NASA: il telescopio spaziale Keplero è tornato in attività

06 Settembre 2018 42

Aggiornamento 06/09

Keplero è tornato in funzione, iniziando a raccogliere dati per la diciannovesima campagna di osservazione. La buona notizia è stata annunciata direttamente dal sito della NASA dedicato agli aggiornamenti sulla missione: il telescopio spaziale è stato "svegliato" dalla modalità di sospensione in cui era stato messo a fine agosto dopo aver scaricato i dati in suo possesso relativi alla diciottesima campagna di osservazione.

A quanto pare però uno dei propulsori ha mostrato delle anomalie, e per questo motivo i tecnici hanno modificato la configurazione del telescopio; potrebbe darsi che alcune sue funzionalità si siano deteriorate. Non è tuttora chiaro quanto carburante rimanga, ma la NASA continua a monitorarne lo stato di salute e le prestazioni.

Articolo originale del 27 agosto 2018

Il telescopio spaziale Keplero è entrato nuovamente in modalità di sospensione dopo aver scaricato i dati relativi alla campagna di ricerca numero 18. Ad annunciarlo, ancora una volta, è stata la NASA attraverso il sito internet dedicato alla missione. Questo il messaggio:

Il veicolo spaziale Keplero è andato in sleep mode dopo aver scaricato con successo i dati della campagna 18. Non è chiaro quanto carburante ci sia ancora a bordo; la NASA sta verificando le condizioni del veicolo e decidendo quali siano le opzioni e i prossimi passi.

All'inizio di luglio il telescopio spaziale Keplero aveva segnalato un calo di pressione del carburante, ed era stato perciò messo in stand-by dalla NASA in attesa del successivo trasferimento dati previsto per il 2 agosto. La decisione era stata presa per risparmiare carburante ed essere sicuri di ricevere i dati dell'ultima campagna di ricerca, la numero 18; il telescopio spaziale infatti può trasmettere i dati solo in determinate finestre temporali, dovendo attendere il proprio turno per collegarsi al Deep Space Network della NASA.


Trasmessi tutti i dati in suo possesso entro la prima metà di agosto, Keplero è stato messo nuovamente in modalità di sospensione. Come spiegato dall'agenzia spaziale statunitense, non è chiaro quanto carburante ci sia a bordo, né si fa menzione della campagna di raccolta dati numero 19 che avrebbe dovuto prendere il via all'inizio di questo mese.

Se anche si arrivasse a un completo stop della raccolta dati, ciò non significherebbe necessariamente la fine delle scoperte legate a Keplero, poiché quanto raccolto finora continuerà ad essere analizzato ai fini della ricerca di nuovi pianeti. Ad oggi, nel corso delle due missioni Kepler e K2, il telescopio spaziale ha scoperto 2.652 esopianeti confermati e 2.737 candidati. Risale a poco meno di un mese fa l'annuncio dell'ultima scoperta: grazie ai dati raccolti da Keplero, è stata svelata l'esistenza di altri 44 esopianeti.

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS, in offerta oggi da Techinshop a 904 euro oppure da Media World a 999 euro.

42

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vash

po' esse… ricordi che sfumano… sai la geriatria mi aspetta ormai ^.^!

TLC 2.0

Opportunity è già morto e defunto..stanno cercando il cadavere per il funerale

Vash
massimo mondelli

È stato aggiustato dagli alieni!

Top Cat
Andhaka

Sta parecchio, parecchio lontano... non c'è modo di realizzare una missione di rifornimento.

Cheers

Biso22

Li poverino la vedo dura, speriamo bene ma è stata tosta

MJ

Escluso, anche il 95 già era su CD!

Sergio Cortinovis

Spegni e riaccendi è sempre la risposta :D

Vash

che ricordi.. che emozioni… ahhh e quando si passo' al primo cd? mi pare fosse il 98SE... o na roba simile….

Vash

spe non portare sfiga…. che il rover su marte ancora nun da segni d vita… pora bestia

Vash

te sei dimenticato il cubetto de ghiaccio gigante…..

Vash

E' vivoooooooooooooooo (da leggersi rigorosamene alla Gene Wilder)

giuseppe9000

600 milioni è il costo della missione per vari anni, non la costruzione

se 50 milioni ti costa portare un carico a 450 km su in alto...secondo te, quanto costa portarlo a qualche centinaio di milioni di km dalla terra, una missione che da sola impiegherebbe, tra l altro, anni (per cui servirebbe finanziare anche questa missione, esattamente come quella del satellite da rifornire)?

(sempre ammesso che avessimo la tecnologia necessaria per fare randevouz con precisione millimetrica a quelle distanze, tecnologia che non abbiamo, è fantascienza)

Davide

al vela solare <3

Maurizio Mugelli

per quello ho detto che non e' fattibile - fosse in LEO, ok, e' fattibile - costoso (ad esempio e' stato calcolato che riparare lo hubble e' costato molto piu' che un rimpiazzo totale, d'altra parte lo shuttle non era esattamente efficiente sul fronte costi) ma fattibile, in GEO gia' siamo sul parecchio complesso ma tecnicamente non impossibile in orbita eliocentrica e' un macello, non abbiamo vettori adatti per un'operazione del genere

Federico

Questa è una buona obiezione e presumibilmente è la ragione per cui non viene rifornito.

Maurizio Mugelli

raggiungere un'orbita generica e' una cosa, raggiungere un punto esatto in una orbita esatta con l'esatto vettore e velocita' per fare un accoppiamento e' ordini di magnitudine piu' complesso.

Federico

Quel satellite costa molto ma molto più di 50 milioni.

Federico

Se non avessimo niente capace di raggiungerlo viene da chiedersi come faccia ad essere lì...
Senza contare che un "rifornitore" avrebbe massa di gran lunga inferiore.
Comunque la mia considerazione non era necessariamente legata a questo veicolo perchè che a me risulti nessuna missione prevede la possibilità di rifornimento in tempi successivi.

Maurizio Mugelli

meta' dei giroscopi guasti, motori guasti, carburante finito eppure continua a funzionare....

ah, la tecnologia.

giuseppe9000

Il satellite sta in un orbita eliocentrica...orbita attorno al sole...e poi anchenfossi già il rifornimento della ISS costa 50 milioni a lancio, e sta nella parte alta della atmosfera...immagina.

Maurizio Mugelli

la fisica.
kepler e' in un'orbita solare, non e' neppure nell'orbita terrestre, non abbiamo niente capace di raggiungerlo, sarebbe molto piu' complesso e costoso che semplicemente rimpiazzarlo.

Federico

Mi chiedo spesso cosa impedisca a satelliti di questa importanza (e costo) di venir realizzati in modo tale da prevedere la possibilità di rifornimento tramite veicoli automatizzati.

Spawn7586

Un galleggiante funziona quando hai la gravità, nello spazio lo vedo difficile. Se poi ci aggiungiamo che generalmente nello spazio si usano propellenti di tipo gassoso (per le manovre) non so neanche in cosa potrebbe galleggiare XD

hai dimenticato le caramelle

Garrett

Una volta gli aggiornamenti di Microsoft li pagavi a peso.

Top Cat
psimo24
psimo24

Per riallineare il telescopio devono sfruttare gli Rcs, come per la ISS: gli stabilizzatori inerziali sono dei dischi che sfruttano le accelerazioni angolari per direzionare il telescopio, ma dopo un tot di accelerazioni raggiungono la velocità massima e per poterli riutilizzare devono fermarli. Se lo facessero di colpo il telescopio comincerebbe a roteare (conservazione del momento angolare), per compensare si usano dei piccoli razzi (Rcs) a monopropellente. Quando il propellente è ai minimi è difficile stabilirne il quantitativo, e a loro serve saperlo con la massima certezza

MasterBlatter

Sai non basta un galleggiante a gravità zero

psimo24

Effettivamente per chi non lo sa invece che carburante potrebbero scrivere propellente

Marko
Pip

Effettivamente è così. Hanno un idea, ma non lo sanno proprio con precisione.
Visto che potranno fare solo pochissime manovre, vogliono essere assolutamente sicuri di quello che fanno, per questo fanno verifiche.
Immagina che magari per fare una manovra devono far andare i razzi per 5 secondi, il carburante basta solo per 4,5 secondi ma non se ne accorgono e fanno comunque la manovra, significherebbe perdere il telescopio quando magari poteva fare ancora un altro paio di osservazioni

Super Farro Vintage

Aiuto!!! tutti prodotti micidiali se utilizzati insieme, rischia di dare fuoco allo spazio.

asd555

Questo lo capisco, veramente.
Ma stiamo parlando della NASA, non hanno iniziato a fabbricare "cose che vanno in orbita" l'altro ieri eh!

Garrett

Veramente Musk si è già offerto con una tavola da surf, un lanciafiamme, un sommergibile e una batteria.

In pratica è un bazar.

Super Farro Vintage

Mandategli una Tesla con un meccanico e una tanica di carburante

Garrett

Non è che basta un galleggiante come nel serbatoio della benzina. Magari ci sono così tante variabili che è impossibile avere un a stima precisa.

Garrett

Dovrebbero installare Microsoft 3.1 e fare un'ottimizzazione del sistema

https://uploads.disquscdn.c...

asd555

"Non è chiaro quanto carburante ci sia ancora a bordo"[...]

Queste dichiarazioni mi fanno diventare matto, ma che diamine vuol dire? Che la NASA non ha pensato ad un indicatore di energia residua?
Insomma non sanno quante tacche restano di batteria? Bah!

giuseppe9000

muovetegli il mouse

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A80 (2019): la fotocamera rotante non basta

Amazon

Le migliori offerte dell'Amazon Prime Day 2019 | Martedì 16 luglio

Amazon

Le migliori offerte del Prime Day 2019 Amazon | Smart Home, TV, audio e foto

LG

Recensione LG V50 ThinQ 5G: concreto apripista, ma le reti?