Together Price: il costo di Netflix e Spotify si divide in gruppo

02 Luglio 2018 342

Together Price è il servizio made in Italy interamente basato sulla condivisione di una spesa comune tra amici, coinquilini,familiari e team di lavoro che permette di abbattere fino a 5 volte in maniera sicura e legale il costo di abbonamenti come Netflix, Spotify, NOW TV, Google Play Music e anche la nuova YouTube Premium che permette di avere film e musica in unico abbonamento.

Un vero successo quello di Together Price, che ha già superato i 130 mila utenti registrati in poco più di un anno ed è pronta a scalare i mercati internazionali.

La piattaforma, disponibile in versione web app (mentre per le app IOS e Android dovremmo attendere ancora qualche mese) ha da poco lanciato una nuova versione completamente rinnovata: in una veste grafica più curata e accattivante, presenta nuove features e semplifica tutti gli step della condivisione, offrendo all’utente un’esperienza molto più funzionale e coinvolgente.


Come funziona Together Price?

Iscriversi è davvero semplice: basta collegarsi al sito e registrarsi gratuitamente compilando tutti i campi del modulo, oppure è possibile effettuare l’accesso tramite isocial login di Facebook e Gmail. Completata l’iscrizione, è subito possibile navigare all’interno della piattaforma e visualizzare le condivisione attive.

Su Together Price si può condividere in due modi: come Sharing Admin se si apre una proposta di condivisione mettendo a disposizione il proprio abbonamento oppure come Sharing Joiner se si entra in una proposta di condivisione già attiva come partecipante.

Per L'admin: (lo screenshot mostra come aprire una condivisione Netflix)

L’Admin utilizza Together Price gratuitamente. Facendo l’esempio di Netflix, se condivide l’abbonamento Premium che costa €13,99 al mese può farlo con altre 3 persone che gli rimborseranno rispettivamente €3,50 ogni mese ciascuno per un totale di €10,50.

Selezionando da una lista, il servizio o il prodotto che si vuole condividere, basterà riempire i campi mancanti come il numero di posti liberi da mettere a disposizione e cliccare poi su “post”. Ad esempio, se si vuole condividere l’abbonamento Netflix Premium bisognerà soltanto inserire un’immagine che rappresenti il servizio e il numero degli account disponibili per la condivisione. Il costo dell’abbonamento, il nome e la descrizione del servizio sono già impostati di default.

Per il joiner: (lo screenshot mostra come ricercare le condivisioni già attive)

Per partecipare ad una condivisione, l’utente deve in prima fase scegliere la condivisione che gli interessa, potrà ricercarne una in particolare attraverso la barra di ricerca, dove inserirà il nome del servizio o il cognome dell’Admin. Una volta trovata la condivisione, il joiner invierà una richiesta all’admin e dovrà attendere di essere accettato per poi inviare la propria quota e iniziare così a condividere.

Come funzionano i pagamenti?

L’Admin dopo aver accettato le richieste di partecipazione, riceve le quote dei Joiners nel Wallet di Together Price e, trascorsi 25 giorni, può trasferire il denaro sul proprio conto o carta con IBAN. Questa misura è stata inserita da Together Price per tutelare la quota del joiner che in caso di problemi può chiedere il rimborso di quanto ha inviato.

I Joiner possono inviare le loro quote attraverso carta Mastercard o Visa e, dopo il primo invio della quota che va effettuato manualmente, il rinnovo per i mesi successivi avviene invece in modo automatico.

Ma è legale?

Quello che sta nascendo è un vero e proprio trend che spinge sempre più servizi e prodotti digitali ad offrire ai propri clienti piani multi account o multi licenza. Si tratta di formule con maggiori features e un prezzo più alto, ma nettamente più conveniente rispetto alle formule basic, proprio perchè consentono di dividere la spesa tra più persone. Together Price fornisce agli utenti un’infrastruttura informatica per agevolare l’utilizzo di questi piani multi account fermo restando l’obbligo, da parte degli utenti, di condividere rispettando i termini di uso consentiti dai servizi.

Perché utilizzare Together Price?

Together Price offre un sistema di rete sociale basato su un rating di affidabilità, una chat di gruppo con cui comunicare e un wallet digitale dove raccogliere ogni mese le quote. Gli Admin hanno così la certezza di non sobbarcarsi più da soli ogni mese l’intero costo dell’abbonamento e i Joiner di poter usufruirecorrettamente del servizio condiviso avendo a disposizione, in caso di problemi, la possibilità di chiedere il rimborso della quota inviata.

Un motivo in più per provare Together Price, anche se già si condivide con il proprio gruppo di amici, è che il servizio è completamente gratuito per gli Admin, mentre per i Joiner viene applicata una piccola commissione di €0,99 che copre le spese ditransazione bancaria e di gestione della condivisione.

Cosa puoi condividere su Together Price?

Se inizialmente era possibile condividere solo gli abbonamenti multi account per i servizi digitali (come Netflix, Spotify, Apple Music, Google Play Music, NOW TV), ora Together Price offre la possibilità di condividere molto altro, inclusi gli acquisti di software con licenze multiutente (come gli antivirus), software gestionali o accessi multi account a prodotti e servizi business (come G­Suite, Dropbox, Office, Adobe e molti altri), ma anche piattaforme di gaming come XBOX e Steam e provider di VPN.

Inoltre, se l’abbonamento da condividere non è presente nelle liste precompilate della piattaforma, è possibile creare una “condivisione personalizzata”, impostando manualmente ogni parametro, incluso il numero di persone con cui vuoi effettuare la condivisione e la somma da raccogliere mensilmente o in un’unica soluzione.

Thanks to collaborazione con Togheter Price

342

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Luca

Scusate, ma io ho provato più volte a chiedere di entrare in un gruppo per condividere un'abbonamento ma mi viene sempre rifiutato. Dove sbaglio???

Dexter

Assolutamente, ma è giusto che le persone sappiano che questi siti in realtà sono un grande rischio... e che non ti garantiscono proprio nulla in caso le aziende come Spotify o Netflix si accorgano che qualcosa non quadra tra gli account....

Horatio

Si si, il mio non era un discorso etico, non mi importa nulla se condividono l'abbonamento, è solo che pubblicizzano un sistema che non è regolare, poi ripeto, a me non cambia nulla.

Dexter

Lascialo perdere, Spotify in questi giorni sta chiudendo un sacco di account condivisi e sta chiedendo il certificato di residenza. Il tizio sopra ha scritto un romanzo per nulla

Danilo Gullotta

Una domanda: nella registrazione a together price, utilizzando Google, mi viene richiesto di fornire l'autorizzazione a visionare, modificare ed eliminare i contatti del mio account.
Ma e una cosa normale? Mi sono perso qualche cosa?

Giuseppe Visciano

stavo per rinnovare dopo un anno kaspersky internet security ma non mi fa rinnovare ,l'utente che condivideva mi ha escluso adesso accettano solo le condivisioni in famiglia,adesso mi tocca fare l'abo per 70 euro(pagavo 13 euro al anno con togheter

Davide Amati

Si, ognuno entra con il proprio profilo

Shaffler

Io l'ho fatto con Eurosport Player, ci ho pensato solo in un secondo momento, ma per fortuna il codice di sicurezza è oscurato, così come sono visibili solo le ultime cifre della carta. Non credo sia diverso per gli altri servizi

Bellasarai

Gentile Sabrina Taddei, chiedevo, cortesemente, delle informazione in merito. Mettiamo ad es. che io fossi l'Admin per condividere NowTv, poi per poter fare accedere un'altro utente a NowTv dovrei dargli le credenziali di accesso (ID utente e password), giusto? Ma nelle mie credenziali, account di NowTv, ci sono i miei dati personali con le modalità di pagamento e quant'altro; quindi potrebbe, dico POTREBBE!,(verificarsi il caso che l'altro utente collegato con il mio account, oltre a vedere tutti i miei dati anagrafici e altro), anche interferire con altri "acquisti", visto che il mio account di NowTv è collegato a una carta di credito. È così, oppure c'è qualcosa effettivamente che non capisco con questa procedura?

Bellasarai

Gentile Sabrina Taddei, chiedevo, cortesemente, delle informazione in merito. Mettiamo ad es. che io fossi l'Admin per condividere NowTv, poi per poter fare accedere un'altro utente a NowTv dovrei dargli le credenziali di accesso (ID utente e password), giusto? Ma nelle mie credenziali, account di NowTv, ci sono i miei dati personali con le modalità di pagamento e quant'altro; quindi potrebbe, dico POTREBBE!,(verificarsi il caso che l'altro utente collegato con il mio account, oltre a vedere tutti i miei dati anagrafici e altro), anche interferire con altri "acquisti", visto che il mio account di NowTv è collegato a una carta di credito. È così, oppure c'è qualcosa effettivamente che non capisco con questa procedura?

Horatio

A me frega nulla, non lavoro in Spotify, ho solo riportato ciò che dice il regolamento.

Elisabetta Nalin

Io ho pagato ieri ma ancora risposta

E non c'è possibilità di contattare nessuni

saccovr

Non no-profit

Jon Snow

in pratica funziona così.
Nel family in tutto siete in 6. Uno dei 6 diciamo che è il "leader", ovvero quello che versa la mensilità a spotify attraverso un suo conto (paypal, carta prepagata, etc). Questo "leader" dal sito di spotify può aggiungere 5 account al family. Tutto quello che gli devi fornire è la mail che usi per accedere a spotify. Una volta inserita nel family, automaticamente il tuo account diventa premium ma solo tu puoi accedervi perché solo tu sai la password. Nel caso non volessi fornire quell'indirizzo email, puoi sempre creare un altro account spotify con una mail appena creata o che comunque non è di primaria importanza per te e fornirgli quella. Spero di essere stato esaustivo.

Jon Snow

Tecnicamente è come dici tu, razionalmente è DA FUORI DI TESTA. Quale sarebbe la differenza? Chi abita nella stessa casa è più bello? Se io per motivi di studio dovessi cambiare il domicilio (non la residenza, attenzione), dovrei togliermi dal family? Ti rendi conto che è assurdo tanto quanto definirlo "illegale"? Non rubi nulla, a loro entra in tasca comunque la stessa quota che gli entrerebbe da un qualsiasi account family. Molto probabilmente aboliranno anche la storia dell'indirizzo prima o poi, proprio perché è nel loro interesse. Secondo te preferirebbero avere un family in più o un family in meno perché quelle 6 persone non abitano nella stessa casa?

Jon Snow

TP è no-profit

Squak9000

???
caxxo mi frega... come fa a sapere PP che quei 15€ sono per spotify?

Potrebbero anche essere per della droga... o per una semplice elemosina.

Sabrina Taddei

Ciao Giuseppe, è molto semplice, se l'admin non ti permette di usufruire del servizio hai 25 giorni di tempo per richiedere il rimborso della quota che hai versato. Appena invii la quota puoi iniziare subito ad utilizzare il servizio condiviso. Il costo dell'abbonamento è diviso in parti uguali quindi tu paghi sempre lo stesso importo indipendentemente dal numero di partecipanti nel gruppo.

Sabrina Taddei

Ciao Luca, che peccato leggere un punto di vista così negativo e fuorviante di ciò che di buono stiamo cercando di fare per permettere a tutti di risparmiare senza ricorrere a sistemi illegali come la pirateria. Together Price è semplicemente un'infrastruttura informatica che aiuta le persone a dividere i costi in gruppo di una spesa comune. Noi siamo partiti dal digitale perchè studiando il mercato abbiamo notato che c'erano già tante persone che condividevano con molte difficoltà il costo di abbonamenti in gruppo. Together Price è alla fine un sistema di pagamento per gruppi al quale abbiamo integrato un tool per lo split delle spese. Non incitiamo nè spingiamo gli utenti a violare i termini di utilizzo dei servizi, ma li educhiamo a farlo correttamente e gli forniamo semplicemente un modo per farlo velocemente e senza troppa fatica. I provider sono i primi ad incentivare la condivisione tanto che la nascita di tutti questi piani multi account ne è la riprova. Permettere ai propri clienti di risparmiare condividendo in gruppo il costo significa per queste aziende fare marketing a costi ridotti perchè la promessa di risparmio che muove l'utente a coinvolgere la sua schiera di conoscenze è molto più efficace di qualsiasi strumento di pubblicità. E' per questo che non credo possibile un domani in cui queste Aziende rimuovano le loro offerte multi utente, anzi sono sempre più convinta che si moltiplicheranno e anche quelli che finora ne sono rimasti fuori, visto la competitività del mercato, si adegueranno in questa direzione.

Sabrina Taddei

Ciao Fabrizio, nonostante la commissione continui comunque a risparmiare il 75% Su Netflix e oltre su Spotify. I costi sono al minimo che potevamo per mantenere in vita questo servizio e coprono le spese di gestione della condivisione e di transazione bancaria che avresti anche con altri istituti. Se non vuoi pagare le commissioni, puoi farlo diventando tu Admin. Ti basterà mettere a disposizione il tuo abbonamento per condividerlo. I costi di Together Price sono applicati infatti solo ai joiners che entrano in un gruppo di condivisione. Se hai altri dubbi sono qui.

Sabrina Taddei

Ciao Squak,
Paypal non consente lo scambio di quote per prodotti e servizi coperti da copyright. Se vi scambiate quote ad esempio per Spotify o Netflix vi ritroverete presto il conto paypal bloccato per sempre. Prova a fare una ricerca su Google o a leggere bene i termini di utilizzo di Paypal e ti renderai conto di quello che dico.

Ils Boo

i costi da sostenere per mantenere i siti li so benissimo ma dire che siete trasparenti non è molto vero... prima di entrare effettivamente in un gruppo, rimanendo esclusivamente sulla homepage si legge "condividi netflix e paghi 3.50 al mese", certo, la frase si riferisce agli admin, ma non è specificato... è palese che qualunque persona legga quella frase è convinta di andare a spendere solo 3.50

Sagitt

quindi chrome, android, chromeos.

Tizio Caio

No funziona ovunque tu abbia collegato l'account Google :)

Sagitt

Google e sicurezza sono 2 mondi diversi, e poi funziona solo sulle sue piattaforme

oreo85

bavbone

Tizio Caio

Ah ok ho capito, non sapevo contenesse anche documenti e altre cose. Con quello Google sì ho le password dei siti ma anche delle app grazie ad Android Oreo 8.1 e anche le carte che però sono memorizzate in Google pay.

Sagitt

1Password offre un archivio criptato e sicuro (così pare) per qualsiasi dato. Io ci tengo tutto ciò che è sensibile da note a carte a documenti a info delle sim ecc

Quello di cui parli tu è la gestione password per i siti, anche li hai un hub unico per tutto ed è multi browser e piattaforma

Tizio Caio

1Password cosa offre di più rispetto a un Google? Google mi genera le password e me le memorizza, però gratuitamente

Tizio Caio

paga paga, è nelle piccole cose che si risparmia.. 1€ qui, 1€ là e alla fine dell'anno hai speso un botto in più

Sabrina Taddei

Ciao Giuseppe, grazie per aver posto la domanda. Se l'Admin non ti permette di usufruire del servizio condiviso puoi chiedere il rimborso della quota che hai versato. E' questo il motivo importante per il quale è importante mantenere le condivisioni all'interno di Together Price e non spostare il gruppo fuori perchè in caso di malfunzionamenti o impossibilità di fruizione del servizio, la piattaforma si mette nel mezzo e ti tutela. La quota è sempre uguale per tutti indipendentemente che il numero di partecipanti sia completo o meno. La quota la invii subito e non devi attendere che il gruppo si completi. Spero di aver chiarito ogni dubbio, se così non fosse sono a tua completa disposizione.

oreo85

Pensa che in 10 anni sono addirittura 120 euro! Gomblotto!11!11!11!1!

oreo85

No non lo capisco, poteva essere pure il 150%, ma sempre di un euro parliamo

saccovr

Al posto di quella pessima frase : Thanks to collaborazione con Togheter Price avreste potuto semplicemente scrivere: articolo sponsorizzato e avreste fatto una migliore figura.

Bio Shout

Penso intendesse scaricare torrent, ma da un tracker privato, ma con gli eventi live non so cosa c'entri.

Sagitt

1Password 7 is included free for everyone with a 1Password membership. Simply unlock 1Password after downloading and you’re good to go.

Those of you with a standalone license for version 6 will be prompted to subscribe or purchase a license when 1Password 7 first opens. Licenses will cost $64.99 but are available during our launch special for only $49.99. Licenses are per-person, per-platform so you can use your single license on as many Macs as you have. 1Password 7 for Windows will be released next week as a separate purchase.

Sagitt

non c'è possibilità di licenza nella nuova app.
l'unica soluzione è l'abbonamento, parliamo di 1password 7.

cerca pure, se poi tu hai preso qualche promozione particolare buon per te, ma dubito visto che io l'ho presa il giorno di uscita.

csharpino

Sei leggermente patetico (5)...

Giuseppe Fallacara

ecco il mio dubbio era proprio questo. Io, interessato ad usare il servizio come joiner (netflix) temo che il titolare dell'account mi impedisca di usufruirne. Il tal caso sarei tutelato in quale modo? Inoltre, per iniziare ad usare il servizio (sarei interessato a netflix) è necessario che si raggiunga la massima quota di iscritti? Esempio: il titolare dell'abbonamento netflix mette a disposizione 3 slot di partecipazione. Se non si raggiungono tutte le partecipazioni io, da joiner, pago sempre come se fosse diviso in 4? O questo avviene al completamento delle iscrizioni?

Suppanam

Io penso che il tuo ragionanento sia corretto.
Tralasciando il fatto che si sta parlando di cifre molto basse (13 euro circa), usando questo servizio, praticamente si auto genera un rincaro equivalente a circa il 23% del prezzo del prodotto (prodotto che non é fornito dalla piattaforma stessa). In pratica, si beccano 3 euro per mettere in contatto tra di loro 4 persone (sia chairo, commercialmente parlando è una idea ottima...).
Ogni utente “Joiner” paga qualcosa come il 30% in piú del reale servizio che acquista; che poi la cosa sia solo 1 euro é un altro paio di maniche...
Alla fine della fiera, é un accrocchio “al limite delle regole” per spendere qualcosa in meno, poi dipende dal singolo utente capirne vantaggi o svantaggi.

Sabrina Taddei

Ciao Fez Vrasta,
Google Play Music come Spotify propone per un piano di abbonamento family 6 account distinti, nessuno della famiglia può accedere all'account dell'altro.

Sabrina Taddei

Ahahah, dobbiamo fare una petizione e chiedere che si possa condividere anche quello! ;-)

Sabrina Taddei

Ciao Fede Mac,
il piano di Spotify Family prevede che ogni utente abbia il proprio account con mail e password, nessuno dei componenti della famiglia può accedere al tuo account quindi nessuno può accedere alle tue playlist.

Sabrina Taddei

Ciao Simone,
si cambi la password dell'account e lo elimini dal gruppo su Together Price. Poi fai entrare un nuovo partecipante.

Sabrina Taddei

Ciao Giuseppe,
certamente, l'intestatario dell'abbonamento sei tu quindi puoi gestire liberamente come preferisci il tuo abbonamento. Puoi decidere di rimuovere il Joiner dal gruppo e non permettergli più di usufruire del servizio. Ovviamente se il Joiner ti ha inviato la quota devi garantirgli la fruizione del servizio per i 30 giorni successivi, altrimenti lui può chiedere il rimborso di quanto inviato.

Sabrina Taddei

Ciao Nuteli, purtroppo abbiamo dovuto togliere Paypal perchè non consente lo scambio di quote per condividere prodotti e servizi coperti da copyright. Gli utenti che provano a farlo dopo qualche mese si ritrovano il conto bloccato per sempre.

Sabrina Taddei

Ciao Jam,
questo è chiaramente un bug, stiamo dando priorità alla risoluzione di problemi legati ai rinnovi e poi passiamo subito a correggere questo errore. Già che ci sono, ti spiego anche tutte le novità del Trust. Il rating di affidabilità, già presente nella vecchia versione, viene ora ampliato e si arricchisce di nuove feature.

Attraverso un sistema di controllo dati, Together Price verifica l’affidabilità degli utenti e la misura con un livello di “Trust” che varia da 0 a 100% e che cresce nel tempo attraverso due fattori: le “Missioni” e gli “Obiettivi”, una delle novità più significative di questa nuova versione.

Le “Missioni” sono le azioni che l’utente può compiere per aumentare il suo livello di trust:

Verifica dell’e-mail o del numero di telefono, inserimento della foto profilo e dei dati anagrafici, la verifica dei social network e se utilizza Hype o N26 per il trasferimento dei pagamenti.

Gli “Obiettivi” invece sono i traguardi che l’utente raggiunge: tempo di permanenza sulla piattaforma, recensioni ricevute, valutazioni del suo comportamento all’interno delle condivisioni.

Zeneize

Anche esperto di legge, ma come fai?

storenews

Mi spiace ahah io sono stato tra i primi a scaricarla aspe forse su fb misero i codici promo gratuiti, perché lo feci scaricare anche alla mia ragazza uguale MoneyPro

skorpius92

Si, perché chi condivide riceverebbe una quota in meno e dunque pagherebbe di più. Quindi teoricamente se non paghi la quota mensile dopo qualche giorno dalla scadenza vieni espulso dal gruppo e il tuo posto viene rimesso in lista

Samsung

Recensione Samsung Galaxy A80 (2019): la fotocamera rotante non basta

Amazon

Le migliori offerte dell'Amazon Prime Day 2019 | Martedì 16 luglio

Amazon

Le migliori offerte del Prime Day 2019 Amazon | Smart Home, TV, audio e foto

LG

Recensione LG V50 ThinQ 5G: concreto apripista, ma le reti?