacere di dare un'occhiata al suo progetto. Se te non risulti e il tuo vicino si vuol dire che c'è qualche problema, non sai nei primi risultati ma nella mappa sicuramente devi apparire. La mi attività non ha speso 1 euro per la pubblicità però se uno cerca

per quanto riguarda la profilazione o fai l'eremita o nessuno fa niente per niente, la differenza di google rispetto ad altri servizi è che google è un ecosistema enorme incentrato solo ed esclusivamente nella pubblicità e quindi raccoglie dati per "venderli" a terzi per aiutarli a vendere di più... ma rimane di fatto che tu sei un numero per loro non una persona, nessuno se ne frega niente di te... loro sanno che numero X con ip/accaunt Y guarda/compra/usa determinati contenuti e quindi google prende i dati e le fornisce a chi paga per farti pubblicità più pertinenti (ricordati più pertinenti niente di dannoso...) inoltre ricorda che sono algoritmi, non c'è un omino dietro che ti spia :P

E' giusto? no
Ci cambia qualcosa a noi utenti finali? no (anzi alcune volte se non teniamo adblock aperto potremmo vedere la pubblicità di qualcosa che ci farebbe realmente piacere :P )

A livello di dati sensibili te sei un granello di sabbia, di te non frega nulla a nessuno (non avermene a male :P )... questi discorsi sulla privacy valgono per celebrità ecc... se c'è una fuga di dati sono i primi e gli unici che vengono colpiti.

Antonio®

Non essendo più utilizzatore di Android non ho avuto problemi ad abbandonare Google al 100%. All’inizio qualche problema con il nuovo motore di ricerca l’ho avuto. Una cosa che mi ha fatto dire stop a Google è il fatto che quest’ultimo legge le nostre mail , esempio lampante è quando si ordina qualcosa su Amazon ecc... in automatico Google ti fornisce il tracking con Google now.

Antonio®

Facebook cancellato, whatsapp utilizzo base solo per i gruppi, il resto telegram, Instagram lo uso solo per seguire qualcue personaggio.

Andrej Peribar

Errore mio :)

Andrej Peribar

Credi quel che preferisci e godi, non so poi cosa in più degli altri :)

Embe667

Non chiaro, chiarissimo! Tu sei meglio e basta, del resto non sei nato ieri come me.
Hai sbagliato solo un paio di cose: 1) Le doppie sbagliate sai benissimo che e' colpa della tastiera, ma vale solo per te...gli altri sono tutti ignoranti.
2) Le tue scuse sull'accento stanno a zero, si scrive perché e basta. 3) Si, sei solo quello che dici di non essere.
4) Se tu pensi che io non conosca la parola avallare francamente non mi interessa, ho già perso troppo tempo con un montato, presuntuoso , ora se vuoi rispondi pure ma io non perderò tempo oltre, devo andare a fare la pappa.
Sono stato kiaro programmatore?

Iliado

1) Tu l'hai sbagliata perche' l'hai ricopiata da Peribar. Quindi non prendermi in giro. Non sono nato ieri.
2) Le doppie sbagliate sai benissimo che e' colpa della tastiera.
3) Io sono programmatore e mi hanno insegnato ad essere veloce e con l'apostrofo (oltre che si capisce benissimo) si fa molto prima.
4) le K le uso per fregare il sistema di controllo sintassi del blog. Non perche' sono un bimbominKya.

Spero di essere stato chiaro.

Android

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

Android

Honor View 20 ufficiale: display con foro e foto a 48MP | Video

I migliori smartphone sotto l'albero: Guida all'acquisto di Natale 2018

Android

Recensione Oppo RX17 Pro: ricarica lampo e super foto notturne