ZTE, Senato USA si oppone al salvataggio. A picco le azioni

19 Giugno 2018 38

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato una nuova versione del National Defense Authorization Act che bloccherebbe il tentativo di Donald Trump di salvare ZTE. Le votazioni sono state praticamente unanimi - 85 a favore e 10 contro, il che è già una notizia in sé, essendo il Senato a maggioranza Repubblicana, il partito di Trump stesso. Questo sviluppo della situazione era comunque ampiamente previsto.

Per chi si fosse perso le puntate precedenti, in brevissimo: ZTE ha fatto affari con Iran e Corea del Nord, violando l'embargo imposto dagli USA. Gli USA hanno così imposto alle aziende americane (tra cui Qualcomm, Intel, Google) di non vendere più componenti e servizi a ZTE per almeno sette anni. ZTE si è trovata costretta a cessare il grosso delle sue operazioni, tra cui la produzione di smartphone: le fabbriche sono ferme e la società perde ingenti somme di denaro ogni giorno. Trump ha deciso di convertire la sanzione di ZTE in una multa da 1 miliardo di dollari e un avvicendamento della dirigenza, ma il Senato aveva subito minacciato di osteggiare questa decisione citando rischi per la sicurezza nazionale.

Per ora è difficile capire come si risolverà questo scontro istituzionale. È possibile che Casa Bianca e Senato troveranno qualche forma di accordo intermedio, anche se Trump si è costruito rapidamente una fama di presidente imprevedibile. Le notizie non sono comunque buone per ZTE: nella migliore delle ipotesi, significa che ci vorrà più tempo del previsto per la rimozione dell'embargo, e che quindi l'azienda dovrà rimanere ferma più a lungo.

Una delle conseguenze più concrete nell'immediato è che le azioni di ZTE sono crollate ulteriormente - di ben il 25 per cento (a fine giornata: picco minimo -27 per cento) sulla borsa di Hong Kong, e del 10 per cento (limite massimo giornaliero) sulla borsa di Shenzhen. Lo scambio delle azioni di ZTE è ripreso la settimana scorsa, quando è stato annunciato il raggiungimento dell'accordo proposto da Trump: da quel momento, in totale il valore è crollato di circa il 38 per cento, pari a oltre 7,4 miliardi di dollari di valore di mercato.


38

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Top Cat
Diabolik82

vabbè quella è la scusa classica che funziona in USA. Terrorismo, sicurezza nazionale, legittima difesa, secondo emendamento (quello delle armi), sono le parole magiche per i caproni americani...

Diabolik82

non sono minimamente collegate le due cose. Apple non è in competizione con ZTE.

Diabolik82

E qualcomm nella fusione con NXP anche.

Diabolik82

ma no :) Trump bullo com'è non si farà contraddire dal Senato. Sicuramente opporrà il veto (diritto che può esercitare tranquillamente), l'accordo era già stato trovato dal dipartimento del commercio e non si torna indietro perché il Senato ha votato un emendamento.

Diabolik82

ma per gli apparati di rete mobile non si utilizzano processori mobili ma gli Intel. Quindi la vedo dura...per gli smartphone ok che puoi rivolgerti a Samsung e Mediatek...ma Intel come la sostituisci? Analogo discorso per Huawei.

Fabrizio

Ma credo che anche l'intero sistema operativo sia fuori discussione perché si tratta comunque di prodotto americano che potrebbe rientrare nell'embargo. Infatti ricordo che in un articolo precedente si parlava di un possibile embargo che avrebbe colpito sia Zte che Huawei, per motivi simili, e si accennava che secondo alcune voci di corridoio Huawei potesse correre presto ai ripari perché ci fosse da tempo in cantiere lo sviluppo di un sistema operativo proprietario.

qandrav

OH grazie!

"ma questo blog non ne ha MAI parlato)."
hdblog è strana, perdono tempo a pubblicare cag4te e poi si dimenticano le cose importanti

Alessio Ferri

ZTE vende apparati di rete soprattutto (e marginalmente telefoni), penso che ad Apple freghi addirittura 0/5 di cosa accada a ZTE, altre aziende americane invece potrebbero stappare lo spumante.

Alessio Ferri

No, meglio rompere le balle nella sezione commenti

Alessio Ferri

Non può usare le GAPPS

boosook

Qui vorrei capire meglio, perché comunque Android è open source, poi chiaramente sappiamo bene che se non ci metti le gapps non serve a molto, in effetti.

Fabrizio

Il problema è che con l'embargo, zte non può neppure usare software di produzione americana a quanto ho capito. Dunque sarebbe fuori da Android. Sicuramente non può ripiegare su ios, dunque sarebbe condannata dato che non esiste un altro sistema operativo diffuso come i due che ho citato

marco

"citando rischi per la sicurezza nazionale." Ma de che?

Andhaka

Non hanno il ban come ZTE... Ma l'articolo proprio non lo leggiamo?

Cheers

Porco Zio

Ci sono anche gli exinos e i Kirin

camillo777

e allora huawei & co come fanno?

Andhaka

" Gli USA hanno così imposto alle aziende americane (tra cui Qualcomm, Intel, Google) di non vendere più componenti e servizi a ZTE per almeno sette anni. "

Tutto nell'articolo scritto in modo semplice ed immediato. ;)

Cheers

Aster

Hanno anche proibito l'aquisizione di moneygram da parte di ant(alipay)

Dige90

Le antenne di ILIAD le gestisce Nokia.

PaoloB

ZTE era il fornitore unico di wind tre per la loro nuova "rete unica". Ban che ha fermato i lavori dal 26 aprile (ma questo blog non ne ha MAI parlato).
Se wind tre non riprende, di conseguenza Iliad non puo' installare/accendere le proprie bts, perchè iliad usa siti, ma soprattuto frequenze ora in un uso a wind tre.

Comunque sembrerebbe che ZTE sara' affiancata ad Ericsson per i lavori della rete unica wind+3. A giorni/ore dovrebbe arrivare la comunicazione ufficiale.

boosook

Nel futuro prevedo un boom di vendite per Mediatek... :)
Intel e Qualcomm non credo che stiano esattamente stappando lo spumante. E sono aziende americane...

pastor

Doveva occuparsi della fusione wind tre.

Jericho

Trapelata la risposta di ZTE: “IO sono il Senato!”.

giuseppe9000

the pacch is end

Flyn

Probabilmente avranno una sede commerciale e legale in USA e le aziende dell'indotto sono tutte USA. Se Trump gli ordina di non vendergli nulla...Sono fregati.

Leon

Se hai letto l'articolo.. c'è la risposta alla tua domanda

camillo777

Ma allora come fa Trump a rompergli le balle? Non deve essere una azienda americana?

Flyn

ZTE è cinese infatti :)

Utente9000

In realtà, se hai letto l'articolo precendente, capirai che azzoppare ZTE in Usa significa azzoppare Apple in Cina.

La tensione commerciale è alle stelle e nessuna azione rimane impunita. Apettati una reazione uguale e contraria.

Flyn

Anche di wind e 3

Top Cat

ZTE good bye.

camillo777

Pensavo che ZTE fosse cinese!

ayeyebrazorf

chissà quanti Iphone X ha dovuto sborsare Apple per boicottare ZTE.

Daniele Cosentino

Muricani. Scrivi bene xD

qandrav

in altri lidi ho letto che zte si dovrebbe occupare delle antenne iliad, qualcuno ne sa qualcosa?

matiu2

è finita la pacchia...

Georgi Mihaylov

ma certo, tutto questo solo per favorire gli amerikani come apple.

Recensione Samsung Galaxy A51: pronto a conquistare la fascia media

Tre settimane con Huawei Mate 30 Pro: il punto su foto e autonomia

OnePlus Concept One, fotocamere invisibili grazie al vetro elettrocromico | Anteprima

L'identikit degli smartphone TOP di gamma 2020: più cari, più grandi, 20:9 e 5G | Video