Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Apple rifiuta di pubblicare Steam Link su iOS per un apparente conflitto d'interessi

25 Maggio 2018 122

Apple chiude la porta a Steam Link, il popolare servizio di streaming di Valve, che permette di giocare a numerosi titoli della piattaforma Steam, direttamente dal proprio smartphone. L'applicazione per iOS è stata recentemente rifiutata a seguito della richiesta di pubblicazione in Apple Store, al contrario della versione beta per Android già disponibile da giorni.

Ancora poco chiare le motivazioni che avrebbero spinto la casa di Cupertino verso questa scelta, sebbene la conferma di questa spiacevole situazione sia arrivata per mano del portavoce di Valve, Doug Lombardi, in una dichiarazione rilasciata alla redazione di Reuters:

"Il team ha trascorso molte ore su questo progetto e sul suo processo di approvazione, siamo quindi molto delusi. Speriamo che Apple riconsideri tutto per il futuro"

Valve avrebbe già fatto ricorso, spiegando che Steam Link funziona come un semplice desktop remoto in maniera molto simile ad altre applicazioni, presenti in Apple Store. Una motivazione che per il momento non ha convinto la società, lasciando Steam Link per iOS, confinata nel limbo dei suoi sviluppatori.


122

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
noncicredo

Sì, come se fosse antani sennò posterdati soppaltate ....

Jam

Ti volevo far pensare sul perché quel termine al posto di un altro.

noncicredo

Al max potevi darmi del troll, ma fake cosa c'azzecca?

vincenzo

Sicuro? Io ho provato per pochi secondi la versione Android TV (su WiFi non mi ha mantenuto la connessione) e mi pare sia un mirror integrale della big picture mode quindi anche del browser completo... Senza dimenticare i film di Steam che fanno concorrenza ad iTunes

Jam

Pagah polloh, paga schiavo digitale che si priva dei suoi diritti e trae gioia da tale asservimento.

Jam

Non ho voglia di leggere tutto. Mi fermo a store privato.
Ecco, arriverà il punto in cui sarà si privato, ma non capestro e paramafioso.
Dove finalmente qualcuno, indipendemente dalla posizone dominante o meno, voglia tutelare il diritto del consumatore a scegliere il servizio preferito senza che la concorrenza interna di apple coi suoi servizi tagli le gambe.
Perché pur di diversificare il business, prima o poi, questi big saranno tentacolari in ogni dove. Se poi non xi vedete qualcosa di terrificante beh, non avete colto nemmeno il problema.

Rudi Stival

Che fastidio, non vedevo l’ora di provarlo. Speriamo risolvano e lo pubblichino al più presto, inoltre la storia del conflitto d’imteressi Mi suona strana non avendo Apple nessuna app del genere di suo possesso che possa trovarsi a fare concorrenza. Anzi, app simili a steam link già ci sono da anni nello store, vedasi moonlight

Febiz

Vabbè ma è uno store privato con regole proprie, che ci si aspetta da una giustificazione? Potrebbero pure creare dall'oggi al domani una regola che vieta app che iniziano per S e sarebbe tutto normale.

In ogni caso quale sarebbe una possibile regolamentazione per questi store? Alla fine di solito i problemi si pongono sui monopoli mentre quello di Apple ha una quota bassa di mercato che mi sembra strano qualcuno possa pensare di dirgli cosa possono fare, perchè se così fosse si potrebbe entrare in qualsiasi catena di supermercati medio grossa e dire, per esempio, tu devi vendere quel prodotto lì, quell'altro no, devi esporre quel prodotto meglio anche se ti garantisce meno guadagno del prodotto simile venduto da altri e cose del genere, succede questo nella realtà?

Poi certo le commissioni non piace pagarle a nessuno, però alla fine a quanti fa schifo la pubblicità gratuita che ti prendi quando è possibile trovare i tuoi prodotti in un determinato posto? Quanto costerebbe agli sviluppatori, anche piccoli, mettere su la propria infrastruttura o affidarsi ad un mercato terzo perchè tutti possano scaricare la propria app e godere di eventuali servizi online in tutto il mondo senza problemi, quanto costerebbe proteggere la propria applicazione dall'essere copiata e ridistribuita senza autorizzazione?

Su PC ad esempio gli sviluppatori preferiscono pubblicare su Steam nonostante non ci sia nessun obbligo, mi sembra alle stesse percentuali prese da Apple, proprio perchè sanno che i servizi ricevuti (pubblicità, server, drm ecc) valgono la spesa. E lì ci sarebbe lo stesso discorso da fare, è uno store privato, l'altro giorno ha deciso che determinati contenuti non li voleva e li ha fatti fuori, va quindi regolamentato? E se sì, come?

Personalmente ritengo che le commissioni alla fine siano costi di gestione per servizi richiesti, si può discutere sul fatto che il prezzo sia elevato o meno, ma di sicuro non paghi per nulla.

matteventu

Non lo ha nemmeno Steam Link.

Gaspare Monte

Solite notizie riportate incomplete e senza nessuna spiegazione.
Le linee guida per poter pubblicare su app su Apple store sono chiare :
Uno sviluppatore che sia pinco pallino o Valve non può proporre acquisti in app che non passano da apple per dei semplici motivi.
1) Stai vendendo nello store apple è giusto che lasci la quota ad apple ( funziona cosi in tanti ambiti, ad esempio io ho comprato ipad pro + tastiera logitech direttamente nel sito apple..la tastiera la fornisce logitech, apple gliela fa vendere e logitech gli molla una percentuale )
2) E' più sicuro per gli utenti perchè se ti truffano con un acquisto in app e i soldi non passano da apple è probabile che i soldi non li vedi più. Invece per come stanno le cose adesso se ti truffano o semplicemente compri per sbaglio , contattando apple in 5 minuti hai di nuovo i soldi (ovvio che in questo caso valve è un azienda seria ma la regola devono rispettarla tutti e apple non può fare distinzioni).

Chirurgo Plastico

A me sembra che Apple abbia un palese conflitto di interessi con alcune app, vedi spotify.
Tu non puoi essere il venditore dove tutto passa per il tuo negozio e avere app che fanno concorrenza proprietarie.
Gli store dovrebbero essere gestiti da terzi

Jam

Aprire i mercati e favorire la concorrenza si chiama liberismo.
Qui il fake sei tu, non io.

ghost

Nel dare soldi a qualcuno che non sia apple

Daniele Bagaglini

È una situazione abbastanza ridicola. Su Apple TV esiste già Kino Console, per esempio, che permette lo streaming locale della propria libreria Steam sulla TV.
A rigor di logica Apple dovrebbe rimuoverla perché è, in tutto e per tutto, uno Steam Link non ufficiale.

E K

Brutta cosa... Pensavo che come sistema open si fosse preoccupato di tutte le piattaforme... compra un mattoncino 10" android a 60 euro e usalo solo per quello, tanto molto di piú non puó fare.

WryNail

Insomma...ma hai visto che router ho?

Stech1987

La fibra non c'entra proprio nulla: stai confondendo streaming locale e streaming remoto. Le prestazioni in locale non sono dipendenti per nulla dalla velocità della tua connessione, ma solo ed esclusivamente dalla qualità della rete locale (per assurdo potrebbe funzionare anche con router disconnesso dalla rete internet)

Stech1987

Da possessore ti dico che ciò che dici non è vero: in wifi ha prestazioni ottime, a patto di avere un router decente... Sarebbe come prendersela con la Ferrari perché "non è vero che raggiunge i 300km/h! Ho provato sul ghiaccio e non ci arriva!"

WryNail

no...non c'è purtroppo.

CAIO MARIOZ

Questo è uno dei casi da far analizzare agli enti europei

CAIO MARIOZ

Apple ridicola in questo caso

ErCipolla

"Ho sentito di un tizio che viveva con la porta sempre spalancata e l'hanno rapinato... per fortuna che io vivo in un bunker sotterraneo senza finestre, così a me non succede!"

Perdonami... ma che ragionamento del ca**o è? Ma le mezze misure non esistono più? Vorrei più controlli di sicurezza sul Play Store e meno censure dettate da interessi di portafoglio su App Store, mi pare abbastanza ragionevole come concetto.

noncicredo

Hai ragione, kompagno!

Jam

Non voglio cercare analogie passate che sono difficili da analizzare ancora adesso.
Non voglio cercare necessariamente un precedente che faccia giurisprudenza.
É semplicemente una cosa giusta. Gli store virtuali sono dei mercati in forma digitale, e come tali necessitano di regole uguali e concorrenziali. Spotify non può venir taglieggiata da una sua concorrente, punto e basta.
In quest'era é tutto fluido e bisogna adattarsi. 10 anni fa poteva anche valere la stupida frase del:"store mio regole mie". Adesso é una posizione anacronistica che non tiene conto dell'evoluzione delle cose.

takaya todoroki

Alla fine sicuramente lo dirai (cit.)
l'ho visto sulla sfera di cristallo.
la stessa che hai usato tu, lol!

Edoardo Motta

Mi quoteresti gentilmente la parte in cui l'ho definita "fake news"?

takaya todoroki

fermi tutti.
Siccome tale 'Edoardo Motta' ci garantisce che prima o poi arriverà, allora nessun problema!
Polemiche inutili e basta con questi articoli 'fake news'!

LOL

Edoardo Motta

Era una risposta ironica al commento sulla censura.

Alla fine questa app di Steam sicuramente arriverà su App Store, solito casino per nulla.

takaya todoroki

ti sembra che l'app torcia sia paragonabile all'app di steam?

Edoardo Motta

Almeno su allo store non ti ritrovi app "torcia" che ti richiedono il permesso di entrare anche in bagno mentre fai la doccia.

Utente9000

Anche perché gli enti governativi sono già intervenuti in passato su questioni che in teoria non li riguarderebbero.

Vedi la multa dell'UE a Microsoft quando cercarono di spingere Edge a discapito della concorrenza.

Jam

Ma é ovvio. Ormai per come si sono evolute le cose ci sono servizi quasi fondamentali o comunque di interesse pubblico. Quando apple o google si espanderanno al punto tale da concorrere con analoghi servizi esterni che da anni vivono con la loro app cosa dovrebbe succedere? Quello che già spotify vive sulla propria pelle, ovvero pagare il pizzo ad apple che a sua volta é un diretto concorrente.
Non può più esistere una demenzialita del genere.
Apple dovrebbe limitarsi a valutare la sicurezza intrinseca dell'app, lasciando perdere eventuali giudizi morali, come quando eliminarono app che mostravano la bandiera sudista, o altre amenità varie.

Utente9000

Giustissimo, la favoletta della "La palla è mia e ci gioco io" non tiene più.

Gli store vanno regolamentati.

Jam

Gli amici apple rangers tacciono perché, giustamente, stanno aspettando i comunicati stampa apple che dicano loro quale giustificazione addurre per tale scelta.

Bisogna dire alla buona cecilia, commissaria UE, che é ora di regolamentare i marketplace privati come fossero un normale mercato. É intollerabile questo pizzo ingiustificato.

Ansem The Seeker Of Darkness

E' il target dell'applicazione. Dubito che avrà 100 milioni di download, ma quelle 10mila persone che la useranno almeno possono provare.
Poi la vedo più utile su apple TV che su iphone personalmente

WryNail

Concordo, e concordo anche che l'iPhone è pessimo in ricezione,sia Wifi che Dati...ma l'utente esperto non è mica il target della mela.

E K

Machinarium mi é piaciuto, e l'ambiente non é troppo diverso da quello di Deponia (dal tedesco deponie=discarica), solo che é troppo politically correct.
Io su smartphone android uso la SCUMM VM esiste per ios? Nel caso hai risolto, ci gira tutto.

Ansem The Seeker Of Darkness

Un'utente abbastanza esperto da conoscere steam link al massimo può dare la colpa all'iphone perchè riceve poco il wifi, e la cosa è possibile.

WryNail

Ecco, questo feedback mi mancava.Grazie.

WryNail

Quanto vorrei godermelo su Ipad..pensa che prima era disponibile, con l'avvento di Disney è stato rimosso dallo store.
Io sono più tipo da Wadjeteye e Amanita, però so che i Deponia sono di qualità.

ErCipolla

Io su Android gioco tranquillamente in WiFi a 720p (a 1080 si fa fatica)

Ma anche fosse "solo" 720p non mi pare onestamente un buon motivo per levarla dallo store.

E K

Tuttora, (fanmode=ON)
dopo aver giocato all'intera serie in 3 lingue (ita-ger-eng), e con intera serie parlo dei -3- giochi (il 4 lo abbandonai 2 settimane dopo l'acquisto durante un noisissimo monkey kombatt) piú le SE di mi1 e mi2 (comprate 2 volte con 2 diversi account di steam...furbo), ed i 5 capitoli di tales...ora ho scoperto che la dedalic dal 2012 ha tirato fuori una spettacolare serie (Deponia) che é quasi a livello di MI, solo in chiave moderna con comicitá tedesca, ora mi sto concentrado su quei giochi, e quando il mouse, il trackpad o la penna sono distanti, si gioca a ditate sullo schermo.

takaya todoroki

hai idea di quanti pantaloni si abbiano le tasche lacerate per via delle monete che la gente mette dentro?
Beh, Apple tutela questi utenti togliendogli le monete.

WryNail

No, ma è Apple che ne paga le conseguenze d'immagine.

StriderWhite

Considerando che i server di Steam non li paga di certo Apple non vedo perché Valve dovrebbe pagare il pizzo in questo caso...

WryNail

Leggi sotto.

Mako

Ma sono in streaming, allora anche in teamviewer qualsiasi acquisto è in app

vincenzo

giusta osservazione. forse perché l'app steam link ha un browser interno ed autonomo mentre la steam app normale non ce l'ha? potrebbe essere?

leo1984

risolveranno. se han autorizzato l'app classica di steam, non vedo perchè questa non debba andare bene

vincenzo

gran risposta

Acer Predator, nuovi laptop in arrivo. C'è anche un monopattino! |VIDEO

Recensione Lenovo Legion Go, sfida ROG Ally a viso aperto

Recensione Starfield, parte 2: inizia bene, poi si perde un po'

Giocare su TV senza console: la nostra prova del Samsung Gaming Hub | Video