Recensione Bose Quiet Comfort 35 II: leggere e comode come poche

25 Agosto 2018 260

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Il nuovo trend prevede qualità associata a funzioni smart, così Bose ha pensato bene di rinnovare le sue cuffie Hi-Fi con le Quietcomfort 35 II, realizzando una seconda generazione con Google Assistant integrato. Non è la sola cosa che cambia, è ovvio, ma sono tra le prime del genere con tanto di tasto fisico dedicato, così da contrastare su un diverso piano le dirette concorrenti Sony (le WH-1000MX2).

Entrambe posizionate nella medesima fascia di prezzo, si differenziano principalmente per il tipo d'interazione: tramite tasti su Bose e tocchi o sfioramenti invece sulle Sony. Cambia anche l'approccio digitale, con Bose che ha voluto realizzare un prodotto che sia percepito come 'chiavi in mano', ovvero meno regolazioni tramite applicazione e tutto già pronto per l'uso.

Nel corso della recensione il riferimento alle concorrenti WH-1000XM2 sarà ricorrente, d'altronde si posizionano entrambe sulla medesima fascia con un prezzo di listino pari a 380 euro circa (online costano decisamente meno, sui 349€) e puntano alla stessa clientela.

PICCOLE, LEGGERE E TANTO, TANTO COMODE

Le Bose QC 35 II sono meno ingombranti, pesano solo 240g e risultano complessivamente più comode delle dirette concorrenti (275g per le Sony). I cuscinetti sono rivestiti in Alcantara, il resto vede una combinazione di nylon rinforzato in fibra di vetro e acciaio inossidabile, materiali che dovrebbero renderle resistenti ai segni del tempo.

Credo sia uno degli aspetti più importanti, perchè al di là di qualità e funzioni, le cuffie dovremo tenerle in testa e - in alcuni casi - per diverse ore consecutive. I cuscinetti sono particolarmente morbidi e grandi abbastanza per contenere l'intero padiglione auricolare, possiamo quindi appoggiarci contro un finestrino o chi per lui senza particolari fastidi.

Sono cuffie perfette i viaggi, quindi è importante che non diano fastidio se desideriamo tenerle per più ore e ascoltare i nostri brani preferiti o semplicemente sfruttare la riduzione del rumore di fondo, così da eliminare fastidiosi disturbi, come il motore degli aerei o il bimbo indiavolato che ti ritrovi una fila dietro. Salvavita.

CONTROLLI FISICI E GRAN AUTONOMIA

Nessun problema se pensiamo di portarle con noi in un lungo viaggio o se abbiamo dimenticato di ricaricarle (tramite micro USB), bastano infatti circa 15 minuti per poterle poi sfruttare due ore piene. Se le portiamo invece al 100 percento dimenticheremo il caricabatterie, bose parla di oltre 20 ore di autonomia continuativa in modalità wireless e io non posso che confermare tale indicazione, anche se difficile quantificare esattamente.

Possiamo sintetizzare in questo modo: in questa fascia di prezzo, l'autonomia non rappresenta più un problema, sia per questo modello sia per la diretta concorrenza. Oltretutto c'è sempre l'opzione filo, ma con una particolarità: l'ingresso jack è da 2.5mm e non da 3.5mm come al solito, quindi non perdete il cavo contenuto in confezione.

Diversa l'interazione rispetto alle WH-1000XM2, non ci sono controlli touch e tutto è relegato ai pochi tasti fisici, posizionati per lo più sulla parte destra e facilmente raggiungibili. Una semplificazione che apprezzo e facilita l'utilizzo sin dal primo istante: nella parte alta del padiglione destro, sopra il logo Bose, trova posto il tasto a scorrimento per l'accensione/spegnimento, se lo si pigia fino a fine corsa rende le QC 35 II visibili tramite Bluetooth. Il pairing è stato sempre facile e rapido, la connessione Bluetooth risulta stabile e il trasferimento dei pacchetti assicurato senza perdite di informazioni.

Sempre sulla destra, in basso, abbiamo i tastini per aumentare e diminuire il volume, il tasto play/pausa e due LED che ci segnalano la connessione BT e lo status della batteria (ci avverte solo se è scarica o carica). Non c'è invece molto da dire sull'applicazione Bose Connect, ridotta ai minimi per scelta: facilita il pairing, permette la regolazione del volume, segnala il livello di carica, permette di regolare la riduzione del rumore di fondo in 'Alta' o 'Bassa' e regolare il tempo di standby (io lo tengo su 5 minuti).

Non molto altro, è utile la sezione con la panoramica del prodotto per muovere i primi passi, ma siamo ben lontani dal tipo d'implementazione scelta invece dalla concorrenza. La verità è che certe regolazioni sono per veri audiofili e più spesso le useremo 'al volo', senza preoccuparci molto delle varie equalizzazioni, non vedrei quindi l'app scarna come un vero e proprio limite.

QUALITA' SENZA MOLTI COMPROMESSI

Bose non ha stravolto l'esperienza d'uso rispetto al modello precedente, il che non è affatto un male: qualità audio senza compromessi, Bose ha integrato dei nuovi driver con equalizzatore che ottimizzano in base al volume. Non abbiamo quindi molte discrepanze a basso o alto volume, ma si perde qualcosa rispetto a Sony per quanto riguarda la riduzione del rumore di fondo. Funziona e riesce ad isolarci piuttosto bene dai rumori esterni, lasciandoci concentrare su suoni e brani riprodotti, ma siamo lontani dalla precisione e potenza del noise canceling realizzato da Sony.

I microfoni lavorano in maniera eccellente, meglio di quanto avvenga sulla controparte Sony. Possiamo utilizzare le cuffie per rispondere o effettuare chiamate e, fortunatamente, non vengono acquisiti tutti i suoni ambientali che finiscono per rendere difficile la conversazione. Cosa molto comune per simili cuffie Hi-Fi.

La piacevole sorpresa è Google Assistant integrato, bisogna semplicemente impostarlo in pochi passaggi tramite l'applicazione dedicata Bose e poi richiamarlo tramite tasto fisico posizionato sulla destra. Il tipo d'interazione è esattamente quello a cui siamo abituati con i soli smartphone Android, con il vantaggio di microfoni precisi che non richiedono di ripetere spesso il comando.

CONCLUSIONI

Come detto si posizionano in una fascia medio alta, sono quindi dedicate ad un pubblico più esigente che ama il genere e non vuole scendere a compromessi. Tirando le somme: non sono perfette, come non lo sono le Sony WH-1000XM2 che ho citato più e più volte. Su Bose rimpiango i controlli touch ma apprezzo il peso ridotto e la comodità, si equivalgono in termini di qualità audio pura e costano uguale.

Google Assistant è una piacevole aggiunta ma non l'ho mai usato più di tanto, ma è stata una scelta personale. Le consiglio vivamente per l'acquisto, al netto dei pro e contro elencati, speriamo che in questa seconda metà dell'anno si riduca ulteriormente il costo e si abbassi leggermente l'asticella.

L'ultimo consiglio che mi sento di dare è il medesimo di sempre: provatele! Recatevi in un centro commerciale e o negozio specializzato che dia tale possibilità, la scelta delle cuffie a pari 'prestazioni' è spesso soggettiva.

PRO E CONTRO

AUTONOMIAPESO E INGOMBROCOMODITA'GOOGLE ASSISTANTQUALITA' AUDIO
CONTROLLI SOLO CON TASTI

Lo smartphone più richiesto del momento? Samsung Galaxy S8 è in offerta oggi su a 349 euro.

260

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sara mauro

Buongiorno
Per qualsiasi necessità di prestito o di finanziamento di progetto volete contattare questa signora MANECCHI che potrà aiutarli
Mail.....silvia19manecchi75@gmail.com
whatsapp ..... +337 56 83 05 07 de

Polezzz

Ma che versioni di Bluetooth supportano?

Gabriele Nicosia

Su Amazon scrivendo Aux da 2,5 a 3,5 se ne trovano un sacco

Gabriele Nicosia

Quelle che usa Wolff sono il modello avionico.

TomTorino

Prendi con le pinze quello che ti dico, ma sembra che per chiamare non vadano bene questi modelli. Sarebbero meglio le in ear col microfono sul cavo. Sono molto scettico su queste funzionalità e infatti ne ho ordinata una cinese senza riduzione del rumore da portare in spiaggia.

ribbon87

Perfetto mi hai definitivamente convinto del prodotto, appena potrò ordinerò sicuramente queste, ti ringrazio!

Frost

Tuttavia se stiamo al tuo discorso sul marchio uno almeno si aspetta che uno smartphone sony faccia foto più belle di uno xiaomi che costa 100€ in meno, invece...

gatano

fotografia non la semplice e sola produzione di sensori, la fotografia implica l'esistenza di un sistema fotografico.

Frost

Novizio della fotografica mica tanto visto che fornisce il 90% delle fotocamere usate negli smartphone e poi sono le fotocamere dei sui smartphone a fare pena...
Intanto bose mi ha offerto il miglior supporto che abbia mari ricevuto come consumatore. Il loro noice cancelling resta il migliore che abbia mai provato IMO, le loro cuffice qc 25-35 le piú leggere e confortevoli e il suono lo trovo accettabile per la fascia di prezzo e il target di utilizzo. Il marketing non ho idea di dove lo vediate visto che non si vede mai nemmeno una pubblicità in italia. Poi ognuno ha i sui gusti, ma queste sparate da fanboy su un marchio intero le trovo davvero becere

gatano

Sony è un "novizio" della fotografia ... se cerchi i miei commenti in merito vedi cosa ne penso di Sony nell'ambito della fotografia pro(sumer) (ti anticipo, non proprio bene), allo stesso modo non mi convincono gli ultimi arrivati nella produzione di cuffie audio (Bose è una delle tante) ma Bose ha dalla sua (in demerito) una nomea meritata di produzione di casse acustiche "anti-audiofile" ed una politica commerciale che mette in secondo piano la qualità e punta tutte sul marketing (la percezione del valore del prodotto è più importante del valore intrinseco dell'oggetto).

Lughi

Ciao, ti rispondo con ordine:
- La cancellazione del rumore muta un minimo il suono, ovviamente, però è sicuramente meglio del rumore di fondo che avresti senza (dall'app si può regolare su tre livelli, impostando anche quanto vuoi far passare la voce delle persone a te vicine);
- Trovo i tasti fisici più comodi di quelli a sfioramento in quanto hai un feedback tattile immediato e a prova di errore;
- Hanno sia il jack audio che l'ingresso usb-c (puoi quindi ricaricarle anche con un powerbank), se la batteria è scarica la cancellazione del rumore non è attivabile;
- Io le uso unicamente con iPhone e Macbook Pro, Spotify e Tidal. Mi sono dimenticato di dire che sono compatibili con il codex APTX HD, quindi ascolto sino a 48 kHz e a 24-bit. Su iPhone puoi usare solo il codec AAC, ma su Mac ci sono software che forzano la trasmissione con APTX HD.

ribbon87

Grazie per l'intervento, ne approfitto per chiederti ulteriori dettagli se posso:

- La cancellazione del rumore è efficace? Disturba troppo la qualità sonora?

- I tasti fisici sono comodi o sarebbe meglio averli a sfioramento come altri modelli?

- Si possono usare con il cavo anche da scarichi?

Frost

Non mi riferivo al marketing, ma al fatto di dare una importanza smisurata al marchio rispetto al prodotto. Quando ho scelto le bose qc25 non le ho scelte per il marchio (ho escluso sono i marchi cinesi sconosciuti) ma le ho scelte un po' leggendo schede tecniche e recensioni dei vari prodotti su quella fascia ma sopratutto o provando varie volte ogni cuffia di quella fascia disponibile in Italia nei negozi. L'ultima volta che mi sono fidato del marchio Sony in campo fotografico questa volta ho preso una gran scottata in quando mi sono trovato un ottimo sensore che sulla carta sbaragliava la concorrenza m a che nei fatti nella maggior parte dei casi era nettamente inferiore alla concorrenza.

TomTorino

Non mi sono spiegato bene: Un paio di cuffie 'cesso' come chiamo io quelle che mio fratello usa per vedere i film , le superlux (evo o qualcosa del genere) suonano di gran lunga meglio di queste bose, almeno al mio orecchio. E siamo ben al di sotto del costo di una utilitaria....

boosook

Infatti io non ho criticato le Bose in assoluto, come ho detto le ho e le considero un ottimo prodotto per chi viaggia spesso o lavora in ambienti rumorosi. Ho solo detto che il loro punto forte non e' la qualita' audio e che, se a uno interessa solo ascoltare musica a casa in alta qualita', ci sono prodotti molto migliori a prezzi molto inferiori, e su questo, sinceramente, credo che non ci sia niente da eccepire.

apps accaunt

idem

Carlo

Se vuoi un prodotto tuttofare devi accettare dei compromessi, detto questo allora ti chiedo, le tue akg da 150 riescono a fare quello che le bose fanno in mobilità?

Carlo

Da appassionato di alta fedeltà allora ti rispondo che per ascoltare "musica" occorre spendere lo stesso importo di una buona utilitaria per un impianto hifi un minimo decente eppure qualcosa dove migliorare la provo sempre. Che poi le qc35 rientrino nel esempio che porti tu ho mi sembra eccessivo ma parzialmente sono d'accordo, forse si tratta di gusti personali, ma se dobbiamo parlare di CUFFIE, resto assolutamente convinto che sulla loro fascia di prezzo si piazzano, se non come migliori, quantomeno come più equilibrate. Detto ciò, riferendomi adesso ai ragazzini, un paio di cuffie vere costano almeno 600 euro e si ascoltano solo via cavo e di sicuro non tramite uno smartphone

Bad Mad Lad™

È più piccola ma è anche meno stressata, in quanto la potenza utilizzata è più o meno uguale in proporzione.

Max
Yuto Arrapato

Alternativa simile a prezzo umano?
Importante sia con BT che cavo
Microfono per chiamate
Che isolino bene dovendole usare sui mezzi
Pensavo alle Marshall 3...

Max

Beh quella batteria immagino sia anche molto più piccola di quella di uno smartphone, quindi il paragone non credo sia diretto. Sarebbe interessante sapere se qualcuno possiede una di queste cuffie da almeno 3/4 anni...

Lughi

Io possiedo un paio di B&W PX, un mio collega un paio di Bose Quiet Comfort. Ce le siamo scambiate qualche ora durante le sessioni di lavoro d'ufficio (lui ha anche un orecchio più allenato del mio, è un musicista). Come sorgente usiamo Tidal hifi.

- la qualità costruttiva di entrambe è buona, ma i materiali delle B&W (nylon balistico, metallo e pelle di non so che tipo) e il design particolare gli danno un'aria più premium;
- per quanto scritto sopra, le B&W pesano di più - oltre i 300g - e quindi tendono a stancare di più rispetto alle Bose;
- la cancellazione del rumore è superiore sulle Bose;
- la batteria è buona per entrambe, con le B&W si superano le 25 ore;
- qualità audio: le B&W hanno ereditato i woofer inclinati verso i padiglioni dalla sorella maggiore P9. La resa è nettamente superiore, si percepisce una spazialità del suono maggiore, la separazione degli strumenti si sente in ogni canzone, permettendoti di sentire brani che già conosci in maniera del tutto nuova. Altra cosa che mi ha lasciato stupito, alzando il volume il suono non tende a impastarsi e appiattirsi, diventando semplicemente più rumoroso, ma acquista ancora più dinamica, più spazio.

Spero di essermi spiegato bene. ;)

Max
boosook

Ho letto che in US ci sono terze parti che te la cambiano per 99 dollari, qui non so. Poi bisogna vedere quanto ci mette effettivamente a degradare, una cuffia non la ricarichi tutti i giorni come un telefono, dipende da quanto la usi, e il progresso tecnologico potrebbe renderla obsoleta comunque in qualche anno quando ci saranno nuove versioni di bluetooth eccetera. In fondo un cellulare lo cambi max ogni 2/3 anni. Puntano alla stessa cosa con le cuffie evidentemente. Dipende da quanti soldi hai da spendere. :)

TomTorino

Quello che hai scritto è corretto, tranne per il discorso qualità del suono. Da appassionato di alta fedeltà da oltre quarantanni ti assicuro che bose sta ad hifi, come cesso a piatto di amatriciana.

Andy M.

AH, scusa...avevo letto al volo :)

boosook

Bose ha sempre fatto uso di elettronica e psicoacustica per far suonare componenti mediocri in maniera accattivante. Quindi, quanto di più lontano da quello che cerca la fedeltà del suono. Le qc25 quando sono spente suonano malissimo, inascoltabili. Cuffie da 30 euro suonano meglio, non scherzo. Poi le accendi, l'elettronica ti pompa tutto, ti aumenta la stereofonia eccetera e l'audio diventa accattivante, che è diverso da fedele. Questo è quello che fa Bose, in tutti i prodotti. Rispettabilissimo, e in questo modo riescono a fare le cose che li hanno reso famoso tipo i piccoli satelliti col subwoofer che furono i primi a lanciare in luogo delle casse normali. Ma se cerchi la fedeltà, cerchi altro. E non c'è bisogno di spendere troppo perché con 150 euro prendi una cuffia monitor AKG e come qualità audio sei molto sopra Bose. A ognuno il suo lavoro, tant'è che io ho anche le Bose ma le ho comprate per la riduzione di rumore, ma quando sono a casa metto le AKG.

gatano

B&W prestigioso marchio di diffusori acustici, si è buttato negli ultimi anni nel mercato lucroso delle cuffie audio (come tutti), personalmente preferisco chi ha esperienza pregressa nella produzione di cuffie prima che diventassero un fenomeno di massa.

boosook

Lo fanno gradualmente, ma 380 euro di cuffia... non puoi limitarne artificialmente la durata a 2/3 anni. Una cuffia buona ne dura venti, o tutta la vita volendo.

lucas

Non hai mostrato nulla circa google assist che può fare la differenza... pleeese, nel confronto con le sony approfondisci, che loro hanno ricevuto l'aggiornamento da poco! ;)

boosook

Infatti io ho quelle! :)

erre vath

Quindi dopo tutta sta discussione...delle cuffie di ottimo livello intorno ai 200 massimo per far suonare molti generie musicali?

gatano

Vedi Apple (più in grande e dai risultati finanziari decisamente meglio) usa le stesse strategie di marketing di Bose che usava 40 anni fa, difficile che sia un loro fan.

Il caso vuole che le Bose, con la loro limitata disponibilità di

codec AAC (richiesto da Apple) ed SBC (obbligatorio per il bluetooth) ha chiaramente in mente il suo tipo di clientela apple centrica o inesperta.

Grazie per il bambinetto, son contento che su internet non si vedano i peli bianchi della mia barba ;)

Bad Mad Lad™

Non saprei, non mi sono mai informato. Come ho scritto, il paio più vecchio delle due Sony che possiedo ha due anni ma non mi pare che la batteria duri meno.

sgarbateLLo

Tra l'altro mi pare che i centri autorizzati Sony le sostituiscano

scopp

Non penso che esistano cuffie BT con qualità superiore a quelle di cuffie "wired" della fascia di prezzo da te menzionata. Gli audiofili possono stare alla larga dal Bluetooth ancora per un po', non è roba per loro...

Frost

"un "audiofilo" che non sia un ragazzino inesperto (o un adulto ignorante) non si metterebbe mai in casa qualunque cosa marchiata Bose ;)"
Decisamente chiaro, ma allora non aspettatevi di essere trattati diversamente dai bambinetti Applefag

scopp

È una tecnologia ancora lontana dall'essere perfetta, un orecchio sensibile è sicuramente in grado di notare delle lievi oscillazioni residue o differenza di pressione sonora tra i due padiglioni. Quindi si, è probabile che alcune persone possano soffrire di mal di mare o altre reazioni psicologiche, ma non penso assolutamente che ci siano delle contro indicazioni "fisiche".

Frost

Altra ragione per cui erano meglio le qc25 con batterie stilo...

Bad Mad Lad™

Secondo me regge senza problemi. Ripeto, non è come uno smartphone che va caricato ogni giorno.
Basta un po' di logica: mettiamo caso che la batteria di un cellulare caricato ogni giorno esaurisca i suoi cicli di carica dopo un anno. Un paio di cuffie caricato una volta a settimana li esaurirebbe dopo sette anni, se la matematica non è un'opinione.
Un altro fattore che inficia la vita di una batteria è il calore, problema che non sussiste nelle cuffie non avendo schede, processori e via dicendo.

LowRangeMan

Si che sono ottime lo posso immaginare, Bose non delude mai con le cuffie..

Però non so, mi piacerebbe si potesse sostituire la batteria.

LowRangeMan

Ma dimmi te...

Superdio

Spiegalo alla mia ragazza...

Umberto Ratti

Deleterio per la qualità audio, non per l'udito :)

Umberto Ratti

Casi di nausea e malessere causati dalla cancellazione di rumore comunque esistono, non parliamo di niente di grave, ma persone molto sensibili (che soffrono magari facilmente di mal di mare) potrebbero avere problemi.

scopp

In teoria non dovrebbe esserlo, proprio perché le onde generate dalle cuffie in contro fase al rumore di fondo restituiscono una pressione sonora totale (teoricamente) nulla.

Max
Max

In realtà le batterie al litio scendono lentamente per un po', dopo di che hanno un crollo verticale.

Max

In realtà la cosa preoccupa anche me. Da una cuffia che pago oltre 300€ mi aspetto una vita media di circa 5 anni, e ricaricando ogni 4/5 giorni mi chiedo se la batteria regga...

Asus

4 chiacchiere con 16 smartphone MEDIO DI GAMMA 2018 | Oggi ore 14.00

Amazon

Come ottenere buoni Amazon fino a 23€ per il Black Friday

Android

Google Pixel 3: live batteria (2915 mAh) | Fine 18.55

Oneplus

Recensione OnePlus 6T: minimo sforzo, massima resa