Samsung al lavoro sull'Anti SDE AMOLED per migliorare la qualità dei visori VR

09 Luglio 2018 9

Samsung ha intenzione di migliorare notevolmente la qualità dei visori VR equipaggiati con display AMOLED. Chi ha avuto modo di sperimentarne l'utilizzo - anche attraverso il classico Gear VR abbinato ad uno dei più recenti top di gamma di casa Samsung - ha potuto notare il fastidioso Screen Door Effect (SDE), ovvero quell'effetto che causa la comparsa di una sorta di griglia nera che rende molto meno immersiva l'esperienza VR.

La griglia è dovuta allo spazio presente tra i vari pixel, notevolmente accentuato dalla presenza di lenti e dalla vicinanza del display agli occhi dell'utente, il quale provoca la spiacevole sensazione di osservare la scena VR come se la si guardasse attraverso una sorta di zanzariera. Samsung sembra voler porre fine a questo e, per fare ciò, sta lavorando ad un particolare Anti SDE AMOLED.

Al momento non ci sono dettagli tecnici riguardanti questo nuovo tipo di display, tuttavia Samsung ha depositato un brevetto presso l'ufficio brevetti dell'Unione Europea (EUIPO) lo scorso 6 luglio. Non è chiaro se la casa sudcoreana punterà su un display particolarmente definito, in modo da raggiungere un quantitativo di PPI talmente elevato da renderli indistinguibili anche da una distanza così ravvicinata, o se preferirà puntare sullo sviluppo di nuovi accorgimenti dedicati al layout della griglia dei subpixel.

Samsung sta sicuramente lavorando a display super definiti in grado di raggiungere sino a 2000 PPI, quindi è possibile che l'Anti SDE AMOLED non sia altro che il nome commerciale di una di queste unità. Nelle scorse settimane la casa di Seoul ha mostrato un piccolo display da 2,43" con risoluzione 4K 2160p da 1200 PPI, mentre in futuro ci si aspetta il passaggio al 4K anche sui suoi smartphone top di gamma, un fattore che potrebbe incrementare notevolmente la qualità visiva offerta con il Gear VR.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 485 euro oppure da Unieuro a 569 euro.

9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Davide M.

La matrice a diamante non piace neanche a me nella vr (ho il rift) ma è assai peggio il sub pixel verde condiviso fra due pixel adiacenti, quello ammazza il vantaggio di una risoluzione più alta.
Ho provato più volte il psvr, ha un display molto particolare, credo adoperino un filtro a celle opache, i subpixel di fatto sono invisibili.

Davide M.

Si si è già in commercio ma non è da considerarsi generazione 2.
È una via di mezzo.

Antsm90

Più che altro il problema degli AMOLED è la matrice "a diamante", che per uno smartphone è perfetta, ma con la vr crea troppo screen door (infatti il ps vr è solo Full HD ma ha pochissimo screen door nonostante l'oled, questo perché è a matrice rgb)

emmeking

In realtà il vive Pro è già in commercio o sbaglio?

Davide M.

Credo (o forse spero) anche io, sarebbe più utile avere pixel in grado di assumere tutte le sfumature colore ma senza avere i sub pixel rgb affiancati.
Diciamo che avere da samsung dei pannelli veramente rgb e non gbgr sarebbe già chiedere tanto.

Antsm90

Non penso sia un semplice aumento di risoluzione, altrimenti sarebbe un brevetto fuffa

Top Cat
Davide M.

Si ma muovetevi, li vogliamo sulla gen.2 di visori.

deepdark

Ma non si diventa ciechi con le PPI?

Galaxy Note 20, 20 Ultra, Z Fold 2, Tab S7 e Plus, Watch 3 e Buds Live ufficiali | Prezzi

Nel 2020 presentati 230 smartphone in 7 mesi: Xiaomi, Samsung e Huawei sul podio

Recensione Samsung Galaxy A31: fa numero ma non graffia

Recensione Galaxy A51 5G, la porta d'ingresso per il 5G di Samsung