Kilopower: il mini reattore nucleare della NASA completa con successo i primi test

03 Maggio 2018 141

Kilopwer, il mini reattore nucleare presentato a gennaio dalla NASA, ha completato la prima fase di test a piena potenza lo scorso marzo. I risultati delle prove sono stati resi pubblici solo nelle ultime ore e evidenziano delle performance di livello pari o superiore rispetto a quanto atteso dagli scienziati.

Ricordiamo che Kilopower è un progetto con cui la NASA e il Los Alamos National Laboratory puntano a realizzare dei piccoli reattori nucleari portatili, in grado di offrire una potenza variabile tra 1 kW e 10 kW in base al modello, al fine di fornire energia in maniera stabile e continuativa alle prime colonie su Marte. Il dispositivo è pensato per essere facilmente trasportabile e si stima che 4-5 unità siano sufficienti ad alimentare un piccolo insediamento.

Lo scorso marzo è stato svolto un test in cui Kilopower è stato utilizzato a piena potenza per 20 ore nel Nevada. Durante le prove sono state simulate diverse condizioni estreme, tra cui la rimozione completa del sistema di raffreddamento o un drastico abbassamento della temperatura esterna (l'ambiente di test aveva lo scopo di riprodurre il più fedelmente possibile un paesaggio marziano), registrando una variazione massima della temperatura del core di Kilopower contenuta in meno di 15 gradi.

Il test ha anche evidenziato la capacità di produrre un maggior quantitativo di energia di quanto ipotizzato inizialmente, una volta raggiunta una condizione stabile. Il reattore si è quindi dimostrato particolarmente affidabile e in grado di operare in assenza del controllo di un operatore.

La NASA ha quindi concluso che Kilopower è pronto per l'utilizzo all'interno delle prossime missioni spaziali, dal momento che i risultati ottenuti sono stati particolarmente positivi. Ora si punta a realizzare dei test in volo, anche se non è ancora stata definita una tabella di marcia, dal momento che i prossimi 18 mesi verranno utilizzati per progettare, costruire e certificare le attrezzature e i sistemi necessari a questo tipo di operazione.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Gaming Pro a 651 euro oppure da Yeppon a 771 euro.

141

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Apocalysse

Eh certo il geotermico il Italia, forse dovresti leggerti come sia sfruttato e che non è attualmente sfruttabile oltre e si usa l'economicissimo metano per oltre il 55% dell'energia prodotta ... Poi ti svegli tutto bagnato e ti accorgi che quello è un dei motivi per il quale abbiamo costi assurdi dell'energia.

leo1984

no, quelli andavano chiusi 30 anni fa, si sfrutta metano e geotermico, si produce syngas da scarti alimentari, biologici. basta cambiare mentlità ai petrolieri

italba

Qkzstaddì?

Apocalysse

Ahhh ... O W8 !

italba

No, tanto pé pijiatte pe'r c##o

Ngamer

fino a che non danno il via libera all uso dell energia del punto zero di tesla si :P

Apocalysse

Oh Seriusly ?

Apocalysse

Meglio usare oli pesanti e carbone che diffondono in atmosfera e non hai niente di tangibile in mano suppongo ....

leo1984

in italia tutti i grossi affari si trasformano in buchi neri con pessimi risultati, questa purtroppo è la realtà

Faber

Scusami non rispondevo a te ma al thread.

Tom Smith

I costi nel dipartimento della difesa degli USA sono sempre esagerati

ydlale

Aviene questo perché il nostro mercato di scorie è limitato se fosse più grande (l'affare più ghiotto) ci sarebbe attori più seri ...... vuoi dire quei mezzi finochi puzzolenti riescono fare cose che italiani non riescono???
In italia non ci sono perché c'è qualche forza/potere forte che non trae utile con nucleare.... così possono far pagare di piu l'energia ai cittadini.

Ngamer

erano mi pare quelle di prima o seconda generazione non molto sicure e il referedum è stato fatto appena dopo il disastro di chernobyl . ripeto tutto dipende dai livello di sicurezza ( che non sarà mai al 100%) sia attiva che passiva

Keres

Che l'è il "Gutufu" ? :O

Gios

"pannelli fotovoltaici pagano il proprio costo energetico in 3 anni nel Regno Unito"
Dati non assunti casuali.....

"con 10 kw? Davvero? Servono 10 MJ in pochi secondi per un rail gun"
Pensi che si alimentino direttamente con un generatore??? Condensatori questi sconosciuti....... 20 di questi oggetti dislocati per la nave permettono di sparare un colpo ogni 5 secondi (contro i circa 60/120 secondi di un paritetico cannone tradizionale) garantendo un'operatività media di 10 anni senza rifornimenti e grazie alla struttura decentralizzata in caso di attacco permette di continuare ad usare l'energia anche se una parte della nave sia stata danneggiata

leo1984

se avessi letto il mi commento avresti capito che anche a me sti reattori mi sembrano una minch1ata...

Faber

Come si vede che siete giovani! Lo sapete che in Italia abbiamo chiuso nel 1987 quelle 5-10 centrali nucleari che avevamo perché non ci sentivamo al sicuro dopo Chernobyl (mai sentito nominare)? Erano appunto 5-10 supercostose e supersicure (alcune sono ancora in corso di smantellamento dopo 30 anni!) eppure qui si vorrebbe disseminare i garage d'Italia di reattori portatili (purché "sicuri", beh certo). Beata gioventù!

Faber

In Italia abbiamo smantellato nel 1987 quelle 5-10 centrali nucleari che avevamo perché non ci fidavamo (nonostante, suppongo, avessero tutte le carte in regola, e vorrei vedere!) e voi vi sentireste tranquilli ad avere migliaia di reattori nucleari nei garage d'Italia?

italba

Se ti sprechi un attimo ad attivare quei due o tre neuroni che ancora ti funzionano prova a pensare quanto possa essere assurdo prospettare l'uso di un generatore nucleare studiato per applicazioni spaziali come sostituto dei pannelli solari

Alex4nder

Grazie per la spiegazione.

Ngamer

chiaro che prima devono dichiarare di essere affidabili nel tempo e avere tutte le protezioni del caso

Lele

Ma che cacchio c'entra! Stai facendo un discorso assurdo, neanche mi spreco a spiegarti il perché

leo1984

guarda un po' che fine stanno facendo le scorie in italia nelle mani di sogin e nucleco, le nostre aziende "specializzate"... abbiamo barili e barili di sta m3rda sparsi in vari siti e di tanto in tanto qualcuno delle due società che viene indagato. è un pozzo senza fondo mangiasoldi che non funziona. quel poco che vien fatto è perchè spediamo in francia o in altre nazioni, loro raffinano e riducono i volumi, noi paghiamo bei soldi, e poi ci riprendiamo tutto e non sappiamo dove mettercelo.

leo1984

credo che stoccaggio senza recupero sia una falsa soluzione. lo spazio e i materiali a disposizione sono finiti e questi reattori non son indistruttibili, ma soggetti a deterioramento come tutto. ficcati in una buca da qualche parte e dimenticarsene, in attesa che qualcuno non sapendo cos'è ci vada a metter le mani, non mi pare un'idea geniale. per non parlare di gettarli in mare, che forse poteva sembrare una soluzione brillante negli anni 50, mentre il deposito in cava è solo un posticipar il problema. siam pieni di m3rda ovunque, da sotto i nostri piedi passando per i mari ed lo spazio. credo che prima di metter in cantiere determinati progetti (grandi opere pubbliche, satelliti, tecnologie che impiegano materiali pericolosi,...), andrebbe valutato accuratamente la fase di dismissione e già approntato il processo, prima della realizzazione dell'opera o dell'oggetto stesso.

Svasatore

Ahahahaha

Biso22

No, ho cercato gutufu

italba

Peccato che la tecnologia nucleare sia molto più vecchia di quella fotovoltaica. Oh, ma forse i 20 milioni di dollari sono il costo dello sviluppo del motore Stirling, non è così?

Faber

Ma voi sareste tranquilli a saperlo in funzione nel garage del vostro vicino?

Apocalysse

Nope, c'erano anche i prezzi, il reattore avrebbe avuto un costo di 0,18€ al Kw ... Che è meno di quanto paghi con la tua bolletta, ma è molto di più se vai in Francia o altri paesi dove usano l'energia nucleare.

Apocalysse

Gli ambientalisti non dicono niente sulle centrali a carbone, ma intanto in Liguria è un disastro e tutti muti.

Apocalysse

Lo smaltimento è un falso problema, reattori così piccoli hanno veramente poco materiale radioattivo, non vale la pena neanche stare a smontarli, prendi e li stocchi cosi come sono senza pericolo. Saranno grandi 3Mc^3 a dire tanto.

Apocalysse

I Pannelli solari che stai confrontando sono oramai il prezzo di vendita di un prodotto entrato nel mercato e LARGAMENTE venduto, non è un PROTOTIPO. Torna quando avrai capito questa differenza e torna quando avrai i prezzi di ricerca e sviluppo che hanno portato a creare i primi prototipi di quei pannelli.

Alessio Ferri

E costano 11 mld.

Alessio Ferri

Come il resto dei reattori nucleari? (Oltre il budget del 300% e in ritardo di anni)

italba

Perché, credi che nei 1500€ al KW i costi di ricerca e sviluppo non ci siano? Ti risulta forse che chi ha sviluppato i pannelli solari e adesso li vende ci abbia rimesso di tasca sua?

leo1984

purtroppo il maggior problema non è durante la fase di utilizzo (scongiurando catastrofi), ma la lavorazione del materiale fissile prima e lo smaltimento dopo.

Ngamer

detto da uno che si chiama apocalisse .... :P

an-cic

Stai scherzando spero? I pannelli solari sono fatti di silicio (principalmente) materiale ultra ricercato e non pericoloso. Questi sono reattori nucleari con scorie radioattive... Le ditte specializzate sono le stesse di quelle che interravano nella terra dei fuochi, che affondavano le navi piene di scorie radioattive o che smaltiscono i rifiuti come nell'inchiesta di fan page? Senza parlare poi del fatto che l'uranio 235 è uno dei materiali più rari del pianeta e quindi non adatto ad uso di massa

ydlale

Ci saranno ditte specializzate per smaltire ...come per amianto o altro materiale.
Pure i pannelli solari non è un scherzzo da smaltire

ydlale

Fighissimo per un condominio con una 30 famiglie ...
Solo che in Italia.... impossibile .. anche se lo portano a livello industriale

ydlale

Ma cosa centra questo solo sperimentale ... Se a livello industriale penso che costerà al massimo 100 kw

ydlale

Vai spiegare ai ambiantolisti del casso no al nucleare si al gasolio

Alessandro

Sì, ma molto cari rispetto all' energia che produrranno nella loro vita utile

Tom Smith

Le portaerei statunitensi hanno veri reattori infatti. Non sistemi a radioisotopi.

Apocalysse

Toshiba l'aveva fatto con micronuclear, 100KW che stavano in un garage, senza manutenzione e durata 20 anni ...

Apocalysse

Si certo, paragoniamo i costi di acquisto con i costi di ricerca e sviluppo ... Perché non metti i costi di ricerca e sviluppo dei pannelli che usano ?

Svasatore

Ahahah sbarellare non lo conoscevi?

Apocalysse

Non è una bomba, quindi non esplode, il materiale usato in questi reattori è molto contenuto, ci sarebbe al massimo una piccola nube radioattiva che si disperderebbe in fretta senza nessuna ripercussione.

Apocalysse

Toshiba aveva creato il Micronuclear, un reattore nucleare da 100KW che sta in un garage, totale assenza di manutenzione ... Questi mini-reattori sono manna dal cielo, perché sono molto facili da gestire e intrinsicamente molto più sicuri !

Maurizio Mugelli

anche.

Huawei

Il mare tra foca Monaca, granchi e capre con Huawei P30 Pro | Recensione Case Sub

Sony

Sony Xperia XZ3: a quasi un anno di distanza resiste bene | Riprova

Nvidia

Montaggio video: il PC e i software consigliati dai professionisti

Samsung

Recensione Samsung Galaxy Fit e: un notificatore con rilevamento attività