La Francia approva la legge sul divieto degli smartphone a scuola

01 Agosto 2018 268

La Francia ha ufficialmente approvato la nuova legge che impedisce l'utilizzo di smartphone, tablet e altri dispositivi connessi all'interno delle scuole. L'approvazione da parte del Senato francese (l'approvazione in prima lettura si era avuta ai primi di giugno) è arrivata soltanto negli ultimi giorni.

La proposta, ora legge, era una delle promesse elettorali dell'attuale presidente Emmanuel Macron e sarà attiva già da settembre con l'avvio dell'anno scolastico 2018-2019 a partire dalle scuole materne e fino ai licei superiori per gli studenti con età massima di 15 anni.

In base a quanto stabilito dalla norma, dunque, ogni singolo istituto potrà decidere autonomamente dove far "depositare" gli smartphone (si pensa, ad esempio, a delle aree deposito con armadietti) prima dell'inizio delle lezioni o se autorizzare gli stessi studenti a portarli in classe con l'obbligo, però, di mantenerli spenti negli zaini.

Le scuole, inoltre, potranno approvare l'uso dei diversi dispositivi elettronici connessi in apposite e limitate aree dell'edificio per fini pedagogici.


Grazie a questa nuova legge, dunque, il governo francese si pone l'obiettivo di migliorare l'abitudine dei propri giovani, limitando l'utilizzo degli smartphone almeno durante lo svolgimento delle lezioni scolastiche. In Francia, infatti, il 93% dei ragazzini francesi in un'eta compresa tra i 12 e i 17 anni possiede e utilizza uno smartphone.

Per quanto riguarda il nostro Paese, infine, il regolamento prevede un uso "responsabile" dei dispositivi digitali che, ad ogni modo, devono essere utilizzati per soli scopi didattici e non personali come ad esempio chiamate, messaggi e ogni altro utilizzo non approvato dal docente.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Techinshop a 484 euro oppure da ePrice a 586 euro.

268

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fabyo

"Se io, di punto in bianco, mi metto a vietare un qualcosa che è stato parte della vita quotidiana dei bambini e ragazzi fino al giorno prima, pensi davvero che questi capiscano il pippotto sul fatto che è per il loro bene?"
Infatti sei tu che parli del pippotto, la soluzione è negarlo e basta!! Anche perché se non pensi al pippotto allora che cos'è per te insegnare la moderazione?? Lasciarglielo usare solo 10 minuti durante la lezione? Cosa che oltre che assurda, folle, oltre che essere comunque sempre un divieto per gli altri 50 minuti. Rimproverarli quando lo usano? Cosa che fanno ma evidentemente non basta, e poi sarebbe appunto un pippotto, oltre al fatto che un pippotto da un insegnante verso il quale non c'è alcun rispetto non serve a un tubo.

"La storiella della suola con l'insegnante-dio e i ragazzini sudditi non funziona più da un pezzo." Non funziona per via di gente e genitori come te. Oltre tutto col divieto del telefono siamo ben lontani da questa visione.

"La moderazione si insegna ANCHE a scuola. Il fatto che questo non venga fatto, perché la scuola è ferma da 30 anni, non significa che sia sbagliato farlo. La società è cambiata, la scuola dovrebbe cambiare di conseguenza." La scuola è arretrata per ben altre ragioni, non per il fatto che non insegni ogni cagata che vi passa per la testa per fare gli hippie della situazione per cui negare è brutto insegnare è bello! Nella società i divieti esistono e bisogna imparare a rispettarli, e di certo non lo insegni senza imporre mai divieti. Ma non solo, nella vita quando lavori lavori, stai concentrato, e anche questo non lo insegni ma lo apprendi con l'abitudine, e sai cosa ti dà l'abitudine?? Tra le altre cose non usare il telefono in classe! Fosse per voi bisognerebbe fare il pippotto per ogni cosa, insegnare perché non si usa il telefono in classe, perché non si deve fumare in classe, perché non si deve picchiare l'insegnante o mandarlo a quel paese, perché durante la lezione non si deve giocare a calcio e ogni altra caxxata banale e scontata che può passare per la testa.

Io non so se voi a scuola ci andavate o ci andate a giocare, ma non è una ricreazione! A scuola ci vai per fare un qualcosa, per imparare (lasciamo perdere che è arretrata, lo scopo è quello), per farti 5 o 6 ore di lezione in cui quello devi fare, non esiste la moderazione nell'uso del telefono in quel caso, non va semplicemente usato! Così come dovrebbe essere sul lavoro, salvo che sia uno strumento di lavoro. Perché invece di vietarne l'uso in auto non insegniamo a usarlo con moderazione in auto??

"Negare che ci siano delle cose da modificare e aggiornare non ha senso. Poi ognuno dice la sua e amen." E chi l'ha mai detto che non i sia nulla da aggiornare? Vedi quando si fanno discorsi sconnessi con la realtà uno dei problemi è questo, si tirano in ballo cose che non c'entrano nulla pensando di dar qualche forza alle proprie affermazioni, dimostrando semplicemente che appunto si è sconnessi dalla realtà e che non si è nemmeno inquadrata bene tale situazione.

Fabyo

Hai descritto uno strumento!! Ahahah
Come se poi uno strumento non avesse importanza, vivi tu senza martelli, padelli, coltelli ecc... Ma l'importanza nella vita quotidiana non ha nulla a che fare con la necessità di educare.

"Ottimo, cioè a dire: non sappiamo educare ad un uso responsabile,"... lo ripeto, ripijati!

massimo mondelli

Menomale!
I questo periodo di orgoglio razzista nazionale è pericoloso anche scherzare su certi argomenti...
Viva la Puglia.
Ma solo la parte settentrionale

Io sono pugliese e la mia è una provocazione.

massimo mondelli

Scusa tu di dove sei invece?
Volendo luoghi comuni e forme di razzismo e intolleranza si trovano su chiunque.
Metti mi alla prova,dai!
'Anche tu puoi essere minoranza'.
Ti ricordo che l'alto Adige per chi sta sopra è Sud titolo.

LowRangeMan

Allora spiegati, scusa.

Non diciamo cavolate .

La selezione naturale non c'entra niente, il Darwinismo sociale è finito nell'800.

Non mi hai capito sull'inglese.

nutci

Chiedo scusa ma sono circondato ogni giorno da persone che fanno certi discorsi senza nessuna ironia. Ho subito anche io un evoluzione dovuta al mio ambiente.

+ Europa & + Stato

L'educazione andrebbe impartita dai genitori, non da questo soggetto.

LowRangeMan

Ma davvero non si capiva che era una stupid4 battuta quella di Facebook?

Per me Facebook sarebbe da abolire più che lo smartphone, era semplicemente un modo di dire che, ad oggi, trovo che la scuola debba ristrutturarsi per far fronte al mondo moderno, non negarlo.

La scuola che vieta lo smartphone è ottusa come le famiglie che, ai tempi, negavano ai figli il computer perchè "faceva male".

nutci

Insegnare la tecnologia, cosa che trovo giusta, è diverso da stare sui social.

Irios Sarcinelli

Dovrebbero trovare altri metodi tipo che all'interno delle scuole\ambienti pubblici i cellulari vengono disabilitati in modo automatico.
come anche la velocità delle auto nei centri urbani regolata da sensori che comunicano con le auto. La tecnologia stà facendo progressi e bisognerebbe utilizzarla al meglio.

LowRangeMan

I bambini oggi nascono con internet, nascono con gli smartphone, anche grazie ai genitori che gli piazzano questi strumenti in mano fin dalla culla.

Se io, di punto in bianco, mi metto a vietare un qualcosa che è stato parte della vita quotidiana dei bambini e ragazzi fino al giorno prima, pensi davvero che questi capiscano il pippotto sul fatto che è per il loro bene?

" La moderazione va insegnata nel tempo libero e la scuola non è tempo libero!"

La moderazione si insegna ANCHE a scuola. Il fatto che questo non venga fatto, perchè la scuola è ferma da 30 anni, non significa che sia sbagliato farlo. La società è cambiata, la scuola dovrebbe cambiare di conseguenza.

La storiella della suola con l'insegnante-dio e i ragazzini sudditi non funziona più da un pezzo. Più divieti imponi e più ottieni l'effetto contrario rispetto a quanto sperato.

La pedagogia non può continuare ad essere un insegnamento a senso unico.

Poi oh, per carità, ognuno ha le sue opinioni, ma questo non manda in barba 30 anni di teorie pedagogiche che la scuola ha deliberatamente deciso di ignorare.

Negare che ci siano delle cose da modificare e aggiornare non ha senso. Poi ognuno dice la sua e amen.

LowRangeMan

Infatti sarebbe quasi ora di imporre corsi di aggiornamento agli insegnanti. Ci sono insegnanti di 60 anni che sono fermi a quello che hanno imparato 60 anni prima, purtroppo.

LowRangeMan

Ehm, no. Dovremmo cercare di migliorare quelle cose che stanno lentamente andando a decadere.

Ribadisco, secondo me vietare qualcosa che è parte della vita quotidiana non ha assolutamente senso. L'utilizzo della tecnologia, così come una volta l'educazione fisica, va insegnato.

Non è attraverso il proibizionismo che si migliorano le cose, anzi...

Leox91

Scusami ho mai detto che la scuola deve educare?
Invece sbagli a dire che lo smartphone è un semplice strumento: un martello è uno strumento, una padella, un mouse, non uno smartphone con cui compro, pianifico, chiamo, mi informo, e soprattutto lavoro.

Ripigliati tu, se non capisci l'importanza di questi oggetti nella vita di tutti i giorni.

nutci

Quindi cosa dovremmo fare? Fregarcene dell'istruzione offerta perchè tanto sono tutte c@z.zàt3 e ritornare ad istruirsi attraverso l'uso della parola dei grandi saggi di paese?
A me la scuola è servita molto per il percorso lavorativo che ho scelto di intraprendere.

nutci

Giappone, Germania, Regno Unito.
Tutti paesi in cui l'ordine pubblico viene rispettato e c'è rispetto per la proprietà pubblica da parte dei cittadini. Non vorrei vivere in un paese di persone troppo rigide e fredde. Vorrei solo vivere in un paese dove si ha a cuore, oltre all'interesse personale, anche quello comune dove i cittadini sono mossi dall'egoismo di stare meglio e quindi di rispettare il senso pubblico delle cose.

Top Cat

Se magna er cervello!
(Come Venom, in uscita il 4 Ottobre nei migliori cinema!)

piero
lKinder_Bueno

Da ingegnere informatico ti posso assicurare che il latino, biologia, geografia, scienze della terra sono state utilissime alla mia formazione (è sarcastico)

Mattia Righetti

Ma anche a scuola mia non potevi utilizzare il cellulare DURANTE la lezione, ma quando non si era a lezione potevi fare quello che volevi...

Tizio Caio

In america la privacy non è come qui

Tizio Caio

Per insegnare a usare lo smartphone a degli studenti hai bisogno degli insegnanti che lo sappiano usare

Byll Disney

Vabbè...poco male...anche perché a scuola uno spende al massimo 8 ore...
8 ore al giorno senza smartphone non è la fine del mondo...
Direi che è una legge utile che potrebbe anche evitare la dipendenza agli smartphone...

Fabyo

Bè allora credo che tu abbia escluso proprio la fetta a cui si riferiva lui! :p

Fabyo

Il problema è pensare di averla chiara e applicarla a tutto senza distinguere le situazioni.
Così come anche non capire che il punto del divieto non è insegnare la moderazione (può comunque aiutare), ma è fare in modo che gli studenti possano imparare meglio il resto!
O non capire che non deve e soprattutto non può essere la scuola quella che ti insegna la moderazione nell'uso del telefono. La moderazione va insegnata nel tempo libero e la scuola non è tempo libero! La moderazione va insegnata a casa, dove la scuola non può entrare, e probabilmente non dovrebbe nemmeno.

L'unico aiuto che può dare la scuola è insegnarti che sei lì per fare una cosa e quella devi fare, il resto è vietato. Il resto del lavoro è a casa.

Sfoggi un concetto di psicologia spiccia da quarta elementare, lo applichi a caso e vai a dire agli altri cosa hanno chiaro o meno?!? Ah bè!

LowRangeMan

Ah ora sai anche cosa sono?

Latino? E chi ha detto che sia inutile?

Corsi di inglese? Ah, giusto, invece chissà come fanno fuori dall'Italia, che l'inglese lo imparano a scuola.

LowRangeMan

Abbiamo poco chiara la psicologia vedo...

Eh va beh ...

dario

eheheh boh... intendevo "nessuno che si rivolga a un target con un minimo di cervello", non proprio nessuno in assoluto! :D

LowRangeMan

Spero vivamente che Lei non sia un insegnante, visto che con la sua ineducazione non le affiderei nemmeno un cane.

Arrivederci.

Markk

Se per legge prevedono una zona dove depositarli all'interno della scuola, sono fatti anche dello stato!

Fabyo

Ah non so a chi si riferisse lui... pensavo al tuo "nessuno" e lo vedevo in senso molto più generale!

dario

come no... avoglia! :D
dici che si riferisse al fq? io pensavo più a stampa di sx... questo cambia tutto!

Quelli sono il male, il 68 è il male. Non assoluto ma...

Per cortesia, non sei un insegnante, non sai un cavolo di niente, fai il tuo lavoro e basta.
Anche imparare le poesie a memoria ha più di un valore, ma lasciamo perdere.
Vuoi imparare l'inglese? È un corso di due anni, niente di più. Fallo seriamente e in due anni ti prendi il b2, in 3 il c1.
Se ti dicessi che alla scuola moderna serve più il latino che l'inglese immagino i brividi lungo la tua schiena... Eppure è così. Alla scuola moderna serve più il latino che l'inglese.
Reitero, vuoi l'inglese? Un corso di alto livello e ben fatto, due anni e sei apposto.
Non sapete niente di niente e cianciate, come i santoni che prescrivono medicinali senza essere medici.
Zitti e lasciate insegnare a chi ha studiato per farlo.

Fabyo

Guarda te che nessuno ti ha mai vietato di usare il cervello eppure....
Paragoni cose che non c'entrano nulla l'una con l'altra.
Una cosa è vietare all'adolescente qualcosa vita natural durante... altra cosa è vietare l'uso dello smartphone a scuola, quando si deve fare altro e serve concentrazione. Questo è il modo di insegnare la moderazione: quando devi fare altro lo smartphone sta lontano!
Altra cosa è migliorare le relazioni sociali con chi si ha intorno, cosìcché magari quando sono fuori dalla scuola hanno anche altro da fare oltre a usare lo smartphone o simili, hanno alternative.
Tutte cose che fai negando lo smartphone.

Smartphone che tra l'altro non è altro che uno strumento, non è un qualcosa che richiede educazione né null'altro. Piuttosto educhi a non vivere sui social, o a limite a usare i social (questo già può avere un senso), e puoi fare tutto senza smartphone. Ma non stai insegnando quanto tempo passare sullo smartphone o quando passarlo, stai insegnando altro. Questo lo insegni sai come? Vietandolo quando non deve essere usato!

Infine gli adolescenti devono imparare anche a sottostare ai divieti, non esiste sempre la possibilità di dialogo e non ha senso infilarla sempre in ogni caxxata.

Ma vai a studiare. Che scuole hai fatto?

Va vietato a scuola come nei luoghi di lavoro.

Ah beh, se fossi padrone assoluto del mondo io li deporterei a gruppetti, tutti, in Germania o nel Nord Italia e terrei Napoli occupata da altri.
Questo per trent'anni, poi li farei tornare al bell'ovile. Vedi come Napoli si trasforma.

saetta

vietare si ma dando il buon esempio, nn so quante maestre/i, professori/esse riuescirebbero a privarsene

Che vuoi educare?

Ma sei serio?

saetta

va insegnata l'educazione e il senso civico, ma non siamo in danimarca

Chiami la scuola per le emergenze.

1) il problema è far rispettare una legge del genere, che a me pare solo una promessa elettorale vuota
2) il principio mi trova più che concorde: i ragazzini meno hanno il cellulare e meglio è, mentre a scuola non devono proprio usarlo, tolleranza zero.

saetta

ripetto per la tua esperienza ma potrebbe essere limitata, cmq ci sono centinaia di esempi in cui qualcosa è vietata e non ne è aumentato l'uso.

LowRangeMan

Perché pensi di poter conoscere una persona partendo da un commento. Umberto Eco ha sprecato anche qualche parola sui saccenti ;)

Kia

Kia e-Soul: prova su strada e prezzi in Italia, la nuova sarà solo elettrica | Video

Samsung

Recensione Samsung Galaxy Tab S5e: ottimo per svago e produttività

Samsung

Samsung Galaxy Fold: il software convince, la "piega" è da provare!

Oppo

24h con Oppo Reno: pop-up camera e tanto carattere | Video