Google: dongle Android TV con supporto 4K e HDR ufficiale, ma non si può acquistare

09 Maggio 2018 54

Google ha annunciato nel corso della conferenza I/O la nuova versione della piattaforma di sviluppo per Android TV: si chiama ADT-2, si presenta come una dongle, simile per form factor a Chromecast, supporta il 4K @ 60 fps e l'HDR, ma non è destinato all'utenza consumer. La casa di Mountain View ha distribuito ADT-2 agli sviluppatori che hanno preso parte alla conferenza ed ha permesso di fare chiarezza sull'avvistamento avvenuto del dispositivo certificato dalla FCC all'inizio di aprile: niente nuova Chromecast completo di Android TV dedicato all'utente finale.

Il dongle, come ha sottolineato il team di Android TV, è progettato per offrire agli sviluppatori una tipica esperienza Android TV in termini di funzionalità hardware. Un ruolo a maggior ragione giustificato dall'uscita di scena del Nexus Player, che non riceverà Android P. All'interno della scocca si trovano l'AMLogic 905X, un chipset già utilizzato nella Fire TV 2017 di Amazon e nella Xiaomi Mi Box, 2GB di memoria RAM e 8GB di storage. La piattaforma software è basata sulla Developer Preview di Android P.


Purtroppo, nemmeno essendo sviluppatori si potrà avere la certezza di ricevere il dongle, trattandosi di un prodotto in tiratura limitata e non disponibile in ogni mercato. Gli sviluppatori interessati possono compilare un apposito modulo (QUI). Al momento, non è prevista la commercializzazione di una variante consumer, visto che il progetto viene portato avanti dal team Android TV e che la parola finale per un prodotto destinato al grande pubblico spetta alla rinnovata divisione hardware di Google.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da emarevolution.it a 458 euro oppure da ePrice a 512 euro.

54

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Desmond Hume

Il loro tipico comportamento da betagoogle.

Desmond Hume

"niente nuova Chromecast completo di Android TV dedicato all'utente finale"
Che pezzi di cacca.

Solo betagoogle può mandare in pensione il nexus player senza proporne un sostituto ufficiale almeno in parte...

LeChuck

Ah,, ma non fa parte del protocollo HDMI, è un sistema che simula un cavo in maniera WiFi.
Io intendevo più qualcosa tipo il WUSB (Wireless USB), facente parte del protocollo USB e che, entro i 3 metri, può raggiungere le stesse velocità di una USB 2.0. Peccato solo che il tutto sia rimasto sulla carta, non si è praticamente vista nessuna applicazione reale su dispositivi in commercio. E si è rimasti alle velocità della 2.0. Quest'ultimo problema immagino per gli stessi motivi per cui non si prova a fare un HDMI WiFi, la banda passante da certificare è decisamente troppa per le tecnologie attuali, forse giusto con un broadcast 5G privato si potrebbe fare qualcosa.

Nicola Buriani

HDMI wireless esiste, purtroppo si è fermata alla risoluzione Full HD.
Qui un esempio https://dvdo.com/product/dvdo-air3c/.

LaVeraVerità

Boh, a volte mi sembra di essere come quei pionieri al loro primo contatto con civiltà dalla lingua sconosciuta.

Fabio Locatelli

il mio commento era perché non l'ha mettono in vendita. Beh comprerò un'altra Xiaomi Mi Tv

CAIO MARIOZ

dovrebbe essere stata commercializzata nel 2015 come Amazon Fire TV, non nel 2018 senza possibilità di acquistarla

Dimebag

Assurdo cosa?non puoi avere tutto nella vita!!

LeChuck

Nessuna ulteriore perdita di qualità ;-)

LeChuck

Credo sia facilmente intuibile che sia il dispositivo (come il dongle in oggetto in questo articolo) ad occuparsi della decodifica del segnale, sarebbe assurdo, oltre che impossibile (chi dovrebbe fare la decodifica a monte? Il router? E come se non è programmato per farlo?), mandare il segnale puro e già decodificato al dispositivo.
Se si potesse, tecnicamente quello che si otterrebbe sarebbe una HDMI wireless, che sarebbe anche una discreta ficata, se esistesse.

Francesco

Comunque grazie, finalmente uno che ha risposto alla domanda

Francesco

La mia semplice domanda era: a qeusti cosi si manda il video compresso così com'è e poi sta a lui fare la decodifica? Come se fosse un player a tutti gli effetti?
Oppure gli si manda l'uscita video hdmi?
Perché la differenza in termini di bitrate è abissale, da 25 mbit di un 4k netflix a svariati gigabit della conseguente uscita video nn compressa. È chiaro che nel secondo caso comporterebbe una perdita enorme di qualità visto che nemmeno un ethernet in rame ce la potrebbe fare a gestire quel bitrate, quindi dovrebbe ricorrere a una pesante postcompressione del segnale video

CAIO MARIOZ

Assurdo

LeChuck

Se ho ben capito la tua domanda (e, francamente, se in tre abbiamo provato a risponderti e in tre abbiamo dubbi su quello che vorresti chiedere, qualche dubbio dovrebbe sorgerti) non esiste nessun dispositivo wireless che, di suo, comprime il segnale che verrà veicolato in WiFi per farlo rientrare nella banda disponibile. Tutto quello che arriva alla fonte (il tuo modem/router casalingo) viene inviato esattamente nelle stesse condizioni al dongle WiFi, qualunque esso sia.
Se poi la banda WiFi tra router e dongle non dovesse essere sufficiente a trasportare in segnali, come ti è stato risposto, incorrerai in problemi di buffering.

JacopoRS

Purtroppo, aggiungerei..

zSyntex

C'entra, l'hardware impiegato per decodificare/codificare un flusso video è importante per determinare l'efficienza dello stesso. Ma qua siamo su campi costosissimi, per noi normalissime persone va bene anche un flusso 4K a 30Mbit o 25 come Netflix.

LaVeraVerità

"...in campo streaming video, a meno che non di abbia un decoder ad alta efficienza, ogni flusso video è lossy per natura."

Ma cosa c'entra l'efficienza del decoder? Il flusso è comunque compresso, quindi lossy.

zSyntex

Ancora? Non capisci.
Io parlo che Netflix è pur sempre compresso, e va benissimo per il 99% delle persone.
Mentre il 4K lossless, o nativo, non verrà mai trasmesso per la sua impossibilità fisica.

zSyntex

No, io parlo di decoder, non di codec video. Tu come riesci a decodificare un flusso senza perdita di dati senza, appunto, un decoder?

Francesco

Non servono 600 mega se mandi lo stream compresso, i 25 mbit del 4k netflix sono ampiamente alla portata

Francesco

Lossless rispetto a uno schermo collegato via cavo santittio

Francesco

Ho fatto una domanda e nn avete risposto... ho chiesto se a questi cosi viene trasmesso il flusso compresso originale (quindi in lossless) oppure

LaVeraVerità

Non in campo streaming, proprio in campo video in generale e non è questione di codec (non decoder). Il meno lossy di tutti è l'mjpeg che pure esso, essendo basato sul jpg è comunque lossy.

LaVeraVerità

Mi hai stremato. Non capisci e rispondi a caso. Per me la storia finisce qui.

zSyntex

Parlo di cose umane, non esiste connessione WiFi che abbia visto in vita mia fare 600 Mega netti di banda solo per streaming. Giuro.

Francesco

Sto parlando di inviare il flusso compresso al.dongle, 4k non compresso altro che 50 mbit, sono quasi 600 mbit con 24 bit di colore e 25 fps

And_na

La rende nettamente migliore, più app, più funzioni, più soluzioni, più immediatezza e velocità;
La smart tv la utilizzo ormai solamente per Prime Video ahimé l'unica app non disponibile su chromecast;

zSyntex

Flusso costante? Comunque è lossy, considerando che un 4K non compresso starebbe sui 50Mbit/s in su (Netflix con 25Mbit ci va vicino).
Sai quanta banda e quante risorse richiederebbe da parte del dispositivo?

Per questo ci sono input lag e riduzione di bitrate. Un 4K spinto al massimo, con zero input, non lo vedrete mai. In Italia, almeno..

zSyntex

Appunto, in campo streaming video, a meno che non di abbia un decoder ad alta efficienza, ogni flusso video è lossy per natura.

A questo ci sommi il wireless, ed una riduzione per forza di cose, ed il gioco è fatto.

Riccardo sacchetti

Giuro che nemmone io ho capito..

Francesco

i wifi di oggi vanno a 200/300 mbit...

LaVeraVerità

Se la banda del wifi non dovesse essere sufficiente non vedresti un deterioramento dell'immagine dovuto a compressione ma avresti problemi di buffer (e quindi tempi di attesa finchè questo non si sia caricato a sufficienza, prima e durante la visualizzazione). Hai le idee piuttosto confuse.

Francesco

crist0, parlo dello stream del video originale, ad esempio un mpeg4 a 20 mbit/s

spari quello in wifi e lo decomprimi sul dongle, nessuna perdita, il wifi di oggi va ampiamente più veloce

Rollo Funebre

La rende migliore di una Smart TV comandabile via Google home e puoi lanciare film applicazioni compatibili tipo netflix su tutte le TV senza saturare il numero di device perché conta sempre lo smartphone da cui viene lanciato, le Smart TV no

LaVeraVerità

Continuo a non capirti e mi rendo conto che più che tecnico è un problema linguistico. Ad esempio ora scrivi una frase che non si capisce se è una affermazione (come probabilmente è) o una domanda (visto il punto interrogativo, che comunque non avrebbe senso visto che se parli dovresti sapere di cosa parli).

In ogni caso la "compressione originale" è riferita a cosa? Alla prima compressione effettuata in camera? A quella che ha originato il file secondo un certo codec? A quella che a partire da questo ha generato lo stream? Boh...

Francesco

parlo della compressione originale eh?

LaVeraVerità

Un segnale compresso è ovvio che deve essere decompresso per essere visualizzato (a prescindere dal canale trasmissivo utilizzato, che sia rame o wireless) ma questo non fa certo recuperare le informazioni perse durante la compressione.

Francesco

ma se manda il flusso compresso (10/20 mbit/s) e poi il dongle lo decomprime...

LaVeraVerità

Ma lossless rispetto a cosa? (vedi sotto)

Nel video digitale tutta la catena è lossy dal suo inizio. Il video RAW non viene mai usato per fruizione di contenuti ma solo per la creazione degli stessi.

LaVeraVerità

Perchè Google è come un bambino viziato che si annoia presto dei suoi giocattoli.

zSyntex

Assolutamente no. Non esistobo soluzioni Wireless lossless, in nessun ambito audiovisivo. Solo il cablato assicura un tale throughput.

LaVeraVerità

Giuro che non capisco cosa dici. In ogni caso il video digitale è lossy (con perdita di informazioni) all'origine, a meno che l'origine non sia raw. Già all'uscita della telecamera si ha un flusso deteriorato che viene poi ulteriormente ricodificato (con ulteriore perdita) per renderlo adatto allo streaming o all'incisione su supporto ottico.

JacopoRS

Praticamente un Nexus Player con Oreo a bordo. Proprio non capisco perché Google si ostini a non vendere un NPlayer 2.0 riveduto e corretto..

Francesco

streamma il flusso o l'uscita video compressa?

Tizio Caio

Secondo me no, una Chromecast non rende smart un TV al 100% , questo single si e ha le stesse funzioni di Chromecast integrate e pure Google assistant

LaVeraVerità

Cioè?

Francesco

ma lo streaming è lossless?

Fabio Locatelli

Come tirarsi la zappa suoi piedi

ericantona5

Stessa piattaforma del mi3 vediamo se allora lo aggiornano e non lasciano oreo in beta

modhdblog

Si, typo corretto. Grazie

FreeBuds Studio e Gentle Monster Eyewear II: Huawei a tutto audio | Anteprima VIDEO

Recensione nuove Amazon Fire TV Stick 2020 e Lite: un gadget indispensabile

Recensione Amazon Fire TV Cube: utile, versatile ma quanti limiti

Amazon sorprende: Telecamera drone, Fire TV, nuovi Echo, Ring Car e Eero 6