Kuri, fallisce il progetto del robot domestico

22 Agosto 2018 14

Tra le tante novità svelate al CES di Las Vegas, nel 2017 venne presentato un particolare robot domestico chiamato Kuri. L'azienda Mayfield Robotics pose l'accent sulla sua grande capacità di reagire in base al contesto, mostrando come Kuri offrisse una sorta di consapevolezza superiore rispetto ad altre soluzioni simili.

Kuri era in grado di riconoscere le persone e rispondere in modo sensato ad alcune tipologie di domande che gli utenti potevano rivolgergli, l'interazione con il mondo era assicurata da una cam 1080p e da un set di microfoni in grado di rilevare voci e rumori, connettività wireless ed una serie di sensori completavano la dotazione di questo interessante gadget tecnologico.

Tutto sembrò procedere bene fino alla fase di pre-ordine, quando Kuri venne proposto negli Stati Uniti ad un prezzo di 699 dollari con deposito di 100 dollari per la prenotazione. Purtroppo, però, Kuri non arriverà mai alla commercializzazione: l'azienda ha ufficializzato la chiusura del progetto entro il 31 ottobre 2018.

Dopo un difficile periodo finanziario contrassegnato dalla ricerca di partnership finalizzate alla distribuzione su larga scala, il mancato sostegno finanziario ha portato Mayfield Robotics non solo ad accantonare Kuri, ma a chiudere definitivamente i battenti.

La notizia è stata diramata ufficialmente dall'azienda, che parla di uno stop produttivo e della mancata vendita delle unità già pronte. Se qualcuno si stesse chiedendo che fine abbiano fatto i soldi intascati durante la fase di pre-ordine, tutto è filato liscio, l'azienda si è infatti immediatamente adoperata nel restituire a tutti i clienti la quota versata.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ODDy

È un robot domestico

Gli sanno il nome di una delle armi bianche più temute

muchoman
Tony bresaola

Ma esattamente sto rottame a cosa serviva?

Pip

La Google di turno non progetta robot domestici, perché è consapevole che non servono a una mazza.
Lo stesso Google home ha successo perché lo trovi anche nelle patatine, non per altro

Gios

Le televendite americane ora si chiamano crowdfounding e startup

Top Cat
Pietro A.

come i google glass...una grande azienda non vuol dire sinonimo di successo. ovvio che la via è più facile perhè hai già la strada spianata ad esempio su pubblicità, brand e distribuzione, ma non basta eh!

Ale_itsme
Ale_itsme

con i se e con i ma non si va da nessuna parte. In ogni caso non capisco il senso del tuo primo commento. E' ovvio che se un azienda dalle modeste dimensioni e pressochè sconosciuta scende in piazza con un prodotto particolarmente innovativo ma di nicchia ha un determinato seguito, mentre se a proporlo è un brand noto l'interesse da parte del pubblico è diverso. Questo mi pare scontato, ma ancora non capisco dove sia il problema.

guarda che Google, come anche Apple, microsoft e stonex (tanto per citare le più grandi) hanno chiuso pure loro progetti che alla fine si sono rivelati fallimentari, nonostante marchi e ssssoldi e altro.
Ovviamente le aziende più piccole hanno certamente più difficoltà....

Matteo

non è vero, dimentichi completamente il fattore visibilità, brand, esposizione mediatica. Un prodotto del genere marchiato Google avrebbe fatto una fine ben diversa

Ale_itsme

ma che discorso è? Se non ha funzionato avranno commesso qualche errore, che siano caratteristiche del prodotto, problemi a livello di promozione, sbagliare e non utilizzare la leva giusta con il pubblico..i motivi possono essere molteplici. Se un azienda "più grande" riesce nell'impresa probabilmente ci sarà un motivo. Google non ci nasci..

Matteo

Poi magari arriva la google di turno a proporre la stessa cosa allo stesso prezzo e tutti pecoroni dietro a comprarlo

From Monkey Island

:(

Honor

Honor 20 e 20 Pro ufficiali: caratteristiche e prezzi | Video Anteprima

Android

Google sospende la licenza Android a Huawei dopo il ban di Trump: reazioni

Huawei

Recensione Huawei P Smart Z, full-screen e camera pop-up a 279 euro

Asus

Recensione Asus Zenfone 6: 5000mAh e Android Stock da 499 euro