Spazio, scovato un misterioso pianeta solitario 12 volte più massiccio di Giove

07 Agosto 2018 132

Alcuni ricercatori hanno scoperto, per la prima volta attraverso un radiotelescopio, un oggetto di massa planetaria oltre il nostro Sistema Solare: prende il nome di Simp J01365663+0933473 e, rispetto a Giove, è 12 volte più massiccio, ha un raggio 1,22 volte maggiore e un campo magnetico 200 volte più intenso.

Un vero e proprio colosso, ma le sue sorprendenti caratteristiche lo pongono al centro di un dilemma astronomico, poiché rendono difficile classificarlo. Come ha spiegato Melodie Kao, titolare dello studio che ne ha portato alla luce l'esistenza - pubblicato pochi giorni fa su The Astrophysical Journal - la sua massa lo pone al confine che divide i pianeti dalle nane brune, o "stelle mancate".

Le nane brune infatti sono un tipo particolare di oggetto celeste che possiede una massa più grande di quella di un pianeta, ma minore di quella del Sole, considerata la massa minima perché abbia luogo la fusione dell'idrogeno propria delle stelle. Il limite che separa le nane brune dai pianeti rimane dibattuto tra gli astronomi, ma alcuni ricercatori hanno adottato come soglia empirica il "limite del deuterio", ovvero il limite di 13 masse gioviane al di sotto del quale cessa la fusione del deuterio.

Karl G. Jansky Very Large Array

Ad infittire il mistero, Simp J01365663+0933473 presenta un fortissimo campo magnetico e un'intensa aurora: caratteristiche che, in realtà, ne hanno permesso la scoperta, avvenuta per mezzo del radiotelescopio "Karl G. Jansky" VLA; ma anche un enigma per i ricercatori, i quali ancora non conoscono con certezza il meccanismo dinamico che produce campi magnetici nelle nane brune e negli esopianeti.

L'aurora infatti è simile a quelle osservabili sui pianeti giganti del Sistema Solare e anche sulla Terra, dove però è causata dall'interazione fra il campo magnetico del pianeta e il vento solare. Tuttavia, l'oggetto misterioso non ha alcun vento solare con cui interagire, perché non orbita intorno ad alcuna stella.

Nonostante la massa, infine, Simp J01365663+0933473 è relativamente "giovane": secondo lo studio dovrebbe avere circa 200 milioni di anni, che non sono molti in termini planetari; dista dalla Terra 20 anni luce, e ha una temperatura superficiale di circa 800°C. Tutti questi dati sollevano vari interrogativi: si tratta di una stella o di un pianeta? E cosa produce un tale campo magnetico?

Le implicazioni sono tutt'altro che secondarie: se davvero si trattasse di un pianeta, i radioastronomi potrebbero aver trovato un nuovo modo di rivelare i pianeti solitari - campo che finora era stato di esclusiva pertinenza degli astronomi ottici - grazie all'uso dei radiotelescopi, atti a intercettarne il campo magnetico.


132

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sgarbateLLo

serve subito bruce willis e milla jovovich

Davide

rileggi bene e tutto torna. Tu dai per scontate cose che non lo sono.

Shrek

Qualcosa non torna. La Terra ha una densità media circa 4 volte maggiore di Giove. Se questo avesse una densità media 6,6 volte quella di Giove vorrebbe dire che si tratta di un'enorme biglia metallica.

fabbro

stai facendo sofismi solo per contraddire...

Davide

L'equazione di drake non ha alcun valore scientifico. Le probabilità in gioco sono così basse che miliardi di pianeti simili al nostro potrebbero non essere sufficienti.

Davide

che non è detto che di norma debba svilupparsi la vita, non credo sia la condizione base. E' un caso rarissimo che da un gruppo di basi possa crearsi una catena di DNA. E' quasi come prendere la scatola di un puzzle, rovesciarla per terra, e osservare che un pezzo di puzzle si sia composto da solo.
E' una probabilità così bassa che anche se ci fossero miliardi di pianeti come la Terra potrebbe benissimo essere, anzi, è assolutamente la cosa più probabile, che nessuno di essi ospiti vita.
Va poi considerato il fattore tempo. L'universo ha miliardi di anni. Un questo frangente temporale potremmo essere gli unici. Altre specie potrebbero essere esistite ed essersi estinte milioni o miliardi di anni fa, o addirittura potrebbero non essersi ancora formate.

Maurizio Mugelli

l'idrogeno viene compresso dalla forza gravitazionale finche' non e' impacchettato in modo estremamente denso, piu' forte la gravita', maggiore la densita' finche' non si raggiunge il limite di degenerazione elettronica (stelle a neutroni).
in una stella questo e' contrastato dalla fusione nucleari che cerca di espandere verso l'esterno la massa della stella (praticamente una stella funziona finche' rimane in equilibrio fra l'esplosione provocata dalla fusione e la forza verso il basso della gravita'), questo e' il motivo perche' le stelle che hanno bruciato la maggior parte dell'idrogeno e passano a bruciare l'elio si espandono enormemente di volume (succedera' al sole fra qualche miliardo di anni), l'elio ha una fusione molto piu' energetica dell'idrogeno e quindi una pressione verso l'esterno superiore.
in una stella bruna non essendoci la pressione verso l'esterno della fusione (presente ma in percentuale estremamente ristretta) la densita' diventa molto maggiore che nelle normali stelle o nei pianeti piu' piccoli.

tesking

Scusami, mi ero espresso male. Intendevo 12 masse gioviane in un volume di solo 1,22 volte significa 10 volte più denso dell'idrogeno ed elio... il ferro era troppo, ma con numero atomico = 10 c'è il neon...

tesking

Era una mia supposizione dato che si parlava di 12 masse solari in un volume solo di 1,22 volte... il che mi portava a pensare fosse di un materia più densa... il ferro ha numero atomico 26 ed è effettivamente troppo... però il semplice idrogeno non mi tornerebbe...

Dwarven Defender

Le nane brune fondono anche l’idrogeno ;-)

fabbro

la scienza è in continua evoluzione, o come direbbe qualcuno è democratica, quello che oggi credi non sia possibile magari lo è, l'universo è pieno di misteri e noi possiamo osservarne solo una piccola porzione, lasciaci immaginare :)

Shrek

Eh ma l'articolo parla di massa minima per la fusione dell'idrogeno, non della fusione in generale.

Dwarven Defender

Nelle nane brune si fondono elementi diversi in base alla loro massa

Shrek

Come nessuno può escludere che la terra sia l'unico pianeta con forme di vita.

Shrek

Ma se rispetto a Giove è 12 volte più massiccio con un raggio 1,22 volte più grande, la sua densità media sarà piuttosto alta, maggiore di quella di Giove, o sbaglio? Qualcuno saprebbe fare un calcolo preciso?

Shrek

Le mie conoscenze in ambito astronomico sono limitate ma da quel che sapevo al di sotto della massa delle nane rosse non c'è fusione. Che ci sia fusione nel nucleo interno delle nane brune mi giunge nuovo.

Dwarven Defender

Il fil sarebbe durato 4 ore XD

Maurizio Mugelli

err no, nelle nane brune la fusione e' sempre presente altrimenti non sarebbero stelle.
la differenza e' che nelle nane brune di massa standard il rapporto di compressione gravitazionale/ spinta verso l'esterno dovuta alla fusione dell'idrogeno non e' sufficiente ad innescare l'espansione della fotosfera, quindi non emettono luce come le normali stelle, la fusione rimane limitata al nucleo interno.

scendendo alle sub-brune (ovvero da circa 75 masse gioviane in giu') queste bruciano altri elementi piu' rari dell'idrogeno che richiedono pressione/calore inferiore per iniziare la fusione quindi il rapporto massa totale / massa di materiale in stato di fusione attiva non e' sufficiente a farle brillare come una stella, litio per le 75-65 (circa) masse gioviane, deuterio sotto i 65 fino ai 13 indicati come massa minima di fusione..

Shrek

Ma nelle nane brune non avviene la fusione, altrimenti non sarebbero così brune :D
La massa minima per la fusione è quella delle nane rosse.

Shrek

Le nane brune non hanno una massa sufficiente perché avvenga la fusione dell'idrogeno, quindi se il soggetto è la loro massa hanno comunque scritto una stupidaggine ;D

Maurizio Mugelli

nope, sono le nane brune ad avere una massa piu' grande di un pianeta ma piu' piccola di quella del sole.
di conseguenza la massa delle nane brune e' considerata la massa minima perche' abbia luogo la fusione.

Tk Desimon

https://uploads.disquscdn.c...

Tk Desimon

Più grande di Giove.

Tk Desimon

Sti pianeti cosi giovani e gia così obesi...
Ke skifo.
XD

franky29

quanti anni ha il sistema solare? e quanti l'universo ? e quanto è grande l'universo? immagina quante altre combinazioni favorevoli potrebbero esistere

Celestial Knight

Eppure gli scienziati hanno provato a stabilire quanti pianeti abitabili possano esistere. E' pressochè impossibile che non si sia verificato un caso come il nostro in un universo tanto grande (e non parlo della nostra galassia, ma dell'universo intero), il problema è l'irragiungibilità per le distanze cosmiche.

Antonio

Potremmo anche trovare forme "non viventi" create da forme di vita magari estinte. Tipo un' intelligenza artificiale particolarmente evoluta, (rifacendo alla fantascienza i cyloni di Battlestar Galactica...)

Antonio

Insomma, una cosa è certa, il carbonio è l'unico elemento che si combina che ha la facoltà di legarsi ad altri elementi creando molecole complesse. Anche il silicio ha queste capacità ma piuttosto ridotte rispetto al carbonio. Inoltre gli scienziati hanno ormai appurato che gli elementi più presenti e comuni nell'universo sono gli stessi che abbiamo qui sulla terra. Quindi credo siano impossibili forme di vita basate subqualcosa che non sia carbonio o al massimo silicio.

Antonio

Insomma, una cosa è certa, il carbonio è l'unico elemento che si combina che ha la facoltà di legarsi ad altri elementi creando molecole complesse. Anche il silicio ha queste capacità ma piuttosto ridotte rispetto al carbonio. Inoltre gli scienziati hanno ormai appurato che gli elementi più presenti e comuni nell'universo sono gli stessi che abbiamo qui sulla terra. Quindi credo siano impossibili forme di vita basate subqualcosa che non sia carbonio o silicio.

Antonio

Insomma, una cosa è certa, il carbonio è l'unico elemento che si combina che ha la facoltà di legarsi ad altri elementi creando molecole complesse. Anche il silicio ha queste capacità ma piuttosto ridotte rispetto al carbonio. Inoltre gli scienziati hanno ormai appurato che gli elementi più presenti e comuni nell'universo sono gli stessi che abbiamo qui sulla terra. Quindi credo siano impossibili forme di vita basate subqualcosa che non sia carbonio o al massimo silicio.

danieleg1

No, il soggetto in quel pezzo di frase è il sole.

densou

ed Elon che sperava di vendere frigoriferi agli eschimesi marziani

Maurizio Mugelli

dove hanno citato il ferro nell'articolo che non lo trovo?

Luca Lindholm

Callea che riesce a scrivere un commento non solo più intelligente dei suoi altri, ma addirittura più intelligente anche degli altri qui!

O.o

Maurizio Mugelli

guarda tutta la frase, non solo il pezzo che ti interessa: "Le nane brune infatti sono un tipo particolare di oggetto celeste che possiede una massa più grande di quella di un pianeta, ma minore di quella del Sole, considerata la massa minima perché abbia luogo la fusione dell'idrogeno propria delle stelle."
il soggetto e' "le nane brune", non "del sole".
che ti insegnavano alle elementari... :-D

Maurizio Mugelli

per dire il vero sono stati individuati pianeti di massa gioviana "solidi" - in genere sono enormi giganti gassosi svariate volte la massa di giove "migrati" molto vicini alla propria stella la cui atmosfera gassosa viene strappata via dal vento solare e quindi rimane il nucleo solido.

nicola898989

Ahahah

1984

tendenzialmente gli elementi più pesanti si formano o si son formati dalla fusione nucleare di elementi leggeri, quindi fosse tutto ferro sarebbe ancora più strano che gassoso

M3r71n0

Ma era una battuta riferita alle masse :-(
Uffa.
Ditelo che lo state facendo apposta per mortificarmi. :'-(

Alfacop

Non potrebbe essere il famoso nibiru?

Shrek

Davvero? Credevo ombrelloni e sdraio.

fabbro

per forza lo dice l'equazione drake (non il cantante).
Cosa intendi per "che la vita sia la norme è assunzione pesante"?

Davide

se anche morissimo tutti domani, portandoci dietro tutti gli animali come noi, la Terra resterebbe popolata da batteri e da animali che vivono nei posti più sperduti, tipo i pesci in fondo all'oceano.
Tempo qualche milione di anni e la situazione sarebbe ripristinata, con esseri complessi a muoversi per il mondo.

Davide

esiste per forza mi sembra un po' un'esagerazione. Che la vita sia la norma è un'assunzione pesante da fare. Concordo sul fatto che possano esistere forme di vita diverse, magari basate su cose che non conosciamo o non immagineremmo proprio perchè da noi le condizioni sono differenti o perchè l'evoluzione ha preso un'altra strada e quelle creature erano più vulnerabili.

Davide

o sarebbe avvenuto diversamente

Davide

per fare la statistica devi avere il campione e non lo avremo mai.
Fino a prova contraria non esiste vita nell'universo (in questo momento) a parte noi. Anch'io concordo che la serie di combinazioni sia piuttosto dura da replicare. E' un po' come lanciare una monetina e farla cadere in verticale, è possibile ma potrebbe non verificarsi mai. Se già trovassimo tracce dell'esistenza di batteri sarebbe la scoperta del millennio, cose più complesse dubito le troveremo mai, e non è neanche detto che esistano.

sudo apt-get install humor ®
Davide

immaginati un sistema di coordinate sferiche i cui punti sono in movimento. Dovrebbe avere una traiettoria precisissima per centrarci e le probabilità sono praticamente 0. Tra l'altro lo farebbe tra un'infinità di anni, se proprio =)

antonio

Forse l’hanno veramente trovato?? O è lui che ha trovato noi?? https://uploads.disquscdn.c...

Loco loco

Troppe coincidenze. Qui sotto c’è qualcosa di voluto

Economia e mercato

Stop al telemarketing sul cellulare: le novità del Registro delle opposizioni | Video

Mobile

Huawei P50 Pro e Pocket, le nostre prime impressioni

Domotica

Reti Fibra 2/5/10Gb/s: solo Marketing o sono davvero sfruttabili in casa?

Recensione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3050: il ray-tracing arriva anche nella fascia bassa