Scoperta la fonte delle misteriose microonde stellari

13 Giugno 2018 26

Avvistati circa 20 anni fa, ad oggi è rimasta avvolta nel mistero l'origine dei flussi di microonde provenienti dalle zone più interne della Via Lattea, tuttavia il rompicapo potrebbe aver trovato una risposta scientificamente dimostrabile.

Le conclusioni arrivano dopo la raccolta dei dati raccolti dal Green Bank Telescope in West Virginia e dell'Australian Telescope Compact Array nel New South Wales, dispositivi che sono stati in grado di osservare degli anelli di polvere che circondano alcune stelle a 500 anni luce da noi. Si è così scoperto che solo le stelle circondate da queste grandi quantità di particelle emettono le microonde, si è poi osservato che la polvere è formata da veri e propri diamanti di dimensioni nanometriche.

queste emissioni anomale furono individuate per la prima volta nel 1996, in quell'occasione la NASA grazie al satellite Cobe, realizzò una mappa delle radiazioni residue dai tempi del Big Bang, che vi proponiamo a seguire.


Nella mappa sono ben visibili le zone più luminose che identificano le frequenze delle microonde. Fino ad oggi, la spiegazione più accreditata parlava di microonde provenienti da granelli di polvere composti da molecole ricche di carbonio chiamate idrocarburi policiclici aromatici (IPA). Ma il dubbio è stato gettato su quella teoria quando gli astronomi hanno notato che le microonde non provenivano sempre dagli stessi luoghi.

Si deve più al caso che alla ricerca la spinta finale alla scoperta: nella speranza di osservare dei pianeti in formazione, l'astronomo Jane Greavees dell'Università di Cardiff, osservò i dati derivanti da 14 stelle giovani, rilevando un picco di microonde anomalo. Si è poi scoperto che la luce infrarossa derivante da queste sorgenti, coincide perfettamente con quella prodotta dai nanodiamanti idrogenati, formati nei dischi protoplanetari. Sebbene la presenza di nanodiamanti fosse nota da anni, questa è la prima volta che viene stabilita una connessione concreta con le emissioni di microonde anomale, fino ad oggi sconosciute.

Per saperne di più sull'argomento e sulle precedenti ipotesi, scartate per esclusione grazie alla recenti scoperte, vi rimandiamo alla lettura della pubblicazione originale della ricerca, avvenuta su Nature Astronomy al seguente link.



26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
franky29

Le microonde sono raggi infrarossi , che non vengono prodotti dagli alieni , ma vengono generati dai nanodiamanti che sono presenti nelle formazioni di dischi proto planetari , cioè l'ammasso che è una stella prima di formarsi .

Dwarven Defender

Io ti posso rispondere solo con:

“Tic tac ! Che ora è?
È ora che ti decidi tu !
L’amore che mi hai promesso, col cavolo che arriva più!
Tra tic e tac e tac e tic... nell’attesa mi si è rotto l’orologio...”

drake

Non era stato bender quando sono tornati nel passato per permettere a fry di essere il nonno di se stesso?

Dwarven Defender

Le microonde sono le onde elettromagnetiche di lunghezza più ampia dopo le onde radio e hanno lunghezza d’onda nell’ordine dal millimetri al metro... per quanto ne so la lunghezza d’onda dovrebbe influenzare la capacità dell’onda di interagire con i corpi che investe, ovvero la lunghezza d’onda riesce ad interagire con corpi con una scala dimensionale paragonabile: non credo sia un caso che i nostri fotorecettori (le cellule cono e bastoncelli) sono grandi circa 500nm e la luce visibile ha una lunghezza d’onda che va tra i 400 e i 700 nm mentre le antenne della auto sono lunghe una ventina di cm per captare onde con frequenza intorno ai 100MHz e con una lunghezza d’onda proprio di decine di cm mentre con i raggi X si vanno ad inviduare oggetti con dimensione di qualche decina di nm che è proprio la lunghezza d’onda dei raggi X... scrivo questo da amatore dilettante e superficiale di questi argomenti

Frankbel

HDFocus, dove la scienzia è trattata con assoluta incompetenzia.

Vash

gli avevo detto a niccolo di nun magna' fagioli #maremmamajala

Raphael DeLaghetto

Siamo su focus ?non era il canale 35 del dtv

Steen

Esatto, se non sai leggere non è colpa mia

Ginomoscerino

quindi ci sono dei forni microonde nello spazio che si propagano?

deepdark

Ok grazie

Daniel Ocean

La distanza che un'onda percorre dipende dalla "potenza" della fonte.
La luce emessa da una lampadina illumina un'area decisamente minore di quella emessa dal sole, per fare un esempio banale.
Per quel che riguarda la potenza, no, onde "micro" (ovvero con una lunghezza d'onda piccola) non hanno bisogno di scarse quantità di energia per essere generate, come non è vero il viceversa.
Spero di essermi spiegato bene.

deepdark

Si infatti, vorrei capire se rispetto a tante altre onde la potenza richiesta era maggiore.

marcy9487

Oppure "quadrante YouP0rn".

IlRompiscatole

Che per comodità chiameremo "quadrante Tinder"

giuseppe9000

la distanza "percorsa" di onde elettromagnetiche dipende solo da quanto è energetica la fonte che le emette, non dal tipo di emissione

tutto si propaga, dai raggi gamma alle onde radio, microonde e luce visibile sono nel mezzo dello spettro

più le onde sono micro e più alta è la frequenza (le sinusoidi si ripetono più velocemente)

marcy9487

Probabilmente è una porzione di galassia dove vivono molti single.

Pistacchio

E basta

Pistacchio

È il forno di Callea, tranquilli

Vash

ok, cisto che andiamo su marte mi porto dietro un guadino akkiappafarfalle.... due o tre diamanti non mi fanno skifo ^.^

deepdark

vorrei capire una cosa, di solito più le onde sono micro e meno distanza coprono, se non erro, ciò vale anche nello spazio vuoto?

u

Sinceramente... non ci ho capito una mazza! :)

DarkVenu

Nanodiamanti... brivido lungo la schiena...

Top Cat

Veramente io ti incoraggerei!

Top Cat

Le conclusioni arrivano dopo la raccolta dei dati raccolti dal Green Bank Telescope in West Virginia vicino al Vault 76!

Ma che strana coincidenza!

Steen

Mi vergogno tanto, scusatemi https://uploads.disquscdn.c...

Account Anniversario

Un microforno a microonde a pannelli solari che qualcuno ha lasciato acceso, con il vetro rotto, Taanti anni fa.

Hardware

RECENSIONE Intel Core i9-9900K l'octa-core da 5 GHz è una scheggia

Android

Recensione Google Pixel 3 XL e confronto con Pixel 2 XL

Alta definizione

RECENSIONE GoPro Hero 7 Black Edition, la stabilizzazione è il punto di forza

Asus

Recensione Asus ROG Phone: il piacere del gaming da smartphone