Microsoft Project Natick: i data center sottomarini passano alla fase 2 | Webcam

09 Agosto 2018 74

Aggiornamento 09/08:

Microsoft ha installato due webcam esterne che permettono di vedere da vicino l'ambiente e la fauna nei dintorni del data center. Si possono guardare dal sito ufficiale del progetto, basta cliccare QUI.


Articolo originale - 6 giugno

Un data center che opera dal fondo dell'oceano, sfruttando la temperatura dell'acqua per il raffreddamento e ricavando energia dalle correnti marine: sembrerebbe l'ambientazione adatta per una delle avventure di James Bond e invece è tutto vero. È stata infatti appena avviata ufficialmente la fase 2 di Project Natick, l'avveniristico progetto di Microsoft per installare e gestire data center subacquei a emissioni zero.

La fase 1 aveva preso il via nel 2015 con un prototipo sperimentale che era stato immerso a un chilometro dalla costa Pacifica degli Stati Uniti, e prosegue ora in Europa con l'implementazione di un datacenter sottomarino al largo delle Isole Orcadi, a nord della Scozia, che sta già processando carichi di lavoro attraverso 12 rack contenenti 864 server. Il sistema richiede un quarto di megawatt per funzionare a pieno ritmo, energia che proviene da fonti rinnovabili.

L'installazione del data center sottomarino al largo delle coste scozzesi

Il team di ricercatori ne monitorerà il funzionamento per un anno, considerando anche la sostenibilità dal punto di vista economico, ambientale e logistico. Il progetto nasce in un orizzonte in cui il Cloud Computing è sempre più utilizzato e rappresenta un volano per la crescita economica, rendendo sempre più centrale il ruolo dei data center.

Il posizionamento nell'oceano, inoltre, permette una maggiore contiguità rispetto agli utenti finali, dato che oltre la metà della popolazione vive entro 200 km dalla costa, riducendo così il tempo di latenza (ovvero il tempo necessario ai dati per viaggiare dalla fonte alla destinazione) e offrendo di conseguenza prestazioni migliori.


74

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
RogFan94

Se non erro, verificate in prima persona per certezza, l’i5 è di settima e nella versione base il Surface è sprovvisto di GPU discreta, è presente solo quella integrata.

Simone

Come 7a?

Non era di 8a?

RogFan94

Puoi darmi del tu! Perché è uno degli elementi che persone anormali valutano nell’effettuare un acquisto. Non si può non considerare le politiche di diversificazione temporale dei prezzi prima di valutare l’acquisto di un prodotto. L’oculatezza dei consumatori rafforza la posizione della domanda rispetto a quella dell’offerta. Se c’è una domanda consistente che valuta un prodotto 1100 e questo è venduto nuovo a 1000 per un periodo limitsto di tempo, perché non valutare la rivendibilità nel breve medio periodo?

Luca Lindholm

Bene, e allora perché parlava di rivendibilità?

Una persona normale un oggetto lo compra per usarlo, senza pensare a quanto possa rivenderlo tra tot tempo...

RogFan94

Stai parlando con chi sta seriamente pensando di acquistarlo! Vengo da 4 anni di Surface Pro 3 base che inizia a sentire il peso dell’età e soprattutto dei soli 4 GB di Ram, con la permuta e questa offerta pagherei questo surface book 2 circa 750 euro e ci eto facendo un pensierino visto quello che offre rispetto a molti ultrabook della concorrenza, impossibili da portare a casa a meno di 1200 euro.

Luca Lindholm

Usarlo, no eh?

-.-

scrofalo

Ma perché ancora non ti hanno assunto invece di buttare via miliardi sbagliando tutto ? Poveri pazzi .

Chirurgo Plastico

Peccato per i 128 giga di ssd

troublemaker (Matt)

progetto natica. quella che serve per farlo funzionare. microsoffice sempre al passo con le parolone per i progettini.

RogFan94

Sì: i5 di 7a, 8 gb di Ram, 13,5”. A quel prezzo comprensivo di penna credo sia rivendibile a qualche euro in più visto che fino a 20 giorni fa stava 300 € sopra.

Lolloso

minchi4 ma è già arrugginito ?

Simone

Wow, versione base?

Il prezzo è molto interessante

Simone

Sisi su questo sono d'accordo, soprattutto conoscendo Microsoft

RogFan94

Segnalo Surface Book 2 con penna inclusa a 999 euro su Microsoft Store.

deepdark

Lord Kelvin

Mistizio

e chi ti dice che costui non sia il nuovo leonardo da vinci

Mistizio

di sicuro hanno messo paccottiglia cinese, quindi che vuoi che gliene freghi di qualche euro... in più che vuoi che cambi per qualche giga di ram in meno o qualche led rotto. Spiacente, ma anche se te ne sei uscito con osservazioni argute e innovative, alla MS non ti assumeranno

MatitaNera

Non immateriale ?

deepdark

No. la quantità di energia in gioco è letteralmente nulla in proporzioni alla quantità di acqua e alla sua temperatura. Buttiamo in mare miliardi di tonnellate di acqua calda per le centrali elettriche, cosa vuoi che sia? Anzi, considerando che per raffreddare un sistema simile normalmente c'è un sistema che di suo produce altro calore e consumo anche elettricità (che a sua volta produce altro calore), a conti fatti il bilanciamento termico è infinitamente a favore di questo sistema.

MatitaNera

non abbiamo ancora la certezza che questo proseguirà..

deepdark

Si saranno fatti i loro calcoli, non credi?

Simone

Credo che lì la temperatura sia molto bassa, la massa molto elevata...

E il calore non sufficiente a creare moti acquatici.

Poi presuppongo che questi datacenter abbiano un sistema di raffreddamento interno, con dissipatori ad aria e liquidi.

Prenderanno una piccola quantità di acqua a -5° per esempio, la porteranno a 120(sfruttando la conversione che per la legge della termodinamica significa tantissima energia, piu del doppio di quella necessaria a portare L'acqua da -5 a 100°) e quindi molta più efficiente, poi una volta rilasciato sottoforna di vapore salirà in fretta fino a condensarsi senza creare moto eccessivamente turbolenti

Simone

Progetto molto interessante e sensato soprattutto.

Molto di più di quello di altre multinazionale che a volte sembrano essere fatti per farsi pubblicità e poi chiuderli

Sagitt

LOOOOOL. potrebbero essere buoni come datacenter di backup

Samuele Manfrin

Mica male, un datacenter in fondo al mare per 5 anni. Quindi se si brucia un alimentatore, una RAM o una segata qualsiasi, ci vogliono 5 anni per fixarlo. Perfettamente in linea con le politiche Microsoft :D

Lele

Ma li leggete i post? Ho detto che SOLO con i datacenter non si cambia sensibilmente lo scenario mondiale del risparmio energetico come invece detto da vincenzo... Stavo rispondendo a lui, punto. Non ho detto che non sono buone iniziative, ho solo risposto a lui che solo i datacenter non cambiano il mondo!
Iniziamo piuttosto ad impostare temperature di aria condizonata e di riscaldamento a valori adeguati (soprattutto negli USA sono dei fanatici e tengono temperature insensate)... Quello sí che impatterebbe in modo sensibile il clima mondiale! Basterebbe tenere 19-20 gradi in inverno e sui 26-27 gradi d'estate... E non servirebbero tutte ste pippe, basterebbe sensibilizzare la gente e fare controlli adeguati

wiggaz

Vabbè ma qual è il tuo punto allora? Non facciamo niente, non progrediamo in nessun senso perché tanto non risolve altri problemi? È un discorso senza senso. Ben vengano progetti come questo e mille altri ancora.

Lele

Ma che caxxo di discorso é, allora facciamo 100 interventi da 1% cosí portiamo a zero il tutto... Sono discorsi senza alcun senso logico.

E comunque io rispondevo all'affermazione che SOLO questa iniziativa cambierà lo scenario dell'inquinamento mondiale... Che, ripeto, é una baggianata.

È una buona iniziativa per ridurre il consumo? Certo, ma non é che risolvi il. Problema della co2 mettendo qualche datacenter sott'acqua

LaVeraVerità

Perchè, come gia detto, forse si potrebbe sfruttare la struttura delle pale eoliche per accedere (per manutenzione) al datacenter subacqueo.

Lonza

credi che anche 1000 di quei conteiner creino calore comparabile ad un singolo vulcano sottomarino? E' come dire che fumare è dannoso per l'inquinamento atmosferico

Lonza

ma perché complicarsi la vita nell'integrarli nella base delle pale eoliche. Se li metti semplicemente in rete non è meglio?

Antsm90

Se prende piede, 1000 di quei container li riempi facilmente

Alessio Ferri

50 interventi da 1% e hai dimezzato il consumo, ti dico solo questo.

TeoCrysis

Già ci sono i cavi sottomarini che attraversano gli oceani, non penso sia un problema.

Antsm90

Bisogna però vedere gli impatti che il calore dei data center (che non é affatto poco) avrà sull'ambiente marino

I sottomarini ci faranno tiro al bersaglio scambiandoli per missili

Babi

Se prenderà piede ridurrà l'oceano uno schifo???
Perché adesso com'è??

Lele

Guarda, non voglio sembrare quello che va contro a queste iniziative, ma non é questo il problema dell'inquinamento mondiale.
Anche perché di quel 3%, solo un terzo, circa, é la quotaparte relativa al raffreddamento dei server... Tutto il resto del consumo é inevitabile e non viene eliminato o diminuito da questa iniziativa.

Aster

Fanno più danni i termocentrali

Alessio Ferri

I datacenter da soli rappresentano il 3% di consumo di energia nel pianeta. Se da 3% diventa 0.75% io vedo una bella differenza, se poi questo 0.75% viene da fonti rinnovabili è tutto guadagno.
Inoltre è tutto consumo di suolo in meno

Alessio Ferri

Scusa ma questo va bene per le cdn, ma i dati devono stare vicino alle unità di elaborazione, inoltre sembra che tutti offrano SSD (Hosting Shared/Cloud & VPS), evidentemente si rompono meno.

Alessio Ferri

1/4 della potenza consumata è tanto e i condizionatori non sono gratis comunque.
Secondo me anche se risparmiano il 20% ne vale la pena.

Alessio Ferri

100% d'accordo, ottimo anche per la riduzione del suolo occupato per i datacenter

Marco Mazzocchi

Beh chiaramente non intendevo un riscaldamento di tutto l’oceano, ma solo della parte dove sono collocate quelle supposte. Boh l’idea è geniale, però temo che se prenderà piede ridurrà l’oceano uno schifo come abbiamo ridotto la terra ferma

19e20

Non me ne intendo a tal punto, ma suppongo che - essendoci pure falde sottomarine con fuoriuscita di materiale a temperature molto più elevate, ed essendo la massa oceanica infinitamente volte più grande di questi data centers - non ci sia praticamente nessun riscaldamento tangibile dell’acqua dovuto a questo

Marco Mazzocchi

Il riscaldamento dell’acqua potrebbe avere un effetto dannoso sulle specie animali ?

Lele

E questo cambierebbe lo scenario climatico? È sicuramente una mano santa, certo, ma ciò che impatta pesantemente sul clima é ben altro

Davide

li piazzano in mare per evitare di dover spendere in aria condizionata per la dissipazione e già questo fa guadagnare. Fare un certo oversizing e prevedere tot anni senza manutenzione credo sia fattibile visto che abbattono il costo principale.

Davide

ma va, se fai via satellite rendi inutile l'intera infrastruttura. Come minimo avresti latenze di 1 secondo.
Banalmente tireranno dei cavi in fibra fino a lì (in fase implementativa) mentre per adesso immagino siano server vecchi usati solo come test.

LaVeraVerità

Posti alla base di pale eoliche offshore forse potrebbero sfruttarne l'energia e la struttura come sistema di accesso. Ovviamente detto da ignorante.

Huawei

Huawei Ban | Reazioni e conseguenze delle ultime 48 ore: possibile Huawei OS? | VIDEO

Honor

Honor 20 e 20 Pro ufficiali: caratteristiche e prezzi | Video Anteprima

Android

Google sospende la licenza Android a Huawei dopo il ban di Trump: reazioni

Huawei

Recensione Huawei P Smart Z, full-screen e camera pop-up a 279 euro