Square Enix abbandona la serie Go: i giochi premium su mobile non hanno vita facile

04 Giugno 2018 35

Square Enix ha deciso di abbandonare i giochi della serie "Go" (Hitman, Lara Croft e Deus Ex) ma non lascia il mercato mobile e sta già pensando a nuovi progetti, questa volta però free to play.

Ai microfoni di PCGamesInsider, Patrick Naud di Square Enix ha infatti dichiarato che la software house non è più al lavoro su nuove voci del franchise, in quanto i risultati ottenuti da Hitman, Lara Croft e Deus Ex Go non hanno soddisfatto le aspettative dell'azienda e il problema sembra derivare dal metodo di distribuzione.

I titoli su Google Play e App Store infatti non sono gratuiti e Naud sostiene che, nonostante i titoli siano stati promossi dalla critica e i ricavi non siano mancati, le vendite non hanno comunque portato i risultati sperati in quanto nel mercato mobile il settore dei giochi premium non funziona più.

La serie Go è stata una grande avventura per noi come studio: abbiamo sviluppato tre giochi, apprezzati dalla critica ma la sfida più difficile è stata quella di distribuirli in versione Premium. Su tablet e smartphone ci sono sempre più titoli di qualità gratuiti, di conseguenza le persone sono meno invogliate a provare qualcosa che non sia gratis.

Patrick Naud sottolinea comunque che Square Enix non ha nessuna intenzione di abbandonare il settore mobile. L'idea quindi è quella di continuare a creare titoli per tablet e smartphone offrendo nuove esperienze di gioco, rivisitando IP storiche e garantendo un supporto costante, il tutto però cambiando metodo di distribuzione.

Al momento ovviamente Patrick Naud non è sceso nei dettagli ma è molto probabile che Square Enix abbia già un nuovo gioco da proporre sul mercato mobile.

Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, in offerta oggi da ASUS eShop a 499 euro oppure da Unieuro a 559 euro.

35

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
noncicredo

Così già è diverso......

giorgio085

hai ragione, in parte... personalmente non giocherei mai un titolo impegnativo su smartphone, tendo sempre a scaricare giochini arcade o cmq poco impegnativi, giusto per svago.

noncicredo

Colpa vostra che giocate su smartphone o tablet: andreste fucilati.

La bocca della Verità

Il fatto è che i casual si sono spostati tutti su ps4, la console di chi di videogiochi non ne capisce un c4zz0.

La bocca della Verità

E gli rispondi pure... boosuka è un id10ta, puzza di troll a ogni post

giorgio085

non li scarico nemmeno, prendi angry birds, ho consumato l'1, ho consumato lo space, pagando 99 fottutissimi cents per rimuovere la pubblicità e giocare quanto volevo, poi arrivò il 2, nessuna pubblicità di togliere pubblicità e vite, strazio, rimosso dopo 2 giorni.

Mao Tze

Sono mercati diversi, il giocatore "classico" li spende 70 euro per un gioco, è abituato da sempre a farlo, il giocatore da smartphone non è abituato a spendere soldi per giocare.

engciv

Carissimo,
credo si capisse benissimo cosa io stessi intendendo, ma grazie comunque per la precisazione. Apprezzo però il fatto che cerchi di rendere, in modo gentile (cosa assai rara negli ultimi tempi), l'Internet un posto lessicalmente corretto. Abbiamo bisogno di più persone come te!

AleLiam

Ti correggo: una tale cosa, o è portatile o non lo è. Non può essere "più portatile". Si definisce "portatile" un dispositivo che non dipende costantemente dalla corrente elettrica (con una batteria insomma) e quindi non-fisso in una postazione. "Tascabile" e "portatile" non sono sinonimi. In questo senso sì, è corretto dire che uno smartphone sia più tascabile di un notebook.

M.S.

A me Lara Croft Go è piaciuto davvero tanto

Alberto

Ma la serie go sono i giochi puzzle? Perché si vede che si li filavano poco visto i movimenti limitati...sono fisso ad 1€.

Davide Scarioni

Peccato, Hitman e Lara Croft li ho davvero apprezzati.

engciv

Sì, ma Switch (in generale le console portatili) e smartphone sono due cose completamente diverse. C'è un abisso tra le due categorie, l'unica cosa in comune che hanno è che sono portatili, chi più, ovvero gli smartphone, chi meno, ovvero Switch.

Claudio

Esattamente cosi`, io li avevo pure comprati tutti e tre in offerta a 1 euro. dannazione un euro, ma giocavo quando mi pareva, salvavo quando mi pareva e se volevo giocare un ora o 5 minuti potevo farlo. adesso son tutti giochi a tempo, infarciti di pubblicita` e che ti costringono magari a entrare in game ogni 2h per poter fare qualcosa...

Biso22

O la serie Cube Escape

Simone31

E degli acquisti in-app, in certi giochi se non apri il portafoglio non hai praticamente nessuna possibilità di andare avanti.

Pip

Chissà perché giochi veramente belli vendano fottilioni nonostante costino 5 euro...
Vedasi la serie di the room

Richman

io li ho comprati tutti, erano carini dai.

Bohh!

Nooooo!

B3K

Ah.

davide

Ma non è vero che i giochi premium non sono adatti al mobile... Solo bisogna impiegare strategie un po differenti e puntare sui grandi numeri.

Vi ricordo come Square Enix sia l'unica software house a vendere sugli store mobile i suoi titoli a prezzi che in alcuni casi sfiorano i 30€ e tipicamentene si aggirano sui 19€...

Vive

Vi ricordate quando quelli di Angry Birds dissero che il futuro del gaming è sui telefoni, le console sono morte?

Sto ancora ridendo.

Vive

Switch non è mobile, ma neanche lontanamente.

Per mobile si intende il business model delle app su smartphone dove se non è gratis al download non ti incùl@ nessuno.

boosook

Ho fatto per rimarcare che il problema non è il prezzo... Per Zelda, la gente i 70 euro li ha spesi. Evidentemente la serie GO non valeva comunque quello che chiedevano.

boosook

Vero, ma è anche vero che SE ha su mobile prezzi altini e qualità insufficiente.

lars_rosenberg

E' vero che non sono innovativi, ma sono comunque buoni giochi.
Non c'è nessuna corrispondenza diretta tra innovatività e qualità.

Jil.10

La serie GO no costava 70 euro.

boosook

Zelda Breath of the Wild è un gioco premium su mobile, mi sa che il vero problema è nella loro definizione di premium...

Nicola Ramoso

Sono d'accordo sul fatto che ormai sono molto simili tra loro però i primissimi capitoli erano molto interessanti.

macosx

Ma non c'è nulla di innovativo, ci sono mille rompicapi simili, gratuiti, la presenza di Lara o dell'agente 47 sicuramente non invoglia a comprare questo gioco.
Sicuramente come gioco premium è più apprezzabile un porting di life is strange (in uscita) piuttosto che titoli mobile sempre uguali.

Nicola Ramoso

Vero. Ricordo com'era la situazione otto anni fa quando comprai un iPod Touch a poco prezzo: spendevi 2-3 euro e installavi giochi ben fatti e completi.
Adesso invece non paghi ma sei costantemente fermato da barriere temporali e continue. In pratica i telefoni di oggi hanno chip grafici potentissimi che servono solo a far girare sterco.

Lughi

Severo, ma giusto.

Sul serio.

Nicola Ramoso

Hanno sempre ricevuto delle buone recensioni invece sia da parte della critica che dei giocatori.

macosx

Non per nulla ma questi giochi fanno schifo, la serie go è pessima

giorgio085

colpa vostra che vi accontentate delle pubblicità ogni 3 secondi pur di non spendere 2 schifosissimi spiccioli.

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti

Asus Rog Phone 2: tutto su accessori ed esperienza gaming | Video Recensione

Nintendo Switch Lite: le nostre prime impressioni | Video Anteprima

Recensione The Dark Pictures: Man of Medan; l'atmosfera horror c'è ma non basta